top
logo

Accesso utenti




730: REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE PDF Stampa E-mail
Area Fiscale e Amministrativa - Dichiarativi ed Adempimenti telematici
Giovedì 15 Aprile 2010 01:55

I redditi da lavoro dipendente, da pensione e/o redditi assimilati a quelli da lavoro dipendente per i quali spetta la detrazione d'imposta, devono essere indicati nel quadro C del Modello 730
L'articolo 49 del TUIR (Testo Unico Imposte sui Redditi) definisce i redditi da lavoro dipendente come "quelle entrate che derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione di lavoro, con qualsiasi qualifica, alle dipendenze e sotto la direzione di altri”.
Vengono considerati redditi tutte quelle somme percepite dal lavoratore all'interno di un periodo d'imposta che va dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno. Fanno parte del periodo d'imposta precedente anche tutti quei compensi percepiti entro il 12 gennaio dell'anno successivo, se si riferiscono all'anno precedente. Esempio lo stipendio di dicembre 2009  pagato dal datore di lavoro il 12 gennaio 2010 fa  parte del periodo d'imposta 01/01/2009 - 31/12/2009. 
Per poter elaborare il modello 730 è necessario presentare il riepilogo di tutte le somme percepite. Tale riepilogo è chiamato appunto CUD. Al suo interno vengono riportati tutti i dati relativi al la retribuzione annua percepita dal lavoratore. 
Vengono considerati redditi da lavoro dipendente anche le pensioni e gli assegni equiparati, nonché le somme percepite ai sensi dell'art. 429 del C.P.C. (Codice di Procedura Civile).  Quindi  sempre nel quadro I del modello 730 devono essere riportate le pensioni di ogni genere e gli assegni ad essa equiparati, le pensioni erogate agli artigiani, le pensioni erogate ai professionisti, le pensioni di invalidità, nonché quelle di reversibilità. In quest'ultimo caso, se la pensione di reversibilità spetta sia al coniuge che ai figli minori conviventi, quelle dei figli minori devono essere considerate distinte per effetto dalla loro esclusione dall'usufrutto legale del genitore superstite.  
Anche le indennità quali cassa integrazione, l’indennità di disoccupazione, la mobilità,congedo matrimoniale, l’indennità di maternità e allattamento, TBC e post-tubercolare, donazione del sangue, etc. vengono equiparate a reddito dipendente e quindi assoggettate a tassazione come reddito dipendente.
Fanno eccezione invece le rendite pagate dall'INAIL che vengono equiparate a somme erogate a titolo risarcitorio per danni alla salute e quindi non assoggettate a tassazione.

 

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.