top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Fiscale e Amministrativa Gestione dell'impianto contabile aziendale DIRETTIVA 2018/1910/UE: DAL 1 GENNAIO 2020 NECESSARIA L'SCRIZIONE AL VIES SIA DEL VENDITORE CHE DELL'ACQUIRENTE PER EVITARE L'ADDEBITO DELL'IVA
IN ARRIVO IL VIDEO CORSO
Aperto il nuovo profilo Istagram... Basta cliccare su "Businessforyou" .. da oggi  nelle storie, chi mi segue potrà farmi una domanda alla quale risponderò.

IN ARRIVO IL NUOVO VIDEO CORSO BUSINESSXYOU sul controllo della propria attività!

Gli interessati possono mandare una mail a corso@gruppoantonacci.it per usufruire dell'offerta lancio!

Ringrazio per la vostra partecipazione

DIRETTIVA 2018/1910/UE: DAL 1 GENNAIO 2020 NECESSARIA L'SCRIZIONE AL VIES SIA DEL VENDITORE CHE DELL'ACQUIRENTE PER EVITARE L'ADDEBITO DELL'IVA PDF Stampa E-mail
Area Fiscale e Amministrativa - Gestione dell'impianto contabile aziendale
Venerdì 15 Novembre 2019 09:14

Dal 1 gennaio 2020 l'iscrizione al VIES sia del compratore che del venditore,  costituirà elemento sostanziale per poter eseguire operazioni con gli altri stati membri dell'Unione Europea. La mancata iscrizione, come indicato dalla direttiva 2018/1910/UE comporterà l'addebito in fattura dell'IVA del servizio o bene venduto/acquistato.
La precedente Direttiva 2006/112/CE (direttiva IVA) invece evidenziava, come anche sottolineato dalla sentenza della Corte di giustizia Europea, che  la mancanza dell'iscrizione al VIES costituiva soltanto un errore formale punibile con una sanzione di € 250,00 con possibilità di mantenere l'emissione di documenti esenti IVA per il venditore e  detraibilità dell'IVA per l'acquirente attraverso il meccanismo del reverse charge.

Dal 1° gennaio 2020 le cose quindi cambieranno:
I soggetti che interverranno nelle operazioni intracomunitarie dovranno essere iscritti entrambi al VIES. Se uno dei due soggetti od entrambi non lo fossero:
- tutte le operazioni di cessioni intracomunitarie di beni (art. 41 D.L. 331/1993) e di servizi (art. 7-ter D.P.R. 633/73) effettuate da soggetto passivo stabilito in Italia verso gli stati membri dell'Unione Europa dovranno essere assoggettate all'IVA in Italia;
- tutte le operazioni passive, ovvero acquisti intracomunitari di beni (art 38 D.L. 331/1993) e di servizi (art 7-ter D.P.R 633/73) effettuate da soggetti passivi stabiliti in altri paesi UE verso l'Italia  dovranno essere assoggettate ad iva. Non potranno essere più considerate operazioni intracomunitarie.

 

 

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.