top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


feed-image Feed Entries
Home
Benvenuto dal tuo commercialista telematico !
MANOVRA DI FERRAGOSTO: LE ADDIZIONALI IRPEF Stampa E-mail
Lunedì 22 Agosto 2011 19:52

L'art. 1 Comma 10 del D.L. 138/2011 è intervenuto sul D.Lgs 68/2011 relativo al  Federalismo Regionale Fiscale.
Secondo tale articolo le addizionali IRPEF potranno essere modificate sia dalle Regioni che dai Comuni a partire dal 2012 e non più dal 2013 e potranno variare in aumento o diminuzione l'aliquota base.
A livello regionale l'aliquota base fissata allo 0,09% potrà subire una variazione non superiore allo 0,5% nel 2012 e nel 2013; all'1,1% nel 2014 e al 2,1% dal 2015.
Per quanto riguarda invece l'addizionale Comunale IRPEF i Comuni, già a partire dal 2012, dietro approvazione di delibera comunale potranno incrementare l'aliquota dell'addizionale comunale fino allo 0,8% in conseguenza del mancato rispetto del "patto di stabilità interno".
In questo modo la manovra di ferragosto ha abrogato il contenuto dell'art.5 del D.LGS 23/2011 che avrebbe dovuto riguardare proprio la graduale cessazione del blocco delle aliquote istituite dai Comuni


Ultimo aggiornamento Martedì 18 Ottobre 2011 16:38
 
LA MANOVRA CORRETTIVA E L'AUMENTO DELL'IMPOSTA SUI DEPOSITI TITOLI Stampa E-mail
Giovedì 11 Agosto 2011 13:56

La Legge 111/2011 nota come la Manovra Correttiva per la stabilità economica ha colpito i depositi titoli detenuti presso gli istituti bancari e postali. La manovra correttiva ha infatti  introdotto un'imposta di bollo a scaglioni sul deposito titoli che andrà ad aumentare le entrate dello Stato colpendo i piccoli risparmiatori da sempre considerati le fondamenta del nostro paese.
Secondo la manovra correttiva l'imposta di bollo dovrebbe passare da € 34,20 ad oggi in vigore ad € 120,00 nel  2011 e nel 2012.
Dal 2013 poi l'imposta di bollo poi verrebbe suddivisa in 2 scaglini:
- € 150,00 per i depositi contenenti titoli con valore inferiore ad € 50.000,00;
- € 380,00 per deposito titoli con valore superiore ad € 50.000,00.
In sostanza i piccoli risparmiatori assisteranno ad una notevole incidenza delle imposte di bollo sui piccoli rispormi a fronte di un'incidenza minore sui depositi titoli di importi sempre più elevati a partire da un monimo di € 50.000,00.

Ultimo aggiornamento Martedì 18 Ottobre 2011 16:39
 
MANOVRA DI FERRAGOSTO: CIRCOLAZIONE DEL CONTANTE PER IMPORTI NON SUPERIORI AD € 2.500,00 Stampa E-mail
Martedì 16 Agosto 2011 09:11

La manovra di "Ferragosto" è in vigore con l'avvenuta pubblicazione sulla G.U. 188 del D.L. 138/2011.
La manovra bis varata dal Governo si compone di 58 articoli che hanno "colpito" diversi "obiettivi" con l'esclusione, almeno sull carta delle "zone"  sanità, ricerca, scuola, cultura e 5 per mille.
In questo contesto si esamina il contenuto dell'art. 2 comma 4 relativo alla riduzione del movimento ed/o trasferimento dei contanti e dei titoli al portatore la cui soglia è stata ulteriormente ridotta ad € 2.500,00.
Breve escursus storico. E' dal 1991 che  il Governo si occupa di tale materia a titolo di prevenzione di antiriciclaggio. Già dal '91 infatti il limite di circolazione dei contanti era stato fissato ad € 12.500 (naturalmente nella Legge 197 del 1991 l'importo era espresso in Lire Italiane) rimanendo tale fino al 2007, quando i vari decreti con cadenza quasi annuale hanno modificato il disposto l'art. 1 della Legge in questione, ora abrogata.
Nel 2007 infatti l'importo di € 12.500,00 era stato ridotto ad € 5.000,00 con l'approvazione dell'art. 49 del  D.Lgs 231. Poi tale articolo era stato modificato nel 2008 con il D.L. 112 riportando il limite alla soglia iniziale di € 12.500,00 per poi ridursi di nuovo ad € 5.000,00 con l'entrata in vigore del D.L. 78 del 2010.
Con la nuova manovra bis l'importo in oggetto è stato ridotto nuovamente. La soglia per il trasferimento del contante o dei titoli al portatore è stata infatti ridotta ad € 2.500,00 con lo scopo di ridurre l'evasione fiscale ed i movimenti di "capitali" oggetto di riciclaggio del cosiddetto "denaro sporco" ovvero denaro proveniente da attività illecite (criminose e terrorismo) e rimesso in circolazione tramite investimenti in attività "pulite".
Tale manovra, permetterà di tracciare tutti i movimenti del contante, ma anche degli assegni "liberi" ovvero assegni emessi senza clausola di non trasferibilità rilasciati dagli intermediari finanziari tramite richiesta scritta e dietro pagamento dell'imposta di bollo di € 1.50 per ogni assegno richiesto (€ 15,00 per ogni carnet). Quindi qualora si dovessero fare acquisti per importi superiori a tale soglia sarà necessario emettere assegni non trasferibili indicando il beneficiario che sarà obbligato successivamente a versare l'assegno direttamente presso l'istituto bancario o postale non potendo girare a terzi tramite l'apposizione della girata, l'assegno stesso.
E' opportuno ricordare che sono ritenuti ad alto rischio i trasferimenti in contanti inferiori ad € 2.500,00 sospettati di frazionare importi più elevati al fine di raggirare la soglia prefissata ed evitare in questo modo la tracciabilità riconducibili in qualche modo ad una stessa operazione. Rimangono quindi sempre sotto controllo tutti quei movimenti che possono essere ritenuti artificiosi come ad esempio il pagamento in contanti di fatture, il finanziamento soci, la distribuzione di utili e l'emissione di prestiti obbligazionari.
Inoltre si ricorda che i soggetti che non rispetteranno la normativa saranno sanzionati con una ammenda amministrativa minima fissa di € 3.000,00 come da D.L. 78/2010 variabile verso l'alto con un'applicazione della sanzione:
- tra l'1% e il 40% dell'importo del trasferimento per movimenti eseguiti tra gli € 2.500,00 e gli € 50.000,00;
- tra il 5% e il  40% dell'importo del trasferimento se questo va oltre gli e 50.000,00.




Ultimo aggiornamento Martedì 18 Ottobre 2011 16:39
 
« InizioPrec.141142143144145146147148149150Succ.Fine »

Pagina 141 di 152

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.