top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Fiscale e Amministrativa Dichiarativi ed Adempimenti telematici IL PROFESSIONISTA: CONTROLLI ED AUTORIZZAZIONI PER IL VISTO DI CONFORMITA'.
IN ARRIVO IL VIDEO CORSO
Aperto il nuovo profilo Istagram... Basta cliccare su "Businessforyou" .. da oggi  nelle storie, chi mi segue potrà farmi una domanda alla quale risponderò.

IN ARRIVO IL NUOVO VIDEO CORSO BUSINESSXYOU sul controllo della propria attività!

Gli interessati possono mandare una mail a corso@gruppoantonacci.it per usufruire dell'offerta lancio!

Ringrazio per la vostra partecipazione

IL PROFESSIONISTA: CONTROLLI ED AUTORIZZAZIONI PER IL VISTO DI CONFORMITA'. PDF Stampa E-mail
Area Fiscale e Amministrativa - Dichiarativi ed Adempimenti telematici
Martedì 29 Dicembre 2009 15:46

In base alla nuova normativa relativa alle compensazioni IVA (art. 10 D.Legge n°78/2009), per importi utilizzati in compensazione superiori ad €. 15.000,00 si rende necessario, ai sensi dell'art. 35 comma 1 lett.a) del D.Lgs 241/97 il visto di conformità di un professionista (commercialista, consulente o revisore contabile) che, dopo opportuni controlli, rilascia il visto di conformità.
I controlli necessari al rilascio del visto riguardano:
- la veridicità delle scritture contabili ossia la regolare tenuta  e conservazione delle scritture contabili ai fini iva.
- la congruenza dei dati presenti nelle dichiarazioni IVA e le scritture contabili al fine di evitare errori di calcolo degli imponibili soggetti ad IVA e successivamente nei crediti IVA da utilizzare.
Operando questa tipologia di controlli, tuttavia restano fuori i controlli sostanziali del professionista, che deve limitarsi a controllare che effettivamente la differenza tra le operazioni attive e passive imponibili ad iva dia effettivamente il risultato presentato nelle dichiarazioni stesse. Di conseguenza la Sua attività non è quella di accertare l'inerenza o meno dell'operazione soggetta ad IVA alla gestione tipica dell'azienda.
Per poter rilasciare il visto di conformità, il professionista deve ottenere l'inserimento nell'elenco speciale centralizzato istituito dalle Direzioni Regionali delle Entrate. A Tal fine è necessario presentare un'istanza di inserimento in tale liste da inviare tramite raccomandata a/r all'Agenzia delle Entrate territorialmente competente. L'istanza dovrà contenere i dati anagrafici e professionali del soggetto richiedente, e dovrà essere corredata da altri documenti quali:
- dichiarazione dell'ordine di appartenenza;
- dichiarazione di insussistenza di provvedimenti di sospensione;
- dichiarazione attestante l'abilitazione a trasmettere le dichiarazioni fiscali, rilasciata dall'Agenzia delle Entrate;
- copia della garanzia assicurativa relativa esclusivamente all'assistenza fiscale rispondente ai requisiti richiesti dall'Agenzia delle Entrate;
- copia documento d'identità.


  

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.