top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Contenzioso-Tributario Problematiche specifiche del contendere RIENTRO IN ITALIA DI DENARO GIOIELLI YACHT PREVISTI NELLO SCUDO FISCALE
RIENTRO IN ITALIA DI DENARO GIOIELLI YACHT PREVISTI NELLO SCUDO FISCALE PDF Stampa E-mail
Area Contenzioso-Tributario - Problematiche specifiche del contendere
Giovedì 22 Ottobre 2009 12:49
Con la Comunicazione n. 140269 del 16 ottobre 2009 l'Agenzia delle Dogane ha fornito alcuni chiarimenti in merito agli obblighi doganali e valutari da rispettare, qualora il  rimpatrio di denaro, attività finanziarie e beni patrimoniali  avvenisse con "trasporto al seguito". Per trasporto al seguito si intende il rimpatrio fisico delle attività finanziarie e/o patrimoniali (vedi gioielli, opere d'arte, yacht, banconote etc.) emersi nella dichiarazione dello scudo fiscale.  
All'interno di tale informativa, l'Agenzia delle dogane  sottolinea che in caso di rimpatrio di attività patrimoniali e finanziarie con valore superiore ad € 10.000 deve essere effettuato l'invio telematico di una dichiarazione all'Agenzia delle Dogane, su apposito modulo scaricabile nella
Se invece il rimpatrio avviene attraverso plichi postali, la comunicazione deve essere inviata obbligatoriamente ad un ufficio della rete "Poste Italiane Spa" entro 48 ore  e  all'Agenzia delle dogane entro 7 giorni dal ricevimento del pacco.
Se il rimpatrio di beni patrimoniali o attività finanziarie proviene da paesi non UE sarà necessario far fronte anche a pagamenti doganali (dazi) iva e quant'altro previsto nella normale procedure di introduzione in Italia di beni da paesi fuori UE
Se l'invio delle comunicazioni non viene eseguita, si prevede l'applicazione del regime sanzionatorio che comporta il fermo amministrativo pari al 40% del valore delle attività calcolato sulla parte eccedente gli € 10.000,00 con un importo minimo di €.300,00 e la definizione agevolata dell'illecito mediante il pagamento di un oblazione pari al 5% della somma eccedente gli € 10.000,00 con un minimo di € 200,00. L'illecito invece non può essere sanato se l'importo dell'attività finanziaria o patrimoniale importata è superiore agli € 250.000,00 oppure se il violatore ha già sanato nei precedenti 365 giorni un altro illecito.
Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.