top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


feed-image Feed Entries
Home
Benvenuto dal tuo commercialista telematico !
LITI PENDENTI: APPROVATO DALL'AGENZIA DELLE ENTRATE IL MODELLO PER LA CHIUSURA DELLE LITI PENDENTI PER IMPORTI INFERIORI AD € 20.000,00 Stampa E-mail
Mercoledì 14 Settembre 2011 02:53

Con Provvedimento 119854 pubblicato nella giornata di ieri, 13 settembre 2011, l'Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo modello per la "definizione delle liti" sulla base del disposto dell'articolo 39, c.12, del D.L. 98/2011.
Con tale modello l''Agenzia delle Entrate ha introdotto quello che viene definito errore scusabile, ovvero l'errore legato ad errati calcoli eseguiti dal contribuente per i quali l'Agenzia si limiterà a richiedere la differenza d'imposta o dell'erroneo versamento di sanzione e gli interessi senza le eventuali sanzioni aggiuntive. Il modello potrà essere utilizzato da quei contribuenti che prima del 1° Maggio 2011 avevano presentato ricorsi presso le Commissioni Tributarie o Ordinarie purchè l'importo errato oggetto della lite non ecceda gli € 20.000,00.
Il contribuente che deciderà di utilizzare questa nuova procedura per chiudere la lite, dovrà versare entro il 30 novembre 2011 quanto richiesto dall'Agenzia,  utilizzando il modello F24 ed indicando come codice tributo il codice 8082. Inoltre il contribuente  non potrà utilizzare eventuali crediti in compensazione.
Il contribuente interessato da più liti dovrà compilare tanti moduli quante sono le liti in corso e la domanda dovrà essere inviata  telematicamente dagli intermediari abilitati oppure presentata presso gli sportelli della Della Direzione Provinciale delle Entrate. La domanda dovrà essere presentata entro il 2 aprile 2012.
Come anticipato la chiusura della lite dovrà considerare solo la differenza di calcolo per i quali l'Agenzia farà pagare:
- un importo di € 150,00 per la chiusura di liti pendenti per importi non superiori ad € 2.000,00
- un importo pari al 10% del valore della lite per liti di importi compresi tre gli € 2.000,00 e gli € 20.000,00 se a "perdere" nell'ultima pronuncia giudiziale sia l'Agenzia delle Entrate; 
- un importo pari al 50% del valore della lite per liti di importi compresi tre gli € 2.000,00 e gli € 20.000,00 se a "perdere" nell'ultima pronuncia giudiziale sia il contribuente; 
- un importo pari al 30% del valore della lite per liti di importi compresi tre gli € 2.000,00 e gli € 20.000,00 se non è stato emesso ancora nessun giudizio definitivo a favore dei soggetti della lite.
La definizione delle liti pendenti non riguarda tuttavia ne le liti legate a condoni precedenti, ne a quelle collegate all'omesso versamento del tributo. Inoltre non potrà essere impiegata per gli irrori inferiori ad e 150,00.

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 15 Settembre 2011 03:52
 
LA MANOVRA CORRETTIVA E' DEFINITIVA: SI ATTENDE SOLO LA PUBBLICAZIONE IN GAZZETTA UFFICIALE Stampa E-mail
Giovedì 15 Settembre 2011 06:02

Nella serata di ieri, 14 settembre 2011 il D.L. 138/2011 ha ottenuto la fiducia della Camera dei Deputati e quindi la approvazione definitiva del decreto di conversione, senza variare il testo approvato dal Senato.
I principali provvedimenti che entreranno in vigore con la pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale saranno:
variazione dell'aliquota IVA ordinaria dal 20% al 21%; 
- introduzione del contributo di solidarietà del 3% su redditi maggiori ad € 300.000,00 a partire già dal 2011 e fino al 31 dicembre 2013, i cui contributi saranno poi deducibili dal reddito complessivo;
- incentivazione alla partecipazione dei Comuni alla lotta contro l'evasione fiscale;
- nuove misure restrittive nei confronti delle società di comodo;
- applicazione dell'imposta di bollo pari al 2% sui trasferimenti di denaro all'estero sia attraverso gli istituti bancari e agenzia di money transfer che attraverso altri agenti;
- variazione della normativa relativa alle cooperative.
E' bene precisare tuttavia che in fase di direttura di arrivo sono state introdotte delle novità nell'ordine del giorno, anch'esse approvate per esigenze tempistiche che dovranno essere riveste dal Governo. Tra queste spiccano un nuovo condono edilizio per gli abusi edilizi compiuti fino al 31 dicembre 2010, un condono fiscale, l'imposizione dell'ICI sugli immobili di proprietà del Vaticano, la riduzione di un anno dell'età pensionabile della donna per ogni figlio avuto
Infine, forse la novità più importante dell'ordine del giorno è l'impegno del Governo a rivedere il contestato articolo 8 del D.L. 138/2011 relativo al sostegno alla contrattazione collettiva

Ultimo aggiornamento Martedì 18 Ottobre 2011 16:34
 
SERVIZIO CHAT PER L'INAIL Stampa E-mail
Martedì 06 Settembre 2011 04:59

A partire dal 24 Agosto 2011, nell'ambito delle procedure di semplificazione e velocizzazione dei rapporti tra l'Istituto stesso e gli utenti del servizio, l'INAIL ha attivato il servizio "CHAT" nell'area riservata accessibile con codice cliente e PIN rilasciato dall'Istituto, denominata "Punto Cliente".
Il Contact Center permetterà di ricevere assistenza online, ovvero in tempo reale, in modo graduale per tutti i servizi disponibili on line sul sito dell'INAIL. Per il momento i primi servizi interessati sono:
-   denuncia di iscrizione
-   cessazione ditta
-   denuncia di infortunio.
L'INAIL informa inoltre che nei casi più complessi, il fruitore del servizio (nella prima fase sperimentale esclusivamente gli intermediari abilitati) potrà condividere la procedura con un operatore INAIL attraverso un collegamento di condivisione della procedura che permetterà all'operatore stesso di suggerire le modalità più adeguate di espletamento della procedura.
Come accennato, il servizio Chat per il momento sarà disponibile solo per gli intermediari che a fine procedura, mandando un feedback tramite l'area suggerimenti, potranno dare dei consigli al fine di migliorare il servizio reso dall'Istituto.


Ultimo aggiornamento Lunedì 12 Settembre 2011 15:18
 
« InizioPrec.141142143144145146147148149150Succ.Fine »

Pagina 142 di 152

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.