top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


feed-image Feed Entries
Home
IN ARRIVO IL VIDEO CORSO
Buongiorno a tutti, sono Simona Antonacci  e sono qui a scrivervi poichè sto strutturando un video corso che si occupa di individuare delle strategie da

seguire nella gestione della vostra attività. Mi piacerebbe conoscere quali secondo voi  potrebbero essere gli argomenti da trattare per rispondere ai

vostri dubbi e domande. Gli interessati possono mandare una mail a corso@gruppoantonacci.it

Sono e sarò grata per il vostro apporto.

Ringrazio per la vostra partecipazione

Benvenuto dal tuo commercialista telematico !
DICHIARAZIONE IVA 2019 Stampa E-mail
Venerdì 01 Marzo 2019 07:10

Dallo scorso anno il termine della presentazione telematica della dichiarazione IVA è slittata al 30 Aprile, ma si ricorda che il pagamento del saldo IVA (anche in forma rateale) dovrà avvenire entro il 16 marzo 2019 (salvo eventuali ravvedimenti di imposta). La dichiarazione è presentabile a partire dal  1° febbraio 2019. Tale data è soprattutto importante per coloro che rilevano un credito IVA superiore ad € 5.000,00. Questo perché l'eventuale credito eccedente gli € 5.000,00 potrà  essere utilizzato in compensazione solo a partire  dal decimo giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale IVA.
Per tutti i crediti IVA superiori ad € 5.000,00 è necessario il visto di conformità rilasciato da un professionista abilitato.
Si ricorda che per l'utilizzo in compensazione orizzontale, tramite F24, del credito IVA è necessario utilizzare il servizio di presentazione del modello F24 in modalità telematica (D.L 50/2017)  ovvero tramite un intermediario abilitato al servizio ENTRATEL oppure attraverso la registrazione ai servizi telematici FISCONLINE messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate ai cittadini e alle imprese. Non è più consentito, per effetto del D.L. 50/2017 l'utilizzo dell'home banking.

 
CONSIDERATO ILLEGITTIMO L'ACCERTAMENTO DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE CHE RITIENE CHE UN COSTO SPROPORZIONATO RISPETTO AL FATTURATO SIA INDEDUCIBILE Stampa E-mail
Martedì 31 Ottobre 2017 18:17

Con sentenza dello scorso 15 settembre 2017 la Corte di Cassazione ha ritenuto illegittimo l'avviso di accertamento emesso dall'agenzia delle entrate ad un contribuente basandosi sulla sproporzionalità del costo indicato in bilancio rispetto al fatturato dell'impresa.
Secondo il giudice infatti l'agenzia delle entrate non può decidere di considerare un costo indeducibile, andando di conseguenza a rettificare sia il reddito che l'iva del contribuente,  solo per il fatto che il costo stesso sia sproporzionato rispetto al fatturato annuale dell'impresa.
L'agenzia delle entrate infatti, secondo questa sentenza non può entrare nel merito della gestione d'impresa.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 31 Ottobre 2017 18:31
 
COMUNICAZIONE DI UNA PEC ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE PER LA NOTIFICA DI ATTI Stampa E-mail
Lunedì 23 Ottobre 2017 00:00

L'Agenzia delle Entrate, con provvedimento n. 120768 dello scorso giugno 2017 ha individuato il proprio canale telematico "fisconline" il canale addetto a ricevere le comunicazioni degli indirizzi pec per tutti quei soggetti che a tutt'oggi non sono obbligati ad avere un indirizzo di posta certificata. Ad oggi infatti le persone fisiche, le associazione i condomini le fondazioni e gli enti non commerciali non sono obbligati a dotarsi di un indirizzo pec. 
Tramite il canale telematico il contribuente dovrà comunicare un indirizzo pec o a lui intestato oppure di proprietà di un parente affine entro il 4° grado oppure quello di un intermediario a cui recapitare un avviso o un atto emesso dall'agenzia delle entrate o dall'agenzia di riscossione.
La necessità di un indirizzo pec deriva dal fatto che la notifica tramite pec di un atto costituisce prova legale del momento in cui il messaggio viene recapitato e ricevuto dal contribuente.

Ultimo aggiornamento Martedì 31 Ottobre 2017 18:14
 
« InizioPrec.12345678910Succ.Fine »

Pagina 4 di 155

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.