top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


feed-image Feed Entries
Home
Offerta Cedolini Colf 2016

Dall'1 al 10 dicembre 2016 ai primi 50 che utilizzeranno il servizio "elaborazioni Cedolini colf light", verrá applicata la tariffa agevolata.

12 Cedolini paga da gennaio a dicembre 2016

certificazione compensi

invio mav trimestrali compilati secondo le ore retribuite inclusa cassa colf

calendario da compilare

tutto inviato via mail

compenso richiesto € 90,00 + CNPA  4% + IVA 22% =  € 100,00

E'' sufficiente inviare una mail a info@gruppoantonacci.it scrivendo "ADERISCO AL SERVIZIO PAGHE COLF LIGHT"  ed indicando il vostro nome ed il vostro cognome.


 



Benvenuto dal tuo commercialista telematico !
PROROGATI DI UN ANNO I TERMINI PER L'ACCERTAMENTO AI FINI IVA PER I SOGGETTI CHE ADERIRONO AL CONDONO IVA NEL 2002 Stampa E-mail
Lunedì 12 Settembre 2011 20:55

Come anticipato lo scorso venerdì, nel maxiemendamento è stato introdotto dal Governo, un articolo inerente il prolungamento di un anno (31 dicembre 2012) dei termini di accertamento dell'imposta ai fini IVA per tutti quei soggetti che nel 2002 aderirono al condono IVA tra l'altro considerato non valido. 
Tali soggetti avevano già visto raddoppiarsi i termini di accertamento nel 2006, un anno prima della loro naturale scadenza (31 /12/2007)attraverso l'introduzione di una norma che sanciva  il raddoppio dei termini di acceramento fiscale che traslavano la scadenza dell'accertamento di ben 4 anni ovvero al 31 dicembre 2011.
Ora l'Amministrazione Finanziaria, avrà a disposizione un ulteriore anno per far partire gli accertamenti sui condoni che dopo 8 anni e mezzo ancora non sono partiti. Ma quale tipoo di accertamento ora prevarrà? Quello sul condono IVA o quello sulle dichiarazioni di imposta che si prescriveranno all 31 dicembre 2012? 

 
MANOVRA DI FERRAGOSTO: FINE DEL SISTRI Stampa E-mail
Giovedì 18 Agosto 2011 12:23

L'ambizioso progetto SISTRI della digitalizzazione dei rifiuti al fine di attuarne la loro tracciabilità per combattere e ridurre l'elevata criminalità in campo ambientale è stato abrogato dall'art. 6 comma 2 e comma 3 dalla manovra di ferragosto. Iniziato dal governo Prodi il progetto Sistri, dopo tanti rinvii era arrivato finalmente, sotto la supervisione del Ministro Stefania Prestigiacomo, alla sua entrata in vigore il prossimo settembre 2011 con ingenti costi sostenuti dalle imprese per adeguarsi alla normativa che era stata sempre rinviata nel corso degli ultimi mesi per permettere gli ultimi ritocchi e soprattutto per far capire alle imprese il complesso funzionamento digitale del sistema.
Il perchè di tale abrogazione non è dato sapersi, visto che l'introduzione definitiva del Sistri avrebbe contribuito nel medio lungo periodo ad aumentare le entrate dello Stato  (l'iva sullo smaltimento dei rifiuti e le varie tasse) a ridurre i costi di gestione amministrativa su cartaceo e sia a ridurre l'espansione della criminalità organizzata in un settore considerato "alta fonte di guadagno".
Naturalmente in questo contesto non si vuol considerare il rapporto di Legambiente che sostiene che circa l'80% dei rifiuti speciali sparisce nel nulla con vari meccanismi. Navi fantasma affondate nelle profondità dei mari che stanchi della continua usurpazione dell'uomo, fanno riaffiorire di tanto in tanto containers o addirittura navi intere (la  "Rosso" abbandonata in stato di affondamento e poi, rifiutata dai fondali marini, facendola avvistare a dicembre del 1990 nei pressi di Amantea) per sottolineare il loro dissenso.
Comunque l'abrogazione del Sistri ha confermato l'applicabilità delle norme che dovevano essere sostituite dal SISTRI in materia di gestione die rifiuti ovvero l'articolo 188-bis, comma 2, lettera b del Dlgs n. 152 del 2006 e i relativi adempimenti ed obblighi nel rispetto della tenuta dei registri di carico e scarico e del formulario di identificazione di cui agli articoli 190 e 193 del citato decreto legislativo n. 152.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 18 Ottobre 2011 16:57
 
MANOVRA DI FERRAGOSTO: LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DI APERTURA E CHIUSURA DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI Stampa E-mail
Venerdì 19 Agosto 2011 13:05

Con l'art. 6 comma 4 del D.L. 138/2011 ovvero Manovra di ferragosto si legifera anche in materia di liberalizzazione degli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali e di somministrazione di alimenti e bevande.
Fino ad oggi, la possibilità di variare gli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali era consentita solo agli esercizi commerciali presenti nei Comuni inclusi negli elenchi delle Regioni in qualità di località turistiche o città d'arte.
Con la legge per la stabilizzazione finanziaria, la liberalizzazione degli orari di chiusura e di apertura, anche se in via sperimentale, è stata estesa a tutti gli esercizi commerciali in virtù del principio della libera concorrenza, della libera circolazione delle merci e dei servizi e soprattutto per consentire ai consumatori finali di poter effettuare a fine giornata gli acquisti in tutta calma e libertà,  senza limiti di orario evitando al lavoratore acquirente di dover  correrre da un negozio all'altro per evitare di rimanere con il frigo vuoto.
Viene quindi abolità anche la chiusura obbligatoria della mezza giornata infrasettimanale e l'obbligo di chiusura dell'esercizio commerciale nei giorni festivi e domenicali.

 
« InizioPrec.141142143144145146147148149150Succ.Fine »

Pagina 142 di 150

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.