top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Lavoro Gestione della previdenza DEFINIZIONE DEL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO
Offerta Cedolini Colf 2016

Dall'1 al 10 dicembre 2016 ai primi 50 che utilizzeranno il servizio "elaborazioni Cedolini colf light", verrá applicata la tariffa agevolata.

12 Cedolini paga da gennaio a dicembre 2016

certificazione compensi

invio mav trimestrali compilati secondo le ore retribuite inclusa cassa colf

calendario da compilare

tutto inviato via mail

compenso richiesto € 90,00 + CNPA  4% + IVA 22% =  € 100,00

E'' sufficiente inviare una mail a info@gruppoantonacci.it scrivendo "ADERISCO AL SERVIZIO PAGHE COLF LIGHT"  ed indicando il vostro nome ed il vostro cognome.


 



DEFINIZIONE DEL CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO PDF Stampa E-mail
Area Lavoro - Gestione della previdenza
Lunedì 08 Marzo 2010 10:21
La normativa riguardante il contratto a tempo determinato, a partire dal 1962 con l'introduzione della Legge N°230, ha subito un'importante evoluzione. In precedenza tale tipologia contrattuale era prevista esclusivamente nell'art. 2097 che disciplinava la durata del contratto di lavoro. Fino a quel momento l'unica controversia che poteva essere portata avanti dal lavoratore riguardava  l'intenzione del datore di lavoro di assumere personale a tempo indeterminato con contratti di lavoro a tempo determinato. L'onere della prova spettava al lavoratore e in caso di parere favorevole al lavoratore, il contratto a tempo determinato, veniva trasformato in contratto a tempo indeterminato. 
Dal 1962 con Legge 230 si iniziarono ad apportare le prime modifiche volte a limitare l'uso di questa forma contrattuale a specifiche situazioni quali lavori di tipo stagionali, occasionali, straordinari, oppure per sostituzione di lavoratori assenti con diritto di conservazione del posto di lavoro o specifici programmi telefonici.
Oggi il contratto a tempo determinato è disciplinato dal D. Lgs. del 06/09/2001, n. 368, che ha espressamente abrogato la precedente normativa e nel corso del 2007 è stato integrato con la Legge n°247/2007 (il collegato alla finanziaria 2007) e dalla L. del 06.08.2008, n. 133.
Definizione e condizioni per la stipulazione di un  contratto a tempo determinato
Il contratto di lavoro a tempo determinato è quel contratto
 che presuppone un termine fisso oltre il quale il lavoro non può essere prestato dal lavoratore stesso e può essere stipulato solo al verificarsi di opportune causali di carattere tecnico, organizzativo, produttivo o sostitutivo. La data di fine contratto può essere fissata o con riferimento ad un giorno di calendario, oppure è desumibile dalle ragioni che hanno portato alla stipula dello stesso (es. sostituzione di personale, fine della produzione di un lavoro occasionale etc.). Sia la descrizione della causale che la data di fine termine devono essere riportate necessariamente in un atto scritto (generalmente nella lettera d'assunzione)  pena la nullità del contratto. L'atto scritto non è obbligatorio per contratti con durata inferiore ai 12 giorni. Una copia dell'atto scritto deve essere consegnata entro 5 giorni dalla data di inizio del contratto stesso.
Il D. Lgs. del 06/09/2001, n. 368 prevede i casi in cui non sia possibile assumere con contratto  a tempo determinato. In particolare in divieto riguarda:
- le aziende che abbiano operato licenziamenti collettivi nei sei mesi precedenti l’assunzione, salvo alcuni casi particolari indicati dalla legge;
- la sostituzione di lavoratori in sciopero;
- le aziende non in regola con la normativa in materia di sicurezza sul lavoro;
- le aziende che sono ammesse alla CIG Cassa Integrazione Guadagni.
Durata
Prima del 2001 la normativa non prevedeva la durata di un contratto a termine. L'introduzione del D.Lgs. 368/2001 ha posto invece dei limiti al datore di lavoro, di stipulare contratti a tempo determinato in successione con lo stesso lavoratore. Tali limiti riguardano:
- la durata massima di un contratto a tempo determinato in 36 mesi;
- l'intervallo di tempo minimo da rispettare tra un contratto e l'altro. Tale intervallo infatti è stato fissato in 20 giorni per i contratti con durata superiore ai 6 mesi e 10 giorni per quelli con data inferiore ai 6 mesi. Il contratto a termine per i dirigenti invece può avere una durata massima di 5 anni.
Altra introduzione importante avvenuta con il D.Lgs 368/2001 è relativa alla possibilità di stipulare contratti a tempo determinato particolari se previsti dalla contrattazione collettiva nazionale  
La proroga, la prosecuzione, il passaggio a tempo indeterminato
Il contratto a tempo determinato può essere prorogato solo:
- in presenza di cause oggettive (non specificate dalla normativa legge)  
- esclusivamente una sola volta ed entro il termine complessivo dei 36 mesi di durata complessiva, 
- con il consenso del lavoratore. 
La proroga deve essere intesa come una continuità del precedente contratto. 
Se il rapporto viene prorogato o si continua a lavorare successivamente alla data finale, il datore di lavoro deve corrispondere una retribuzione giornaliera maggiorata del 20% per i primi 10 giorni di lavoro consecutivo e al 40% per i successivi . Se il rapporto di lavoro prosegue oltre i 20 giorni per i contratti a termine di durata inferiore a 6 mesi ovvero 30 giorni per i contratti con durata superiore a 6 mesi, il contratto a tempo determinato si trasforma automaticamente in contratto a tempo indeterminato.
Forma contrattuali non considerate a tempo determinato
L'art. 10 del D.Lgs 388/2001 ha previsto che alcune forme contrattuali non siano riconducibili nell’ambito normativo dei contratti a termine. Queste riguardano:
- i contratti di apprendistato;
- i contratti di inserimento;
- i assunzione a termine di lavoratori in mobilità;
- i contratti a termine stipulati con lavoratori che abbiano maturato i requisiti minimi per l’accesso al pensionamento di anzianità;
- i rapporti di lavoro tra datori di lavoro agricoli ed operai assunti a tempo determinato;
- i contratti di lavoro temporaneo;
- i rapporti di lavoro instaurati con aziende che esercitano il commercio all’ingrosso, importazione ed esportazione di prodotti ortofrutti coli
  lavoro c.d. “extra”
- i assunzione di lavoratori a tempo determinato in sostituzione di lavoratori in astensione obbligatoria o facoltativa per maternità
Il licenziamento 
Per i contratti a tempo determinato il licenziamento è previsto solo per giusta causa ovvero per la presenza di cause gravi da non consentire la prosecuzione del lavoro. In caso di licenziamento legato ad altre motivazione al lavoratore spetta il  diritto al risarcimento del danno quantificabile nelle retribuzioni previste e non percepite fino a conclusione del contratto. 
Diritto di precedenza
Alcuni contratti collettivi, prevedono il diritto di precedenza d'assunzione tra dipendenti assunti in precedenza con contratti a tempo determinato che hanno svolto la medesima mansione e appartengono allo stesso livello  secondo i dettami dell’articolo 23, comma 2, della legge 28 febbraio 1987, n. 56
Il diritto di precedenza si estingue entro un anno dalla data di cessazione del rapporto di lavoro ed il lavoratore. 

Commenti (5)
  • Chiara  - info
    Quindi praticamente dopo 36 mesi potrei sperare in un assunzione a tempo indeterminato.... se non mi licenziano prima!!!
  • fabia  - info
    Un assegno di ricerca universitario è considerato un contratto a tempo determinato?
  • Consulente  - Assegno di ricerca
    Salve Fabia,
    dipende a che titolo viene dato l'assegnodi ricerca. E' stato seguito da un cud o no?
    Costituiisce una borsa di studio?
  • teresa romano  - contratto portiere
    lo scorso 31/5/2012 l'assemblea straordinaria del mio condominio,votò l'assunzione di un tale,di anni 64,che non aveva alcun contributo versato,con stipula di contratto a tempo derminato,con validità dal 1/6/2012 al 31/5/2013,quindi per un solo anno.
    oggi,l'Amm.re del condominio,sostiene che senza alcuna decisione dell'assemblea del condominio,darà al lavoratore una proroga di ulteriori anni 1:
    è possibile far ciò?,potremmo ritrovarci per una cattiva interpetrazione dell'Amm.re a dover subire qualche controversia con L'INPS o altro Ente per la prosecuzione di tale contratto?e,èer altro,i contributi da noi versati,serviranno al lavoratore per ottenere una pensione?
    grazie per la Vs.risposta.
    teresa
  • Consulente  - Assunzione operaio
    Salve Teresa
    non so cosa sia scritto nei verbali dell'amministrazione, ma se il contratto era a tempo determinato e non prevedeva proroga, non serve riunione condominiale per definire la fine del rapporto di lavoro.
    Sottolineo però che mnon ho visto cosa ci sia scritto nei verbali delle assemblee condominiali.
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.