top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


feed-image Feed Entries
Home
Offerta Cedolini Colf 2016

Dall'1 al 10 dicembre 2016 ai primi 50 che utilizzeranno il servizio "elaborazioni Cedolini colf light", verrá applicata la tariffa agevolata.

12 Cedolini paga da gennaio a dicembre 2016

certificazione compensi

invio mav trimestrali compilati secondo le ore retribuite inclusa cassa colf

calendario da compilare

tutto inviato via mail

compenso richiesto € 90,00 + CNPA  4% + IVA 22% =  € 100,00

E'' sufficiente inviare una mail a info@gruppoantonacci.it scrivendo "ADERISCO AL SERVIZIO PAGHE COLF LIGHT"  ed indicando il vostro nome ed il vostro cognome.


 



Benvenuto dal tuo commercialista telematico !
PAGAMENTO CONTRIBUTI COLF IV TRIM. 2015 ENTRO IL 10 GENNAIO 2016 Stampa E-mail
Lunedì 04 Gennaio 2016 18:56

Entro il 10 gennaio 2016 bisognerà provvedere al pagamento dei contributi INPS per gli addetti del CCNL lavoro domestico (colf, badanti ecc.ecc) relativi  all'ultimo trimestre del 2015 (ottobre-dicembre).
La procedure per il calcolo dei contributi totali da versare e abbastanza semplice poichè basta moltiplicare il contributo orario per le ore retribuite.
Le ore retribuite sono quelle relative a:
- le ore di lavoro ordinarie svolte nel corso del trimestre (orario effettivamente svolto) ad eccezione dei giorni che vanno dall'ultima domenica del mese se l'ultima settimana non termina di sabato. Nel caso del 2015 i contributi vanno calcolati fino al 26 dicembre. I restanti giorni del 2015 si pagheranno con il primo trimestre del 2016 ovvero il prossimo 10 aprile 2016. ;
- le eventuali ore di festività maturate nell'ultimo trimestre 2015 secondo il calendario delle festività previste per tale settore;
- le eventuali ore di ferie;
- le eventuali ore di malattia certificate. A tal proposito si ricorda che nei primi tre giorni la retribuzione viene  pagata al 50%, ma le ore da considerare sono sempre le stesse, quindi il contributo va calcolato su tutte le ore di malattia retribuite.
Non si pagano i contributi sulla tredicesima mensilità erogata a dicembre, ne sul TFR.
Per il calcolo dei contributi si ricorda che il contributo orario da applicare diverge sia in base alle diverse fasce della retribuzione effettiva prevista dall'INPS nel 2015 che in base alla tipologia del contratto: tempo determinato o tempo indeterminato.
Contemporaneamente al pagamento dei contributi INPS, nel medesimo bollettino o mav si ricorda il pagamento della Cassacolf (cassa di assistenza per la gestione dei trattamenti sanitari integrativi a favore dei collaboratori domestici), divenuta obbligatoria dal 2010  per tutti i  rapporti di lavoro basati sul Ccnl domestico.


 
Offerta Cedolini Colf 2016 Stampa E-mail
Domenica 04 Dicembre 2011 10:30

Dall'1 al 10 dicembre 2016 ai primi 50 che utilizzeranno il servizio "elaborazioni Cedolini colf light", verrá applicata la tariffa agevolata.

12 Cedolini paga da gennaio a dicembre 2016

certificazione compensi

invio mav trimestrali compilati secondo le ore retribuite inclusa cassa colf

calendario da compilare

tutto inviato via mail

compenso richiesto € 90,00 + CNPA  4% + IVA 22% =  € 100,00

E'' sufficiente inviare una mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. scrivendo "ADERISCO AL SERVIZIO PAGHE COLF LIGHT"  ed indicando il vostro nome ed il vostro cognome.


 


Ultimo aggiornamento Lunedì 14 Novembre 2016 10:27
 
TRASFORMAZIONE DI CONTRATTI A PROGETTO O PARTITA IVA IN LAVORO SUBORDINATO A PARTIRE DAL 1° GENNAIO 2016 Stampa E-mail
Lunedì 30 Novembre 2015 11:55

A partire dal 1° gennaio 2016 non potranno più essere stipulati i contratti di collaborazione a progetto, per effetto dell'entrata in vigore del Dlgs 81/2015, ovvero per entrata in vigore del cosiddeto Job Acts. Potranno restare in vigore fino alla scadenza soltanto i contratti stipulati prima del 31 dicembre 2015.
Con l'articolo 2 c. 1 del decreto in esame è stato infatti specificato che i contratti a progetto, a partire dal 1° gennaio 2016 non potranno essere più stipulati e che ogni tipo di rapporto di collaborazione , ad eccezione di alcune situazioni debitamente specificate in tale articolo, dovrà essere ricondotto all'interno del lavoro subordinato. Ciò non toglie che sarà possibile stipulare ancora contratti di collaborazione cordinate e continuative, ma questi non dovranno essere ricondotti ad un progetto, e soprattutto non dovranno nulla a che vedere con la consueta organizzazione aziendale. Ovvero in questo nuovo tipo di collaborazione sarà il collaboiratore che deciderà come dove e quando lavorare. Da tale situazione vengono fatte salve alcune situazioni: sarà possibile usufruire del contratto di collaborazione nei seguenti casi:
- collaborazioni previste  dagli accordi collettivi nazionali;
- collaborazioni prestate da professionisti iscritti agli albi;
- collaborazioni prestate ad associazioni ed enti sportivi e  alle pubbliche amministrazioni (fino al 1° gennaio 2017);
- colaborazioni prestate da amministratori di società e sindaci. Con riguardo a quest’ultima ipotesi, occorre precisare che il decreto la considera un’eccezione solo per le collaborazioni volte a regolare l’esercizio delle corrispondenti funzioni.
Anche per i detentori di partita iva è stato posto un limite. A partire dal 1 gennaio 2016 ogni contratto a partita iva riconducibile nella sfera del lavoro subordinato non dovrà più esistere. In modo particolare, sempre il Dlgs 81/2015 ha previsto la cancellazione degli illeciti penali, amministrativi e previdenziali in tutte quelle situazioni in cui avverrà la trasformazione di contratti a partita iva in contratti di lavoro subordinato purchè gli illeciti non siano stati contestati prima dell'entrata in vigore della nuova normativa.

 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 10 di 150

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.