top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Societario Tassazione 31 DICEMBRE 2009: TERMINE ULTIMO PER ADERIRE AL REGIME DI TRASPARENZA FISCALE
31 DICEMBRE 2009: TERMINE ULTIMO PER ADERIRE AL REGIME DI TRASPARENZA FISCALE PDF Stampa E-mail
Area Societario - Tassazione
Giovedì 10 Dicembre 2009 16:08

Il prossimo 31 dicembre 2009 rappresenta l'ultimo giorno utile per le società di capitali di optare per il regime di trasparenza fiscale con riferimento al triennio 2009 - 2011.
Il Regime di trasparenza fiscale è stato inserito nel 2004 nel Testo Unico art. 115 (soci rappresentati da altre società) e art. 116 (soci esclusivamente rappresentati da persone fisiche)  e rappresenta una procedura applicabile dalle società per evitare di pagare direttamente l'IRES. Ciò non significa che le società aderenti non pagano le imposte ma soltanto che le imposte da applicare sul reddito caratteristico  prodotto  nel corso dell'anno dalle società partecipate vengono traslate sui soci della stessa (stessa cosa per le perdite societarie)

. Il calcolo delle imposte pagate dai singoli soci viene  effettuato tenendo conto delle partecipazioni possedute da ognuno di essi (sia persona fisica o società).
Le condizioni principali per applicare il regime di trasparenza fiscale secondo i dettami dell'art. 115 del T.U.I.R. sono principalmente 3:
1) i soci devono risiedere in Italia (per le società);
2) le partecipazioni possedute da ciascun socio devono essere comprese tra il gap 10%-50% e tale percentuale si riferisce sia al diritto di voto nelle assemblee dei soci che alla ripartizione degli utili;
3) comunicazione obbligatoria di partecipazione al regime di trasparenza fiscale da esercitarsi entro il 1° anno di vita della società oppure il rinnovo alla fine del triennio successivo. La comunicazione dell'opzione è vincolante per tutto il triennio successivo.
Se invece ci si riferisce all'art. 116 del T.U.I.R. le requisiti principali sono:
1) i proventi tipici derivanti dalla società non devono essere superiori ad € 5.164.569,00 (ossia la soglia massima per l'applicazione degli studi di settore);
2) i soci devono essere esclusicamente persone fisiche ed il loro numero non può essere superiore a 10 (a 20 nel caso di s.c.a.r.l.);
3) Comunicazione obbligatoria di partecipazione al regime di trasparenza fiscale da esercitarsi entro il 1° anno di vita della società oppure il rinnovo alla fine del triennio successivo. La comunicazione dell'opzione è vincolante per tutto il triennio successivo.
4) la società in oggetto non deve detenere immobilizzazioni finanziarie esenti da IRES.
IMPORTANTE E' RICORDARE CHE NEL CASO L'OPZIONE AL REGIME DI TRASPARENZA NON PERMETTE ALLE SOCIETA' DI CAPITALI DI NON PAGARE L'ACCONTO IRES PER IL 2009, IN QUANTO L'OBBLIGO DECADE A PARTIRE DAL 2010.

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.