top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


28 DICEMBRE: PAGAMENTO ACCONTO IVA 2009 PDF Stampa E-mail
Area Fiscale e Amministrativa - Gestione dell'impianto contabile aziendale
Sabato 26 Dicembre 2009 20:48

Il prossimo 28 Dicembre, scadrà il termine per il pagamento dell'acconto IVA relativo all'anno 2009.
I soggetti tenuti ad effettuare tale versamento sono i titolari di partita iva esistenti nel 2008 che continuano a svolgere qualsiasi attività di d'impresa.
Sono previsti dei casi di esclusione che concretamente possono essere così riepilogati:
- titolari di partita iva che hanno iniziato la loro attività nel corso del 2009;
- titolari di partita iva che risultavano a credito di IVA nella dichiarazione iva annuale 2008 (in caso di contribuente con calcolo di iva trimestrale) o con iva mensile calcolata nel mese di dicembre 2008 (in caso di contribuente con calcolo Iva mensile);
- titolari di partita iva che nel corso del 2009 hanno cessato la loro attività entro il 30 settembre 2009 (contribuenti con iva mensile) o entro il 30 novembre 2009 (contribuenti con iva trimenstrale);
- titolari di partita iva che applicano regimi iva particolari quali nuove iniziative produttive, attività marginali, regime dei minimi;
- titolari di partita iva che hanno effettuato solo operazioni esenti e/o non imponibili nel corso del 2009;


- titolari di partita iva che che nel 2008 hanno chiuso con un debito iva inferiore a € 103,29;
- titolari di partita iva che presumo di chiudere l'anno con un credito iva;
- titolari di partita iva che hanno ottenuto provvedimenti di spospensione dei versamenti a seguito del verificarsi di eventi calamitosi;
- associazioni e società sportive dilettantistiche non lucrative che applicano il regime forfettario
- titolari di partita iva che svolgono attività di spettacolo gioco ed intrattenimento con applicazione del regime di forfettizazione iva;
- titolari di partita iva che esercitano le attività di produttore agricolo esonerati dall'obbligo di calcolo del tributo.  
Ci sono diversi metodi di calcolo per determinare l'importo da versare a titolo d'acconto IVA 2009. Innanzi tutto è necessario precisare che l'importo da anticipare a titolo d'acconto è, secondo l'art. 15 della Legge n° 243/1993, pari all'88% dell'iva da pagare a titolo di saldo IVA 2009. I metodi che si possono applicare sono principalmente 3: 
     1. metodo storico;
     2. metodo previsionale;
     3. metodo delle operazioni effettuate.
METODO STORICO. Utilizzando il metodo storico si fa riferimento al debito iva dell'anno precedente e su tale importo si calcola la percentuale dell'88% da versare a titolo d'acconto 2009. Per i contribuenti mensili il calcolo viene fatto tenendo conto della somma dell'acconto versato a dicembre  2008 e il saldo IVA pagato entro il 16 gennaio 2009. Per i contribuenti trimestrali ordinari si deve tener conto della somma dell'acconto versato a dicembre 2008 ed il saldo iva pagato entro il 16 marzo 2009 o rimandato nell'Unico 2009. Per i contribuenti trimestrali con regime speciale previsti dall'art. 74 D.P.R. 633/1972 si deve tener conto sempre dell'acconto versato nel dicembre 2008 e del saldo versato il 16 febbraio 2009.
METODO PREVISIONALE.  Se si usa il metodo previsionale bisogna tener conto del debito iva che si prevede di far risultare nella dichiarazione periodica mensile o trimestrale a seconda del tipo di cadenza di pagamento iva (mensile o trimestrale). Utilizzando questo metodo bisogna tener conto che l'eventuale tolleranza tra quanto previsto e quanto dovuto a titolo di saldo, non deve essere superiore al 5% del dovuto per evitare le eventuali sanzioni.
METODO DELLE OPERAZIONI EFFETTUATE. Quest'ultimo metodo si basa invece sul calcolo effettivo dell'iva alla data del 20 dicembre 2009. In questo caso si prendono in considerazione tutte le operazioni annotate nei registri iva (acquisti e vendite) alla data del 20 dicembre 2009.

Commenti (5)
  • Francy  - MANCATO PAGAMENTO ACCONTO
    Cosa succede si ci si è dimenicati di pagare l'acconto iva entro il 28 Dicembre 2009?
  • Simona
    Diciamo che non succede nulla se esegui il pagamento autoliquidando gli interessi e le sanzioni attraverso l'utilizzo del ravvedimento operoso.
  • Giusy
    Cos'è il ravvedimento operoso?
  • Simona
    Il Ravvedimento operoso è un "istituto" o meglio uno strumento che permette al contribuente di regolare spontaneamente la propria posizione debitoria, pagando sanzioni ed interessi che variano a seconda del periodo trascorso tra la data del mancato pagamento dell'imposta e la sua regolarizzazione successiva.
  • Anthony  - Vans Shoes
    link:https://www.pandorajewelry-officialsites.us.com/
    link:https://www.nmds-adidas.us.com/
    link:https://www.nikefactorys.us/
    link:https://www.asics-running-shoes.us.com/
    link:https://www.newshoes2019.com/
    link:https://www.ultra-boosts.us.com/
    link:https://www.filadisruptor2.us/
    link:https://www.outletmonclers.us.com/
    link:https://www.menwomenshoes.us/
    link:https://www.shoesclearancesale.org/
    link:https://www.uknewmall.co.uk/
    link:https://www.adidasoutletfactory.com.co/
    link:https://www.factorystoreonline.org/
    link:https://www.timberlands-outlets.us.com/
    link:https://www.uktrainers.org.uk/
    link:https://www.nmdxr1.us.com/
    link:https://www.pandora-jewelrystore.us.com/
    link:https://www.nikeoutletsstore.us.com/
    link:https://www.air-max95.us.com/
    link:https://www.yeezyshoess.us.com/
    link:https://www.nikesclearance.us/
    link:https://www.asicsrunning-shoes.us.org/
    link:https://www.christian-louboutins.us.org/
    link:https://www.nikeoutletstoreonline-shopping.us.com/
    li...
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.