top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Contenzioso-Tributario Problematiche specifiche del contendere D.L. 78/2010: DA OGGI NULLO L'ATTO DI COMPRAVENDITA SE NON C'E' CONFORMITA' TRA PLANIMETRIE E DATI CONTENUTI NELL'ATTO E QUANTO REGISTRATO/DEPOSITATO IN CATASTO
D.L. 78/2010: DA OGGI NULLO L'ATTO DI COMPRAVENDITA SE NON C'E' CONFORMITA' TRA PLANIMETRIE E DATI CONTENUTI NELL'ATTO E QUANTO REGISTRATO/DEPOSITATO IN CATASTO PDF Stampa E-mail
Area Contenzioso-Tributario - Problematiche specifiche del contendere
Giovedì 01 Luglio 2010 11:39

Da oggi  è in vigore la nuova normativa prevista dal decreto legge 78/2010  relativa alla circolazione immobiliare (acquisti e vendite immobiliari). Il nuovo decreto infatti prevede che quanto contenuto nell'atto notarile, sia conforme a quanto presente nei registri del catasto urbano, pena la nullità dell'atto stesso.
I nuovi atti catastali dovranno contenere quindi,  oltre ai riferimenti catastali e le planimetrie dei fabbricati (già presenti all'interno degli atti) anche la dichiarazione resa dagli intestatari degli immobili che quanto presente sulle planimetrie allegate è conforme con quanto depositato in Catasto. Conformità questa che dovrà essere controllata anche dai notai con ulteriori aggravi di tempo e di costi per i venditori.
Il notaio, dopo aver indicato nell'atto i riferimenti catastali, fatto riferimento che le planimetrie sono state depositate al catasto e controllato che sia presente nell'atto la dichiarazione di conformità, non dovrà preoccuparsi di verificare la veridicità della dichiarazione fatta dai venditori. Sarà invece responsabile solo nel caso in cui vi sia difformità tra la descrizione dell'immobile o unità immobiliare nell'atto di compravendita e la planimetria acquisita.

Commenti (673)
  • Alessio  - DL 78/2010
    Salve volevo sapere se anche la presenza di una veranda non dichiarata rappresenta una difformità che potrebbe determinare la nullità dell'atto.
    Grazie
  • Il Consulente  - Planimetrie catastali e planimetrie allegate agli
    Salve sig. Alessio
    la veranda non dichiarata può rendere nullo l'atto di vendita o acquisto se risulta presente nelle planimetrie allegate all'atto.
  • Alessio
    Se ho capito bene allora l'esistenza della veranda non dichiarata urbanisticamente e non riportata nella planimetria catastale allegata all'atto, non dovrebbe rendere nullo l'atto se il venditore dichiara che l’identificazione catastale delle u.i. in contratto corrisponde alle planimetrie depositate in catasto e che i dati catastali e le planimetrie sono conformi allo stato di fatto!
    Ma cosa potrebbe succedere se la presenza della veranda da controlli catastali e/o aerofotogrammetrici successivi alla stipula dell'atto evidenziasse la presenza della stessa prima dell'atto di acquisto?
  • Il Consulente  - Planimetrie
    Innanziutto bisognerebbe verificare se l'acquirente sia disposto ad "omettere" un'informazione. La mancanza o omissioni di informazioni in atti notarili sono sempre punibili per legge, in quanto si stanno sottoscrivendo di fronte ad un rappresentante dello stato delle informazioni false.
    Purtroppo in molte città sono state fatte delle modifiche urbanistiche abusive o senza richiesta di permessi ed ora molti si trovano nella situazione di non poter vendere e/o acquistare.
    La cosa corretta da fare sarebbe richiedere una variazione catastale, ma la risposta sul cosa in realtà si possa fare o non fare è materia urbanistica a cui può rispondere un geometra.

  • Mary  - Abusi
    In sede di compromesso davanti al notaio il venditore dichiara che lo stato di fatto e conforme. In seguito il perito di una banca rileva e documenta abusi e il proprietario elimina a seguire bagno e ripostiglio abusivi e si fa certificare
    La conformità da un tecnico. L'acquirente che ha acquistato come visto e piaciuto che diritti ha?
  • Consulente
    Ha il diritto di prendere un avvocato e di far annullare l'atto richiedendo a mio avviso, secondo quello che scrive, quanto versato.
  • Domenico Ragone  - geometra
    Condivido e ritengo lo possano fare, anche altri colleghi, di ranco superiore. Grazie.
  • Alessio
    Salve,potrebbe spiegarmi meglio cosa succede se il venditore dichiara che:" l’identificazione catastale delle u.i. in contratto corrisponde alle planimetrie depositate in catasto e che i dati catastali e le planimetrie sono conformi allo stato di fatto" e dopo aver fatto l’atto, da controlli incrociati sulle fotografie aeree e le banche dati si scopre un abuso (ad es. la presenza di una veranda non dichiarata urbanisticamente e catastalmente)?
    Se ho ben capito i proprietari venditori che fanno una falsa dichiarazione di conformità catastale dell’immobile non rendono l’atto nullo, ma rischiano una denuncia penale, così come l'acquirente che omette delle informazioni. Quindi è l'assenza di tale dichiarazione che rende l'atto nullo? Grazie
  • Roberto G.  - Chiusura veranda
    Buongiorno,
    vorrei avere, se possibile, una informazione. Stiamo procedendo, in questi giorni, ad un atto di divisione tra eredi. Dopo 15 anni spesi alla ricerca di accordi tra le parti, ecco che finalmente il miraggio sembra raggiunto. Il giorno prima della data fissata, appunto, per l'atto di divisione, il notaio ci richiama all'ordine dicendoci che l'atto stesso non poteva essere stipulato. Tra i vari beni, oggetto della divisione, vi è un appartamento per il quale è stata chiusa una veranda nel lontano 1985 e per la quale mio nonno aveva presentato domanda di concessione in sanatoria, domanda in merito alla quale, il Comune di cagliari ci richiede oggi, dopo 25 anni, della documentazione integrativa. Purtroppo, l'ingegnere che si era occupato della questione, ancor prima che il Comune di Cagliari, rilasciasse concessione in sanatoria, aveva fatto riaccatastare l'immobile. In sostanza in planimetria risulta la chiusura della veranda stessa. Ora mi chiedo e vi domando, può un att...
  • Silvana Minonni  - scrittura privata :valia o falsa ?
    per una discussione tra parente mi trovo ad agire in tribunale contro dei parenti .che si costituiscono dicendo che io non avrei titolo ad agire in quanto l oggetto di cui si discute avuto io e i miei fratelli in successione era stato 40 anni fa venduto ad uno zio attraverso una scrittura privata(è chiaro che comunque lo acquisirei con uso capione in quanto dalle visure catastali dai pagamenti tributi e dall mai cessato utilizzo risulta ancora in famiglia)la scrittura privata di cui parlo e firmata da parte venditrice con data e prezzo pattuito .il mio legale dice che e valida a tutti gli effetti di legge anche se mi sono accorta che sotto certi evidenti correzzioni il significato del documento prende un altro significato ......quello originale parla di un acconto versato di £.....e che la stipula si fara quanto ptima la parte interessante pagherà la somma di £...piu spese di giudizio ---------mentre la parte che ha preso altro significato dice (che hanno pattuito la somma di £.....
  • Abusi edili  - Abusi edili
    Salve Roberto,
    la questione è abbastanza spinosa, e purtroppo per risolverla le ci vuole un buon avvocato. A partire da gennaio 2011 ogni pratica pendente blocca qualunque tipo di atto, di conseguenza se non risolve il probema dell'abuso, non potrà mai procedere con la risoluzione della pratica
  • Cicalina  - MANCANZA DICHIARAZIONI DI CONFORMITA'
    Buongiorno,
    vorrei avere delucidazioni in merito alle dichiarazioni di conformità degli impianti. Ho appena acquistato un appartamento, ma il venditore non mi ha rilasciato le dichiarazioni di conformità dell'impianto del gas nè di quello elettrico, nonostante gli impianti siano stati recentemente rifatti.
    Il notaio nell'atto non fa riferimento alla presenza delle dichiarazioni di conformità.
    L'atto è da considerarsi nullo?
    Posso chiedere che il venditore si faccio carico delle spese per richidere le dichiarazioni di conformità? E se nel caso gli impianti non fossero a norma, cosa fare?
    Grazie
  • Anonimo
    Salve vorrei sapere un informazione. Sul mio atto di compravendita c'è il nome della società venditrice con un punto in meno! Mentre sulla visita casuale c'è un secondo punto nella denominazione della società! Potrei avere problemi in futuro? Grazie sono molto ansiosa!
  • Consulente  - Nome della società errato
    Salve Anonimo,
    controlli che siano corretti partita iva, codice fiscale e numero di registrazione alla camera di commercio.
  • claudia  - Nullità dell'atto?
    Buongiorno,noi il 27 giugno 2012 abbiamo acquistato una casa. certificazioni e atto dichiaravano tutto a norma di legge. solo ora siamo venuti a conoscenza di un tubo abusivo per lo scarico dell'acqua costruito dai precedenti proprietari. noi dovremmo ripristinare il vecchio scarico, rompendo i pavimenti e pagando cose che noi non avremmo dovuto toccare. Noi avremmo la possibilità di annullare il tutto per una dichiarazione falsa sull'atto?? non è "vizio di forma"? la ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti.
  • Consulente  - Lettur dell'atto
    Salve Claudia,
    in questi casi andrebbe letto bene l'atto per verificare cosa effettivamente c'è scritto. Anche il notaio potrebbe essere coinvolto in queste responsabilità viste le nuove normative. Ma tutto dipende dal contenuto dell'atto.
  • alessia  - mancanza di agibilita'
    Buongiorno
    a inizio anno ho aquistato un immobile...sull'atto e' stato scritto che mancando l'agibilita' il venditore a proprie spese si occupava di farcela avere entro 6 mesi dal rogito....adesso passati questi 6 mesi pare che manchino dei requisiti e l'agibilita' non venga data! e' possibile far annullare l'atto?
    grazie mille
  • Consulente  - Acquisto abitaizone
    Salve Alessia,
    secondo le nuove normative, è il notaio che deve accertarsi che vi siano tutti i presupposti affinchè l'atto non sia nullo, perchè lui è il primo responsabile. Non sò come sia stato stipulato l'atto, ma prima di tutto provi a contattare il notaio e poi si rivolga ad un bravo avvocato. Noi abbiamo per esempio buon avvocati.
  • alessandra
    per la vendita della casa ereditata mi e' stato ripetuto che chi compra paga le spese e notaio. Ora e' uscita la storia della planimetria non conforme e quindi rifatta)pagata profumatamente)dal geometra iscritto all'albo e nonostante cio' il notaio richiede un pagamento per la trascrizione di"accertazione" di eredita' che non e' una legge ma un anormativa. Premetto che mia madre e' deceduta 6 anni fa e di conseguenza ho dovuto registrare e pagare la successione. Mi puo' chiarire perche' devo sottostare ad altri accertamenti peraltro costosi, e se fosse possibile una sua risposta al piu' presto??? Ringrazio e saluto cordialmente
  • Consulente  - Normative variabili nel tempo
    Salve Alessandra,
    purtroppo la normativa nel campo immobiliare è in continua evoluzione e se non si sbriga rischia di incombere in altre imposte.
    Comunque tutto questo sta accadendo perchè i suoi genitori non hanno regolarizzato precedentemente la situazione immobiliare.
  • Francesca  - D.L. 78/2010
    Salve,
    un amico ha richiesto l'abitabilità del suo immobile acquistato nel 2006, ma il costruttore non l'aveva mai richiesta al Comune. Si dovrebbe procedere ora ma controllando i documenti ho potuto notare che il progetto depositato è differente dalla realtà, mentre l'accatastamento è stato redatto con le varianti (tutto ciò prima dell'atto di compravendita); a questo punto mi chiedo anche se sono passati 6 anni e la legge che prevede l'annullamento è del 2010, l'atto si può considerare nullo?
    Ringrazio e saluto cordialmente,
    Francesca
  • Consulente  - D.L. 78/2010
    Salve Francesca,
    il D.L. 78/2010 non ha valenza retroattiva. Per verificare la nullità dell'atto bisognerebbe vedere l'atto e soprattutto verificare se quel qualcosa che non va è riconducibile alla normativa presistente in quel momento.
  • Francesca  - D.L. 78/2010
    Grazie mille!
    Spero in qualche modo di poterlo aiutare.
    Saluti,
    Francesca
  • francesco  - planimetria
    buonasera, volevo sapere se un atto di compravendita può dichiararsi nullo nel caso in cui la planimetria risulti leggeremnte difforme rispetto alla realtà , nello specifico una porta è stata chiusa non completamente lasciando un piccolissimo spazio come sorta di mini ripostiglio. si tratta di una profondità di ca 15 cm.
    tale differenza inficia l'atto oppure fa fede l'attuale accatastamento e in futuro è possibile correggere.
    ringrazio
  • Consulente  - Domanda troppo tecnica
    Salve Francesco,
    la sua domanda è troppo tecnica e per verificare l'eventuale inefficacia dell'atto bisognerebbe verificare la planimetria legata all'atto di compravendita.
  • Mirko  - Atto nullo per acquisto errato di un bene comune n
    Salve,
    2 anni fa ho acquistato un locale al pian terreno con l'area urbana perimetrale di un condominio.
    Adesso i condomini dello stabile mi vogliono annullare l'atto perchè sostengono che l'area urbana che ho scquistato sia condominiale e pertanto non poteva essere oggetto di compravendita. In questo caso, ammesso che abbiano ragione (attualmente sono in fase di indagine in merito alla segnalazione) l'atto può essere annullato?

    Grazie anticipatamente

    Saluti
  • Consulente  - Risposta generica su atto annullabile
    Per verificare se un atto può essere annullato, bisogna vedere l'atto e andare a verificare gli articoli normativi richiamati in esso.
    Solo in questo modo potrà verificare se l'atto potrà essere annullato o meno.
  • riccardo  - planimetria falsa
    buonasera,
    dopo svariate ricerche tra archivio notarile e amministratore sono venuto a sapere che la cantina segnata sulla planimetria della casa che ho appena acquistato è stata ceduta nel 1962 (dal primo proprietario) per il locale caldaia.
    in quanto truffa può essere annullato l'atto?
    e le spese di ristrutturazione che sto sostenendo andrebbero perse?
    oppure posso chiedere dei danni alla vecchia proprietaria e una registrazione valida a catasto della nuova planimetria senza cantina?
    La ringrazio.
  • Consulente  - Responsabilità non solo del proprietario
    Salve Riccardo
    behsecondo il mio punto di vista potrebbe chiedere anche i danni e non solo il rimborso delle spese sostenute.
  • Angela  - Acquisto casa
    Buonasera,
    A luglio 2012 ho acquistato casa io ero a conoscenza per sentito dire che il quel blocco di case c'era da pagare la bucalossi e ho chiesto al notaio di saldare prima dell'atto e mi ha risposto che non si poteva fare in quanto era globale del quel. blocco di case ho chiesto quanto ammontava la cifra e mi ha risposto che era pressapoco € 200/300 . Mi sono detta è una cifra minima si può fare al questo punto ho rogitato (sul l'atto non cè scritto nulla riguardante la bucalossi)
    Nel mese di dicembre 2012. L'amministratore in assemblea condominiale ha sollevato la questione di saldare al comune oneri relative alla bucalossi che ammontano per la mia casa €2.100. Posso chiedere il pagamento hai venditori , o come posso comportarsi
    Grazie
  • Consulente  - Blocco case e oneri comunali
    Salve Angela,
    da come mi ha esposto il quesito, non essendoci richiami nell'atto, sembrerebbe che non possa richiedere nulla ai venditori. Tuttavia non potendo visionare l'atto non posso darle conferma al 100%. Al suo posto lo farei vedere da un bravo avvocato.
  • Alessandro  - divisione ereditaria e conformità impiantistica
    Buonasera, devo fare atto per dividere con mia sorella una proprietà indivisa ereditata da mia mamma ma mi sono accorto che l'immobile non ha conformità impiantistica termo-elettrica.
    Posso fare l'atto ugualmente? Informo di aver già regolarizzato la conformità catastale e che trattandosi di vecchio immobile è mia intenzione ristrutturarlo DOPO esserne diventato unico proprietario. Pertanto eviterei, se possibile, una sistemazione di un impianto che dopo pochi mesi andrei a disfare ! Spero di ricevere una risposta. Grazie tantissime!
  • giorgio  - rischio annullamento atto
    vorrei sapere che conseguenze vado incontro se viene annullato l atto notarile per un vizio di forma,io sono il venditore,ho venduto marzo 2011 il notaio mi a contattato telefonicamente e mi a mandato per via e mail l atto nuovo ma modificato a suo modo,sull atto che o firmato ce riferimento la legge 122/2010 art 14 d.l 78/2010 grazie
  • giorgio
    buonasera,vorrei sapere che conseguenze vado incontro se viene annullato l atto notarile,io sono il venditore,ho venduto marzo 2011,il notaio mi a contattato telefonicamente e mi a mandato per via e mail l atto riscritto a suo modo,scrivendo che l atto doveva essere ripetuto per articolo 14 d.l.78/2010,sull atto originale non ce nessun riferimento su questa legge.la mia domanda e: puo il notaio far annullare tutto per questa legge che e uscita prima dell atto?e se e un suo sbaglio perche lo dovrebbe annullare?e in fine per far annullare un atto notarile,come sono le procedure e le conseguenze? grazie e buona serata.
  • momo  - nn ho piu la casa intestata a me ,
    buona sera circa 2 anni fa ,stavo vendendo la casa con un mutuo.nel momento in cui era accettato,il notaio mi chiama e mi fa firmare l atto nel suo ufficiola sera prima che dovevavamo fare il mutuo,l indomani mattina il mutuo l ho hanno bloccato per problemi e non mi e stato dato nesun denaro,io ha quel punto credevo che l atto era annullato invece dopo due anni mi accorgo che la casa nn e piu mia ,ma del signore che non mi ha dato soldi l errore e del notaio?CHE DOVEVA ASSICURARSI CHE IL MUTUO ANDAVA A BUON FINE?E ACCERTARSI CHE IL CONTENUTO DEL L ATTO ERA RISPETTATO?ASPETTO UNA RISPOSTA PRINA D ANDARE A DEWNUNCIARLI VI RINGRAZIO
  • Consulente  - Impossibilità di rispondere
    Salve Momo,
    purtroppo non si può rispondere a queste domande senza vedere la documentazione. Si potrebbero alimentare false speranze.
    Le consiglio di far verificare i documenti ad un buon avvocato perchè si sentono molte truffe.
  • momo  - ringrazio
    prima grazie per la tua consulenza,il fatto e che nelattoviene specificata la somma che laquirente mi doveva dare con il mutuo ma il mutuo non lo anno dato ma il notaio la casa la intestata lo stesso dichiarando il falso ,perche il notaio per legge deve costatare sia le firme che sono vere ma anche il contenuto ,ho sia fatto in sua presenza una buona serata l avvocato mi ha consigliato di mandare una lettera alla procura della republica con tutti i fatti che l atto e viziato e cioe e nulloc

  • enzo  - nel 2005 aquisto una casa e nel 2012 mi rend cont
    salve nel dicembre 2005 aquisto una casa tramite aggenziae nel2012 tra i vari accertamenti ho fatto una retifica all" atto perche nn corrisponde alla casa aquistata anche perche deria da un frazionamento nn dichiarato. e conn momlte false sul catasto come posso fare??
  • Consulente  - Sistemazione atto,
    Salve Enzo
    sistemerei l'atto andando dal notaio che ha redatto l'atto stesso e facendo notare la nmancanza di verifiche da parte del suo studio.
  • giulia
    salve,ho pagato la caparra confirmatoria per l acquisto di un appartamento e nelle mie ricerche successive ho scoperto 2 anni di condominio arretrati da pagare e una causa in corso nel condominio.nessuno mi ha informato a tempo debito di ciò,neppure l'agenzia che media la vendita.cosa succederà davanti al notaio?potrò avere subito la restituzione della mia caparra?
  • Consulente  - Restituzione caparra o riduzione dell'importo conc
    Salve Giulia,
    la scoperta del debito non comunicato può far decadere la compravendita, ma se è interessata all'acquisto può sempre richiedere che la somma venga da lei trattenuta per pagare il condominio.
  • vincenzo
    salve...sto acquistando un immobile e cercando notizie sulle spese condominiali del vecchio proprietario ho scoperto una causa in corso tra il mio venditore e gli altri condomini perchè lui ha rifatto il tetto,causa infiltrazioni,senza il loro consenso e con questa causa vuole che i condomini lo risarciscano della spesa affrontata per il bene comune...acquistando l appartamento entro a far parte delle spese della controversia?la causa ha avuto inizio 2 anni fa circa..ringraziando anticipatamente aspetto risposta
  • Salvatore Parisi  - Atto da annullare
    Gentile signore vorrei un consiglio, circa 22 anni fa' e' stato fatto un atto di uso capionei tra la mamme e due figlie, a distanza di tanti anni ci siamo accorti che la particella di quell'atto era sbagliata e cosi' si e'i provveduto a fare un atto regolare, però il primo atto e' rimasto nel dimenticatoio per cui il notaio invece di rettificarlo lo ha fatto di sanapianta. Praticamente il primo atto errato e' rimasto così' com'era per cui si dovrebbe annullare come posso fare e se possibile sapere , quanto viene a costare
  • Consulente  - Annullamento vecchio atto e relativo costo
    Salve Salvatore
    per verificare l'annullamento del vecchio atto e quantificare il costo bisognerebbe verificare sia il contenuto del vecchio che del nuovo atto.
  • Andrea  - informazione relativa al sottotetto
    Salve a tutti, sono in trattativa per l'acquisto di un appartamento (attico). al momento della costruzione del complesso edilizio su tutti gli attici sono stati costruiti dei sottotetti "abusivi" nel senso che sono stati accatastati ma come zone non abitabili quindi esclusive per uso come un ripostiglio, etc ma non abitabili quindi non possono essere presenti camere da letto o bagni. nel mio caso su questo sottotetto sono presenti 2 camerette da letto e un bagno. uno dei notai che ho contattato non fa l'atto se non viene aggiornato il catasto aggiornandolo come e' la situazione attuale del sottotetto (quindi camera e bagno e non ripostiglio come attualmente riportato nel catasto) ma questo non e' possibile in quanto non ci sono le altezze minime per renderlo abitabile, l'altro notaio invece ha detto che puo' fare l'atto esattamente come era stato fatto nel 2004 quindi riportando tutto identicamente come riportato nel vecchio atto del primo acquirente dicendo quindi che nulla...
  • Andrea  - informazione relativa al sottotetto (continuato)
    ...e' variato dal primo atto. se procedessi in questo modo quindi facendo l'atto riportando esattamente tutto quanto era stato fatto nel primo atto del primo acquirente, lasciando quindi il sottotetto come zona non abitabile/ripostiglio ma nella realta' ci sono 2 camerette e 1 bagno, e cosa che il notaio non sa, a quali rischi potrei andare incontro? l'atto puo' essere nullo o invalido?
    grazie e cordiali saluti
    Andrea
  • Consulente  - Differenza di professionalità dei due notai
    Salve Andrea, secondo le nuove normative ha ragione il primo notaio.
    Tuttavia ancora oggi ci sono notai che stipulano atti di acquisto di nuove case che non sono totalmente abitabili.
    Ovvero presentano sottotetti adibiti a camere registriti come ripostiglio o lavatoio.
    La nullità dell'atto viene richiesta se c'è qualcuno contrario alla compravendita.
  • Andrea  - informazione relativa al sottotetto (continuato)
    ...e' variato dal primo atto. se procedessi in questo modo quindi facendo l'atto riportando esattamente tutto quanto era stato fatto nel primo atto del primo acquirente, lasciando quindi il sottotetto come zona non abitabile/ripostiglio ma nella realta' ci sono 2 camerette e 1 bagno, e cosa che il notaio non sa, a quali rischi potrei andare incontro? l'atto puo' essere nullo o invalido?
    grazie e cordiali saluti
    Andrea
  • Anonimo  - Dichiarazione falsa del venditore
    Salve,
    ho un quesito.
    Ho acquistato un'abitazione un paio di mesi fa con l'accordo verbale con il venditore che ultimasse l'abitazione (sanitari e caldaia) nel momento in cui sarei entrata.
    Nonostante questo la casa ha ottenuto l'agibilità e al momento di entrarci il costruttore non la ultima....
    Come posso rivalermi?
    Grazie, Laura
  • Consulente  - Gli accordi verbali non sono... accordi
    Salve Anonimo se l'accordo è solo verbale può far poco.
  • gerardo  - Salve
    Ho acquistato un alloggio di edilizia popolare dallo i.a.c.p ho fatto regolare atto notarile pagando l'alloggio come da bando. Dopo 4 anni lo I.a.c.p mi chiede altri 25 mila euro perche dice che aveva sbagliato i calcoli di vendita, premetto che la stesa richiesta è stata fatta a tutti i 120 alloggi costruiti dall'ente i.a.c.p regione campania. Mi chiedevo se questa cosa si puo fare visto che se esiste un vizio di vendita non è da addebitare a noi acquirenti oppure se esiste una legge che può rendere l'atto nullo. Grazie
  • Consulente  - Risposta che prevede l'esame dei documenti
    Salve Gerardo
    sicuramente c'è qualcosa che non va, ma non posso risponderle senza vedere i documenti.
    Secondo me lo I.A.C.P. avrà ricevuto un avviso dall'Agenzia delle entrate ed ora loro vogliono rifarsi su voi.
    Ma questa è solo una presunzione.
  • Gennaro  - veranda abusiva o no?
    Salve, nel 2001 ho acquistato un appartamento proveniente da frazionamento con domanda di condono l. 47/85 in corso. Il Notaio ha allegato e fatto firmare anche la planimetria catastale a venditore ed acquirente. Ora sto rivendendo l'immobile, e l'acquirente mi fa problemi perchè c'è una veranda, riportata nella planimetria depositata al momento del frazionamento(1986), non descritta del titolo di provenienza. Come uscire da questa situazione? Pensavo che se trovassi la planimetria anteriore al frazionamento di dovrebbe vedere l'intero immobile con la veranda, ma il geometra al quale ho chiesto mi ha risposto che difficilmente la planiemtria relativa al sub soppresso sarà rintracciabile in catasto. L'acquirente vuoel un condono o cmq qualcosa di simile. Come posso risolvere?!? Grazie
  • Consulente  - Riferimenti al notaio
    Salve Gennaro,
    ha provato a sentire il notaio che ha fatto il precedente atto?
  • salvatore  - domanda
    Nel 2007 ho acquistato un appartamento. Il venditore dopo l'acquisto mi consegnava un documento catastale per l'avvenuta variazione di una porzione di sottovento trasformata ed ampliata in altezza per permettere il passaggio nella stanza attigua. Ora secondo il catasto tutto ok infatti ho acquistato secondo quanto previsto dalla planimetria catastale e verificata dal notaio....il problema è che i lavori sono stati effettuati dal venditore senza DIA e senza autorizzazione condominiale e del Comune. A questo punto devo presumere che si tratti di un abuso...Volevo vendere l'appartamento ma ho paura che si scoprì questa cosa. Nel caso di vendita la responsabilità di chi è ? E poi posso rivalermi sul precedente venditore considerato che il valore di acquisto per forza di cose non è lo stesso oppure posso far annullare il contratto ?
  • Consulente  - Situazione catastale
    Salve Salvatore,
    in genere quando si vende un'abitazione si fa riferimento al catasto. Se al catasto è tutto regolare, ovvero l'accatastamento è fedele alla situazione reale non dovrebbe avere alcun problema. Anche perchè lei l'abitazione l'ha acquistata nello stato in cui si trova ora e non ha commesso alcun abuso edilizio.
  • Daniela  - Difformità tra piantina catastale e immobile
    Salve,
    I miei genitori hanno acquistato un immobile in aprile 2009. All'epoca non fu necessaria perizia in quanto abbiamo acquistato senza richiedere un mutuo (avendo contestualmente venduto la casa di famiglia sita in altro luogo). Oggi, a distanza di più di 5 anni, venendo a mancare mio padre, per esigenze personali di mia madre di trasferirsi in altro luogo, abbiamo messo in vendita l'appartamento. Ricevute le mappe catastali, non richieste all'atto dell'acquisto, abbiamo rilevato, con molto rammarico, che l'appartamento non è conforme alle stesse. Ne' nel preliminare di vendita, ne' nell'atto notarile sono state allegate tali mappe e sia il venditore, rappresentato da un'agenzia, sia il notaio hanno dichiarato che l'appartamento al momento della vendita era invece conforme alle piantina depositate al catasto. Mi chiedo in che modo possiamo far valere la nostra buona fede? È possibile portare testimoni che attestino (altri proprietari abitanti nel condominio) che quando abbiamo a...
  • Consulente  - Atti catastali e "buona fede" del venditore
    Salve Daniela
    come prima cosa bisognerebbe vedere cosa avete sottoscritto nell'atto di acquisto.
    Poi se la cosa riguarda più condomini potreste insieme preparare una causa contro la non buona fede del venditore.
    Naturalmente è necessario visionare le carte perchè è importate sapere cosa vi hanno fatto firmare.
  • piero  - problema con un rustico
    buongiorno, circa due anni fa ho acquistato un rustico in pietra in un Parco Naturale. Nell'assegnazione era indicato da demolire il bagno perchè abusivo. Finora non ho provveduto alla demolizione, ora però vorrei venderlo. Si può procedere ad un atto notarile dichiarando che sussiste questa difformità? Praticamente delegando l'acquirante a provvedere?
  • Consulente  - Obbligo di demolizione non rispettato
    Salve Piero con le regole rigide di oggi nella compravendita le converrebbe più demolire il bagno che inserire una clausola del genere nell'atto, qualora trovi il notaio che lo faccia
  • salvatore
    Ho acquistato nel 2007 ....il vecchio venditore aveva modificato un sottotetto trasformandolo in disimpegno. Lui ha fatto regolare variazione catastale ed io ho acquistato secondo planimetria catastale. Ma ha fatto i lavori senza Dia .....quindi al comune non risulta niente. Ora io sto per vendere casa ...ovviamente io vendo secondo planimetria catastale quindi dichiarò la veridicità tra catasto e quello che esiste. Domani il nuovo acquirente scopre questa cosa ....può annullare il contratto di acquisto? Mi denuncia....Cosa rischio? Non ho dichiarato il falso e l'abuso non l'ho fatto io... ma ho paura anche perché vendo per acquistare una nuova casa.....immagina il casino. Ti prego illuminami sono disperato. Grazie.
  • Consulente  - Mi dispiace per non aver risposto
    Salve Salvatore
    purtroppo non ho fatto in tempo a risponderle
  • Dante  - Discordanza tra atto notarile e ufficio registro
    Buongiorno, l'atto notarile di Marzo 1992 cita: vendita di terreno edificabile classe B1 con sopra fabbricato cat A/3.
    All'ufficio del registro risulta solo: cessione di terreno agricolo.
    Cosa può capitare a me venditore ed all'acquirente? Grazie per la risposta.
  • Consulente  - Atto del 92
    Salve Dante
    sugli atti vecchi sono capitate cose del genere. Addirittura vendite non trascritte al catasto che sono rimaste di proprietà del vecchio proprietario. Sul sito dell'agenzia del territorio c'è un format che si può compilare per risolvere questo tipo di problemi.
  • salvatore  - domanda
    Le rifaccio la domanda.......Immagino che sia impegnato ma mi farebbe piacere quando avrà un po di tempo di darmi qualche suggerimento sulla domanda fatta l'8/7/2013 circa quella situazione sulla eventuale vendita di una casa la cui planimetria catastale è ok quindi vendita regolare tra quello che si dichiara nell'atto che corrisponde alla realtà catastale.Ma in realtà il vecchio venditore aveva rialzato un sottotetto per favorire il passaggio in una stanza attigua poi adibita a lavanderia.Il problema è che i lavori erano stati eseguiti senza dia e quindi senza autorizzazione comunale quindi presuppongo con abuso .È vero che lui ha fatto la comunicazione al catasto di variazione e che mi ha venduto la casa secondo quanto previsto regolarmente dal catasto ma adesso i guai sono i miei......Se io vendo casa e si viene a sapere questa cosa , cosa succede? Io non dichiaro il falso e l'abuso eventuale(non per il catasto) non l'ho fatto io. Può essere annullato l'eventuale contratto di ...
  • Consulente  - Abuso senza concessione e vendita abitazione
    Salve Salvatore,
    in realtà quando ho risposto pensavo di essere arrivata in ritardo.
    Allora la situazione è la seguente.
    Deve come prima cosa leggere l'atto d'acquisto e verificare se il notaio precedente si è esentato da responsabilità scrivendo "le controparti dichiarano che la documentazione è in ordine o cose del genere". In questo caso con l'inserimento di una frase del genere nell'atto "lei era al corrente di ogni situazione riguardante l'abitazione".
    Come seconda cosa quello che posso consigliarle è comunque di recarsi da un notaio di fiducia e farsi fare un attestato di regolarità della sua abitazione, visto che ora anche i notai sono responsabili di quello che scrivono e controllano la dichiarazione. In questo caso sta più tranquillo e le possono consigliare il percorso da seguire richiedendo magari una concessione in sanatoria (se l'abuso è in qualche modo segnalato)
  • Roberta  - Abuso su tutto il palazzo?
    Buongiorno, ecco il mio problema: il venditore ha fatto il piano casa (sardegna) per la chiusura di una parte di un balcone. Abbiamo fatto l'atto inserendo le richieste (paesaggistica e DIA), non avendo ancora avuto l'autorizzazione paesaggistica che arriverà fra qualche mese (forse). Ora dalla pratica della quale ho avuto copia solo dopo aver fatto l'atto, mi sono accorta che buona parte dei tramezzi compreso il muro di un altro balcone non corrispondono con quanto depositato in Comune, ma solo con il catastale che è quello che ho firmato all'Atto. Tutto il muro che divide il soggiorno del secondo balcone praticamente risulta spostato di circa un metro (rendendo più grande il soggiorno stesso) di circa un metro. Anche altre opere interne risultano differenti dalla planimetria depositata in Comune. Come mi devo comportare? Posso richiedere un integrazione della pratica di piano casa dall'ex proprietario? Devo far rendere nullo l'Atto? Rendendo nullo l'Atto mi renderebbero anche i s...
  • Roberta  - Abuso su tutto il palazzo?
    Aggiungo che TUTTO il palazzo ha l'abuso sopra descritto: cioè planimetrie depositate in Comune differenti da quelle catastali. :(
  • Roberta  - Abuso su tutto il palazzo?
    ...ad oggi ancora nessuna risposta...
  • Consulente  - Risposta precedente rispetto alla lettura di quest
    Si ricordi che questo è un sito con consulenza gratuita.
    Si risponde appena si può.
    Se cerca risposte urgenti può uilizzare il servizio di consulenza a pagamento.
  • Consulente  - AVVOCATO COMUNE CHE RISOLVE L'INTERA PRATICA
    Salve Roberta,
    non mi ha detto quando ha stipulato l'atto, visto che da una certa data iin poi anche i notai sono responsabili.
    Tuttavia, visto che tutti i proprietari si trovano nelle sue stesse condizioni proporrei un'unica azione contro l'unico proprietario.
  • Carlo  - Abuso edilizio e annullamento
    Salve, ho comprato un appartamento sulla carta, l'impresario consegna la casa nel 2004 poi la ditta fallisce e il delinquente sparisce senza aver ultimato alcuni dettagli e senza certificato di agibilità.
    Dopo qualche anno scopro che sull'intero palazzo nel quale si trova il mio appartamento é stato commesso un abuso giudicato dal responsabile del comune insanabile, cioè l'intero edificio supera di un metro e mezzo la lunghezza massima consentita.
    Dopo anni viene fuori che l'unica soluzione é eliminare le cabine armadio di ogni appartamento facendo diventare quello spazio,completamente aperto, un prolungamento della veranda.
    Siccome l'abuso riguarda l'intero stabile questa operazione dovrebbero farla tutti.
    Io lo farei anche domani ma i miei vicini non vogliono saperne.
    Quindi io sono intrappolato, non posso vendere, non posso sanare, non ci sono condoni, il comune pur sapendo che siamo vittime in questa situazione dice che non può fare nulla...come mi devo comportare?
    Posso chieder...
  • Carlo  - Abuso edilizio e annullamento
    ...posso chiedere l'annullamento dell'atto? Cosa comporta in termini pratici questo annullamento?
    Grazie
  • Consulente  - Piano casa
    Non conosco la situazione del suo comune, ma non esiste un piano caso con cui apporre delle modifiche?
  • Giovanni
    Ho fatto un preliminare ed entro il prossimo mese devo fare l'atto di compravendita. Da un sopralluogo mi sono reso conto che ci sono delle
    difformità rispetto alla planimetria depositata. Purtroppo tali lavori riguardano il ridimensionamento di un muro portante che da un'apertura di 90 cm è stato ampliato a 2 metri. Il proprietario che è Ingegnere, continua a dire che è un errore di valutazione da parte mia in quanto la planimetria è giusta. Cosa posso o devo fare, visto che la cosa potrebbe
    crearmi problemi anche di carattere penale in futuro oltre a non poter vendere l'immobile? Grazie
  • Consulente  - Richiedere una perizia ad un'altra persona
    Salve Giovanni
    se è interessato all'immobile chieda ad un'altro ingegnere di periziare l'abitazione.
    Non si può mai sapere.
  • Fernando  - Atto notarile compravendita
    Dal notaio è stato formalizzato un atto di compravendita del terreno edificabile con cessione di una unita abitativa in pagamento.
    All'atto notarile è stata allegata Planimetria dell'area edificatoria e firmata dalle parti aquirenti e vendetrice.
    Domanda : Si può richiedere la nullita dell'atto per il fatto che è stata modificata la planinetria della strada di accesso alla via principale della unita abitativa .
  • Consulente  - Domande tecniche non risolvibile se non visibili d
    Salve Fernando
    purtroppo non si può rispondere se non si vedono gli atti e la planimetria allegata.
    Bisogna infatti leggere cosa c'è scritto nell'atto per vedere se questo sia annullabile per un vizio o meno.
  • francesco
    salve, sto per acquistare un appartamento. il venditore mi ha detto che c'è una bucalossi da pagare, e siccome è stata già versata una prima quota il resto (circa 11000 euro) posono essere versati anche tra 30 anni(parole sue).
    1 domanda: è vero?
    2 domanda: si può comunque fare l'atto?
    3 domanda: a chi spetta?
    Grazie infinite
  • Consulente  - Consulente
    Mi sembra al quanto strano che si possa versare tra 30 anni. Magari con sanzioni ed interessi triplicati.
    In genere in questi casi dall'atto di vendita vengono scorporati gli oneri di costruzioni che sono a carico del venditore e non dell'acquirente.
    Se l'atto si può fare o no, senta un notaio di sua fiducia e non di fiducia del venditore.
  • saverio  - 1° frazionamento sbagliato
    Salve, ho acquistato nel dicembre del 2012 3 particelle di terreno.
    ieri ho ricevuto una telefonata di un avvocato dicendo che il mio nuovo confinante l'ha contattata in quanto a me hanno venduto una particella che apparteneva a lui.
    In parole povere l'avvovato mi ha detto che poichè ci sono stati 2 frazionamenti, il secondo non è uguale al 1 frazionamento.
    pertanto mi incita a farmi causa.
    Com'è possibile se io ho acquistato da un notaio che si è attenuto al nuovo ed ultimo frazionamento?( vi ricordo che il frazionamento è avvenuto nel 1995) e dall'ora nessuno si è opposto.
    Cosa devo fare??
    grazie
  • Consulente  - Particelle errate per via di frazionamenti errati
    Salve Saverio,
    in genere queste cose succedono quando si incontrano gli ultimi due lotti provenienti da parti opposte.
    E' capitato anche a me personalmente. In questi casi ci vuole il buon senso delle parti e verificare le planimetrie.
  • roberto  - mancanza cantina
    Salve, volevo un vostro consiglio su un acquisto d'immobile più cantina.
    In Maggio 2012 ho acquistato un appartamento bilocale con cantina, ma proprio essa è risultato il problema, prima dell'acquisto il perito ha rilevato la mancanza del locale cantina dal mappale, stavo evitando l'acquisto, ma la parte venditrice mi ha rassicurato (verbalmente),che la cantina era già nei lavori di condominio, che c'era una delibera condominiale e che dovevano iniziare in settembre 2012, ma proprio in quel mese, cosi con ingenuità ho acquistato, l'immobile.
    Il problema è sorto quando, assistendo alla prima riunione condominiale, è risultato che nessun condomino accettava i lavori in quanto molto costosi, cosi il venditore e i condomini sono entrati per vie legali, ad un anno ed ennesima riunione condominiale, l'esito legale da un parere sfavorevole alla parte venditrice, i condomini non sono obbligati ad eseguire i lavori, la mia domanda è posso annullare l'atto notarile nella voce della cantina, i...
  • Consulente  - Assenza di cantina da far verificare ad un perito
    Salve Roberto,
    dovrebbe far presentare una perizia giurata ad un tecnico che fa notare l'assenza della cantina.
    Maggiori informazioni però potrà averle sicuramente da un notaio.
  • paola  - Regolarità catastale e rogito nullo
    Buongiorno, vi chiedo cortesemente un parere.
    Mia mamma ha stipulato un rogito (acquistando una quota di un immobile) nel dicembre 2010 affermando la regolarità urbanistica e catastale in accordo col venditore. A seguito della sua morte nel 2012 ho ereditato tale immobile. Solo ora mi accorgo che, in realtà, l’appartamento è difforme dalle planimetrie (erano stati ricavati 2 bagni da stanze ). Ho recuperato in comune i permessi, quindi sotto il profili urbanistico sembra in regola. Però le planimetrie NON risultano aggiornate.
    Vuol dire che il rogito è nullo (Anche se nè il venditore nè io abbiamo intenzione di annullarlo)? oppure la dichiarazione di conformità resa è mendace perciò punibile ma il contratto resta valido? Il notaio ha qualche responsabilità? Cosa mi consiglia? come erede posso “sanare” la situazione, visto che questo immobile dovrà comunque essere venduto nei prossimi mesi? Grazie mille!Paola
  • Consulente  - variazione planimetrie catastali
    Salve Paola
    deve rivolgersi ad un geometra per la variazione delle planimetrie catastali
  • tonio  - difformità mappa catastale da dati comunali
    Ho acquistato una villetta il cui seminterrato era stato suddiviso dopo la costruzione il due sub unita separate: una cantina ed un locale ad uso artigianale. Condizione della vendita era che al rogito tutto il seminterrato venisse riportato allo stato originale' cioè cantina. Ora che la sto ristrutturando il comune non mi rilascia la concessione perchè agli atti del comune risultano ancora due subunitá e mi chiede di pagare gli oneri per la trasformazione. Ci chiedo gentilmente se questi oneri li dovrei pagare io o il vecchio proprietario ? Grazie
  • Consulente  - Pagamento oneri per la trasformazione in base agli
    Salve Tonio,
    il seminterrato destinato a locale è stato utilizzato come locale? Se si non è dimostrabile l'utilizzo a titolo cantina ed in una eventuale causa la sua parola potrebbe valere quanto quella del venditore.
  • stella  - acquisto
    Ciao. Ho comprato una casa adesso salta fuori che da chi l'ho comprata
    Aveva stipulato un'altra compravendita da altra gente,e questi oltre ad aver fatto causa a loro . Ci hanno detto che impugnavano l'atto e lo fanno annullare possono farlo?Ho comprato la casa da sei mesi e la sto ristrutturando.
  • Consulente  - Atto da vedere per poter parlare
    Salve Stella
    innanzitutto bisogna vedere l'altra.
    Ma considerata la responsabilità del notaio definita negli ultimi anni... Vi siete rivolti a lui? Doveva fare tutte le ricerche e visure.
    Non è che chi vi sta minacciando faccia parte di un giro di truffe?
  • anna
    buonasera,sto per acquistare un immobile che è stato costruito con diritto di superficie del comune,venduto dalla cooperativa al socio,il quale a sua volta sta vendendo a me. A settebre 2013 abbiamo effettuato presso un notaio un atto di compromesso regolarmente registrato.purtroppo solo ora(attraverso la banca che deve darci ilmutuo)abbiamo scoperto che il venditore dichiara di essere titolare di piena proprietà dell'immobile anche se non lo è.Posso chiedere di annullare l'atto in quanto non ero a conoscenza del diritto di superficie sull'immobile?posso chiedere i danni al venditore e anche al notaio? Grazie mille.
  • anna
    N.B: non è stato ancora fatto il rogito,la data prevista è per il 31/03/2014.
  • Consulente  - Con il D.L. 78/2010 notaio responsabile degli att
    Salve Anna,
    se non era a conoscenza di ciò, sicuramente lo doveva essere il notaio.
    Si rivolga ad un avvocato.
  • tonino  - Anche io
    Cara Anna come posso contattarti !!!
    Mi trovo nella tua stessa situazione !!!!
  • Luigi  - acquisto di terreno
    Buonasera, ho acquistato nel 2011 un terreno con all'interno un rudere non dichiarato in quanto il venditore mi aveva comunicato che era stato fatto senza permessi e quindi da demolire. Successivamente ho scoperto che era un ante 67 e di conseguenza ho fatto la presa d'atto e l'accatastamento. Ora, visto che dovrei vendere il terreno è sorto il problema visto che nell'acquisto non risulta il rudere. Il notaio per sanare la situazione mi ha detto di effettuare un nuovo atto di acquisto solo del rudere ma prima occorrerebbe, in accordo con il proprietario originario, cambiare l'intestatario al catasto visto che risulta già a mio nome. E' possibile questa cosa oppure cosa potrei fare??? Grazie.
  • Consulente  - Rudere del 67
    Potrebbe essere possibile, ma secondo me il proprietario non sarebbe così stupido da non chiedere nulla.
  • gianni  - info
    salve, sto per acquistare un appartamento e dovremmo rogitare a giorni, ma un mesetto fa ci siamo accorti che la planimetria non è conforme, il venditore ha detto di sistemarla prima della data del rogito ma essendo la planimetria del condominio vedo che i tempi sono lunghi, quindi siamo arrivati al giorno del rogito e ancoro siamo messi come prima. chiedo come comportarmi, se posso annullare il compromesso e farmi restituire la caparra visto che non vorrei mettere delle clausole particolari nel rogito con la paura che poi devo avere dei problemi futuri. grazie
  • Consulente  - Qui entra in gioco il notaio
    In genere il notaio viene scelto dal compratore, quindi è il suo notaio che dovrebbe consigliarla.
    Le consiglierei comunque se è interessato all'appartamento o di inserire una clausola che il rogito avverrà solo dopo la modifica della planimetria, oppure se non è interessato, di richiedere indietro la caparra per mancanza di documentazione. Il suo notaio poi ne saprà molto di più in materia.
  • Agata  - concessione impugnata
    Ho comprato nel dicembre del 2006 un appartamento (venditore lo stesso costruttore) con regolare concessione edilizia e abitabilità. Ora spunta fuori che la concessione non doveva essere data per quella cubatura che pare vada in conflitto con altro proprietario attiguo, infatti il tribunale ha in questi giorni condannato le persone che allora hanno rilasciato la concessione, lasciando fuori per prescrizioni la ditta costruttrice. Il tutto a pochi giorni dalla mia vendita a terzi che ovviamente ha ora dei dubbi. Cosa può accadere ?
  • Consulente  - Situazione piuttosto ingarbugliata
    Salve Agata,
    c'è un bel problema, anche se con un buon avvocato dovrebbe mantenere intatta la cubatura. Ma bisognerebbe controllare sia gli atti di condanna emessi, sia i suoi atti di acquisto.
  • gemma manis
    salve,cortesemente vorrei sapere se un atto di compravendita firmato da un notaio in cui e' stata sbagliata la data di costruzione dell'immobile sia un documento valido,oppure puo' ritenersi nn valido a fini di pignoramento.
  • Consulente  - data errata su atto di acquisto
    Salve Gemma,
    non si può rispondere alla sua domanda senza visionare l'atto.
  • Threza  - Compromesso
    Buonasera, ho firmato e registrato un compromesso per l'acquisto di un appartamento. Qualche giorno fa con il tecnico abbiamo misurato le altezze delle varie stanze e ci siamo accorti che il vano cucina non raggiunge l'altezza minima per avere il requisito dell'abitabilita. In questo caso l'atto e' nullo?
  • Andrea  - rogito con planimetrie non conformi
    Buon giorno nel maggio 2009 ho rogitatoper l' acquisto della mia prima casa.
    Solo ora mi accorgo che il proprietario precedente quando ristrutturo' l' abitazione aveva regolarizzato le modifiche all' interno della casa ma non le modifiche apportate al garage e alla cantina che hanno cambiato forma invadendo le parti comuni del piano seminterrato. L' atto può ritenersi nullo basandosi all' articolo 29 della legge del 27 febbraio1985 numero 52?
    Grazie in anticipo
  • Consulente  - Atto nullo per mancata regolarizzazione cantine
    Salve Andrea,
    Purtroppo in questi casi si dovrebbero vedere le piantine e verificare se esiste a monte un problema di mancata regolarizzazione burocratica
  • simona  - acquisto casa
    BUON GIORNO A GENNAIO 2014 HO ACQUISTATO UN'APPARTAMENTO IN UNA PALAZZINA NUOVA COSTRUZIONE IN QUESTA PALAZZINA PER ADESSO CI VIVO SOLO IO IL COSTRUTTORE NEL MOMENTO DELL'ATTO AVEVA DICHIARATO CHE IN BREVE TEMPO AVREBBE FINITO TUTTI I LAVORI ANCORA DEVE METTERE IN USO L'ASCENSORE CHE POSSO FARE?
    MI SONO ANCHE ACCORTA CHE SULLA FACCIATA DEL PALAZZO è STATO AFFISSO UN CARTELLO ELETTORALE SENZA UNA MIA AUTORIZZAZIONE COME MI DEVO COMPORTARE?
    GRAZIE
  • Consulente  - faccia scrivere da un avvocato per comunicare il d
    Salve Simona
    l'unica cosa che può fare è comunicare i disservizi che sta subendo.
    Per il cartello esattoriale non può far nulla perchè in un'ipotetica assemblea condominiale lei sarebbe in minoranza considerando che il 99% degli appartamenti sono di proprietà del costruttore.
  • Riccada  - Vendita con sottotetto difforme al permesso di cos
    Salve,
    nel Settembre 2004, ho acquistato un appartamento con sovrastante sottotetto. Il sottotetto fu edificato dal precedente proprietario . Fu ottenuta licenza edilizia per la costruzione di copertura a tetto. Invece vi realizzò un sottotetto differente nelle dimensioni rispetto al progetto presentato al comune e vi costruì bagno, angolo cottura, camino non potendolo fare.Sul preliminare di vendita c'era scritto sottotetto in corso di accatastamento. Il sottotetto mi è stato venduto senza essere accatastato con la complicità del notaio proposto dall'agenzia che si occupò della compravendita.
    Allora non era necessario fornire le piantine catastali. Voglio far sanare le difformità e portare il conto al venditore imbroglione. Può il giudice annullare l'atto? (..cosa che a me non conviene)
  • Consulente  - Annullamento dell'atto
    Salve Riccada credo che prima di far sanare l'abitazione deve far presente il problema al notaio che potrebbe essere perseguibile penalmente in base a quanto scritto sull'atto stesso.
    Le proporrei di far vedere il suo atto ad un avvocato prima di sanare il tutto.
  • Riccarda
    Ciao,
    ho già consultato un avvocato ma non ho proprio parlato del notaio. Mi interesserebbe essere risarcita per l'ansia che mi ha procurato la scoperta di questa vendita con abuso.Difficile. Mi accontento di avere almeno i soldi che spenderò per la sanatoria. Sarebbe sanabile solo ora grazie al piano caso che ha consentito aumenti volumetrici. Sul preliminare di vendita c'è scritto sottotetto in corso di accatastamento ed è riportato il prezzo reale di vendita, invece, sull'atto notarile, parla del sottotetto che è stato venduto senza essere accatastato e riporta la metà del prezzo concordato. L'avvocato teme che il giudice potrebbe annullare l'atto e a me non conviene ( ...è riportato la metà del prezzo reale).
  • Consulente  - Possibilità di annullamento atto
    La possibilità di annullamento dell'atto esiste, perchè questo non è conforme a quanto detto.
    Non si fermi però al primo avvocato ne consulti un altro.
    Magari si può rivalere sul notaio, considerando che rischia il penale
  • natale  - possibilità di annullamento atto
    Buon giorno nel 1999 ho rogitaqo una quotaparte di multiproprietà nel 2008 è stato riscontrato che mancava l'agibilità dopo le modifiche effettuate nel 1995 ora si scopre che quota delle parti comuni è abusiva.Posso richiedere l'annullamento del contratto?grazie
  • natale  - nullo atto di vendita
    Buon giorno,nel 1999 ho rogitato una quotaparte di multiproprietà.Nel 2008 è stato riscontrato che mancava l'agibilità dopo le modifiche apportate nel 1995.Ora si scopre parte della parte comune,(scusate la ripetizione)è abusiva.Posso chiedere l'annullamento del contratto?Oppure a chi spettano le spese per rendere consone la multipropriet? grazie
  • Consulente  - Leggere attentamente l'atto
    Salve Natale
    non posso dirle cosa può fare senza leggere l'atto.
    Potrebbe essere corretta anche la strada di far sostenere le spese di regolarizzazione dalla vecchia proprietà.
    Ma deve far leggere l'atto ad un avvocato.
  • Pietro  - info
    Salve, io nel 2012 ho acquistato un immobile, settimana scorsa tramite un tecnico incaricato da me per fare un riconfinamento scopro che i confini non sono quelli indicati nella visura allegata al rogito, posso richiedere l'annullamento dell'atto e i danni al notaio e al venditore?
  • Consulente  - Richiesta di spiegazioni al venditore e al notaio
    Salve Pietro,
    il notaio non fa verifiche sul posto, quindi si limita a verificare che i metri dichiarati sia quelli presenti in visura.
    Può chiedere invece spiegazioni al venditore per capire se era a conoscenza del problema.
    Solo in caso di malafede del venditore potrà procedere all'annullamento dell'atto. In caso contrario potrà richiedere il risarcimento danni, anche se sarebbe necessario leggere l'atto, perchè in genere c'è scritto sempre che lei ha verificato la cosa.
  • Marcella Spinozzi  - Conformità catastale
    Nel mio resede é presente porzione di una particella intestata ad altri. Il resede é stato sempre venduto però nello stato di fatto come "pertinenza" del mio immobile ed è approvato e autorizzato in Comune come mia proprietà da più di 30 anni. Posso venderla tal quale?
  • Consulente  - Sistemazione della particella tramite il servizio
    Salve Marcella
    È sufficiente richiedere una correzione tramite i servizi catastali online
  • Lino  - Acquisto con causa in corso
    Salve, volevo avere alcune informazioni. Mi interessa un appartamento e lo vorrei acquistare, ma questo appartamento è frutto di un eredità,ricevuto da amici del defunto. C'è una cugina mi sembra di 3° grado che ha fatto causa in quanto ritiene che il testamento sia falso,e falsificato proprio da questi attuali eredi.la causa và avanti già da 3 anni.L'erede/proprietario dice che comunque può venderlo.. è vero? posso fare un preliminare? nel caso vincerebbe la causa questa lontana cugina, io perderei l acconto o caparra confirmatoria versata? c'è qualche legge che mi tuteli? di solito quanto durano queste cause? Grazie in anticipo.
  • Consulente  - rischio di perdere i soldi iniziali
    salve
    e se la causa venisse persa?...............
  • lino  - acquisto causa in corso
    salve, in merito alla mia domanda: " Salve, volevo avere alcune informazioni. Mi interessa un appartamento e lo vorrei acquistare, ma questo appartamento è frutto di un eredità,ricevuto da amici del defunto. C'è una cugina mi sembra di 3° grado che ha fatto causa in quanto ritiene che il testamento sia falso,e falsificato proprio da questi attuali eredi.la causa và avanti già da 3 anni.L'erede/proprietario dice che comunque può venderlo.. è vero? posso fare un preliminare? nel caso vincerebbe la causa questa lontana cugina, io perderei l acconto o caparra confirmatoria versata? c'è qualche legge che mi tuteli? di solito quanto durano queste causa?"........ il notaio potrebbe scrivere nel preliminare che in caso di causa persa sono dovuti a risarcirmi dell'anticipo versato?
  • Consulente  - Attenzione con le cause di eredità
    Salve Lino,
    attenzione con le cause in corso o con parenti che opzionano una parte dell'eredità. Faccia visionare i documenti da un avvocato
  • Andrea porta  - acquisto chiosco edicola
    Salve vorrei porvi questa domanda: nel novembre 2010 acquistai un chiosco edicola , nel corso di questi 3 anni e qualche mese ebbi un problema elettrico e pagai di tasca mia le spese ovviamente. Riprendendo in mano la scrittura firmata dal notaio mi re sono reso conto che nulla è' menzionato nel suddetto rogito che riguardi l agibilità o comunque lo stato di efficenza dell'impianto elettrico in questione. Per grave vizio di forma e' possibile richiedere l'annullamento di tale rogito?
  • Consulente  - Verificare il rogito con un notaio o avvocato
    Salve Andrea
    non posso darle una risposta senza vedere l'atto.
    Certo che se fosse così potrebbero esserci i requisiti per l'annullamento, ma a volte si usa una terminologia talmente tecnica che non si capisce il contenuto dell'atto.
    Lo faccia controllare da un avvocato o un notaio di fiducia
  • sheila  - planimetria immobile in acquisto
    Buongiorno,

    ho appena firmato una proposta d'acquisto, poi accettata, per un appartamento .Si è deciso di andare in stipula direttamente senza compromesso. L'unica differenza tra la pianta del catasto e la realtà dei fatti che mi era stata palesata consisteva in una cabina armadio in cartongesso. Ora, dopo che il notaio ha verificato tutti gli incartamenti risulta che le difformità sono molteplici e stante queste condizioni non possiamo rogitare. Con una dichiarazione di untecnico abilitato relativa alla conformità edilizia e catastale, a carico del venditore, risolvo la situazione? Rischio di perdere i soldi dati come caparra confirmatoria ove non si stipulasse, e la parcella dell'agenzia?

    Grazie
  • Consulente  - Controlli che presentano anomalie dell'appartament
    Salve Sheila non credo dovrebbe perdere la caparra considerando che il problema non è suo ma del venditore.
    In ogni caso anche l'agenzia potrebbe, secondo me, essere denunciata per false informazioni
  • gabriele  - Planimetria intero edificio
    Salve, sto per acquistare un appartamento (a cui ho già dato caparra) facente parte di un complesso di case popolari. Ho portato la documentazione al notaio, ma questi rifiuta di accettare la planimetria del catasto in quanto dell'intero fabbricato e non della singola unità immobiliare. Vuole che incarichi un tecnico per una nuova planimetria da presentare al catasto. E' davvero così? Grazie
  • Consulente  - I notai sono responsabili del proprio operato
    Salve Gabriele,
    probabilmente ha trovato uno dei pochi notai scrupolosi
  • Gabriele  - Re
    Quindi mi consigli di procedere come dice la dottoressa... grazie del consiglio
  • Consulente  - Consiglierei di seguire i consigli del notaio
    Salve Gabriele
    consiglierei di seguire quanto richiesto dal notaio.
    Magari spenderà qualcosa in più ora, ma non avrà problemi in futuro perchè avrà tutto ben definito.
  • Elena  - planimetria non coincidente con quanto dichiarato
    Buongiorno,
    sto acquistando la mia prima casa e dalle planimetria ricevuta in ritardo ho notato che la seconda camera non rispetta i requisiti per essere definita tale e quindi è considerata catastalmente una soffitta. Ho già firmato la proposta di acquisto e pagato anche soldini come garanzia di interesse all'acquisto ma vorrei a questo punto cambiare le condizioni. Mi hanno detto che nel caso in cui mi dovessi tirare indietro la quota anticipata non mi verrà ridata, ho qualche pretesa in proposito? Inoltre, ho visto che le soffitte vengono considerata al 50% del valore rispetto ad una camera. Sono nelle condizioni di poter richiedere un abbassamento del prezzo stabilito in fase di proposta? Nella proposta di acquisto viene trascritta la presenza di 2 camere e non di una camera ed una soffitta (quest'ultima non viene mai menzionata). Ringrazio anticipatamente della risposta.
  • Consulente  - Planimetria non conforme
    Salve Elena,
    lo stesso caso è capitato personalmente a me diverso tempo fa. Stavano facendomi passare una soffitta per un appartamento. Avevo dato all'agenzia un anticipo. Nel momento in cui me ne sono accorta, perchè comunque loro garantivano la vendita di un appartamento e non di una soffitta, ho richiesto indietro i miei soldi che loro non volevano darmi.
    E' bastata una semplice chiamata di un avvacato e dopo 5 minuti ho riavuto i miei soldi.
    Può fare la stessa cosa. L'acquisto della prima casa deve avere dei requisiti ben importanti.
  • rosario  - compravendita
    Buongiorno,
    ho comprato con promessa di vendita un appartamento con annesso posto auto assegnato.
    Oggi a distanza di tre anni mi rendo conto che nell'atto notarile il posto auto non è menzionato.
    Vorrei sapere come comportarmi.....
    Grazie, Rosario
  • Consulente  - Verifica al catasto
    Salve Rosario
    in genere all'allegano già delle planimetrie catastali. Sul so atto non c'è?
  • Rosario  - compravendita
    Buonasera,
    le planimetrie con gli aggregati mi sono state allegate in sede di promessa di vendita.
    Mentre con l'atto notarile oltre al discorso della compravendita dell'immobile, nella sezione D dell'allegato dell'Agenzia del Territorio con la dicitura Ulteriori informazioni riporta la dicitura: il bene ceduto ed accettato nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, con ogni adiacenza e pertinenza, diritti ed obblighi, usi ragioni ed azioni, servitù attive e passive, e con la quota parte di enti e spazi comuni ai comproprietari di uno stesso complesso edilizio, ai sensi dell'art.1117, nonché come previsti negli elaborati planimetrici riferiti al tipo mappale n....del....prot....
  • Consulente  - Atti riferiti ad una stessa "cosa"
    Prima di procedere controlli al catasto cosa sia stata effettivamente registrato e presentato a livello di planimetrie. Potrebbe anche essere un errore del notaio. Non pensiamo sempre al peggio
  • ROBERTO *****  - immobile
    salve,avendo acquistato un immobile 15 anni fa con relativo condono ,oggi mi accingo a risistemare l'immobile,mi trovo diversi problemi che erano stati condonati invece non sono a norma.chiedo se sono ancora chiedere un risarcimento al vecchio proprietario .grazie spero ci sia risposta.
  • Consulente  - Immobile acquistato 15 anni fa ....
    Salve Roberto, non credo possa rivalersi sul venditore, a meno che non ci sia in mezzo un condono e la garanzia che il condono avesse regolarizzato tutto.
    Ma deve far vedere queste cose ad un legale
  • luigi  - preliminare trascritto
    Salve, sto acquistando casa ed il proprietario mi concede fino ad un anno per fare l atto definitivo.. come anticipo verso il 20% e poi ho tempo un anno per fare il rogito.. volevo sapere,tutto quello che viene trascritto nel preliminare dal notaio e registrato in conservatoria, è legge?nel senso che vale tutto quello che scrive il notaio? o in caso di problemi dovrei comunque ricorrere in tribunale? è buono fare questo preliminare trascritto e registrato? graxie
  • giovanna  - Immobile abusivo
    Buongiorno vorrei sottoporle il presente quesito : In data 27/11/2008, acquisto, con atto pubblico, un immobile seminterrato, regolarmente accatastato categoria C2 (magazzino). Nell’atto il venditore dichiara che l’immobile è stato edificato in seguito e in conformità alla concessione edilizia citata in premessa nel medesimo atto e che non sono intervenute modifiche non autorizzate. Quest’estate si da incarico a un tecnico di verificare se è fattibile, con il piano casa sardegna, la regolarizzazione dello stesso ad uso abitativo con la norma del riutilizzo dei piani seminterrati. La cosa sarebbe anche fattibile ma emerge, cosa “non trascurabile”, che la costruzione del seminterrato in questione non è mai stata autorizzata…Dalla verifica della concessione edilizia, citata nell’atto pubblico registrato dal notaio, ma mai consegnata alla sottoscritta, nel piano seminterrato è previsto un piano pilot. Da una ricerca in internet sembrerebbe di capire che l’atto è nullo, perché l’immo...
  • Consulente  - Lettura della documentazione
    In questi casi, sig.ra giovanna è necessario leggere la documentazione per dare una risposta.
  • giusy  - atto vendita nullo?
    Ho acquistato un locale con due ingressi e mi sono accorta che sull'atto di vendita il notaio ha prima menzionato gli stessi e i rispettivi numeri civici mentre sulla visura catastale a mio nome risulta l'indirizzo con un solo numero civico
    Cosa comporta questo?L'atto e' nullo?Cosa bisogna fare per rettificare l'errore ??Grazie
  • Consulente  - E possibile variare al catasto
    Salve Giusy tramite il sito dell'agenzia territoriale è possibile fare delle variazioni senza muoversi da casa.
    Si colleghi al sito.
  • Teresa  - Si può annullare l'atto?
    Buonasera nel 2005 acquisto un immobile, di cui solo in questi mesi, vengo a sapere che c'è una pertinenza o corte di circa 100 mq staccata dallimmobile dove vi è stai costruito un piccolo casolare sopra, il venditore adesso mi dice che quando lo acquisto lui già la situazione era così, con una scrittura privata tra i due che quel terreno rimaneva di sua proprietà, parliamo dei primi anni novanta, posso per questo motivo chiedere l'annullamento dell'atto ?
    Grazie.
    Teresa.
  • Consulente  - Annullamento atto
    Salve sig.ra Teresa, non credo che l'atto si possa annullare dopo tutto questo tempo. Tuttavia nei contratti ci sono a volte delle scritture o diciture che permettono molte cose. Per essere certa se la scrittura è annullabile o meno, dovrebbe farla leggere ad un notaio o avvocato.
  • Roberta  - Non abitabilità
    Buongiorno,4 anni fa ho acquistato una casa.Ora volevo effettuare una ristrutturazione del piano superiore.Parlando con il tecnico comunale mi ha detto che devo modificare anche il piano inferiore,in quanto la cucina non è abitabile,visto che è alta 2.36m invece di 2.70m. Noi non eravamo a conoscenza del fatto che la stanza non fosse abitabile,possiamo contestare il fatto ai venditori? Grazie
  • Consulente  - Consegna della cosa con approvazione verbali
    In genere quando si riceve in consegna un bene immobil, si firma un verbale. Questo è stato firmato?
    Cosa c'è scritto sull'atto? Che è tutto a norma?
    Nei casi così specifici purtroppo non si può rispondere se non si esamina la documentazione.
  • luigi  - preliminare trascritto
    Salve, sto acquistando casa ed il proprietario mi concede fino ad un anno per fare l atto definitivo.. come anticipo verso il 20% e poi ho tempo un anno per fare il rogito.. volevo sapere,tutto quello che viene trascritto nel preliminare dal notaio e registrato in conservatoria, è legge?nel senso che vale tutto quello che scrive il notaio? o in caso di problemi dovrei comunque ricorrere in tribunale? è buono fare questo preliminare trascritto e registrato? graxie
  • Consulente  - Preliminare è un atto che dovrebbe tutelare le par
    Salve Luigi
    il preliminare di vendita tutela le parti. Senza di questo il venditore potrebbe vendere a tante persone diverse.
    In ogni caso il preliminare di vendita in genere si fa per esaminare la documentazione, verificare la situazione e via dicendo. Di conseguenza se c'è qualcosa che non va il preliminare diventa nullo.
    Piuttosto faccia caso a cosa si scrive nel preliminare. Ecco perchè in genere il notaio viene scelto dal venditore e non dal compratore.
  • luigi  - preliminare trascritto
    buona sera, ma quindi vale tutto quello che si trascrive? nel senso se i documenti per la vendita dell'immobile sono tutti in regola,ma poi possono sorgere problemi nell'arco dei 12 mesi,le cose scritte nel preliminare sono sacrosante o comunque tocca ricorrere ugualmente in tribunale? grazie
  • serpial
    Buongiorno,
    nel complimentarmi col forum vorrei porvi il mio problema. Mi sono accorto di essere stato truffato.
    Nel novembre del 2011 ho acquistato un immobile indipendente disposto su tre livelli, e solo per puro caso qualche giorno fa mi sono reso conto che una parte di esso non era stato sanato, come invece falsamente dichiarato dal venditore nell'atto di vendita.
    L'immobile in questione infatti è stato costruito antecedentemente al 1967, ed è stato sopraelevato con regolare sanatoria nel 1978. Successivamente però al piano terra, quella che inizialmente appariva come una sorta di veranda, è stata chiusa con una vetrata che arriva sino al primo piano. Vetrata che quindi crea due nuovi ambienti che aumentano la cubatura della casa stessa.
    Il venditore affermava che rientrava tutto nella sanatoria, e il notaio stipulando l'atto allegava allo stesso la sanatoria di sopraelevazione e altre due sanatorie distinte. Per questo motivo io ho dato per scontato che fosse tutto in regola...
  • Consulente  - Non disperi
    Salve Serpial
    è proprio sicuro che le sanatorie allegate non si riferiscano solo al suo immobile?
    Mi scusi se le faccio questa domanda perchè di errori formali in catasto se ne trovano tanti.
    Mia mamma ad esempio al catasto risultava proprietaria di ben 8 immobili a Frascati, usciti fuori da Visura Catastale. Eppure non era vero, c'era stato solo un errore di trascrizione degli atti precedenti.
    Pensi chi aveva comprato quelle abitazioni e non se le ritrovava.
    Prima di vedere il bicchiere mezzo vuoto, proviamo ad accertarsi del contrario. Magari senta il proprietario che comunque, risponde sempre delle dichiarazioni false e mendaci.
  • serpial
    Nel ringraziarla per la risposta celere le rispondo che purtroppo le due sanatorie in oggetto non riguardano il mio immobile. Ho provveduto io stesso alla richiesta presso l'ufficio tecnico del comune, e speranzoso riguardassero la parte che a me interessava ho constatato purtroppo che una riguardavano un garage, e l'atra un fabbricato rurale. Percio a parte la sanatoria di sopraelevazione regolarmente sanata, in comune non risulta nient'altro
  • Anonimo
    Nel ringraziarla per la risposta celere le rispondo che purtroppo le due sanatorie in oggetto non riguardano il mio immobile. Ho provveduto io stesso alla richiesta presso l'ufficio tecnico del comune, e speranzoso riguardassero la parte che a me interessava ho constatato purtroppo che una riguardavano un garage, e l'atra un fabbricato rurale. Percio a parte la sanatoria di sopraelevazione regolarmente sanata, in comune non risulta nient'altro
  • Consulente  - Cose da pazzi
    Salve Serpial
    a questo punto prenda in mano l'atto e vada da un avvocato esperto in materia edile e faccia contattare la controparte che dovrà provvedere a regolamentare la situazione per evitare oltre che la denuncia penale anche la citazione per danni.
  • serpial  - Grazie
    Grazie per i consigli. Secondo lei ci sono gli estremi per richiedere un annullamento dell'atto tramite una causa e recuperare cosi i soldi spesi per questa casa? Grazie ancora per la disponibilità
  • Consulente  - Estremi per annullamento?
    Salve Serpial
    non so se ci sono gli estremi per l'annullamento perchè tutto dipende dal contenuto dell'atto.
    Ma credo nella possibilità di sistemare il tutto.
  • serpial
    Il venditore alla fine ha dichiarato il falso e nell'atto si legge che era responsabile penalmente per dichiarazioni non conformi alla realtà...pensavo di inoltrare causa e chiedere l'annullamento del rogito, cosa ne pensa? grazie ancora
  • Consulente  - Da solo non può far nulla
    Che bisogna leggersi bene tutte le carte e poi perchè no, richiedere l'annullamento del contratto, ma lei ha l'obbligo di riportare le cose allo stato originale. Questo è un tema spinoso. Ecco perchè le ho consigliato di cercarsi un buon avvocato specializzato in diritto contrattuale edile
  • Marco  - Annullamento atto di compravendita
    Salve ,
    la mia situazione è disperata: ho acquistato un appartamento di nuova costruzione nel 2012 nella zona di Pesaro e solo oggi mi accorgo che sono stati fatti dei gravi abusi edilizi prima del rogito: aumento di volumetria, apertura finestre nei muri portanti del seminterrato, due stanze adibite a cantina e deposito che invece nella realtà sono camere da letto. Tutto ció è venuto alla luce grazie ad un agente immobiliare che ho contattato per mettere in vendita l'appartamento perchè mia intenzione era acquistare un appartamento più ampio causa diverse esigenze. Mio errore capitale fu fidarmi completamente del costruttore, che ha un ottima fama nella mia zona, inoltre lavorando 8 Mesi su 12 all'estero non ero mai presente in cantiere ed inoltre sono completamente ignorante per quello che riguarda l'edilizia e l'urbanistica. Ora cosa posso fare visto che gli abusi sono insanabili ? Posso fare causa per il danno subito o ormai è tutta colpa mia? Posso rendere nullo l'atto e richie...
  • serpial
    Salve marco,
    siamo praticamente sulla stessa barca. Controlla la planimetria della casa e quella del catasto allegata all'atto notarile. Se è discorde allo stato delle cose rivolgiti ad un avvocato e fai causa. Io sto facendo lo stesso. Tienimi informato sugli sviluppi. E' chiaro che sei parte lesa e che sei stato truffato. L'atto se vi fossero tutti questi illeciti non sarebbe dovuto neanche essere redato!
  • Consulente  - Ha ragione Serpial
    Segui il consiglio di Serpial.
    Inoltre Marco tu hai maggior tutela perchè il notaio, con il decreto 78/2010 è responsabile di ciò che firma!
  • Anonimo
    Grazie per le risposte, la planimetria allegata all'atto di compravendita è completamente difforme dallo stato dei fatti! L'unica prova che ho è la perizia del tecnico mandato dalla banca con cui ho acceso il mutuo che ha allegato delle foto tra cui ci sono anche quelle degli abusi ; la perizia ed il sopraluogo sono avvenuti prima del rogito. A settembre ho già preso appuntamento con un avvocato per capire il da farsi. Sono ad ogni modo molto preoccupato perchè nel caso si procedesse per vie legali chissà quanto tempo ci vorrà ed inoltre nel caso fossi costretto a ripristinare non avrei più una camera da letto, è un bel guaio e ce l'ho sopratutto con me stesso per essermi fidato ciecamente. Solo in questo momento mi sto rendendo conto dei soldi che ho buttato via e della gravità di queste cose!! Mi rimane solo la speranza di credere che tutto non è perso!! Grazie ancora
  • serpial
    Gentile consulente, rientro dunque anch'io col decreto 78/2010 dato che l'atto notarile è sato fatto l'11/2011? Marco i tempi non so quanto siano lunghi, sto cercando di capirlo anche io ma non disperare. Hai tutte le ragioni del mondo e ne verrai a capo! E' inutile piangere sul latte versato, ora concentrati per recuperare al meglio il tutto!
  • Consulente  - Valida la legge 78/2010
    Si Serpial anche per lei è valido il D.L. 78/2010
  • Consulente  - Preliminare a tutela delle parti
    Salve Luigi
    in genere il preliminare viene firmato a tutela delle parti. Non si arriva al tribunale, ma è meglio tutelarsi in anticipo.
  • Gida  - posso chiedere la rettifica del contratto?
    Gentile consulente avrei bisogno di un suo consiglio, circa 6 anni fa ho acquistato un appartamento con un terrazzo in una palazzina dove ci sono altri tre condomini ,in questi giorni per motivi del rifacimento del terrazzo di mia esclusiva proprieta' ( che funge da copertura alla palazzina ) mi sono accorta che e stata aggiuta a mia insaputa un clausola a favore dei condomini,mi spiego su questo terrazzo di mia esclusiva proprieta' come fa riferimento sia il vecchio contratto che il mio i condomini anno costruito una casetta e dentro anno collocato le vasche dell'acqa premetto che il vecchio proprietario e in Svizzera e non si e accorto mai di niente ,uno dei condomini che mi a accompagnato da questo notaio visto che io non ne conoscevo a fatto scrivere accanto dove si dice con proprieta' esclusiva di un terrazzo ( con la penna e traparentesi ) tranne il vano vasche condominiale.Posso far togliere questa clausola visto che la sola proprietaria del terrazzo sono io? Visto che a...
  • giuseppina  - consiglio
    Ho acquistato un locale e sull'atto di vendita il venditore garantisce la conformita' dell'impianto elettrico.l'elettricista incaricato della messa a punto delle prese elettriche ha riscontrato la non conformita' dell'impianto.Posso chiedere al venditore le spese dell'impianto da effettuarsi a norma e se si' cosa devo fare?Grazie
  • Consulente  - Chiami il proprietario lo informi della situazione
    Salve Giuseppina
    il problema non è tanto del proprietario quanto di chi ha rilasciato la certificazione di conformità.
    Senta il proprietario e faccia presente il problema. Se ha garantito la conformità dell'impianto è giusto che risponda di eventuali problemi.
    Certo, l'acquisto deve essere recente.
  • Consulente  - Acquisto retrodatato
    Salve Gida,
    come fa a sapere che la clausola è stata aggiunta a sua insaputa?
    Ha un contratto firmato senza tale clausola scritta a penna e firmata in originale dal proprietario e dal notaio?
    Il condomino di cui parla dove ha fatto aggiungere la clausola?
  • Maria
    Premetto siamo nel 2007. Acquisto una villetta (dico cosi' perché e' completamente cintata e usufruibile solo da me. Bene nell'atto viene indicato appartamento e il giardino a monte risulta BCNC, lo spazio a valle risulta anch'esso BCNC spazio di manovra (questo dalla visura catastale fatta di recente. All'atto le planimetrie riportano le due diciture BCNC ma il venditore(costruttore)mi aveva assicurato pitturando in verde i due spazi che erano di mia eslusiva proprieta'. La particella nasce da una suddivisione di una particella unica del venditore(costruttore) il quale edifica varie abitazioni, le suddivide nel 2007 ma dalla planimetria risulta si la suddivisione ma e' intestata sempre allo stesso. Non esiste vendita di questa particella alla sottoscritta. Anzi nell'atto si legge "la parte venditrice dichiara e la parte acquirente prende atto che tra le parti comuni dell'intero fabbricato distinto con la particella 260 rientra quanto riportato nel catasto dei fabbricati del com...
  • Maria
    Aggiungo inoltre che viene rilasciata unica abitabilita' dal Comune per la particella 260 e 263 "agibilita' di fabbricati uso civile abitazione.........map.260 sub 2 e mapp. 263 sub. 2 per le unita' abitative e map. 260 sub. 3 e map. 263 sub3 accessori e box, nessun riferimento al sub. 1 che dovrebbe essere il terreno giardino e piazzale tutto cintato.
    Non esiste disegno della cinta in Comune, inoltre il giardino a monte risulterebbe dentro il limite cimiteriale dei 50 mt. (il muro della casa e' esattamente a 50 mt. dal muro del cimitero. E mi fermo qui.
  • Consulente  - Consulenza vera e propria
    Salve Maria
    la sua domanda non può essere risolta nel sito.
    Lei sta formulando una serie di quesiti tecnici che richiederebbero un vero e proprio studio di carte e piantine topografiche.
    Non sono proprio in grado di aiutarla tramite post.
  • Maria
    Grazie per la cortese risposta. Ma vorrei sottoporle un quesito. Se un costruttore ottiene la concessione per costruire due bifamiliari in un lotto di 1200 mq. Il lotto poi viene suddiviso al catasto dallo stesso costruttore in due particelle(intestate sempre allo stesso). Successivamente vende le due villette con terreno di pertinenza, tutto cintato con cancelli scorrevoli ognuno indipendente. All'atto notarile sulla scrittura privata compare che vende un appartamento di 235 mq. senza nessuna menzione al terreno di circa 400 mq.8il mio) l'altro l'ha venduto allo stesso modo.
    Inoltre sempre sull'atto compare che il sub. 1 (che dovrebbe riferirsi al terreno-ma che non viene allegata planimetria separata- risulta essere Bene Comune non censibile senza rendita. E' regolare tutto cio'??? o andava anche indicato la superficie totale della proprieta' esclusiva o questa particella risulterebbe ancora di Sua proprieta'. E' un dubbio che ho sottoposto a un geom. il quale mi ha detto che e' r...
  • Roberto  - Truffa Cantina fantasma
    Salve, Vi chiedo una cortesia, nel maggio 2012 ho acquistato un appartamento con cantina in un condominio degli anni 70, mi viene fatto notare preciso all'ultimo che le carte catastali non sono conformi per quanto riguarda i locali cantine, il venditore e l'agenzia mi dissero che era già in ballo il lavoro per la regolarizzazione, mi è stato consegnato la mappatura con tanto di registro catastale, poi per motivi legali in quanto il condominio, per spese alte si rifiuta di pagare i lavori dando responsabilità al venditore e viceversa il venditore da colpa al condominio di non voler regolarizzare, io mi trovo ancora da due anni senza cantina, il notaio se ne lava le mani, io adesso come posso agire? Grazie
  • Consulente  - Agire contro ex proprietario e condominio
    Salve Roberto,
    Secondo me dovrebbe agire contemporaneamente contro l'ex proprietario ed il condominio.
    In ogni caso il proprietario ha venduto qualcosa che non aveva per la quale ha preso dei soldi.
  • Roberto  - Truffa cantina fantasma
    Buongiorno, Ora aspetto a breve la riunione condominiale, poi mi metterò sulle difensive, intanto vi ringrazio per la cortesia.
  • Consulente  - Mi dispiace non poterla aiutare di più
    Salve Roberto mi dispiace non poterla aiutare di più. Ci aggiorni poi.
  • Consulente  - Risposta
    Salve sig.ra Maria
    mi piange il cuore non saperle rispondere.
    Posso azzardare un'ipotesi. Ha verificato se il terreno e le abitazioni sono accatastate con particelle catastali diverse? Esempio la sua bifamiliare fa parte della particella dove esiste il terreno oppure è una particella a se stante?
    Per ipotesi se esistesse una particella che identificasse solo la sua abitazione, da dove si accederebbe? In un atto di vendita si immagino si dovrebbe garantire l'accesso all'abitazione.
    Di più non so dirle
  • Maria
    Lo so e' un ginepraio, ce ne stiamo accorgendo ora. Comunque il lotto iniziale e' stato suddiviso in due particelle, una dove esiste il mio fabbricato con il relativo terreno e l'altra ben distintE. Purtroppo non si riesce a capire l'accesso alla mia proprieta' perché in planimetria non esiste. Strano ma e' cosi' esiste solo un quadrato con i vari SUB , non sono indicati i confini e questo maledetto BCNC sulle due area mie una a monte e una a valle, la villetta e' al centro. Ho potuto vedere recentemente la planimetria del mio vicino, che ha provveduto, senza avvisarmi, a modificarla. Ora sulla sua si vedono il confine, con la mia, e stranamente il BCNC non compare piu'e' corpo unico con la villetta (intendo anche il giardino) Qui si capisce come e' composta la particella. La mia invece no, sembra un appartamento sospeso nel vuoto, senza confini.Ma il vicino poteva far sparire il bene comune senza avvisarmi o lo ha ritenuto un errore del costruttore e ha provveduto a modificare la p...
  • Consulente  - Non so risponderle
    In ogni caso prima sistema la sua particella e meglio è!
  • Maria
    Grazie, e' quello che sto cercando di fare. Ma un'ultima cosa (scusatemi) se sul rogito appare solo la vendita dell'appartamento cat. cat. A2 (a corpo e non a misura) nessun riferimento al terreno e tantomeno alla sua supeficie, nessun riferimento al vincolo cimiteriale (che purtroppo esiste). L'atto e' valido????
    Inoltre d'ufficio dopo 8 mesi l'agenzia dell'entrate mi cambia la categoria catastale villino a7 (giustamente) perché cosi' appare visivamente. Puo' esserci appigli per nullita' po annubilita' atto???
  • marcela  - consiglio
    ciao,per corezia mi sa dire cosa mi puo sucedere in questo caso che gli descrivo subito.ho preso in affitto un locale che e previsto anche di un parchegio privato quale parchegio e stato meso in contrato d'affitto,pero prima di me la vechia gestione pur non avendo il parcheggio in contrato d'affitto hanno messo una tenda e un impianto eletrico abusivo ,quale a sua volta mi e stato venduto come facete parte del'ativitta,che non sia regolare l'ho saputo dopo aver aquistato.e posibile denunciare il fatto?
  • Consulente  - Mai firmare senza sapere cosa si prende
    Se il parcheggio è nel suo contratto e come se l'abuso lo abbia fatto lei. Come prima cosa mandi una raccomandata al proprietario e chieda di togliere quello che c'è perchè le serve il parcheggio. Se non lo fa, faccia una variazione del contratto d'affitto togliendo la parte del parcheggio.
  • sara  - cisterna di gasolio
    buongiorno, abbiamo acquistato una casa singola e stiamo iniziando i lavori di ristrutturazione nel mentre scopriamo una cisterna di gasolio interrata dismessa da anni e piena di detriti, acqua e gasolio... non è stata dichiarata nell'atto notarile e nemmeno al comune è una cisterna "fantasma", dobbiamo procedere con i lavori di bonifica e di messa in sicurezza ed i costi sono parecchio elevati, in questo caso chi deve pagare? il vecchio proprietario? e il notaio ha delle responsabilità?
    grazie in anticipo per la risposta.
  • Consulente  - Abuso del proprietario non denunciato
    Più che altro penso il vecchio proprietario. Il notaio non credo fosse al corrente di tale abuso.
  • Alessandro  - Legge 78/2010, Comune irresponsabile dei controlli
    Salve, in base alle sue esperienze, le chiedo un'opinione. Dati
    Condominio anno 1971, certificati di abitabilità in regola.
    La pianta catasto nazionale corretta con la struttura, catasto urbano con pianta difforme rispetto la realizzazione (non riporta ben 3 appartamenti e ascensore in posizione diversa). E' chiaro che all'epoca della realizzazione qualcuno al Comune non ha vigilato/controllato o ha omesso controlli o perso la pratica che e' invece correttamente giunta al Catasto Nazionale. E' pensabile ora che per sanare la posizione agli attuali proprietari vengano chiesti gli oneri di urbanizzazione (circa 30000€)? Come potremmo agire per tutelarci?
    Grazie
  • Consulente  - Ma quale è la pianta corretta?
    Salve Alessandro,
    ma quale è la situazione effettiva? Quella presentata al catasto o quella risultante al comune?
  • Alessandro  - risposta
    quella del catasto.
    Grazie
  • Consulente  - Accatastamento ed oneri concessori
    Salve Alessandro
    In "alcuni casi" qualcuno riusciva ad accatastare le case senza pagare gli oneri concessori.
    Tuttavia nel tempo ci sono stati vari condoni, di cui il primo poteva far risalire l'abuso addirittura ai tempi della costruzione e pagare pochissimo. Mi sembra strano che non si sia aderito a nessun condono edilizio.
    Verifichi bene la documentazione a disposione.
    In ogni caso si rivolga ad un bravo avvocato edile.
  • MAURIZIO  - CONFINE NON CHIARO
    Salve, un anno fa mio Padre ha acquistato tramite un'agenzia immobiliare, una casetta indipendente con un piccolo giardino.
    Alcuni mesi fa, il vicino confinante ha cominciato a mettere pietre sul muretto di sua proprietà (lato strada)continuando nel muretto in comune con mio Padre, entrando di fatto nella proprietà di mio Padre. Il muretto in questione fa da confine tra la proprietà di mio Padre e quella del vicino. Lui sostiene che il muretto è tutto suo mentre chi ha venduto a noi dice che è metà per uno. Dalle mappe, non si riesce a stabilire quali siano effettivamente i confini perché 50 anni fa non erano precise e quindi un centimetro può essere un metro. Adesso mi chiedo, visto che non c'è traccia della questione nell'atto e visto che adesso dovremo ricorrere per vie legali mio Padre può chiedere di contribuire alle spese da sostenere all'Agenzia immobiliare e ai vecchi proprietari?
    inoltre stiamo cercando un avvocato civile che conosca la materia.
    grazie
  • Consulente  - Buoni rapporti di vicinato
    Qualunque sia la spesa che sosterrete la risposta del giudice sarà di dividere il confine a metà.
    Di conseguenza vi consiglio vivamente di risparmiare i soldi che dovrete agli avvocati per intentare cause decennali e mettervi d'accordo.
    Accetti il mio consiglio. Purtroppo quando ci sono le ultime proprietà che devono combaciare succedono sempre queste situazioni e le risoluzioni delle sentenze non danno ragione mai a nessuno ma dividono a metà la parte contestata.
  • Maria
    Ho una domanda un po' generica. in una scrittura privata di compravendita viene allegata la planimetria catastale. Bene vorrei sapere (siamo a luglio 2007) se e' possibile risalire quando e' stata stampata questa scheda catastale, mi spiego meglio CI DEVE ESSERE UNA DATA CERTA che stabilisce se il notaio ha richiesto la stampa e di conseguenza ha verificato che tutto fosse OK. o
    si e' limitato ad allegare quella consegnata dal venditore.Quella allegata al mio atto NON HA NESSUNA DATA DI RIFERIMENTO.
    Inoltre a quell'epoca era obbligatorio apporre un bollo (ho visto una scheda catastale del luglio 2007 dove appare in fotocopia anche un bollo.
  • Consulente  - Prima del D.L. 78/2010
    Salve Maria
    prima del D.L. 78/2010 i notai non erano tenuti a controllare la documentazione.
    Il controllo eventualmente veniva pagato a parte.
    Ecco perchè in genere è la parte acquirente che si sceglie il notaio di fiducia
  • Maria
    buongiorno, avrei bisogno di avere una risposta è stato stipulato un atto notarile pubblico del 2008 dove veniva citato un permesso di costruire e successiva DIA (ad oggi risultati entrambi errati). Ora i proprietari devo procedere alla vendita dell'immobile cosa succede in quasto caso?
  • Consulente  - Le cose cambiano
    Salve Maria
    veramente è da verificare se quel permesso di costruire è ancora valido dal 2008. In genere non hanno validità infinita ma presentano una scadenza che dipende dal permesso stesso (in genere 4 anni. Si accerti quindi dell'esistenza del permesso
  • Maria
    le trascrivo questa nota......La Soc.XXXX come sopra rappresentata e i sig.. XXXX e XXXX costituiscono servitu' reciproca di passo pedonale a favore ed a carico di una porzione del cortile facente parte dell'immobile riportato nel catasto fabbricati foglio 43 part. 248 sub. 1, di cui all'art.2 che precede, a favore ed a carico di una porzione del cortile facente parte dell'immobile riportato nel Catasto dei fabbricati al foglio 43 part.247 sub.1...... piani S-T senza rendita "bene comune non censibile" di proprieta' della SOc.XXXXX

    Ora e' chiara la servitu' che si e' instaurata,
    la soc. XXX ha costruito un altro immobile su un lotto ad una distanza inferiore a quella legale (fondo dominante e servente- che forse ho capito) ma quello che non capisco e' quello sopra COSA SIGNIFICA CHE IL sub1 RELATIVO AI PIANI S-T BENE COMUNE NON CENSIBILE SIA ANCORA DI PROPRIETA' DELLA SOC.XXXX CHE HA COSTRUITO E VENDUTO L'IMMOBILE''' o capisco male io e si riferisce solo alla piccola strisc...
  • Consulente  - Cosa vuole che risponda?
    Salve sig.ra Maria
    se non sbaglio leho già detto che non si può dare una risposta alla sua domanda senza visionare i documenti.
  • Maria
    Buongiorno, si sono sempre io, ma questo quesito non riguarda la mia proprieta'. Le ho scritto a nome di una vicina che si e' trovata fra le mani, al momento del rogito, una busta contenente questo scritto. Naturalmente dato dal venditore/costruttore fuori dalla porta del notaio. Voleva solo sapere se e' normale che un B:C:N:C: sia di proprieta' esclusivo del venditore.e che questo personaggio si sia tenuto un pezzo del lotto dove ha costruito e non ha ceduto tutto il lotto all'acquirente. Per lotto si intende il piazzale antistante ai box, che non e' strada comunale. Grazie comunque.
  • Consulente  - Non è possibile rispondere senza visionare le cart
    Salve sig.ra Maria,
    mi scusi se rispondo in ritardo ma ho problemi con il ricevimento delle domande.
    In ogni caso tutta la documentazione che avete, dovreste portarla da un unico avvocato, perché non mi sembra molto chiara la cosa.
  • Vanessa  - Truffa
    buonasera invio la presente in quanto ho comprato un rustico nel 2006 in attesa di concessione edilizia. La Banca ha concesso il mutuo ,il Notaio ha rogitato. Ho inviato al Comune lo stato inizio lavori. Dopo un anno
    la casa mi è stata sequestrata (ancora non era del tutto terminata) il Giudice ha fatto una visura con foto aerea per verificare se la casa era stata costruita nei tempi giusti per richiedere i condono. Purtroppo risulta non esserci. Quindi il PM ha sequestrato perchè abusivo denunciando il vecchio proprietario del abuso. Noi abbiamo fatto causa a lui per truffa ed è stata vinta. Ad oggi la casa è ancora sequestrata il mutuo viene pagato regolarmente, ma noi non che siamo i truffati non possiamo rivalerci sul vecchio proprietario perchè non possiede niente. E' possibile che dopo tutti questi anni non riusciamo a riavere la nostra casa? Ora c'è anche il pericolo di demolizione.
  • Consulente  - Risposte dal Tribunale
    Salve Vanessa,
    purtroppo queste sono "battaglie" che vengono decise in tribunale. Solo il Giudice potrà stabile cosa fare.
  • Marco
    abbiamo costruito un immobile in quattro. ora dopo ben 16 anni ci siamo avveduti che sull'atto di divisione redatto dal notaio è stato riportato in modo errato il numero della concessione edilizia. L'atto è valido lo stesso? cosa bisogna fare per correggere l'errore anche perchè il notaio che lo ha redatto è andato in pensione.
  • Marco
    rettifico quanto detto sopra si tratta della concessione edilizia per condono.
  • Consulente  - Atto di rettifica
    Bisogna far redigere un atto di rettifica del precedente
  • fabio  - Richiesta info
    Salve,
    ho acquistato un'appartamento ed ho ottenuto il documento da parte dell'amministratore di condominio, circa la regolarità dei pagamenti del precedente proprietario.
    Dopo circa 20 mesi, viene fuori che il vecchio amministratore di condominio, non ha pagato il consorzio di quartiere, il quale ora chi chiede immediatamente il rientro.
    Il precedente proprietario aveva versato tutte le quote, così come tutti gli altri condomini, ma adesso occorre ripiamare questo debito.
    Quello che volevo sapere è : a chi è ascrivibile questo debito?? Al nuovo proprietario oppure al precedente?? Grazie
  • Consulente  - Debito al precedente debitore fino alla data di ve
    Salve Fabio,
    salvo postille su atto dove lei si assume gli oneri che spettavano ad altri, lei dovrebbe pagare solo gli oneri dalla data di acquisto, se ve ne sono
  • Andrea  - Chi paga la rettifica
    Buon Pomeriggio
    Ho acquistato con atto notarile e mutuo nel novembre 2005 un appartamento posto al secondo piano e terrazzo sopra di esso con sub 7 e sub 10!
    Nel fare una surruga del mutuo e quindi richiedere la planimetria del mio appartamento ho scoperto che la voltura è bloccata ed esso risulta ancora a nome dei vecchi proprietari, venendo a conoscenza che 10 giorni dopo l'atto veniva modificato la visura da parte di chi e l'appartamento con il terrazzo sono diventati sub.10! Devo rettificare l'atto di mutuo per poter accatastare l'immobile a mio nome, e ripagare 1700 euro di rettifica!!!
    Chi ne risponde adesso del danno che ho subito e dei soldi che dovrei spendere per rettificare l'atto?
    Grazie
  • Consulente  - Paga chi ha fatto la rettifica
    Salve Andrea come prima cosa deve verificare se non c'è stata solo un errore in fase di registrazione dell'atto al catasta. Se poi c'è stato un errore, dovrebbe pagare chi ha chiesto la variazione
  • Anonimo
    il 27 marzo 2000 ho stipulato un contratto per l'acquisto di un appartamento ed il notaio nel fare la descrizione dei vani dell'appartamento ha indicato n. 2 camere anzichè 1 camera e 1 ripostiglio. NOn posso regolarizzare la situazione con il comune perchè il vano in questione non ha le dimensioni per essere dichiarato camera.
    La difformità suddetta è con la planimetria concessionata dal Comune, mentre quella catastale non riporta la destinazione dei vani.
    Ora vorrei vendere tale appartamento è possibile sanare tale situazione con la nuova vendita? In caso contrario come può essere sanata tale difformità?
    Preciso che il notaio che stipulato il contratto suddetto, da me interpellato, mi ha precisato che dato il tempo trascorso non è possibile rettificare l'atto.
    Grazie per l'eventuale risposta e complimanti per la rubrica molto esaustiva nelle risposte.
    Lelio
  • Consulente  - Deve chiedere ad un geometra
    Salve Anonimo
    deve chiedere consulenza ad un geometra che si occupa di queste pratiche.
  • antonio  - annullamento atto
    buongiorno volevo sapere se tra atto e visura catastale c'è discrepanza perche l'immobile appena acwuistato si trova in un altra via e non su quella catastale e possibile chiedere l'nnullamento del atto grazie
  • Consulente  - Diversità tra visura e atto
    Salve Antonio,
    bisogna verificare se la divergenza è legata ad in errore di registrazione o ad un errore provocato da inganno.
    Solo in quest'ultimo caso può essere annullato l'atto. Negli altri casi si deve procedere a registrazione
  • Gianmarco  - Nullità dell'atto
    Salve, volevo una delucidazione in merito alla nullità dell'atto. Può essere "nullo" un rogito di compravendita di un'immobile dichiarato inagibile? Nello specifico, il proprietario del box sotto il mio appartamento, mi ha citato in giudizio perché l'innalzare del mio secondo piano avrebbe provocato la "frana" nel suo box. Io ho ottenuto la sanatoria, mentre lui ha venduto l'immobile quando, a data odierna, vi è in corso il procedimento giuridico, scaturito dalla sua denuncia. Questa tipologia di vendita, può essere annullata, visto che non vi è stato nemmeno concesso il diritto di prelazione? Ed entro quanti anni si può fare opposizione alla vendita?
    Grazie.
  • Consulente  - Diritto di prelazione non obbligatorio
    salve Gianmarco
    il diritto di prelazione non è obbligatorio, salvo decisioni del giudice.
    Se però è crollato il box, aldilà della sanatoria, mi domanderei il perché del crollo!
  • Pepp  - balconi abusivi?
    sto per acquistare un immobile nella cui planimetria non risultato due piccoli balconi, questi però sono palesemente stati costruiti con il palazzo e sono uguali in tutti i piani dell'edificio (costruito anni 30 o 50). forse una volta non venivamo inseriti nelle planimetrie del genio civile.
    come devo comportarmi? l'attuale padrone deve dichiararli al catasto prima della vendita?
    attendo risposta grazie
  • Consulente  - CHieda ad un geometra
    Salve Pepp
    deve richiedere una consulenza ad un geometra
  • Anonimo
    Salve,
    Sto acquistando un appartamento la cui planimetria corrisponde allo stato di fatto della casa (1 stanza più 1bagno) ma il bagno è stato costruito nel 2001 e non è mai stata presentata in comune alcuna richiesta o autorizzazione. Il notaio mi dice che non è possibile procedere al rogito,ma i proprietari non si ritengono responsabili non avendo effettuato loro i lavori. Al momento è tutto bloccato. Di cosa ci sarebbe bisogno?
  • Consulente  - Piano casa
    Salve Anonimo
    per tagliare la testa al toro, ora è in vigore il piano casa che permette di regolarizzare tutto.
  • valeria  - errore notaio
    salve, a fine 2010 ho acquistato due immobili (due posti auto in autorimessa del seminterrato di una palazzina). A distanza di 4 anni dall'acquisto ho richiesto in comune tutti i documenti riportati dal notaio nell'atto notarile e mi son accorta che in realtà nessun documento riporta l'agibilità per quanto riguarda i miei due immobili (il documento presente in comune e citato dal notaio certifica l'agibilità per solo 9 dei 12 posti auto mentre i miei due ne sono sprovvisti). a questo punto, oltre a sciogliere il contratto d'acquisto, a chi posso chiedere i danni che ciò mi arreca? solo al venditore o anche al notaio?
  • Consulente  - Agibilità errore notarile?
    Salve Valeria
    è sicura che sia un errore notarile e non un errore di trascrizione catastale o dimenticanza della documentazione presso gli uffici notarili?
    Se è sicura, può chiedere danni ad entrambi, credo, perché nel 2010 il notaio era già responsabile delle sue azioni.
  • MANI  - difformità fra cartine catastali e progetto scoper
    DOPO 20 ANNI SONO ANDATA A VENDERE LA MIA CASA E HO SCOPERTO UN ABUSO EDILIZIO ASSAI GRAVE.LA MIA CUCINA E PIù GRANDE DI 30 CM E LA SALA DI 60 CM E LOGICAMENTE LA PARETE PERIMETRALE è SPOSTATA DI 90 CM.IO MI CHIEDO CHI è RESPONSABILE?IO AL MOMENTO DEL ROGITO HO PAGATO UN NOTAIO E UN GEOMETRA E OGGI QUALI SONO I MIEI DIRITTI?COSA POSSO FARE MI POSSO RIFARE SUL VENDITORE CHE ANCHE SULLA COMPRAVENDITA GARANTIVA LA REGOLARITà EDILIZIA .QUALI SONO I MIEI DIRITTI DATO CHE MI RITROVO UNA CASA INVENDIBILE.DIMENTICAVO LE CARTINE CATASTALI SONO REGOLARI MENTRE IL PROGETTO E DIFFORME COME LE MISURE.PER FAVORE DITEMI COSA POSSO FARE?
  • Consulente  - Dopo 20 anni decade tutto
    Salve Mani
    l'unica cosa che può fare è vedere se può regolarizzare il tutto con il piano casa, se è stato adottato dal suo Comune.
  • Mani  - Difformità fra cartine catastali e progetto
    Il mio geometra si è recato in comune e la sanatoria che dovremmo fare risulta essere più alta del valore dell 'appartamento .perche non posso chiedere di invalidare il rogito? Sono stata ingannata ! Sul rogito veniva garantito da parte del venditore che il palazzo e l 'appartamento era conforme .il rogito da parte del notaio e stato fatto sulla base delle cartine catastali che risultano essere regolari e noi dichiaravamo di averle accettate ,mentre le copie del progetto che ci ha consegnato che risultava essere regolare era ingannevole perché non riportava il timbro del comune mentre il progetto veritiero e risultante sul rogito e difforme.Difformita che è solo riconducibile al momento della costruzione e al vecchio propietario. Io ho acquistato nel 1995 allora già si richiedeva una conformità garantita dal propietario . Non posso credere che i sacrifici della mia vita devono finire così mentre chi imbroglia ne esca pulito.Io sono stata imbrogliata e raggirata .
    Cosa posso ...
  • Consulente  - Annullamento dell'atto dopo vent'anni?
    Salve Mani
    bisogna vedere precisamente quanti anni sono trscarsi dalla vendita.
    Inoltre poi nessuno le vieta di fare quello che le pare.
    Certamente sulla base delle parole scritte su un sito non posso certo darle delle risposte certe. Considri che la Legge non sempre è retroattiva. E lo Stato Italiano non ammette "ignoranza normativa e legislativa".
  • Michele  - non conformità immobile
    Salve,
    nel marzo 2011 ho acquistato una unità immobiliare facente parte di un complesso condominiale di 8 appartamenti (dei quali 5 venduti). Nel corso del tempo si sono manifestati vizi privati e condominiali sottoposti all'attenzione del costruttore da parte di alcuni condomini senza mai nessuna risposta. Oggi ho incaricato privatamente un tecnico che valuti la conformità alla regola d'arte ma già mi ha confermato che tale conformità dichiarata all'atto di compravendita non c'è. Può essere questo quindi motivo di recesso del contratto e di risarcimento danni? (ovviamente con la tutela di un Legale)

    Grazie
  • Consulente  - Se non glielo conferma il tecnico che ha assunto
    Salve Michele
    il tecnico che assunto farà una perizia!
    Se nonconferma lui quanto mi ha chiesto.... che dire!!!
  • fortunata cammilleri  - Piano abusivo è nullo da quando si scopre?
    sette anni fa ho acquistato un appartamento da ristrutturare, poi ho avuto qualche problema che mi ha impedito per un po' di tempo. Finalmente, lo scorso anno, ero riuscita a mettere da parte un po' di soldi per farlo. Ma la cosa assurda che ogni volta che contattavo un ristrutturatore mi chiedeva sempre di più per la sistemazione in quanto l'ultimo piano, il mio, era esposto ad un deperimento notevole. I muri apparivano sfarinarsi. Attraverso internet riesco a trovare un costruttore che mi chiede una somma più modesta, ma mi è costata il totale deperimento in quanto sono finita nelle braccia di una banda di ladri che mi hanno preso decina di migliai di euro senza far niente. Solo da un mese ho scoperto che il piano è stato elevato abusivamente con materiale povero.
    Che fare?
    F. Cammilleri
  • Consulente  - Si rivolga a periti per eventuale cause
    Salve Fortunata
    si rivolga a periti per certificare il tipo di materiale e poi sulla base delle fatture, chiami in giuduzio l'azienda che le ha fatto il lavoro. Se poi il problema risale al momento dell'acquisto ed il perito può certificare anche questo,potrebbe chiamare in giudizio anche il venditore
  • Nico  - Acquisto terreno
    Buongiorno e complimenti per le risposte sempre esaurienti
    Pongo la mia domanda: sto per comprare un terreno agricolo sul quale sono presenti una struttura di 25 mq condonata da ristrutturare completamente e due strutture rispettivamente di 5 mq abusive più una tettoia di 20 mq pure lei abusiva.
    E mi intenzione riportare tutto in ordine ristrutturando il condonato e demolendo l'abusivo. Come posso procedere sia formalmente con compromesso e rogito che fisicamente? Aggiungo che un geometra sta già procedendo con un'ipotesi di progetto per la ristrutturazione
  • Consulente  - Compromesso e rogito
    Salve Nico,
    come prima cosa deve fare una visura catastale in modo tale da verificare la presenza del rudere. Verificare che il condono sia tutto a posto facendosi rilasciare copia della domanda e copia dei bollettini pagati per fare riscontro presso l'ufficio condono.
    Poi altra cosa importante, fare in modo che il valore che inserite nell'atto non sia inferiore al valore di mercato della zona per evitare accertamento dall'agenzia delle entrate.
  • Nico  - Acquisto terreno
    Grazie per la tempestività.
    Per quanto riguarda il condono e' tutto ok ma le mie richieste di info erano altre, infatti non so infatti come procedere con compromesso (cosa scriverci esattamente) e seguente rogito (devo tacere al notaio la presenza di parti abusive) visto che procederò alla ristrutturazione della parte condonata e all'abbattimento della parte abusiva.
    Ci sarebbe infatti da parte mia una dichiarazione falsa al notaio se dico che non ci sono parti abusive o comunque non corretta se non denuncio la presenza delle stesse.
    Inoltre nel periodo intercorrente tra il rogito e l'abbattimento dell'abusivo sarei io il responsabile di dette costruzioni.
    Ringrazio già per la sua gentile risposta.
  • Consulente  - Deve sentire il geometra che sta preparando il pro
    Credo che il suo geometra sfrutterà il piano casa. Di conseguenza può chiedere al geometra se inserire questa parte, perchè dipenden da come andrà ad impostare il progetto
  • alessandro  - atto compravendita
    sto stipulando un atto definitivo di compravendita,sono stato chiamato dal notaio che mi mette al corrente che nelle planimetrie catastali in suo possesso non risulta presente al catasto un locale vano scale e ripostiglio sottoscala situato a piano terra che da accesso all'appartamento posto al primo piano .Chiedo se questo vizio può invalidare il preliminare di compravendita o ritardare l'atto in quanto la visita del perito della banca, dove ho chiesto il mutuo,potrebbe non risultare positivo causa questo anomalia.E' vero che se tutto ciò non comporta aumento della rendita catastale,possiamo andare alla stipula senza nessun problema?
  • alessandro  - atto compravendita
    sto stipulando un atto definitivo di compravendita,sono stato chiamato dal notaio che mi mette al corrente che nelle planimetrie catastali in suo possesso non risulta presente al catasto un locale vano scale e ripostiglio sottoscala situato a piano terra che da accesso all'appartamento posto al primo piano .Chiedo se questo vizio può invalidare il preliminare di compravendita o ritardare l'atto in quanto la visita del perito della banca, dove ho chiesto il mutuo,potrebbe non risultare positivo causa questo anomalia.E' vero che se tutto ciò non comporta aumento della rendita catastale,possiamo andare alla stipula senza nessun problema?
  • Consulente  - Scelta sua, del notaio e liberatoria al venditore
    Salve Alessandro,
    questo è un vizio che può invalidare l'atto se a "conoscenza" del notaio di fiducia.
    Naturalmente se lei vuole proseguire con l'atto, lo può fare. Basta non sapere nulla!
  • Consulente  - Scelta sua, del notaio e liberatoria al venditore
    Salve Alessandro,
    questo è un vizio che può invalidare l'atto se a "conoscenza" del notaio di fiducia.
    Naturalmente se lei vuole proseguire con l'atto, lo può fare. Basta non sapere nulla!
  • marco  -  Stipula atto di acquisto
    Buonasera. Io ho comprato una vecchia casa completamente fatiscente. Ho scoperto, dopo la stipula, che le planimetrie allegate all'atto non rispondono alla realtà (praticamente nella planimetria presentata dal venditore c'è una stanza che non era sua).Facendo le dovute ricerche al catasto, ho scoperto che quella stanza è di altri proprietari , di un immobile adiacente. Posso chiedere l'annullamento dell'atto e la restituzione della somma versata per l'acquisto?
    Grazie
  • Consulente  - Consulente
    Mi scusi, ma il notaio non controlla la documentazione? Non lo ha scelto lei?? A mio parere é responsabile anche il notaio
  • marco
    Il notaio non è stato scelto da me ma dal venditore, visto che io non avevo preferenze al riguardo. Probabilmente il notaio ,visto che al catasto non era presente nessuna planimetria,ha preso per buona quella che è stata redatta da un tecnico incaricato dal venditore, senza fare nessun accertamento sul luogo.(altrimenti si sarebbe sicuramente accorto che la stanza non c'era.Ripeto,visto che la casa che ho acquistato e regolarmente pagato è priva di una stanza che in planimetria allegata all'atto era presente,posso chiedere l'annullamento e il rimborso,oppure sono costretto a mettere tutto in mano a un avvocato?
    Grazie
  • Consulente  - Atto annullabile e responsabilità del notaio
    Salve Marco
    il notaio è il primo responsabile perchè doveva controllare la conformità degli atti.
    E' probabile anche che non li abbia controllati di proposito.
    A questo punto mi rivolgerei contemporaneamente al venditore e anche al notaio.
    In mancanza di conformità tra catasto e atto notarile, l'atto può essere considerato nullo.
    Consideri però che molto spesso il catasto non è aggiornato. Si informi prima se il venditore non ha acquistato in precedenza quella stanza.
    Io ho dovuto risolvere diverse pratiche di qeusto genere. Addirittura abitazioni risultanti ancora intestate al venditore dopo 40 anni dalla vendita.
  • Marco
    Buongiorno. Intanto la ringrazio per le Sue risposte. Per quanto riguarda la stanza il mio tecnico ha già fatto tutte le verifiche e risulta regolarmente accatastata (dal 1939) facente parte di un altra unita abitativa e di piena proprietà di terzi, per cui mi stanno venendo forti dubbi che la planimetria presentata dal venditore al momento della stipula sia stata fatta senza neanche vedere l'interno della casa da me acquistata.
    La ringrazio ancora
  • Consulente  - Potrebbe configurarsi oltre che l'annullamento anc
    Salve Marco,
    sa che se fosse così oltre all'annullamento dell'atto si potrebbe configurare anche il reato penale di truffa?
  • rita  - atto di compravendita con c.f. dell'acquirente err
    Salve,
    chiedo consiglio per questo inconveniente: mia madre ha acquistato nel 1980 l'appartamento in cui viveva.mi
    sono accorta solo ora dopo che lei non c'è più che sull'atto risulta errato il suo codice fiscale e di conseguenza ho notato che sulla visura catastale risulta errata la sua data di nascita. La prego mi dia un consiglio su come poter mettere a posto il tutto. La ringrazio anticipatamente
  • Consulente  - Nota di trascrizione
    Salve Rita,
    Ho prova tramite il sito dell'agenzia delle dogane ad inviare copia dell'atto e codice fiscale ( é un tentativo), oppure il notaio dovrá fare una nota di trascrizione per rettificare il codice fiscale. Se lei é l'unica erede tutto é piû semplice.
    Provi perô la prima strada, tanto la risposta le viene data entro 3-4 giorni
  • Neris Bignotti  - DISCREPANZE TRA ATTO NOTARILE ED ATTO DI PROVENIEN
    Un Condomino in San. Maurilio 20 a Milano, sono 10 anni che ci fa cause. Solamente ora mi sono svegliata ed ho ricercato i documenti avendoci fatto nel 2013 un'altra causa, e sia sull'atto che sui suoi depositi vi sono discrepanze. se uno acquista 16 metri di negozio con bagno al piano C1 e un sotterraneo Magazzino di 86 mqC2 poi sempre sull'atto si legge che diventa dopo 10 righe ,stesso atto dice 76 mq di C1 globale con ingresso da Santa Marta e secondo ingresso al magazzino da corte comune palazzo storico. MA SE E' DIVENTATO 76 mq di C1 TUTTO ERA STATO FATTO ABUSIVAMENTE pernmesso in sanatoria depositato nel 2004 MAI ACCETTATO DAL COMUNE E PRIVO DI CERTIFICATO DI AGIBILITA' DOVUTO PER LEGGE NELLA TRASFORMAZIONE DI CANTINE SOTTERRANEE IN SERVIZI IGIENICI E MAGAZZINO POI IN 140 METRI DI GALLERIA D'ARTE SOTTO 4 METRI NELLE CANTINE?? IL NOTAIO PUO' DIRE E SCRIVERE SULL'ATTO COSE NON CORRISPONDENTI AL VERO E SERVONO ALL'AVVOCATO PER FARCI CAUSA, ANCHE L'AVVOCATO NON MI RISULA...
  • Consulente  - Il possibile e l'impossibile
    Salve Neris
    deve prendere un buon avvocato che controlli tutta la documentazione e trovi quale sia l'unica esatezza dell'atto. Solo dopo aver accertato ciò potrà adire le vie legali contro il condominio, l'avvocato, o addirittura il notaio!!
  • Neris Bignotti
    :lol:
  • gianni  - compravendita immobile con/senza posto auto scoper
    Buongiorno,
    nel 2006 acquisto un immobile, tra le cui pertinenze vi è un posto auto scoperto dotato di propri riferiemnti catastali. Nel rogito venivano riportati i riferimenti catastali dell'appartamento con la dicitura completo di pertinenze (non si fa riferimento ai dati catastali del posto auto). Io ritenevo di aver acquistato anche il posto auto, ma sembrerebbe che non ne sia io il proprietario. Sbaglio? da cansiderare che il vecchio proprietario riteneva di aver venduto anche il posto auto, ma in realtà lui non ne risulta il proprietario. Al catasto risulta che il posto auto è intestato al primo proprietario dell'immobile che ha acquistato dal costruttore. Quindi il mio notatio ha fatto copia e incolla del rogito fatto dal notaio precedente, il quale non ha incluso la pertinenza.Mi posso rivalere nei confronti del mio notaio? e come risolvere il tutto? Concludo dicendo che l'appartamento è stato accatastato nel 1990 (dopo Tognoli?)e nessuno dei due precedenti possessori dell...
  • Consulente  - Ha verificato al catasto?
    Salve Ha provato a verificare al ctasto se non ci sia stato un errore di trascrizione già al momento dell'acquisto del I proprietario?
    Se sbaglia, io questo non l'ho so dire perchè dovrei vedere la documentazione.
  • Anonimo  - posto auto
    Si ho verificato al catasto, ed effettivamente il posto auto risulta ancora intestato al I propritario. Vorrei capire se è possibile fare semplicemente una variazione al catasto e risolvere il tutto. Grazie
  • Consulente  - Sito agenzia dogane per correggere
    Salve Gianni
    Senza che spende soldi, collegandosi al sito delle dogane, potrà richiedere la correzione degli atti seguendo i vari format
  • Anonimo
    circa 7 anni fa ho venduto uno stabile abitabile, nell'atto il Notaio,scrive che l'accollo del restante mutuo va al compratore,io pensavo che l'accollo fosse automatico il cambio di denominazione sul mutuo.
    ora mni ritrovo ibtestataria di un mutuo con nessu7na possibilità di acquistare un nuovo immobile, come prevedibile risulterebbe 2 casa e in più con un'ipoteca, cosa posso fare per uscire da questo incubo.
    dovesse servire la mia mail rosanna.orticelli@libero.it
    grazie
  • Consulente  - Probabile mancata cancellazione dell'accollo
    Provi a chiedere al notaio. Se la controparte ha pagato il mutuo, non può risultare il suo acquisto II casa
  • Andrea  - Difformità catastale balcone più grande
    Buongiorno,

    volevo chiederle un informazione in merito ad una compravendita, ho acquistato un immobile ad Aprile 2014, adesso riguardando l’atto notarile ho notato che sul foglio catastale allegato all’atto il balcone risulta essere piccolo dallo stato di fatto attuale.

    E' inoltre la veranda risulta più piccola dallo stato di fatto?

    Come posso procedere? Nullità atto notarile?

    Attendo vs riscontro

    Andrea
  • Consulente  - Perizia e possibile annullamento dell'atto
    Salve Andrea deve far fare una perizia da un tecnico e poi far annullare l'atto, tenendo sempre conto che il notaio avrebbe dovuto verificare questi dati e quindi anche lui ne è responsabile penalmente.
  • Andrea
    Il notaio interpellato sulla questione mi ha detto che questa difformità non rientra nell'annullamento atto notarile.

    Basta questa difformità per richiedere nullità atto notarile?

    Se richiedessi la nullità dell'atto, che ripercussioni avrei?

    Grazie tante per l'informazione
  • Consulente  - Quale notaio ha interpellato?
    Salve Andrea
    come prima cosa le chiedo quale sia il notaio che ha interpellato.
    II. Naturalmente io faccio le supposizione su quello che voi scrivete. Dovete sempre far controllare la documentazione da un avvocato.
    A Roma abbiamo una sede a via G. Battista Vico, 40.
    Ma logicamente in questi casi si devonon prendere appuntamenti.
  • salvatore G.  - acquirente
    Di recente ho acquistato un piccolo immobile. Il proprietario ha incaricato un geometra a redigere una nuova plasimmetria in riferimento ad una sentenza di circa 30 anni fa che assegnalo allo stesso parte di un lastrico solare delimitato da 2 spigoli di un2 abitazioni confinanti. Il geometra nel redigere la nuova planimetria ha sbagliato le misure rispetto alla sentenza emessa dal Tribunale ma mi sono accorto ti tale errore dopo la stipula del'atto. La domanda è : il geometra può correggere la planimetria e riportare le misure in ossequio alla sentenza dopo la stipula del'atto atteso che la vendita è stata fatta a corpo?
    Grazie anticipatamente.
  • Consulente  - Gli errori possono essere commessi
    Salve Salvatore
    deve chiedere al geometra di correggere la planimetria presentata
  • virginia  - Acquisto casa
    Buongiorno sto acqusitando una casaa che è stato data in successione a tre fratelli. Verrà fatto un rogito tra loro la casa verrà acquistata da un solo fratello. Successivamente lui la venderà a me.Il notaio che si occupa della pratiche mi ha proposto di effettuare il rogito dell casa lo stesso giorno a distanza di poche ore, che verrà effettuato il rogito tra i fratelli.
    E' legale ? Oppure deve passare del tempo tra i due rogiti?
    Grazie mille
    Un saluto
  • Consulente  - Rogito legale ma faccia le sue ricerche
    Salve Virginia
    il rogito è legale ma le consiglierei di farlo in sede separata per verificare se la documentazione sia tutta regolare!
  • fabio of-flower  - l'agenzia immobiliare non ha dichiarato il vero
    buonasera.io andro' al rogito entro 30/4/2015,facendo oggi vari preventivi notarili,ci siamo accorti con uno di essi(notaio)che l'agenzia immobiliare ha registrato all'ufficio delle entrate le schede catastali del compromesso che non sono conformi alla realta dell'immobile(anziché 2 ripostigli ci sono due wc tra cui uno in box)...1)cosa rischia l'agenzia immobiliare?2)la venditrice cosa rischia..3)posso chiedere la nullità del contratto, con restituzione della caparra e della parcella all'agenzia immobiliarese la venditrice non si mette in regola con i disegni catastali...grazie per una VS risposta
  • Consulente  - Deve farlo
    Salve Fabio
    deve richiedere la nullità dell'atto e la richiesta della caparra con eventuale risarcimento del danno.
    Prenda un buon avvocato.
  • saverio  - mutuo casa
    Buona sera mi chiamo saverio o acquistato la casa nel 2010 e dopo due anni mi servivano dei soldi per liquidare i miei genitori o fatto li mutuo e me lanno stipulato come prima casa adesso che devo fare una surroga non combaciano le 2 cose acustico casa 2010 e mutuo 2012 cosa posso fare grazie e rivederci
  • Consulente  - Autocertificazione dei passaggi
    SAlve Savewrio,
    non le è sufficiente autocertificare alla banca quanto mi ha scritto?
  • marco  - acquisto casa
    Buonasera. Io ho comprato una vecchia casa completamente fatiscente. Ho scoperto, dopo la stipula, che le planimetrie allegate all'atto non rispondono alla realtà (praticamente nella planimetria presentata dal venditore c'è una stanza che non era sua).Facendo le dovute ricerche al catasto, ho scoperto che quella stanza è di altri proprietari ,sicuramente non è mai stata venduta, di un immobile adiacente. Posso chiedere l'annullamento dell'atto e la restituzione della somma versata per l'acquisto? Preciso che in catasto non era presente la planimetria della casa ed è stata redatta da un tecnico incaricato dalla parte venditrice.Io ho stipulato l'atto nel giugno 2011 e volevo anche sapere se ci sono termini di scadenza per l'annullamento dell'atto.
    La ringrazio anticipatamente
    Grazie
  • Consulente  - Annullamento dell'atto
    Salve Marco,
    quando si fanno questi acquisti, si devono fare prima le verifiche (che casomai vengono detratte dal prezzo di acquisto).
    L'atto potrebbe essere annullabile perchè il venditore potrebbe aver dichiarato il falso, ma a questo punto deve farsi fare una perizia giurata da un geometra che attesti quanto scoperto e soprattutto prendere un buon avvocato che richieda anche il risarcimento per danni.
  • marco
    Buonasera.Per quanto riguarda i termini di scadenza?
  • Consulente  - Termini di prescrizione
    Non saprei dirglielo
    perchè dipende dalla trascrizione dell'atto al catasto e all'agenzia delle entrate
  • loredana femiano
    Buonasera ,ho acquistato un appartamento nel 1998 vorremmo venderlo ma abbiamo constatato che il notaio dichiara nell'atto un numero di vani cioe n 3, mentre la cartina catastale e la realtà dell'appartamento è di n 4 vani -cucina camera cameretta bagno .potremmo avere problemi al momento della vendita ? grazie
  • Consulente  - Conformità della piantina catastale
    Salve Loredana,
    ma i vani effettivamente quanti sono?
    Se sono 4 deve dichiararne 4.
    ".. Il notaio, deve indicare nell'atto i riferimenti catastali,e fatto riferimento che le planimetrie sono state depositate al catasto e controllato che siano conformi alle dichiarazioni di conformità fatte dal venditore e/o acquirente. "..
    Se la vostra dichiarazione non è conforme a quanto dichiarato dal notaio e soprattutto coincidono con le visure il notaio è addirittura perseguibile penalmente.
    Si legga l'articolo.
  • Valerio  - Deposito somme presso notaio
    Buongiorno, volevo sapere se i decreti attuativi, della legge che istituiva il deposito delle somme al rogito presso il notaio, sono stati emanati o si continua, alla vecchia maniera, consegnando gli assegni al venditore.
    Grazie
  • Consulente  - Deposito assegni presso notaio
    Salve Valerio
    Personalmente sono 2 anni che assisto ad atti in cui si attua questa pratica a tutela dell'acquirente
  • Panna Maestrini
    Buongiorno,
    11 anni dopo aver acquistato un casolare con un po' di terra è venuto fuori che c'era una difformità tra lo stato catastale e lo stato di fatto dei confini; a causa di questo ora siamo stati trascinati in una mediazione legale con i vicini confinanti (che hanno comprato il terreno adiacente al nostro nel 2011). Posso rivalermi sullo studio tecnico che non ha segnalato questa difformità a suo tempo e al momento della rinuncia alla prelazione nel 2011? Grazie per l'attenzione!
  • Consulente  - Visionare documentazione
    Salve
    Dovrebbe far verificare la documentazione in suo possesso ad un avvocato per vedere se ci sono i presupposti da lei indicati
  • Leonardo  - perizia con nome di un estraneo
    Cosa accade se la perizia e' a nome , indirizzo e C.F. Di un estraneo sconosciuto' grazie
  • Leonardo Leonori  - Divisione eredità
    Salve
    Acquisto di una casa da parte di un erede senza la mia firma , erede , la casa viene intestata al fratello acquirente dagli altri tre eredi , escludendomi .
    nell'atto di divisione ereditaria dei bei immobili il notaio inserisce l'atto di vendita senza farmelo firmare , domanda: firmando la 'atto di divisione convalido anche l'atto di compravendita , o , il notaio avrebbe dovuto rischiermi di firmarlo?
    L'atto e ' valido ?
    Quando affermate di far annullare un atto notarile , come avviene , tramite tribunale o dal notaio stesso?! Grazie .
  • Consulente  - Erede non interpellato, atto impugnabile
    Salve Leonardo,
    Secondo me, può impugnare l'atto perché doveva esprimere il suo parere positivo alla vendita.
  • nunzio  - compravendita
    salve desideravo sapere giuridicamente una cosa una persona che vende casa e si tiene solo l'usufrutto automaticamente non essendo piu' proprietario puo' dare incarico ad un geometra? HO deve farlo il nuovo proprietario. aspettando un vostro riscontro vi porgo distinti saluti grazie
  • Consulente  -  incarico al geometra ma non per vendere
    Salve
    l'usufruttuario dispone della cosa fino alla morte, quindi paga anche le tasse. Di conseguenza può decidere di dare incarico ad un perito per miglioramenti che riguarderanno la cosa e tutto a sue spese
  • marco
    buongiorno volevo sapere gentilmente cosa succede se una persona vende una casa ricevendo tot euro. la persona che ha pagato non va a fare l atto facendo passare un anno. cosa puo fare chi ha ricevuto i soldi? grazie e buona serata
  • Consulente  - scrivere da un avvocato
    Faccia scrivere una lettera da un avvocato all'acquirente dove ritiene l?affare non chiuso e si tiene la caparra
  • luigi  - difformità destinazione d'uso
    Buongiorno volevo sapere se un immobile acquistato nel 2009 come civile abitazione e cosi indicato su atto di acquisto e agenzia del territorio dal costruttore, si scopre poi invece che al catasto comunale era invece autorizzato come servizi connessi alla residenza. si può richiedere la nullità dell'atto?

    Grazie e complimenti per l'ottimo servizio che fornite
  • nunzio  - conpravendita
    salve una palazzina di 3 piani separati .il proprietario del piano 1 a venduto casa e si e tenuto solo l'usufrutto . il fatto e che all'insaputa del proprietario del 2 piano a dato in carico al geometra ed a fatto frazionare il terrazzo del piano 2 premetto che il terrazzo e di proprieta' esclusiva poteva farlo credo che sia un reato premetto che la persona e deceduta chi ne corrisponde adesso di cio' che a commesso spero di essere stato chiaro grazie
  • luigi  - difformità destinazione d'uso
    Forse devo essere più preciso, com'è possibile che un costruttore che riceve una concessione edilizia per un immobile destinato a servizi, registri all'agenzia del territorio una civile abitazione e faccia un atto di vendita con le stesse indicazioni false, e possa realizzare tutto ciò senza che nessuno in tutta questa procedura verifichi nulla?? Posso costruire e vendere un immobile e dichiarare nei pubblici registri pure che è una casa di lusso, anche se magari è solo un abuso edilizio e nessuno controlla nulla?
    Che ne pensa?

    Grazie buona serata
  • nunzio  - proprietario
    salve com'è possibile la stessa persona vende due appartamenti con la distanza di un 'anno con relativi atti notarile. e non va a scrivere niente a livello di servitu' di bcnc quando va a vendere il terzo dal notaio fa scrivere nell'atto che esiste un bcnc x accesso al terrazzo comunque tenga presente che non vi e nessu atto di provenienza riguardo al terzo appartamentol'atto di conpravendita stipulato nel 2009. e nell'anno 2011 fa figurare con un elaborato planimetrico un bcnc una cosa mai esistita nella planimetria catastale originale la ringrazio tantissimo
  • Francesco  - Proposta d'acquisto - Assenza di un foglio catasta
    Salve, io e mia moglie abbiamo sottoscritto una proposta d'acquisto tramite agenzia per un immobile con box e cantina; al momento dell'accettazione da parte del costruttore proprietario riceviamo tutti i documenti relativi e abbiamo la sorpresa...manca completamente il piano interrato della cantina, dunque tale particella non è al momento dichiarata al catasto territoriale. L'agente immobiliare ci ha rassicurato che il problema non sussiste poichè, a suo dire, entro il rogito sarà tutto dichiarato a norma di legge. Ora le questioni sono due:

    1. Al 2 Gennaio 2015 dovremmo concordare il preliminare di compravendita ma ovviamente non ci sentiamo sicuri e non vorremmo avere beghe in futuro, anche il notaio ha storto il naso per questo, potremmo rifiutarci di sottoscrivere il compromesso?;

    2. Nel caso in cui dovessimo accorgerci che la situazione "puzza" di fregatura, oltre a rischiare la somma depositata, come si risolverebbe l'arcano?!? Preciso che tra l'altro c'è un leggero ...
  • Consulente  - Attenzione a quanto non dichiarato al catasto
    In presenza di irregolarità la caparra deve essere restituita
  • nunzio  - proprietario
    Salve in attesa di un suo riscontro le porgo distinti saluti felice 2015
  • Consulente  - Non saprei a cosa rispondere
    :?:
  • nunzio  - compravendita
    salve desideravo sapere il notaio nel 2009 ha stipulato un'atto di compravendita di un appartamento dove fa figurare un bcnc .premetto che negl'atti degli altri due proprietari, non risulta nessun bcnc. nel 2011 presenta al catasto un elaborato planimetrico dove fa figurare quel bcnc che aveva scritto nell'atto. desideravo un vostro riscontro distinti saluti
  • Laura  - difformità piantina catastale e atto di rogito
    Buongiorno,
    sto per acquistare casa, ho già stipulato il compromesso e devo andare al rogito in tempi brevi.
    La piantina depositata in catasto è però difforme rispetto a come si presenta l'appartamento.
    Sulla piantina depositata in catasto l'ingresso in cucina è dal soggiorno mentre in realtà la cucina ha una sua porta. E le porte delle camere da letto sono in posizione diversa rispetto alla piantina.
    Inoltre la finestra della cucina è in realtà una porta finestra.
    Infine l'appartamento risulta (correttamente) accatastato al quarto piano mentre sul rogito risulta al terzo.
    Mi è stato detto che tali difformità non modificando il numero dei vani non sono da modificare al catasto, ma io vorrei esserne sicura.
    La ringrazio per la cortese risposta. Cordiali saluti
  • Consulente  - Piantina cpnforme all'acquisto
    Salve Laura
    una piantina conforme a quanto acquista è un suo diritto.
  • vincenzo polidoro  - presenza di soppalco abusivo nel box poi tolto dal
    compro un alloggio e box annesso.al suo interno la perizia riscontra l'abuso del soppalco che viene tolto prima del rogito che non appare nella planimetria.l'agente pretende ilsuo compenso cosa posso fare
  • Consulente  - Riscontro problema
    Salve Vincenzo
    può specificare meglio il suo problema?
    Se la piantina catastale coincide con il vero (ovvero è stato ripristinato l'ambiente originario senza soppalco) dove è il problema? Ha pagato in più per il soppalco?
  • Mary
    Buonpomeriggio, una domanda alla stipula di un atto notarile se il proprietario dichiara sull'atto che non esistono vincoli di nessun genere e POI SI SCOPRE iNVECE UN VINCOLO CIMITERIALE SU UNA PARTE DEL GIARDINO E' REGOLARE????? o l'ex proprietario doveva indicare che esiste un vincolo cimiteriale (e il giardino non e' di esclusiva proprieta? come invece sta scritto)ULTIMA COSA questa proprieta' ha delle servitu' di passaggio pedonale e carrabile, andavano trascritte nei registri pubblicitari??? e la trascrizione doveva essere allegata all'atto- VENDITA DEL LUGLIO 2007. gRAZIE
  • Consulente  - La risposta è affermativa
    Salve MAry
    la risposta è si a tutti i suoi quesiti.
  • Mary
    Grazie. Una domanda ancora. Permesso Comune per un garage in un seminterrato, al momento del rogito il costruttore/venditore riporta che questo locale e' un ripostiglio. Controllando le concessioni in comune e' ancora garage, nessuna variazione e' stata fatta dal venditore. E' colpa mia che ho firmato dal notaio la planimetria errata o e' colpa del venditore che ha omesso. Notare che i suoi tecnici affermano che le planimetria sono giuste perché il garage visivamente e magicamente si e' tramutato in ripostiglio con pavimenti e caloriferi gas/acqua ecc.
  • Consulenti  - Le planimetri non riportano disegni
    Salve Mary
    purtropo i controlli vanno fatti prima. Quelle di cui parla non sono planimetrie ma disegni.
    Ora dovrà affrontare tutto il discorso di eventuale causa contro il venditore.
  • stefano  - denuncia vizi riguardante immobili
    Buonasera a tutti pensateci bene prima di acquistare un immobile, fatevi seguire da un bravo avvocato e un bravo geometra (meglio se amico di vecchia data) già dalla sottoscrizione del preliminare, sono 17 anni che vado in giro per tribunali denunce penali e più di 20.000,00 euro spesi per legali...A me è stata trasferita una unità immobiliare abusiva e contestualmente, e sottoscritto anche mutuo artigianale trattandosi di laboratorio che poi non èra laboratorio, (un pezzo adibito a magazzino e al restante mancava il ricircolo dell'aria per la USL). Attenzione ai tempi di prescrizione comunicare entro 8 giorni dalla scoperta al venditore a mezzo AR.
    Nel mio caso nel 1996 i venditori e il loro geometra hanno fatto un frazionamento al catasto,anzi esattamente 2, dichiarandolo "D7" (uso laboaratorio) senza richiedere alcuna concessione e ne avere il certificato di agibilità da laboratorio al relativo comune.
    Ma i poteri forti contano ancora..
    In atto pubblico i venditori dichi...
  • Consulente  - Confermo
    Se dovete acquistare una casa, è meglio procedere a tutti i controlli prima, dando incarico a persone pagate da voi. Non fatevi fornire documentazioni dalla controparte, o meglio, se ve la forniscono, fatela controllare.
  • Anonimo
    Riguardo al mio acquisto, veramente è stato fatto tramite agenzia immobiliare che si occupava anche di servizi tecnici, geometra, ingegnere e impresa edile. Ma vi comunico che le agenzie non hanno alcun obbligo a controllare la documentazione a loro lasciata dal venditore. La percentuale sull'acquisto a loro dovuta è solo per aver messo in contatto acquirente e venditore.Premetto che versai 9.600.000 alla sottoscrizione del preliminare all'"agenzia immobiliare" oltre ai 45.000.000 al venditore, che poi èra giuridicamente non valido, in quanto mancavano gli estremi delle concessioni obbligatorie per la 47/85.
    Anche io pensavo di essere tutelato...
  • Rita  - sanatoria da cantina ad appartamento
    Salve vorrei delle delucidazioni a riguardo, allora stiamo pensando di comprare casa, abbiamo visto in condominio una cantina sulle carte,ma il costruttore di questa ha creato un appartamento,ma lui ci ha rassicurato che avrebbe applicato la sanatoria,l'avrebbe fatta diventare un appartamento anche sulle carte, ora siccome in materia sono completamente ignorante mi chiedevo se tutto ciò fosse possibile? e se fosse possibile i tempi per questo cambio da cantina ad appartamento sono lunghi? e possibile fare un mutuo? Grazie mille per la risposta che mi darà.
  • Consulente  - Potrebbe essere possibile in base al piano casa ma
    Salve Rita,
    il tutto potrebbe essere possibile in base alle normative del piano casa, ma assolutamente non comprate prima che tutto sia trascritto al catasto. Non date retta che il catasto è lento...
    E' lento se ci sono problemi....
  • Luca Focardi  - Domanda su strada vicinale
    Buongiorno, circa un anno fa ho acqiustato un casolare con terreno attiguo con la mediazione di un'agenzia immobiliare.
    considerato di mio gradimento, fatto foto alla struttura esistente, ora un vicino solleva il problema che la strada vicinale di confine sia leggermente spostata e che per il suo ripristino una parte del mio giardino accanto a casa con oiuola in muratura deve essere rimossa e di conseguenza la strada che al momento del sopralluogo e poi dell'acquisto non consideravo un problema adesso lo ritengo ed anche grosso.
    Posso richiedere danni al vecchio proprietario o all'agenzia?
    Grazie anticipatamente per la risposta
    Luca
  • Consulente  - A chiedere non è mai tardi, ma s armi di soldi e a
    Salve Luca
    le serviranno soldi ed avvocato.
    Soprattutto solo l'avvocato leggendo l'atto potrà dirle se potrà fare qualcosa.
  • andrea  - costruzione cabina armadio
    buonasera ho costruito una cabina armadio in cartongesso ora dovendo vendere l'appartamento vorrei chiederle se devo rifare la mappatura catastale in camera in attesa di una sua gentile risposta la ringrazio anticipatamente andrea
  • andrea
    Scusi riscrivo il messaggio ho costruito una cabina armadio in cartongesso in camera ora dovendo vendere l'appartamento vorrei chiederle se devo rifare la mappatura catastale la ringrazio nuovamente saluti andrea
  • Consulente  - La cabina armadio rappresenta una nuova stanza?
    Salve Andrea, se la cabina armadio può essere utilizzata come altra stanza la risposta è affermativa.
  • Alan  - annullamento rogito
    Posso chiedere l'annullamento di un rogito stipulato nel febbraio 2010 (quindi non rientrante nella normativa che obbliga il notaio a controllare)avendo scoperto la notevole difformità tra disegno e stato di fatto di un immobile?
    il rogito riporta la seguente dicitura:assumendo la parte alienante tutte le garanzie di legge da evizione e molestie e per la libertà di quanto venduto da ipoteche e da trascrizione comunque pregiudizievole. Null'altro per quanto riguarda la regolarità.
    Grazie saluti
  • Comsulente  - Consuglio di un avvocato
    Non posso dire se ci sono i presupposti per l'annullamento. Bisognerebbe vedere l'atto.
  • GIULIA  - casa fantasma
    nella planimetria con tutti gli appartamenti del palazzo esistente al catasto non esiste l'appartamento in possesso di mia madre. c'è un vuoto.
    pur avendo lei tutti gli atti compresa una vecchia (1978) registrazione catastale.
    A chi rivolgermi per capire cosa è successo?
  • Consulente  - Appartamento fantasma
    Sul sito dell'agenzia delle dogane, c'è un link per l'agenzia del territorio con possibilità di porre la domanda che mi ha posto.
    A volte è solo un problema di registrazione di atti cartacei che non sono stati trasformati in documenti elettronici.
  • Valter  - porta scale
    mis figlia ha comprato un appartamento dove dalla cantina si accede al vano scale condominiale attraverso una porta. Questa porta appare nella documentazione catastale a me fornita dal venditore ed allegata all'atto di acquisto. L'altro proprietario attraverso il suo legale mi sta intimando di chiudere la porta in quanto realizzata irregolarmente. Ma può?
  • Consulente  - Verifichi la documentazione catastale
    Salve Valter
    faccia verificare la documentazione catastale. Se esiste un accesso dichiarato al catasto perchè chiuderlo?
  • nadia  - bagno abusivo in cavedio
    Buongiorno,
    scrivo per chiedere delucidazioni rispetto al seguente problema. Sono in trattativa per l'acquisto di un appartamento. I venditori avrebbero già accettato la proposta. Tuttavia è emerso ieri che il bagno è stato costruito, in data anteriore al 1973, in modo abusivo, e tale abuso non risulta sanabile in quanto il bagno occupa il posto che un tempo fu cavedio (dunque anche una superficie esterna ai confini della proprietà), e quindi eccederebbe le slp. Io vorrei comprare ugualmente e abbattere il bagno riportandolo a cavedio, ma se questo non fosse possibile per motivi strutturali (gli appartamenti sotto e sopra sono messi allo stesso modo) che cosa potrei fare? grazie
  • Consulente  - Impossibilità a ripristinare lo stato precedente
    Salve Nadia
    se rispristina il cavedio nessun problema, ma se poi si provocano danni strutturali, o comunque va a toccare delle strutture portanti, lasci stare l'acquisto
  • Floriana  - mancanza agibilità per appartamento in diritto di
    Salve! Vorremmo acquistare un appartamento in un palazzo edificato in diritto di superficie. Sull'atto di assegnazione dell'appartamento all'attuale proprietario è riportato che il costruttore dichiarava di aver fatto richiesta di agibilità, ma tale certificato, a tutt'oggi, non risulta disponibile. Si tratta di un caso di "Silenzio-Assenso"? Come provarlo? La proprietaria attuale può farne uno per il suo singolo appartamento?
    La ringrazio!
  • Consulente  - Silenzio assenso non valido ai fini dell'agibilità
    Salve Floriana, deve avere in mano il certificato prima di acquistare l'appartamento.
  • nunzio  - conpravendita

    salve desideravo sapere il notaio nel 2009 ha stipulato un'atto di compravendita di un appartamento dove fa figurare un bcnc .premetto che negl'atti degli altri due proprietari, non risulta nessun bcnc. nel 2011 presenta al catasto un elaborato planimetrico dove fa figurare quel bcnc che aveva scritto nell'atto. desideravo un vostro riscontro distinti saluti
  • Consulente  - BCNC = BENI COMUNI NON CENSIBILI
    Salve Nunzio
    bcnc sta per beni comuni non divisibili (ad esempio una corte di un condominio).
  • anghel  - proposta di vendita
    Salve. Circa 4 anni orsono AREA mi convocò per chiedermi se intendevo acquistare una porzione di terreno (attualmente inglobata nel terreno di pertinenza di una abitazione) di loro proprietà. Le loro condizioni, in seguito alla mia risposta positiva, furono di €30,00 per mq.Il problema è che in questo terreno è stato costruito un garage, per il quale vi è una sanatoria in corso che viene considerato, da AREA, di sua proprietà in quanto costruito sul suo terreno. La presenza del garage comporta, a loro dire, una rivalutazione della vendita del terreno a prezzo di garage. E' un'azione lecita? Cosa posso fare? Grazie a chi mi vorrà rispondere.
  • Consulente  - La presenza del garage sul terreno aumenta il valo
    Salve Anghel
    a mio parere dovrebbe procedere ad una rivalutazione del valore del terreno per evitare scherzetti successivamente
  • anghel  - proposta di vendita
    Non ho precisato che il garage è stato costruito da mio padre in proprio ed è proprio su quello, considerato un abuso, che è stata aperta una sanatoria, non terminata, nel 1986.Area chiede di sanare ed accattastare il garage a loro nome e poi mi faranno sapere il costo del terreno parametrato al costo di un garage. In più vogliono un pagamento in un unica soluzione. Io non ho la somma necessaria e sto pensando di rinunciare. Possono vendere ad altri? Posso obbligarli a rateizzare il costo del terreno? Grazie in anticipo a chiunque riesca a chiarirmi questa situazione
  • Consulente  - Situazione piuttosto ingarbugliata
    Salve Anghel
    la situazione è piuttosto ingarbugliata. Lei ha acquistato il terreno oppure no? Perchè area le chiede dei soldi se ha acquistato prima il terreno?
  • nunzio  - compravendita
    non so se mi sono spiegato bene quel bcnc che il proprietario del piano primo, vende due appartamenti pt p2 dove in nessuno dei due fa figurare questo bcnc come sub 4 .lo fa figurare solo nel suo appartamento nelle visure non si evince in nessuna questo bcnc .ma il notaio come fa ad inserire questo bcnc come sub 4 nell'atto senza avere un planimetrico depositato al catasto da premettere che la presentato due anni dopo avere venduto il suo appartamento distinti saluti
  • Consulente  - Misteri notarili
    Salve Nunzio,
    questa è una domanda da fare al venditore ovvero al notaio.
  • Anonimo  - problema con veranda/loggia
    Salve, nel 2007 ho acquistato un immobile, al piano terra, il quale è composto da?3 vani più una Loggia, che si affaccia sul camminamento che porta dal cortile condominiale al portone della palazzina.
    Questa Loggia però (di forma triangolare), non apparte come parte dell'appartamento, e con certezza quasi assoluta, fu annessa all'immobile dal costruttore DOPO aver depositato la planimentria in catasto.
    Volendo produrre una planimetria per miglior rappresentazione al catasto, ma non avendo a supporto documenti legati alla realizzazione/annessione della loggia, in cosa incorro nel momento in cui dovessi vendere l'immobile?

    Grazie per l'eventuale risposta.

  • Anonimo  - Mancanza DIA
    Buongiorno,ho acquistato un immobile nel 2009 ora vengo a conoscenza di una DIA non menzionata nel mio atto di acquisto per consolidamento fondazioni.
    Posso richiedere la nullità dell'atto?
  • anghel  - proposta di vendita
    Il terreno non è stato comprato vi è solamente una domanda di acquisto fatta da mio padre nel lontano 1975 senza avere mai risposta. Solamente nel 2010, dopo la morte di mio padre, Area si è fatta viva comunicandomi se ero ancora intenzionato ad acquistare. Tra il 1975 fino ad oggi, in questo terreno è stato costruito un garage. Nel 1986 venne attivato un condono edilizio, mai terminato, per detto
    garage. Ora, nel 2014, mi è stato proposto l'acquisto del "reliquato" chiedendomi di sanare tutto e di accatastare il garage a nome loro e solo dopo aver sanato mi avrebbero riaggiornato il prezzo.
  • anghel
    Ovviamente considerando il nudo terreno non più al prezzo di € 30 al mq ma al prezzo di garage.
    So di non essere stato chiaro ma essendo questa proposta di vendita vecchia di quasi 50 anni neppure io conosco tutti i giri e rigiri che vi sono stati.
    Complimentandomi per il servizio che offrite e la gentilezza nel fornirlo vi ringrazio anticipatamente.
  • Marsilio  - donazione terreno
    Salve volevo sapere se sia possibile donare un terreno di circa 2000 mq con sopra 3 capanni in legno abusivi di circa 16 mq l'uno, naturalmente qual'ora l'acquirente sia pienamente consapevole dei capanni. Grazie
  • Fabio  - info appartamento
    Buonasera,
    nel 2008 ho acquistato un appartamento e sull'atto notarile appare una pianta che corrisponde con quella attualmente al catasto che però non sono rispondenti alla realtà. Ma non lo sono non per abusi o cose simili, ma per il semplice fatto che in occasione di un condono regolarmente fatto anni prima era stata prodotta una piantina approssimativa dell'appartamento e dettagliata del locale da condonare, ora quella pianta meno dettagliata è quella presente al catasto quindi. Diciamo che tipo risulta una finestra dove non c'è e ne manca una. Io fortunatamente sono in possesso anche dell'atto precedente che era stato stipulato dal proprietario precedente al momento dell'acquisto dall'impresa edile ed in cui è chiaro che quella finestra non c'è mai stata. Posso incorrere in problemi, come posso muovermi per regolarizzare il tutto?

    Grazie.
  • staico italo  - ripartizione quote condominiali
    Nel 2011 ho acquistato un immobile. L'amministratore condominiale mi sta calcolando le quote condominiali anche per una cantina il cui proprietario è rimasto il veditore dell'immobile. Cosa posso fare per poter pagare le spese condominiali solo in proporzione alla mia quota di proprietà
  • francesco  - informazioni
    salve sto acquistando un immobile , ,l'agenzia aveva modificato lui la planimetria e il mio tecnico si e accorto che una finestra sul fabbricato e stata fatta abusiva io gli ho detto di dichiarare tutto al comune e al catasto ,ma l'agenzia mi ha detto ok e la dichiarata solo al catasto ,ma al comune nulla,ora cosa posso fare prima di fare l'atto lui mi dichiara di vendere un 3 vani ma in realtà su gli atti precedenti risulta un 2 vani ,cosa posso fare .la provincia e (bari )paese bitonto?grazie (alla quale il perito mi dichiara 2 ripostigli una cucina un soggiorno e una camera matrimoniale)secondo voi quanti vani effetivi è?
  • lucio1952  - Particelle non menzionate nell'atto di vendita di
    In atto pubblico non sono state nominate le particelle di acquisto di un terreno ma solo i confini ben individuati. come faccio a trscriverli in catasto,posso trascriverle in catasto con un atto simile?
  • Consulente  - Procedere con integrazione dati
    Salve Lucio
    Deve far integrare i dati mancanti da un notaio
  • ipazia  - immobile ereditato
    nel 1964 mia madre ha acquistato un appartamento dove, nel ripostiglio, vi è sempre stata anche una soffitta di 7mq. Ora che ho ereditato l'appartamenento mi sono accorta che la soffitta non è riportata in planimetria. Ho trovato un acquirente e ho dato incarico ad un architetto di verificare se tutto fosse in regola. Lui mi ha fatto una dichiarazione di conformità urbanistica e catastale ma all'agenzia che per la banca deve verificare laconcessione del mutuo all'acquirente ha detto che tutto ciò non corrisponde a verità e l'acquirente non vuole più comprare perchè non è certa la proprietà della soffitta cosa devo fare?
  • Consulente  - Far verificare ad un avvocato competente in materi
    Deve far esaminare da un avvocato la documentazione di cui dispone, per capire se quanto sostenuto dalla banca si fonda sulla realtà.
  • Caterina  - finestre murate
    Sto per acquistare un appartamento in casa d'epoca del 1920 recentemente ristrutturato nelle parti comuni interne e nella facciata esterna. Nella piantina catastale è riportata una finestra nel soggiorno, che nella realtà non c'è ma di cui è visibile, sulla facciata esterna, la cornice come elemento decorativo. Tutti i piani sopra e sotto riportano esternamente la stessa falsa finestra nella stessa posizione. Lo stabile parrebbe costruito con questo dettaglio, ma la piantina non è conforme. La casa è stata ereditata dall'attuale proprietaria che non l'ha mai abitata e non ne sa nulla.
    Devo aggiornare la piantina prima del rogito? Posso eventualmente accollarmi io la spesa? Questo mi consentirebbe di acquistarla a un prezzo lievemente inferiore a quello richiesto.
    A che problemi vado incontro?
    Grazie.
  • Consulente  - bisognerebbe verificare in catasto che tipo di ape
    Salve Caterina
    Dovrebbe verificare quando se l'immobile è sorto con una reale finestra o è nato così, con una finta apertura.
  • PAOLO  - difformità catastale e rogito
    Salve Consulente, nel 2008 ho rogitato un'immobile con specifici identificativi catastali che a dire del venditore includeva tutto il giardino e parte del seminterrato. 5 mesi fà ho scoperto che al catasto non esistono più le schede del mio appartamento (mi hanno rilasciato una dichiarazione autenticata dal catasto), che la perizia del perito per mutuo ipotecario a specificato l'immobile senza inserire i dati identificativi del catasto( fooglio, mappa, sub, cat) e inserendo una quantita inferiore di vani e un aquantità superiore di mq), non solo ma ho scoperto che parte del terreno che prima (30 anni fa) era unico oggi a due sub, un dei quali non inseriti nel rogito e di proprietà ancora del precedente proprietario (che non sa cosa farsene) che adiacente alla mia abitazione esiste una unità afferente con suo specifico sub ma non inserito del mio rogito
    CHE CASINO VERO????
    Cosa faccio?? Posso chiedere la nullità del rogito??
    posso chiedere la nullità della perizia mutuaria??
    grazie p...
  • Luigi  - canne aspirazioni fumi cucine non esistenti nel pr
    Ho acquistato un appartamento in provincia di venezia nel 2004.Posso dire con franchezza che non ho molta familiarita' con queste faccende come altre persone che acuistano senza controllare progetti e varianti.
    Mi sono accorto subito che non c'erano canne fumarie per le cucine;parlando con l'amministratore mi diceva che questa cosa poteva essere sistemata con una minima spesa.In pratica,dopo la chiusura del vano scale i fumi delle cucine convogliano odori e gas vari sul vano scale.Ho cercato di vedere se questa cosa era risolvibile con i miei 9 condomini,ma la sensibilita' a questo problema e' stata nulla.
    Oggi devo vendere e' mi ritrovo che le canne di aspirazione non c'erano nel progetto iniziale;i controlli fatti dalla asl di competenza rifiutava l'abitabilita' per questo ed altre ragioni.Alla fine l'abilita' c'e' ma senza che le opere comandate dalla asl venissero eseguite.
    Qui le responsabilita' sono molteplici ,molte del comune che nell'84 non ha controllato e del tecnico che ...
  • Consulente  - Spese a carico di tutti i condomini
    Le spese per le canne fumarie delle cucine dei condomini sono a carico dei condomini stessi
  • mario  - terrazza abusiva
    salve ho fatto una compravendita di un appartamento il mio geometra mi a messo nel rogito la planimetria della casa con la terrazza abusiva mica e nullo la compravendita grazie anticipatamente
  • mario  - terrazza abusiva
    salve ho fatto una compravendita di un appartamento il mio geometra mi ha messo nel rogito la planimetria della casa con questa terrazza abusiva mica e nullo la compravendita in attesa di una risposta vi ringrazio anticipatamente
  • monica  - servizio ad uso esclusivo
    buongiorno,
    8 anni fa ho acquistato un porzione di stabile che era la dispensa di un ristorante. frazionamento, cambio destinazione d'uso ecc... tutto svolto e in ordine. ricordo pero' che ai fini dell'abitabilita' abbiamo dovuto creare una sorta di camera/servizio (nella porzione non di mia prorpieta') che separasse la mia abitazione dalle cucine del ristorante. all'epoca il geometra mi disse che ne avevo l'uso esclusivo congiunto con il titolare dell'altra porzione. non sono mai riuscita ad esercitare questo diritto per una serie di avvenimenti (morto il proprietario dei muri del ristorante che mi aveva venduto la porzione e successivo fermo amministrativo di tutto per sue insolvenze varie). ora l'immobile andra' in asta e vorrei poter esercitare questo diritto coi nuovi proprietari. mi sono rivolta al geometra per sapere come fare. non mi e' chiaro ma ho intuito che non ha fatto qualcosa che andava fatto e non ho nulla in mano. nell'atto di compravendita non se ne parla, ho qualc...
  • MARCO  - TRUFFA
    BUONGIORNO,
    HO ACQUISTATO UNA VILLETTA A SCHIERA DAL COSTRUTTORE, MA RIVENDENDO CASA MI SALTA LA VENDITA PERCHè SCOPRO CHE IL COSTRUTTORE MI HA VENDUTO UNA VILLETTA CHE DOVEVA ESSERE STACCATA DALLE ALTRE E CON UN PASSAGGIO VERSO IL GIARDINO. INVECE LO HA CHIUSO PER ALLARGARE LA SALA. QUINDI HA DEPOSITATO DELLE PIANTINE DIVERSE DALLA CASA DI FATTO. L' ABUSO L' HA FATTO LUI. IL NOTAIO SI DISCOLPA CON LA FRASE FATTA: LA PARTE NOTARILE SI DISCOLPA PER CONSENSO DELLE PARTI. MA HO AVUTO FIDUCIA DEL COSTRUTTORE E DEL SUO NOTAIO. LA VENDITA L' HO PERSA E MI HANNO FATTO PAGARE PURE LE SPESE DEL COMPROMESSO. POSSO DENUNCIARE IL COSTRUTTORE HA PRESENTATO UNA PIANTINA FALSA DA COME LE HA COSTRUITE. INOLTRE A FIANCO ALLA MIA VILLETTA C' è ANCORA UNA CHE NON HA VENDUTO ED è IDENTICA ALLA MIA COME LE ALTRE 3. LA DITTA ANCORA è APERTA. CHE FACCIO? POSSO CHIEDERGLI I DANNI E IL RIMBORSO DELLA PERDITA DELLA VENDITA? HO PURE LE FOTO DEL CANTIERE CHE ATTESTANO (C'è LA DATA 2007) CHE LUI QUEL VARCO L' A...
  • elvira altea  - atto di vendita contestato
    Buona sera, ho un problema: mio padre nel 1999 mi fece un atto di vendita regolarmente registrato da Notaio, per un garage ed un cortile. Oggi questo atto è oggetto di accertamenti giuridici in quanto i legali di mio padre (con il quale purtroppo sono in causa per sua volontà) sostengono che nell'atto di vendita solo il riferimento catastale non MI DA IL TITOLO DI POSSESSO Del bene e pertanto NULLO.
    Nell atto viene descritto: piano terra e i dati catastali e non: garage e cortile. Secondo i legali la non dettagliata descrizione del bene renderebbe nullo l'atto. Lei cosa ne pensa? spero di essere stata chiara
  • Maria  - danni o abusi
    Buonasera, vorrei sottoporle due quesiti
    A) costruttore nel 2007 edifica una villetta dove dalle concessioni comunali il seminterrato risulta un garage di 55 mq. e 3 cantine. Nel 2007 viene venduta e sulla scheda catastale viene riportato ripostiglio di 55 mq. e lavanderie.Altezza locali 230 cm.
    Nessuna variazione in Comune, ancora oggi per il Comune e' garage e cantine. Che cosa se ne deduce???? abuso o falsa dichiarazione costruttore???
    B) sempre in questo garage o ripostiglio e cantine consegnato tutto piastrellato con tutti gli accorgimenti per farlo passare taverna(gas,acqua ecc.ecc) sempre il costruttore (a seguito denuncia danni per umidita' di risalita) dichiara che sotto il pavimento ci sono 50 cm di ghiaia (cosa non vera dalle foto in mio possesso )la dichiarazione di cosa secondo lui e' stato fatto e' allegata agli atti del tribunale. Cosa comporta questa dichiarazione falsa(facilmente dimostrabile con un carotaggio)???
    Grazie.
  • Alberta  - posso invalidare l'atto?
    Salve, nel dicembre 2013 ho acquistato un appartamento. Oggi mi sono accorta che il soppalco (o vano di sgombero) presente in sala non è stato accatastato e non risulta nelle planimetrie. Si può invalidare l'atto?
  • Alberta  - posso invalidare l'atto?
    Salve, nel dicembre 2013 ho acquistato un appartamento. Oggi mi sono accorta che il soppalco (o vano di sgombero) presente in sala non è stato accatastato e non risulta nelle planimetrie. Si può invalidare l'atto?
  • Alberta  - posso invalidare l'atto?
    Salve, nel dicembre 2013 ho acquistato un appartamento. Oggi mi sono accorta che il soppalco (o vano di sgombero) presente in sala non è stato accatastato e non risulta nelle planimetrie. Si può invalidare l'atto?
  • Antonio  - Accatastamento con firma falsa
    Salve,
    nel 2011 ho acquistato una casa in costruzione, era allo stato rustico con l'inizio degli impianti. Ho stipulato un mutuo acquisto prima casa del tipo "Costruzione", cioè la banca ha finanziato l'acquisto del rustico (accatastato all'epoca dal costruttore "in costruzione"), e il successivo saldo, dell'importo mutuato, alla fine lavori. Dal 2013 siamo in causa con il costruttore per diversi problemi sull'immobile inerenti ad infiltrazioni, impianti non funzionanti, etc.. Nel reperire documenti per l'avvio della causa abbiamo scoperto che la costruttrice nel 2013 (dopo 1 anno dalla consegna dell'immobile avvenuta nel 2012) ha presentato l'accatastamento con una firma dell'acquirente falsa, cioè non mia. La causa al momento si terrà a Giugno p.v. con la speranza che il Giudice incarichi un CTU per la verifica dei danni e degli errori di costruzione. Ora Le chiedo, quando conviene far emergere il fatto della firma falsa sull'accatastamento? Anche perché le planim...
  • simone
    buongiorno nel 2010 ho acquistato una casa con corte privata ,pochi giorni fa mi sono accorto che cè discrepanza tra il catasto terreni e il fabbricati. le spiego nel catasto fabbricati inserita la corte allo stato dei fatti, invece nel catasto terreni uno spicchio della corte e inserita nella particella del confinante. premetto che la corte e cosi come inserita nel fabbricati da circa 40 anni.cosa devo fare per regolarizzare.
  • Consulente  - variare la piantina al catasto terreni
    Salve Simone
    se la piantina corretta è quella presente al catasto fabbricati, dovrà far variare quella presente al catasto terreni.
    Prima di assumere un geometra, provi lei ad andare in catasto con la documentazione che ha. Potrebbero farle la correzione d'ufficio.
  • roberta
    Buongiorno, nel 2010 ho acquistato appartamento con annessa cantina. Ho poi scoperto che la cantina di pertinenza (secondo atto e planimetria) è occupata da altro condomino. Dopo svariati solleciti (5 anni)e richiesta tramite avvocato, il condomino in questione porta in visione il suo atto. E sorpresa,dalla sua planimetria risulta essere il regolare proprietario della "mia" cantina. Dunque chi ha venduto a me nel 2010 aveva già venduto a lui nel 1982..Posso rivalermi sul venditore? Posso chiedere danni o l'annullamento dell'atto? E il notaio che ha fatto tutte le ricerche prima dell'acquisto ha responsabilità? grazie
  • RINO  - AGGIORNAMENTO ROGITO?
    SALVE, il mio dubbio è questo: tre mesi fa ho acquistato un immobile (appartamento con cantina), la cantina era menzionata nella descrizione dell'immobile ma al momento del rogito non avevo notato che non era rappresentata nelle planimetrie nè compariva nella visura.
    Dopo qualche mese, gli Uffici del Comune di appartenenza dell'immobile mi hanno rilevato che nelle visure e planimetrie in loro possesso la cantina non figurava ed era necessario un aggiornamento.
    Il geometra che si era occupato della relazione tecnica per i venditori al momento dell'acquisto ha provveduto a questa integrazione (a loro carico) e quindi al catasto adesso ho i documenti in regola, solamente mi domando se è necessario anche apportare una integrazione al rogito dal momento che le planimetrie presentate in quell'occasione non eranoo conformi, non vorrei avere problemi in futuro in una eventuale compravendita.
    Grazie per l'informazione!
    Rino
  • susanna  - bagno e scala abusivi
    Buonasera! sette anni orsono, ho acquistato un appartamento. Il precedente proprietario non mi ha messo al corrente che sull'immobile esistevano degli abusi edilizi consistenti nella costruzione di un secondo bagno (posto al piano sottotetto) e scala per accedere a tale piano. Ora, essendo in procinto di vendere detto immobile, il compratore, analizzando la documentazione catastale, si e' accorto degli abusi insistenti sull'immobile. Mi sono prestata a chiedere sanatoria edilizia presso il Comune. Sto attendendo a giorni il parere positivo. CHIEDO: posso rivalermi sul precedente proprietario per le spese da me ora sostenute per la pratica di sanatoria? Ringrazio anticipatamente per la cortese risposta.
  • Consulente  - Lettura dell'atto di compravendita
    Deve leggere l'atto di compravendita per verificare cosa c'è scritto.
  • Cris  - Salve
    Vorrei sapere se ho un contratto preliminare in quale c'è riportato un solo bagno invece in realtà ce ne sono due posso anulare il contrato di compravendita anche se la signora Lea dichiarati al comune però non compare sulle visite catastale
  • Consulente  - Aggiornamenti catastali
    Bisogna verificare se si tratta di un aggiornamento catastale oppure di una mancata presentazione di variazione catastale. Questo deve andarlo a verificare al catasto
  • francesco  - validità atto con santoria corso
    spett, io e mia moglie abbiamo fatto una proposta di acquisto di un immobile con delle difformità interne( 2 porte e un tramezzo spostati) e una esterna,una finestra fuori posto di circa 80cm, finestra che però è in linea con gli altri 2 piani (probabilmente fu una variazione in corso d'opera (1950)),ora il tecnico che ha presentato la domanda ha detto che non ci sono problemi per la sanatoria (infatti ci ha procurato una certificazione del comune sulla liceità della domanda ed una accettazione della domanda della commissione paesaggistica).Il problema è che noi la proposta di acquisto (accettata) l'avevamo vincolata alla concessione della sanatoria con una piccola caparra ma ora il proprietario vorrebbe andare al rogito con la sanatoria in corso (ha ventilato anche l'ipotesi di far saltare l'accordo), ci siamo informati dal notaio il quale ci ha assicurato che l'atto è fattibile e valido(presentando tutta la documentazione del caso)e comunque di vincolare una cifra all'arrivo dell...
  • Consulente  - Consiglio le stesse cose del notaio
    Il notaio non ha tutti i torti.
    In questo paese, dove è possibile tutto ed il contrario di tutto, al suo posto mi fiderei delle parole del notaio anche se dovessi spendere qualche soldo in più
  • anna maria monzani  - sanatoria atto di acquisto
    nel maggio 1997 abbiamo acquistato un'appartamento di vani 4,5 cioè open space, 2 camere da letto, bagno corridoio.il notaio nell'atto ha scritto 2 locali ma nelle carte catastali ce ne sono 3 ed ha indicato vani 4,5.Ora messo in vendita l'acquirente si accorge dell'errore, possiamo rivolgerci al notaio che ha stipulato l'atto di allora e chiedere la rettifica, pena la mancata vendita.
    grazie
  • Consulente  - Può richiedere la rettifica
    Salve Anna Maria
    può richiedere la rettifica ma ha verificato che nell'atto di vendita vi sia l'errore? Molto spesso gli errori sono soprattutto catastali e basta risolvere quelli.
  • Umberto  - Vendita ruderi ristrutturati abusivamente
    Devo vendere compendio agricolo con ruderi di cui uno ristrutturato e ampliato da un occupante. Posso sanare le planimetrie depositate con quelle aggiornate e procedere alla stipula dell'atto?
    Grazie.
  • Umberto  - Vendita ruderi ristrutturati abusivamente
    Devo vendere compendio agricolo con ruderi di cui uno ristrutturato e ampliato da un occupante. Posso sanare le planimetrie depositate con quelle aggiornate e procedere alla stipula dell'atto?
    Grazie.
  • Consulente  - Domanda da fare al comune di riferimento
    Salve Umberto questa domanda deve farla al COmune.
    Solo il Comune può darle risposta certa
  • mario  - divisione e proprietà
    salve
    io e la mia famiglia dobbiamo regolarizzare l'atto di proprietà
    perche negli anni passati non e stato fatto nessun atto di proprietà,
    vi spiego meglio, mio padre ormai deceduto a costruito la sua casa
    affiancata al fratello, in un terreno dell' loro padre,
    mio padre e il fratello a suo tempo avevano fatto solo il progetto e l'accatastamento degli immobili, dove specifica bene, le due distinte abitazioni e le due distinte proprietà,
    pur non essendoci , nessun foglio di atto di proprieta per entrambi,
    nella parte nostra dell accatastamento ce un passo carraio,
    caricata a nome nostro, e firmata da entrambi le parti,
    però questo mio zio adesso che de morto mio padre,
    dice che que passo carraio e anche la suo ,
    secondo voi non esistendo l' atto di proprietà,
    ma solo il progetto e l'accatastamento firmata trentanni fa dove attesta la nostra proprieta,
    puo mio zio rivalersi su quel passo carraio ?
  • Consulente  - Bisognerebbe verificare l'usucapione
    Dovete far verificare i documenti dall'avvocato
    In genere il diritto si acquisisce dopo 20 anni per usucapione se si è utilizzato quel passo.
  • mimmo
    Salve circa 3 anni fa ho acquistato casa e mi sono accorto cheal catasto la mia veranda e più grande circa 3 metri e il mio vicino non a nessuna infezionedi battere il muro ffrazionato dal vecchio propietario cosa posso fare mi puo aiutare grazie
  • mimmo
    No sono passati 4 anni era un attico ed e stato frazionato in due e io sono entrato dopo cosa posso fare
  • Consulente  - Acquisizione per usucapione
    Bisogna vedere da quanto tempo esiste questa situazione.
    Se il suo vicino la possiede in quello stato da più di 20 anni, per usucapione potrebbe tenerla lui, ma in verità bisognerebbe esaminare tutte le carte a disposizione.
  • Bruno  - diritti e diritti
    Dopo aver firmato proposta di acquisto di un immobile in costruzione senza aver potuto ancora visionare primo piano ma basandomi su planimetria e capitolato, due giorni prima dell'appuntamento con notaio scopro che detto primo piano non è abitabile mentre planimetria riporta camere da letto e bagno. Venditore trattiene caparra e sentenza gli dà ragione. Quale diritto prevale tra quello che consente di trattenere caparra o quello che impone rispetto delle regole con rifiuto di acquistare bene viziato da abusi edilizi?
  • Consulente  - Bisogna vedere la documentazione che ha firmato
    Salve Bruno in realtà bisognerebbe verificcare l'impostazione del ricorso presentato e la documentazione firmata in precedenza al momento dell'acquisto su carta.
    Secondo me il problema potrebbe riguardare l'impostazione del ricorso, ma le mie sono tutte chiacchiere perchè non sono basate solo su parole.
  • Valerio Rezza  - Terrazzo/lastrico solare
    Buongiorno,
    Nel 2007 ho comprato un appartamento all'ultimo piano di una palazzina abusiva di cui poi le concessioni, quindi anche del mio appartamento.
    La palazzina è a scala unica ma fatta da tre colonne. A ognuno corrisponde un terrazzo/lastrico solare, quella sulle altre due colonne hanno proprietari catastali, ma non esiste alcun atto di compravendita nel passato di queste parti, mentre quella sopra il mio appartamento non risulta al catasto e il proprietario che mi ha venduto nel preliminare ha menzionato che "la compravendita comprende anche la quota pro-indivisa del lastrico solare sovrastante", mentre gli altri tre appartamenti sotto di me non hanno alcun riferimento nei loro atto di proprietà i nel preliminare a questo, due addirittura non sapevano nemmeno della sua esistenza, ma l'appartamento sotto di me rivendica la sua proprietà in comune ed ora l'amministratore sta portando all'approvazione il regolamento del condominio (finora non esisteva) in cui vuole dich...
  • Consulente  - Porti l'atto notarile in sede di riunione condomin
    salve Valerio
    o porta l'atto notarile alla riunione condominiale e fa mettere agli atti quanto presente nell'atto, o si rivolge subito ad un bravo avvocato e fa chiedere anche i danni all'amministratore del condominio stesso.
  • Daniele Tavella  - Vendita immbobile con pertinenza giardino condomin
    Buongiorno,
    nel 2010 (atto rogito notarile 30/06/2010)ho venduto un appartamento ereditato da mio padre con relativa mia quota del giardino di pertinenza.
    Oggi vengo contattato dal notaio che curò l'atto il quale mi dice che il suo cliente (il compratore di allora)non riesce a rivendere a sua volta in quanto sul foglio x particella y che identifica il giardino, per il quale venne debitamente presentata successione, risulterebbe ancora il nome di mio padre come proprietario non essendo stata perfezionata la voltura al catasto. Alle mie perplessità risponde piccato che prima del rogito se ne era accorto ma che l'assenza di voltura non era invalidante per la stipula dell'atto; adesso tira in ballo l'entrata in vigore del D.l.78/2010 che comunque se non sabglio è del luglio 2010 quindi posteriore alla firma dell'atto.
    Sostanzialmente dice che potrebbe provvedere lui stesso a perfezionare la voltura ma ciò comporterebbe una sanzione di mora a carico mio e del compratore che potrebbe ...
  • Consulente  - Sito del catasto
    Se lei ha la voltura, la cosa è abbastanza semplice, si collega a questo sito *******portaleassistenza.agenziaterritorio.it/SRVS/CGI-BIN/WEBCGI.EXE? St=177,E=0000000000098538779,K=8655,Sxi=1,CASE=Ref%28Contact_Center%29 ,QUESTION=REF%28Q_Profilo%29:STR%28Cittadino%29
    che è il sito del catasto e le faranno inviare la successione dove sarà indicata naturalmente la voltura di tutto specificando che il giardino è ancora a nome di suo padre. Vedrà che chiarirà tutto.
  • Tiziana
    Buongiorno
    Mia madre ha ereditato da- suo fratello- nel 2005 una casa costruita nel 1972 con piano terra,primo piano e magazzinetto-ripostiglio sulla terrazza(non abitabile ma fatto intonacare e piastrellare da mia madre e all'interno del quale ci sono sempre stati attrezzi,scale ,mobiletti con vecchi servizi ecc).Ora la sta vendendo ma ha scoperto che il ripostiglio sulla terrazza non risulta in catasto.Cosa puo' fare? La ringrazio per la risposta che vorra' darmi. Tiziana
  • Consulente  - Sistemare la piantina catastale
    SAlve Tiziana
    per non incorrere in problemi futuri faccia sistemare la pianitina catastale da un bravo geometra
  • Neutralia  - Planimetria errata
    Salve, ho da poco acquistato un appartamento la cui planimetria indica un bagno (al momento dell'acquisto era privo di qualsiasi accessorio)ed una lavanderia (al momento dell'acquisto accessoriato come bagno cieco).
    Avevo informato l'agenzia immobiliare della volontà di accessoriare il locale 'vuoto' al fine di avere un bagno con finestra dato che l'altro è cieco. Dopo aver cominciato i lavori e dopo aver comprato tutto il materiale (wc, bidet,doccia ecc.) l'idraulico ed il muratore mi fanno notare che tale locale è sprovvisto dei tubi di scolo delle acque nere. Quelli esistenti sono da 40mm & 60mm. Il locale infatti era adibito a cucina, come gli altri appartamenti dello stesso stabile.. La ditta che aveva intrapreso i lavori di idraulica nel 2012 e l'ex proprietario, dopo tante bugie mi dicono che posso solo installare un wc chimico proponendomelo come una soluzione trendy e allettante.
    Io ho sollecitato l'intervento del notaio interpellando un vizio di forma! Gradirei un indenn...
  • Giuseppe Iodice  - particella usucapita non conforme alla realtà
    Salve, ho usucapito un piccolo appezzamento di terreno, da più di 5 anni, con regolare sentenza e regolarmente trascritta al catasto. Oggi che volevo venderla ho avuto il rifiuto da parte del notaio che giustamente si oppone al fatto che la particella usucapita non è la realtà dei fatti poichè ci mancano delle strisce di terreno che non sono state abbandonate dal vecchio proprietario oltre ad altri piccoli impossessamenti di altre persone. Non trattasi di errore del giudice perchè in sede giudiziale non credevo, ed in ciò penso che sono stato assistito malissimo dal mio avvocato, fosse così importante e determinante ai fini della rivendita. Cosa posso fare per sanare il tutto senza accollarmi altre grosse spese ed in tempi accettabili? Grazie dell'attenzione. Giuseppe
  • Renato Pacchione  - difformità fra catasto e concessioni
    buongiorno.
    Ho acquistato da vendita giudiziaria una abitazione di cui il CTU dichiarava la conformità sia catastale che urbanistica. Nonostante questo ho dovuto presentare condono edilizio per alcune difformita' ma adesso la agenzia delle entrate emette accertamento ed emerge che locali ad uso magazzino e autorimessa sono stati a suo tempo accatastati come taverna ed altro.
    Quindi oltre ad aver dovuto subire gli oneri di una sanatoria, adesso devo versare ad ADE quanto dovuto perchè non rientrante nelle agevolazioni prima casa.
    Cosa posso fare, a questo punto, a mia tutela??
    (in pratica ho comprato garage e cantine a prezzo di taverna e ci devo pagare anche sanzioni)
  • Margherita
    Buonasera, volevo chieder Le un'informazione per la divisione tra fratelli, il geometra ha effettuato i rilievi e accatastato l'immobile per esatta rappresentazione, ma in Comune non corrisponde, inoltre non è mai stato richiesto un fine lavori, ne richiesta di abitabilità.
    Il Notaio può effettuare l'Atto di divisione.
    Se viene effettuato l'Atto quali rischi vado incontro qualora sorgessero dei problemi con eventuali creditori.
    Se la divisone non è equa può essere impugnata da eventuali creditori.
    Ringrazio per l'attenzione
    Margherita





  • Consulente  - Impugnazione dei creditori
    Salve MArgherita
    come prima cosa le piantine catastali devono corrispondere alla realtà e devono esserci i certificati di abitabilità.
    Dopodichè passato questo scoglio la divisione può essere impugnata dai creditori se eseguita male
  • Anonimo
    Salve ..di un immobile di due piani lasciato in usufrutto alla mia attuale usufruttuaria a distanza di dieci anni che abito in affitto al 2 piano poiché volevo regolarizzare con contratto di affitto vengo a conoscenza tramite controllo catastale ..che il 2 piano non e mai stato censito catastalmente...compare solo il 1 piano...x cui deuco illegittimo aver pagati 10 anni d affitto in nero ad una persona che non aveva titolo...difatti adesso neanche e possibile fare l ape ne stipulare un contratto ..come devo muovermi??

  • Peppe  - Come comportarmi
    Come fare
  • Consulente  - Regolarizzazione della pratica
    Salve Anonimo,
    faccia regolarizzare la pratica dalla sua usufruttuaria.
  • Anonimo  - Truffa?
    Ho acquistato un immobile accatastato A/7.
    Dopo il rogito un tecnico si accorge che i soffitti non rispettano i limiti di legge come rappresentato nella piantina catastale e nella documentazione per la richiesta di agibilità a seguito di un piano casa fatto dai vecchi proprietari.
    Risulta quindi una difformità da quanto dichiarato su tutte le carte e lo stato attuale dell'immobile.
    E' possibile richiedere l' annullamento dell' atto e procedere contro il proprietario per truffa e falso?
    Grazie
  • Consulente  - altezza soffitti e truffa
    Salve Anonimo
    si può dire che nel corso degli anni l'altezza dei soffitti è variata.
    Certo che se sono ancora più bassi di quelli oggi in vigore bisognerebbe verificare il perché di tale dichiarazione e di quanto è la difformità.
    Per parlare di truffa non le saprei dire, bisognerebbe esaminare l'atto d'acquisto e tutta la documentazione allegata
  • Luca
    Salve,
    ho acquistato un appartamento in un parco in costruzione composto da 32 appartamenti come da progetto presentato al comune per il rilascio del P.d.C.
    Iniziati i lavori, il costruttore presenta una DIA per una modifica da porticato ad appartamenti abitabili e da sottotetto a mansarde abitabili.
    Terminano i lavori e dopo 6 anni scopriamo che il comune ha avviato un procedimento in autotutela volto alla verifica dell'annullamento del permesso di costruire. Sono trascorsi altri 3 anni da questo avviso e ancora non si sa nulla.
    La mia domanda è questa: per esigenze familiari devo vendere il mio appartamento, che fa parte dei 32 costruiti in conformità al permesso rilasciato e poi annullato in autotutela, ma non ho avviamente l'agibilità; posso farlo visto che, chi vuole comprare è consapevole di questa situazione? e se il comune dovesse decidere di sanare gli abusi con una sanatoria perchè non si può procedere a una demolizione degli appartamenti non autorizzati, dovrà pagare anc...
  • Damiano  - giardino presente in planimetria ma non in mappa c
    Salve, ho un immobile che mio padre ha acquistato negli anni 50,con relativo giardino esclusivo, presente in planimetria, ora dovendo accatastare un piccolo ampliamento ricadente sul giardino stesso, ci siamo accorti che la sagoma del fabbricato acquistato è correttamente rappresentata ed intestata a me, mentre il giardino ricade su una parte di un'altra particella intestata ad un altro signore, è ovvio che la situazione di fatto è sempre stata così, le chiedo, fa fede la planimetria catastale allegata all'atto che sin dall'origine ha rappresentato graficamente il giardino esclusivo? o mi devo preoccupare che qualcuno vanti diritti sullo stesso visto che non è presente nella mappa catastale.
    grazie
  • Consulente  - In questi casi si può far valere il diritto di usu
    SAlve Damiano
    in questi casi può far valere il diritto di usucapione, ma va dimostrato, per regolarizzare le carte
  • Maria Cristina  - mappa più estesa dell'appartamento
    Ho acquistato un appartamento nel 2011, dove risiede stabilmente mio padre.
    Ci siamo accorti,(ora!) che la piantina della casa depositata al catasto, comprende anche una parte della grande veranda/ballatoio che al momento attuale fa parte di un altro appartamento,e quindi separata dal nostro ballatoio da un muro.
    Questo comporta che stiamo pagando le tasse per 120 mq, quando in realtà il ns appartamento è di 90 mq.
    Non ho notizie in merito alla piantina catastale dell'appartamento attiguo, ma vi chiedo se c'è alcuna possibilità, facendo causa, di entrare in possesso della porzione di veranda risultante dalla cartina.
    vi ringrazio tutti in anticipo! Cristina
  • Maria Cristina  - mappa più estesa dell'appartamento
    No, il notaio non ha controllato, ma nell'atto c'è scritto: "la parte venditrice dichiara, e la parte acquirente ne prende atto, che i dati catastali innanzi riportati e la predetta planimetria sono conformi allo stato di fatto, sulla base delle disposizioni vigenti in materia catastale."

    Pensi che il notaio sia in qualche modo responsabile?

    PS: i dati catastali riportati nell'atto sono quelli errati.
  • Consulente  - Titolo d'acquisto del vicino
    SAlve Maria Cristina,
    in realtà dipende da quanto tempo il suo vicino è proprietario di quell'abitazione, perchè potrebbe far valere il diritto d'usucapione.
    Tuttavia potreste in ogni caso far sistemare le carte e pagare sul reale.
    Tuttavia mi domandavo... Il notaio che ha fatto il rogito non ha controllato la situazione reale con le piantine?
  • Luca  - permesso di costruire
    Salve,
    ho acquistato un appartamento in un parco in costruzione composto da 32 appartamenti come da progetto presentato al comune per il rilascio del P.d.C.
    Iniziati i lavori, il costruttore presenta una DIA per una modifica da porticato ad appartamenti abitabili e da sottotetto a mansarde abitabili portando il totale degli alloggi a 80.
    Terminano i lavori e dopo 6 anni scopriamo che il comune ha avviato un procedimento in autotutela volto alla verifica dell'annullamento del permesso di costruire. Sono trascorsi altri 3 anni da questo avviso e ancora non si sa nulla.
    La mia domanda è questa: per esigenze familiari devo vendere il mio appartamento, che fa parte dei 32 costruiti in conformità al permesso rilasciato e poi annullato in autotutela, ma non ho ovviamente l'agibilità; posso farlo visto che, chi vuole comprare è consapevole di questa situazione? e se il comune dovesse decidere di sanare gli abusi con una sanatoria perchè non si può procedere a una demolizione degli appartame...
  • Consulente  - Non potrebbe farlo
    Salve Luca
    non potrebbe vendere l'abitazione senza l'agibilità. Troverebbe un notaio disposto a farlo?
    In ogni caso ipotizzando una vendita irreale, nel caso in cui ci fosse una sanatoria i proprietaria sarebbero chiamati a sanare la posizione.
  • Giovanni  - errore del notaio
    Salve, ho acquistato una casa con 4000mq. di terreno con mutuo, ha distanza di dieci anni mi sono accorto che il notaio al momento dell'atto di acquisto ha messo si 4000mq. ma ha registrato solo una particella di 2000mq. l'altra particella di 2000 è ancora intestata al vecchio proprietario. La banca che mi aveva concesso il mutuo mi ha pignorato la casa con 4000mq. di terreno, potrebbe essere nullo il pignoramento visto che non è conforme all'atto del notaio?
  • Consulente  - Le banche hanno fatto i dovuti controlli
    Salve Giovanni
    le banche faranno le correzioni, prima di pignorare avranno prima verificato gli errori mappali.
  • Katia  - Casa di corte senza cortile
    Buongiorno, sono in fase di trattativa per l'acquisto di una "casa di corte" come riportato nel compromesso firmato lo scorso 28/03. Premetto che attualmente sono 2 i proprietari di tutta la corte con cortile comune.
    Il termine ultimo per rogitare è il 30 ottobre, ma quando ho chiesto di farlo questo 21 settembre mi è stato risposto che non è possibile in quanto devono fare un atto con il quale gli attuali proprietari si vogliono frazionare il cortile lasciandomi solo una servitù di passaggio. La mia domanda è, possono farlo anche se a me era stato detto dall'agenzia immobiliare che il cortile sarebbe stato in comune? Possono escludermi dal cortile in questo modo anche se io ho due ingressi dal cortile?
  • Consulente  - Dipende da cosa ha firmato nel compromesso
    Cosa c'è scritto nel compromesso che ha firmato? che avrebbe avuto diritto alla servitù di passaggio p alla corte comune?
  • Katia  - Continuo casa di corte
    Nel compromesso non è menzionato, si parla di una casa di corte, però mi hanno fatto firmare una scheda catastale nella quale il cortile é comune.
  • Consulente  - Interpretare il compromesso
    Salve Katia
    deve giocare di interpretazione. Se il termine servitù di passaggio non è stata menzionata deve andare a verificare come poter collegare l'acquisto della casa all'acquisto della corte comune. Dovrebbe far vedere l'atto ad un notaio o un avvocato, perchè solo sulle parole non posso confermarle nulla.
  • Luigi Ba  - abuso edilizio e condono
    Ho venduto una villetta con giardino e nel rogito è stato riportato che per l'abuso (costruzione nel giardino di un bagno e un lavatoio non residenziale) non era ancora giunta alcuna risposta circa la regolare domanda di condono presentata al Comune e impegnandomi a farmi carico delle spese e richiesta di ulteriore documentazione a richiesta del Comune stesso. Ora dopo circa 10 anni il Comune rifiuta il condono causa vincolo paesaggistico prospettando l'ipotesi di un ripristino alla condizione originali. Cosa succede se nel frattempo il nuovo proprietario ha effettuato dei lavori tali che il "mio" abuso è sostanzialmente "sparito" ?
  • Consulente  - È necessario verniciare l'atto
    Salve Luigi
    Bisogna vedere cosa ha scritto nel rogito.
  • nunzia  - planimetria non conforme prima del rogito
    Buongiorno, la disturbo per chiederle se una modifica di tramezzi, fatta dal venditore, di un bagno ( ricavata area aggiuntiva da 70X80 per lavatrice) tolta ad una camera da letto non presente sulla planimetria presentata al compromesso potrebbe in fase di rogito essere appellata per annullarne l'atto?
    Saluti
  • Consulente  - Planimetria infedele
    Salve Nunzia é vero che la planimetria non coincide con il reale, ma per sapere se potrá annullare l'atto bisogna verificare il tipo di irregolaritá commesse.
  • franco  - solo terreno con fabbricati abusivi
    Salve,
    ho acquistato un terreno edificabile, che doveva essere vuoto (perchè i fabbricati abusivi dentro doveva buttarli prima di cederlo).
    L'ho acquistato convinto che li avesse buttati, mentre non lo aveva fatto.
    Poi ci ho litigato, e vorrei che l'atto fosse nullo, così si riprende il terreno e mi da i soldi indietro.
    Ora ho scoperto che sono abusivi anche tutte le recinzioni, che pensavo fossero a regola.
    Ho denunciato perchè buttasse il tutto.
    Secondo lei l'atto è nullo, vero?
    Ma la mia domanda è questa: chi deve chiedere questa nullità? devo essere per forza io a chiederla? o secondo lei è un ente terzo e imparziale (tipo il comune davanti all'evidenza), che debba inoltrare domanda di nullità? e se si, a chi? al tribunale civile?
    grazie mille
  • Emanuela  - Pertinenza iscritta nell'atto ma mancante al catas
    Bunasera, nel 2008 ho acquistato un appartamento in una palazzina di 3 unità. L'appartamento si trova al primo e secondo piano. Nel primo ammezzato si trova un magazzino/ripostiglio di 15 mq che mi è stato venduto assieme all'appartamento come pertinenza della proprietà. Tale pertinenza appare sull'atto notarile che sancisce il mio acquisto ma risulta mancare sull'atto di provenienza. A distanza di anni apprendo che tale pertinenza viene utilizzata da terza persona che sostiene di essere il legittimo proprietario in quanto trattasi di eredità. Promuovo una causa per venire a capo della situazione e stabilire la legittima proprietà od il valore per l'eventuale danno. Oggi la sentenza chiarisce che effettivamente la terza persona è il reale proprietario e condanna le persone che mi hanno venduto l'immobile spacciando quel magazzino come pertinenza a pagarmi un danno di € 700,00 circa a fronte di un valore di detto magazzino (periziato su commissione del tribunale da un professionista ...
  • Cristina  - abuso edilizio commesso dalla cooperativa ai danni
    Buongiorno,
    sono divenuta socia di una cooperativa, insieme agli altri promissari acquirenti, dopo che un abuso commesso dalla precedente cooperativa in fase di costruzione aveva bloccato i lavori e fatto emergere una situazione di quasi fallimento della stessa. L'abuso in questione è relativo all'innalzamento del colmo del tetto, effettuato all'oscuro dei promissari acquirenti, necessario per "vendere" come mansarde annesse agli appartamenti dell'ultimo piano della palazzina ciò che in realtà era una soffitta, contrariamente a quanto specificato nella proposta di acquisto. L'intero edificio è stato sottoposto a sequestro, la richiesta di sanatoria ha comportato una sanzione amministrativa per lo sblocco dell'intero cantiere. La mia domanda è la seguente: non essendo possibile ripristinare la situazione ante abuso, e dovendo quindi la nuova cooperativa sostenere le spese della sanzione, queste come devono essere ripartite? In fase di rilevazione della cooperativa era stato c...
  • Consulente  - Abuso sanato da sanzioni
    Salve Cristina
    non siamo in grado di offrire un servizio gratuito per la ricerca di sentenze. Per darle una risposta bisognerebbe leggere cosa, purtroppo bisogna vedere cosa è stato concordato e dove è stato indicato. Se il documento stipulato ha valore di legge, in genere non può essere variato molto facilmente.
  • Mario
    Buonasera sono mario il 22 dicembre 2014 ho acquistato un immobile dal costruttore, costruito nel 2009, nella planimetria esiste un disimpegno che non c'è fra cucina e lavanderia, nel momento dell'atto mancava l'agibilità dell'appartamento e soltanto qualche mese fa mi è stata rilasciata una fotocopia del tecnico abilitato all'attestazione di agibilità, la certificazione energetica e del 2011 e sia l'attestazione di agibilità che l'ACE parlano di via papa giovanni XXII ma in realta io abito in via Ruggero settimo 4 che è una traversa di via papa giovanni dove nasce l'edificio ma io entro ed esco da via Ruggero Settimo.
  • Consulente  - Indirizzo nato dopo?
    Salve Mario
    ma l'indirizzo da cui entra è sempre esistito oppure è sorto dopo la costruzione dell'edificio?
  • Mario
    Esiste dal 2011, ma l'attestazione di agibilità del tecnico abilitato è stata fatta nel 2015, l'ACE e del 2011 e la caldaia e il contatore del metano non c'erano li ho messi io quando ho acquistato la casa nel dicembre 2014 dal costruttore. e il disimpegno che c'è nella planimetria fra la cucina e la lavanderia non è mai esistito
  • Consulente
    Ma l'indirizzo della residenza?
  • Mario
    l'indirizzo di residenza Via Ruggero Settimo 4
  • Andrea  - Certificato di agibilità
    Devo acquistare una villa di nuova costruzione(2012)da un privato,la domanda per il certificato di agibilità e'stata presentata nello stesso anno quando sono stati completati i lavori per la villa dal costruttore,ma ancora oggi non è stato rilasciato dal comune,come posso tutelarmi dal notaio per essere tranquillo?.grazie
  • Consulente  - Faccia inserire dal notaio una clausola
    Salve Andrea,
    in genere l'abitazione si acquista con certificato di agibilità in mano.
    Chieda al noataio che tipo di clausola poter inserire. Potrebbe essere anche un deposito presso il notaio fino all'arrivo del certificato stesso.
  • Silvia  - comprato immobile con abusi edilizi
    Buongiorno ho appena registrato preliminare per acquisto casa.la venditrice ha già incassato l'assegno di caparra, e solo ora si vengono a sapere abusi edilizi.come risolvo ?
  • Consulente  - Richieda la caparra per mancanza di requisiti
    Salve Silvia,
    si rivolga ad un avvocato per la faccenda il prima possibile. Quando vi sono vizi la caparra deve essere restituita.
  • loredana  - catasto e acquisto
    Buongiorno, abbiamo questa situazione: immobile costruito circa 60 anni fa dai miei genitori, 35 anni fa muore il padre e l'immobile passa ai 3 eredi, moglie e 2 figli. 15/20 anni fa l'immobile (unico appartamento distribuito su 2 piani) viene diviso in 2 appartamenti indipendenti realizzando anche una scala esterna per accedere all'appartamento del primo piano senza autorizzazioni e licenze.
    8 anni fa muore mio fratello e il suo 1/3 passa al figlio maggiorenne avuto da prime nozze e alla seconda moglie (1/6 ciascuno).
    Circa 5 anni fa acquisto da mia madre il suo 1/3 lasciandole l'usofrutto, con consenso dei due proprietari appena indicati. 2 anni fa muore mia madre, pensando che con la morte l'usofrutto decadesse non lo cancello.
    Ora il figlio erede di 1/6 vorrebbe acquistare i miei 2/3, ma mi viene detto che non avendo sanato i lavori eseguiti senza permessi, l'acquisto che feci del 1/3 di mia madre potrebbe essere annullato.
    Chiedo se ciò è vero e nel caso lo fosse come posso ev...
  • Consulente
    Non é possible responders al duo question. È necessario considerare la normativa sia nazionale che regionale e verificare la possibilità di adesione al piano casa
  • Vera  - planimetria diversa
    Ciao sono Vera ho acquistato un immobile nel 2015 dal costruttore ed il notaio mi ha fatto firmare la planimetria ma fra la cucina e la lavanderia risulta un disimpegno che non c'è mai stato, posso chiedere l'annullamento del contratto o sono colpevole perché ho firmato la planimetria
  • Consulente
    Era a conoscenza della mancata realizzazione del disimpegno?
  • Vera
    No' me ne sono accorta dopo che ho ritirato l'atto dal notaio e da una visura che ho fatto ieri l'immobile risulta che è 101 m2 esclusi balconi terrazzi, in realtà la casa non supera gli 80 m2.
  • Consulente  - Deve richiedere una variazione delle misure
    Salve Vera
    se lei ha visionato l'immobile lo ha acquistato per come lo ha visto.
    Deve richiedere a chi gli ha venduto l'immobile di far variare la planimetria.
  • Salvatore  - planimetria diversa
    Buonasera avrei bisogno di un chiarimento:ho comprato nel 2004 un appartamento cielo terra dalla famiglia di mio padre, compreso, fatto tutto l'atto e relativo mutuo davanti al notaio, oggi 2015 volendo vendere l'appartamento scopro che il piano superiore costruito presumibilmente nel 1968 non risulta essere sulla planimetria catastale e da loro dichiarato sull'atto risulta essere tutto in essere ante 1967,il tutto mi ha fatto saltare una vendita fatta, cosa posso fare per regolarizzare il tutto, e visto che la normativa è cambiata solo nel 2010 come posso tutelarmi? Chiedo vostro aiuto
  • Consulente  - Andare al catasto regolarizzando la situazione
    Deve recarsi al catasto con l'atto di acquisto per sistemare la situazione
  • Gianni  - Dichiarazioni conformità non allegate
    Buonasera avrei bisogno di informazioni.
    Nel periodo aprile 2008 ho acquistato un appartamento. Nell'atto il venditore (ditta di costruzioni) garantisce per la sicurezza degli impianti e si impegna a richiedere il certificato di agibilità.
    Ad oggi questo certificato, per mia negligenza e disinteresse, ancora non ce l'ho, ma l'agenzia immobiliare mi ha detto che l'agibilità è stata rilasciata e mi basta recarmi in comune per chiederne una copia con tutte le dichiarazioni di conformità impianti allegate.
    Il problema è che, prima di me, il mio appartamento aveva un altro acquirente che poi ha rinunciato e che non risulta su nessuna documentazione (visure ipocatastali storiche).
    A me risulta che tale acquirente potrebbe essersi fatto intestare le di.co. (quindi dalle di.co. depositate in comune potrebbe risultare lui il proprietario), se è così cosa dovrei fare?
    Vi sarebbe infatti sulle di.co il nome di uno che non c'entra niente con il mio appartamento e con gli impianti di casa mia.
    G...
  • Consulente
    Deve rivolgersi ad un geometra
  • Mimi
    buonasera, nel 2007 ho acquistato un suolo edificabile dal comune, con vincolo di 5 anni prima di ripoterlo vendere. Passati 5 anni ho messo in vendita il suolo,ma al momento di chiedere documenti per la vendita ho scoperto che il comune non ha mai trascritto al catasto il mio atto di vendita , pertanto non risulto proprietario di niente. Per giunta in questi anni mi hanno fatto pagare anche imu!!!!! Io ho chiesto al comune per ora solo verbale il rimborso di tutto ciò che ho pagato, loro sono già 2 anni che dicono che stanno vedendo , ma io sinceramente mi sono stancato. Cosa devo fare ?
  • Consulente  - Ha verificato la reale situazione al catasto?
    Se ha già verificato la situazione al catasto deve incaricare un avvocato per intentare una causa nei confronti del Comune.
  • Anonimo
    Ma bisogna per forza iscriversi pagando per avere risposte? Sono mimi
  • Consulente  - Nessunio ha chiesto la sua registrazione
    Salve mimi
    nessuno ha richiesto la sua registrazione e nessuno le ha chiesto il pagamento di un compenso.
    Se era necessario iscriversi lei non avrebbe potuto accedere al sito!
  • mimmo
    Si ho verificato la situazione al catasto ,e non risulta nessuna registrazione del suolo. Da parte del comune sembrerebbe ci fosse la volontà di risarcirmi, ma sono passati già 2 anni da quando lo dicono.
  • Consulente
    Probabilmente non la considerano perchè non ha un avvocato che la segue
  • elisabetta
    Buongiorno, volevo sapere se l'atto nullo e' retroattivo, io ho fatto l'atto nel 2008 ma a tutt'oggi non risulta sul catasto e le planimetrie sono tutte sballate.
  • Consulente
    Non è retroattivo
  • Elisabetta
    Posso comunque intraprendere una azione legale per farmi rimborsare? Grazie
  • Consulente
    Questo lo deve verificare con un avvocato. Soltanto visionando le carte si puô rispondere alla sua richiesta
  • elisabetta
    Grazie
  • giuseppe48
    Buongiorno,ho acquistato nel 1997 un appartamento con atto notarile e con l'assistenza di una agenzia immobiliare in un complesso che solo nel corrente anno ha adempiuto tutti gli obblighi urbanistici con il comune. Solo adesso è stato possibile chiedere l'abitabilità e scoprire che il mio immobile è abusivo perchè le schede catastali in atto non corrispondono alla licenza di costruzione. Purtroppo il venditore dell'intero complesso da cui ho acquistato è fallito. In tutti questi anni ho pagato tutte le tasse inerenti all'immobile comprese le tasse sullo smaltimento dei rifiuti senza aver mai avuto sentore di irregolarità e tanto meno di abusi edilizi. Chiedo come mi devo comportare e se l'immobile può essere venduto. Ringrazio e attendo cortese risposta Giuseppe
  • Consulente  - In presenza di abuso, abitazione non vendibile
    Non credo che la sua abitazione possa essere venduta se non prima regolarizzata in tutte le sue pendenze.
    In ogni caso la cosa opportuna da fare è rivolgersi ad un bravo avvocato che ha la possibilità di leggere tutti gli incartamenti a disposizione.
  • Anonimo
    Grazie
  • giuseppe48
    E' possibile fare una vendita, con adeguato sconto, avvertendo l'acquirente della mancanza del certificato di abitabilità per i motivi di abuso edilizio che dovrà sanare sotto la sua responsabilità successivamente alla vendita stessa? Chiaramente inserendo questa clausola sia nel preliminare che nell'atto di vendita con adeguato supporto legale visto che non è ritenuto necessario al rogito stesso presentare l'abitabilità. Attendo sua risposta, ringrazio e saluto Giuseppe
  • Luisa Karper  - altezza diversa dei locali
    ho scoperto casualmente che i locali di un appartamento mansardato recentemente acquistato, nel punto più basso invece di m 2.10 sono alti m. 2.35 . Il precedente proprietario aveva sopraelevato l'immobile una quindicina di anni fa, da me contattato, si è mostrato sorpreso quanto me (non aveva mai controllato la misura effettiva o la sua corrispondenza con la pratica edilizia) . Abbiamo perciò ritenuto che l'errore sia stato a suo tempo dell'impresa che ha fatto i lavori di sopraelevazione (ormai comunque sciolta) e/o del geometra responsabile del progetto (che nel frattempo è deceduto) . Cosa devo fare? si tratta di piccola difformità? come procedo? grazie infinite per la risposta che vorrete darmi
  • Consulente
    deve sentire un geometra
  • simona  - sottotetto non segnato nelle planimetrie
    salve ad ottobre 2014 abbiamo acquistato un appartamento piano primo ed ultimo di una piccola corte ,nelle planimetrie non e' segnato il sottotettoche si accede da una botola dentro casa mia in fondo al corridoio ,che comunque non e' abitabile per l altezza ma che vogliamo utilizzarlo come ripostiglio o per armadi un po piu bassi ,mettendo tutto a posto coibentandolo essendo a rustico con piastrelle e due caloriferi,con una scala piu comoda per accedervi,come posso fare devo farlo accatastare o l' atto puo' essere annullato per mancanza ....
    in piu' la signora che abita sotto di me sostiene che e' anche suo per usarlo come ripostiglio ...ma vorrei sapere come potrebbe usarlo deve entrare in casa mia ? ,lei sostiene questo ,ma non ce' nessun diritto di passo dentro la mia casa... nell'atto notarile non si menziona neanche l esistenza di un sottotetto o soffitta
    cosa fare ?
    grazie e saluti
  • Neris Bignotti
    il sottotetto e suo esclusivo
  • Consulente  - Sottotetto
    Salve Simona
    per fare i lavori che dice, posizionando piastrelle e calorifici, deve rifarsi al piano casa regionale e accatastare il sottotetto come locale adibito ai servizi e non a ripostiglio.
    Per quanto concerne la persona che le abita sotto, è necessario verificare cosa ci sia scritto nel suo atto. A me sembra che non ha alcun diritto, ma dovrebbe far leggere il suo atto notarile ad un avvocato
  • Neris Bignotti  - planimetrie e dati catastali difformi
    un condomino di san maurilio 20 a Milano, che e' utilizzatore e proprietaria del leasint l'intesa, compera 16 mq di negozio al piano con bagno e sottostante magazzino entrambi con ingresso da Santa Marta 8. nel 2004, dopo pochi mesi lo rivende sempre con il leasint a banca intesa con utilizzatore altro soggetto. Le planimetri allegate sono difformi da quelle del precedente atto, anche la cantina sub 58ma e' del condominio occupata da autoclave dal 1983..e sul regolamento condominiale..fatto grave appare un secondo ingresso dal cortile di San Maurilio 20 al magazzino sottostante..Ora questi fa causa al condominio perche' pretende il secondo ingresso disegnato in planimetria allegata all'atto..nel 2014 la banca intesa scaduto il leasint fa l'atto notarile di vendita a Vale s.r.l.utilizzatore Ricotti..Sull'atto vi e' del falso e ci sono allegate dichiarazioni del tecnico sulla conformita'..ma se il bagno al piano nel contempo e' stato eliminato NON E' PIU' NEGOZIO, SE LO FAI SOTTO NE...
  • Neris Bignotti
    Sono stata in Comune a Milano ho trovato depositati progetti del 1979 eseguiti nel 1983 difformi dallo stato di fatto..mi chiedo se uno paga un geometra e deposita al catasto disegni non veri...vale??
    A me viene riferito che bisogna cercare se sono difformi, le planimetrie allegate al primo atto, poi i progetti depositati,sull'atto vi e' scritto che l'amministratore era avvisato..invece non e' vero...vi e' conformita' di un geometra,invece non e' vero...detto negozio e magazzino non ha il certificato di agibilita' dovuto per legge ed e' dichiarato in atto,come fa ad affittare per 140 mq. di galleria d'arte e sotto con sosta di persone poi a latere in dia del 2005 dichiara che sotto non serve nulla perche' non vi e' sosta di persone...
  • Consulente
    Contatti un avvocato che visioni le carte
  • elisabetta
    BUONASERA, HO UN SUOLO COMUNALE EDIFICABILE CHE HO ACQUISTATO NEL 2008, 2 ANNI FA HO DECISO DI VENDERLO. FACENDO RICHIESTA AL CATASTO PER CONTROLLO HO SCOPERTO CHE IL SUOLO NON E' A MIO NOME MA AD ALTRI CON LE RELATIVE PARTICELLE ASSEGNATE AGLI STESSI. IL COMUNE FINALMENTE FORSE SI E' ACCORTO CHE HA SBAGLIATO E VORREBBE LIQUIDARMI IL CONTRATTO SENZA TUTTE LE SPESE CHE HO SUPPORTATO QUALI: ASSICURAZIONE FIDEIUSSORIA,INTERESSI, VALORI BOLLATI E IMU CHE NORMALMENTE VERSAVO PER UN TOTALE DI CIRCA 5000 EURO. VORREI SAPERE SE POTRO' RIAVERE ANCHE INDIETRO TALI SOMME. GRAZIE
  • Consulente
    Non penso potrà riavere gli importi di cui sopra. Forse l'IMU facendo una richiesta di rimborso per i versamenti effettuati negli ultimi 3 anni.Tuttavia in questi casi consiglio sempre di rivolgersi ad un avvocato che si occupa di materie edili e far vedere tutta la documentazione a disposizione.
  • elisabetta
    GRAZIE
  • luli
    sto per comprare una casa.dopo la proposta scopro che i balconi in planimetria sono due e invece realmente esiste uno a L . ho bloccato la preliminare . come mi dovrei comportare?
  • Consulente
    Rifaccia sistema re le planimetrie prima di concludere l'acquisto
  • Diogo  - planimetria catastale non aggiornata
    Salve, mi chiamo Diogo e nel 2006 ho acquistato un'immobile che oggi vengo a sapere che lo stato attuale ma anche quello del 2006 visto che non ho mai realizzatto nessun tipo di intervento non corrisponde a quello depositato nel'ufficio catasto. Allora la mia domanda è se questo comporta l'anullita dell'atto?

    Grazie mille.
  • Consulente
    Purtroppo no. Dovrebbe regolarizzare la situazione però, perchè se venderà non potrà vendere
  • emanuela  - PORTA ESISTENTE SUL DISEGNO CATASTALE E NON PRESEN
    Buongiorno, sul disegno del catasto del condominio nel quale abito e' disegnata una porta di ingresso scale comuni che in realta' non esiste.

    Posso obbligare il venditore a farla costruire immediatamente a sue spese.

    E' una truffa del venditore?
  • Consulente
    Mi scusi non capisco, se la porta è relativa al condominio, come può essere una truffa del venditore? e se è condominiale come può obbligare il venditore a sostenere le spese relative a tutti i condomini a realizzare una porta?
  • Monica  - Cantina inglobata
    Salve, nel 2001 il costruttore aveva accatastato varie cantine con i relativi sub ma consegnava cantine a scelta quindi ora si trovano proprietari che sono diversi dai possessori. Nel 2003 mio padre compró con in atto un sub e gli viene consegnata una cantina che crede sua ( all'epoca nn si allegavano planimetrie) nel 2005 mio padre vende a me l'appartamento allo stesso modo ,e continua ad abitarci usando sempre la solita cantina, ora che mio padre non c è più scopro (dato che devo vendere) che la cantina con il sub a me intestato risulta al catasto al comune nelle tre variazioni la mia cantina non subiva modifiche ma nella realtà è inglobata in due cantine che hanno proprietari di cui peró anche loro non hanno il possesso. Vi chiedo secondo voi posso richiedere per vie legali hai proprietari che venga creata la cantina come da catasto, che ognuno di loro mi renda la porzione per ottenere la mia cantina Sarei disposta a farlo anche a mie spese. Chi ne possiede una gran parte mi h...
  • SABRINA  - passo carrabile
    Buongiorno,
    nel 2011 abbiamo acquistato una casa bifamiliare chiedendo lo spostamento del passo carraio,sul preliminare di acquisto veniva indicato come data di fine lavori( passo carraio+ pergolato esterno) primavera 2012. Ad oggi 01-03-2016 nonostrale nomerose sollecitazioni i lavori non sono ancora stati fatti.

    Cosa possiamo fare ?

    Grazie
  • Consulente  - Chi doveva fare i lavori
    Chi doveva fare i lavori? Chi state sollecitando?
  • SABRINA
    Buongiorno,
    i lavori erano a carico dell'impresa costruttrice.

    Sono stati verbalmente sollecitati sia li'impresa che l'architetto della stessa.
    Grazie

  • Anna Maria  - mappe e schede del rogito non corrispondono in com
    buongiorno,ho comprato casa nel 2006 oggi in fase di vendita abbiamo scoperto che le schede allegate l rogito non corrispondono alle mappe in comune in più nel 2002 il primo proprietario un costruttore ha presentato richiesta recupero sottotetto non ha mai dichiarato fine lavori ma nel 2004 ha venduto tranquillamente che a sua volta è stata venduta a noi nel 2006 .scoperto questo problema abbiamo presentato un progetto in sanatoria ma la responsabile dell ufficio tecnico senza informarci ha inviato la nostra pratica all'agenzia entrate senza capire la motivazione in più preciso che noi non abbiamo mai apportato modifiche alla casa .la casa e pignorata e andrà all asta ecco perché siamo riusciti a trovare un acquirente per risolvere il debito .
    Cosa dobbiamo fare nei confronti del comune del proprietario dell agenzia immobiliare notaio? Soprattutto possiamo richiedere nullo rogito? E cosa succede con. La banca del mutuo?chi ci deve risarcire il danno subito?
    Grazie
  • Consulente  - troppo compllicato per risolvere senza esaminare l
    Salve Anna Maria se si può fare qualcosa lo può dire solo un avvocato che visiona gli incartamenti perchè il suo quesito non ha risposta semplice.
  • Nunzia  - Altezza tetto non conforme con la planimetria
    Buongiorno, ho visto una casa che mi interessa, un bilocale più il sottotetto, ho chiesto all'agenzia immobiliare di fornirmi la planimetria catastale e da li ho scoperto che il sottotetto risulta essere dichiarato ad un altezza di 2.05 mt ma nella realtà l'altezza è di 2.40 mt, ho chiesto informazioni all'agenzia e mi ha riferito che il costruttore ha venduto tutti gli appartamenti dichiarando quello indicato nella planimetria e che non ha intenzione di "regolarizzarla". La mia domanda è se acquisto casa posso richiedere io la modifica della planimetria se si quanto mi costa? Vivo nella provincia di milano. Grazie
  • Consulente
    La regolarizzazione può richiederla.
    I conteggi deve richiederli ad un geometro e sono un servizio a pagamento
  • Alberto  - delucidazione
    Qualche mese fa ho fatto un compromesso x l'acquisto di una mansarda nn sapendo essere un sottotetto . Nel compromesso nn si fa riferimento a misure o quant 'altro mi sono accorto adesso che sono stato fregato. Posso chiedere i soldi della caparra e delle migliorie apportate? E annullare il compromesso?
  • Consulente
    Se il compromesso è mancante di dati necessari alla trasparenza si.
  • Alberto compromesso nn registr  - mansarda o sottotetto ?
    Cortesemente.... ho stipulato un compromesso nn ancora registrato x una mansarda ho scoperto solo adesso essere un sottotetto con altezze da pavimento e solaio 50cm il punto più basso posso annullare il compromesso e chiedere i soldi dati?
  • Consulente
    Provi, ma secondo me dovrà fargli scrivere da un avvocato
  • Enea  - Immobile intestato a vecchio proprietario
    Salve, sono interessato ad una casa messa in vendita da un privato. Ho chiesto i vari documenti quali atto notarile di provenienza, planimetrie etc... In questa fase è emerso che l'immobile seppur acquistato tempo fa dall'attuale venditore, è ancora intestato alla vecchia proprietaria che risiede in Germania. Mi hanno detto che avevano deciso di lasciare in sospeso l'intestazione dell'immobile per poi farla direttamente una in questa fase di vendita. È possibile ciò? Nel caso di sottoscrizione del compromesso chi deve firmare, l'attuale venditore con una procura o la vecchia proprietaria? La caparra a chi andrebbe intestata?
    Grazie
  • Consulente
    Faccia i passaggi regolari
  • Marco  - Atto di compravendita - nullità per mancanza di ri
    Se l' atto di compravendita di un immobile risulta nullo secondo il notaio che lo stava visionando per procedere al compromesso ma c'è la volontà da parte dell'attuale venditore e del futuro compratore di sanarlo, vi è possibilità di sanarlo o va rifatto l'atto di sana pianta tra i due vecchi compratori/venditori?

    Grazie
  • Consulente
    Dipende dal tipo di vizio da sanare, a cosa si riferisce e da chi è stato creato il vizio. Sicuramente il notaio può darvi la risposta giusta
  • Giampaolo
    Salve,
    Stò vendendo un fabbricato dove nel 2004 il notaio ha omesso di inserire una particella e ha lasciato un gazzebo di 36 mq intestato alla vecchia proprietaria,ora ho contattato il precedente proprietario e sta creando problemi sollevando che l errore è di chi ha stipulato il rogito e quindi lui non ne vuol sapere nulla...
    A questo punto cosa devo fare...
    Grazie
  • Consulente
    Provi a sentire il notaio che ha fatto l'atto per integrare e rettificare l'atto
  • Basic  - Acquisto /vendita con abuso
    Salve,
    Ho visto una casa che mi piace, ho parlato con il proprietario che mi ha riferito quanti soldi vuole per la casa!
    Ho visto tramite il mio tecnico le planimetrie e i locali sanati, dalle planimetrie non si evincono una veranda mattonata coperta con tettoia precaria, un garage e dei pollai fatti con rete e tettoia ad eterni.
    1)Se dovessi acquistare la casa e dovessi andare da notaio..il notaio stesso può annullare l' atto perche sono presenti questi abusi?
    2)prima di vendere e fare l' atto è obbligato il venditore a demolire gli abusi?
    3) se io chiedo al venditore di demolire a sue spese questi abusi (considerato che sono abbondantemente inseriti nel prezzo richiesto) e lui si rifiuta cosa accade? Cosa posso fare?
    4) se compro la casa con gli abusi, e l' atto si puo fare, se dovessero denunciarmi per gli abusi, posso rivalermi sul venditore?
    In attesa di riscontro
    Grazie
  • Basic  - Integrazione alla precedente
    Aggiungo che gli abusi di cui alla domanda precedente non sono piu sanabili in quanto residenti in zona agricola.
  • Consulente
    Gli abusi vanno eliminati e va ripristinato lo stato iniziale.
  • Giuseppe Mosca  - CONDOMINIO CONDANNATO A PAGARE LE SPESE LEGALI
    Salve, sono Giuseppe da Varese.
    Vorrei, ove fosse possibile, un Suo consiglio su come risolvere un problema.
    Il Tribunale di Varese ha condannato il condominio a risarcire una certa somma di denaro (500€ a famiglia) per le spese sostenute per una causa iniziata nel 2005 tra il mio venditore e i condomini. Nel 2009, ho acquistato l'immobile e, un annetto fa, l'Amministratore mi ha notificato le 500€ da pagare, senza voler sentire ragioni e senza contattare il mio venditore, al quale avrebbe dovuto chiedere la succitata somma (fermo restando che sia il venditore che il notaio hanno omesso, nell'atto di compravendita, questa cosa grave). E'giusto che io, quale nuovo condomino, sia obbligato a pagare se non ero a conoscenza di nulla, considerato che l'appartamento è stato acquistato in epoca molto successiva alla data di apertura della causa? Ribadisco che il notaio, l'amministratore e il venditore non hanno mai fatto presente, all'atto dell'acquisto, dell'esistenza di una causa civile ...
  • Consulente
    Se il tutto è stato omesso, la causa andrebbe pagata dal vecchio proprietario. Tuttavia non è facile da dimostrare.
  • Paolo Martino  - Garage condominiali indivisi
    Buonasera avrei bisogno di un chiarimento. Io ho acquistato nel 2012 un appartamento con annesso sottotetto e solo ora scopro che anni fa sono stati realizzati nel portico condominiale dei garage che risultano accatastati tutti a tutti i condomini e dunque anche all'ex proprietario ora defunto, ma gli stessi non sono proprietari,essendo la proprietà ad oggi indivisa.
    Ora considerato che i condomini vorrebbero rogitare i singoli garage mi chiedo di chi è il diritto sul garage l'erede del defunto o io in quanto condomino ?
    Il garage è da considerare una pertinenza dell'appartamento?
    La visura dei garage riporta lo stesso numero di foglio e particella dell'appartamento solo una categoria e un sub diverso.
    Grazie per l'aiuto.
  • Consulente
    In teoria andrebbe a chi è intestatario dell'atto
  • Anonimo
    Nel mio atto è riportato che acquisisco ogni diritto su parti comuni e condominiali e servitù passaggi accessori ecc
    Solo che l'amministratore ha continuato a conteggiare l'ex proprietario come condomino per il solo magazzino
    Ma con questa dicitura nell'atto il vecchio proprietario non ha perso la qualità di condomino e dunque i diritti sulla porzione di parte comune dei garage?
  • Paolo Martino
    Il testo è Anonimo x errore
  • Consulente
    Sembrerebbe di si,ma faccia visionare i documenti ad un legale.
  • pietro pabio  - disdetta acquisto casa
    buona sera sono proprietario di una casa in fase di vendita con caparra gia versata dall'acquirente, in fase di visure e stato scoperto che il posto auto di 12 mq non era accatastato , e' stato accatastato ma risulta che io sono proprietario superficiario e invece la area e intestata ad un altro nome.
    ora il compratore vuole recedere dal contratto e vuole la caparra indietro e dovrei pagare anche le spese del suo notaio visure eccc.e giusta la sua richiesta? anche valutando la mia buona fede...cordiali saluti
    io sarei propenso a restituire la caparra avendo gia un compratore ma pagare il suo notaio.....un altra domanda potrei vendere la casa ora senza problemi?
  • Consulente
    Il notaio è stato incaricato da chi? Per fare cosa?
    A mio avviso il notaio andrebbe pagato dall'acquirente, ma bisogna vedere cosa avete definito.
  • francesca  - veranda
    Salve. Ho acquistato il mio appartamento nel 2007 da un tizio che si è aggiudicato il bene ad un'asta. Nel decreto di trasferimento del tribunale viene citata la realizzazione della veranda in assenza della prescritta comunicazione e che l'aggiudicatario potrà avvalersi delle disposizioni di cui agli art.46 t.u d.p.r n.380/01 3 40 l.n 47/85 e successive modifiche.sul preliminare di vendita viene citata la veranda ma sull'atto di vendita no. Posso avere dei problemi in caso di vendita O controlli?Nella visura catastale non risulta una veranda. Potrebbe essere nullo l'atto? Scusi l'ignoranza in materia e grazie anticipatamente
  • Consulente
    Sarebbe opportuno vedere la documentazione per poterle rispondere.
  • Laura  - Difformità urbanistica:chi è responsabile?
    Buongiorno. In seguito alla vendita dell'immobile, l'acquirente riscontra importanti difformità urbanistiche di cui il venditore non è a conoscenza, essendo responsabile l'impresa costruttrice di trenta anni fa. Sull'atto notarile è stata dichiarata la conformità, l'iscrizione al catasto corrisponde alla stato di fatto! I disegni inclusi nell'atto corrispondono allo stato di fatto ma non sono gli stessi che ha il Comune per la concessione edilizia. Infatti, in realtà la casa, il condominio, doveva essere costruito diversamente, secondo i permessi. È non è stata presentata alcuna documentazione integrativa.
    Ora, l'atto è nullo, salvo accordo tra le parti.
    Che responsabilità ha il notaio?
    Il comune giudica buona parte degli abusi insanabili...e non permette di regolarizzare la cosa in alcun modo;addirittura il sindaco dice "di tenere tutto così e non fare niente"
    Che dovere ha il comune per risolvere gli abusi?
    Se le parti non raggiungono un accordo, a cosa va incontro il vend...
  • Leonardo  - Difformità catastale
    Nell'anno 2007 io e mia moglie abbiamo acquistato da un privato un appartamento. Nell'atto di rogito il venditore dichiarava la conformità catastale dell'immobile e si impegnava ad accollarsi qualsiasi onere in caso di difformità. A gennaio 2016 abbiamo venduto questo appartamento e il geometra nel rilasciare il certificato di conformità catastale ha accertato delle anomalie (porta balcone spostata di qualche centimetro, altra porta balcone di misura più grande, e cantina garage con misure difformi) tali da dove avviare una SCIA in sanatoria per un costo di 2000 euro + parcella di 3900 al geometra. Ho contattato la venditrice la quale rifiuta di accollarsi tale somma rimbalzando la palla al costruttore che a sua volta le aveva venduto l'appartamento, ma anche il costruttore non ne vuole sapere di pagare. Volevo capire se ci sono margini per ottenere il rimborso di tali spese e se si ravvisa anche qualche reato penale.
  • Anonimo
    Bisogna vedere cosa c'é scritto nel suo atto d'acquisto. Dipende tutto da li
  • Anonimo
    Nel rogito c'è scritto:
    La parte venditrice garantisce la regolarità' urbanistica dell'immobile di cui all'oggetto impegnandosi a tenere sollevata e indenne la controparte da ogni responsabilità ed onere al riguardo.
  • Pino  - Acquisto dal costruttore piantina non conforme
    Buongiorno nel 2013 abbiamo acquistato dal costruttore due porzioni di una quadrifamigliare a tre piani con la solita storia di accatastamento per il primo piano e il seminterrato in fase del rogito il costruttore ci ha fatto firmare sulle piantine che erano conformi (faccio presente che il notaio c'è lo ha obbligato il costruttore)davanti al notaio.Il problema che ho notato solo ora è nel piano seminterrato che il bagno risulta stare da una parte invece è situato nel locale sbancato .visto che il costruttore ne ha ancora due da vendere che sono accatastate tutte alla stessa maniera e che tutte le porzioni sono esattamente identiche. possiamo pretendere al costruttore di conformare tuto allo stato reale oppure richiedere un risarcimento o altra azione di rivalsa?
    Ringrazio anticipatamente e porgo Cordiali saluti Pino
  • Gianluca  - Vendita porzione villetta bifamiliare
    Buongiorno,
    abito in una villetta bifamiliare (primo piano) con impianti in comune indivisi (box, giardino, acqua e impianto di riscaldamento che viene alimentato da un contatore a mio nome). I proprietari del piano superiore (parenti) hanno deciso di vendere l'appartamento di loro proprietà non sanando delle variazioni sullo stato di fatto dell'immobile (rimozione di una scala, riduzione di un balcone e divisione degli impianti). I venditori nonostante siano a conoscenza di queste difformità (ribadite anche da un legale) hanno fornito all'agenzia immobiliare delle scede catastali del 1970 e l'agenzia pur a conoscenza ha proceduto con la vendita. Nei prossimi giorni rogiteranno. Non sappiamo se il nuovo proprietario (che da quando sappiano ha chiesti un mutuo) sia a conoscenza che devono essere regolarizzate le situazioni pendenti. In caso di rogito come posso agire?
    Grazie
  • Consulente
    Se ci sono delle difformità le potrà verificare il notaio consultando le piantine catastali del 2016
  • Anonimo
    Buongiorno, cortesemente approssimativamente verso gli inizi del duemila mio fratello ha acquistato una casa, oggi il vecchio proprietario gli chiede una copia dell'atto di vendita, in quanto a suo dire, gli arrivano cartelle esattoriali per pagamenti che a lui nn spetterebbero, in quanto con data dopo l'atto di vendita. Poichè ci siamo rifiutati di dargli copia dell'atto, il signore minaccia di farci chiamare da un suo legale.
    Consigliandoci inoltre di dargli copia dell'atto se non vogliamo incorrere ad ipoteca sulla casa in questione.
    Grazie
  • Consulente
    Ma se è il venditore, non ha copia dell'atto?
  • Maurizio  - Finestra Che non risulta.
    Buongiorno, nel caso in cui Dalla planimetria catastale ad un vano lavanderia risulta Che c'e' il muro ed invece c'e una parte in vetrocemento Della misura di 50cm per 50cm, nel caso Di vendita Della casa l'atto e' nullo?
  • Consulente
    Non credo, ma dipende dalla planimetria catastale
  • Pino  - Informazioni difformità planimetria
    Buongiorno nel 2013 abbiamo acquistato dal costruttore due porzioni di una quadrifamigliare a tre piani con la solita storia di accatastamento per il primo piano e il seminterrato in fase del rogito il costruttore ci ha fatto firmare sulle piantine che erano conformi (faccio presente che il notaio c'è lo ha obbligato il costruttore)davanti al notaio.Il problema che ho notato solo ora è nel piano seminterrato che il bagno risulta stare da una parte invece è situato nel locale sbancato .visto che il costruttore ne ha ancora due da vendere che sono accatastate tutte alla stessa maniera e che tutte le porzioni sono esattamente identiche. possiamo pretendere al costruttore di conformare tuto allo stato reale oppure richiedere un risarcimento o altra azione di rivalsa?
    Ringrazio anticipatamente e porgo Cordiali saluti Pino
  • Consulente
    E' necessario far esaminare i documenti in vostro possesso.
  • ALBERTO  - integrazione alla successione
    Ho ereditato un immobile nel 1987 da mio padre costruito ante 1967 , locato.Oggi si e' liberato e sto per venderlo e mi sono reso conto che il garage
    non era accatastato.Ho regolarmente fatto accatastare , dichiarando la presenza del garage e dimostrando con materiale fotografico l'esistenza ante 1967.Oggi il notaio per fare l'atto mi chiede di integrare la successione di mio padre del 1987. Non e' possibile fare l'atto senza tale documentazione ??????
  • Consulente
    Deve fare l'integrazione della successione
  • highta  - Dichiarazioni di conformità urbanistica falsa 2009
    Se nel 2009 veniva venduto un immobile regolarmente costruito con permesso rilasciato dal comune e successiva variante di tale permesso, e nell'atto di alienazione veniva indicato correttamente il n. del primo permesso e sua data di rilascio ma veniva indicata una data e un numero erroneo relativi alla variante del permesso effettivamente rilasciata dal comune, cosa significa?
    Potrebbe essere una dichiarazione falsa del venditore, fatta per non dichiarare la conformità dell'immobile all'ultimo progetto effettivo presentato in comune, e antecedente alla stipula del rogito?
    In caso di falso ideologico del venditore, l'atto è da considerarsi nullo anche se antecedente al 2010?
    In questo caso l'acquirente come deve agire, anche a distanza di 7 anni?

  • Consulente
    SI rivolga ad un avvocato in materia che esaminii la documentazione
  • renato  - Pagare l'IMU per un immobile non rogitato.
    Buongiorno.
    Quattro anni fa,con i miei fratelli,abbiamo venduto un immobile (regolarmente pagato),con scrittura davanti ad un notaio.Nel contratto di vendita,si doveva fare il rogito entro giugno 2014,cosa non ancora avvenuta.Nel frattempo,continuiamo a pagare l'IMU.
    Che fare?
    Grazie per i suoi chiarimenti.

    Saluti, Renato
  • Consulente  - Senza rogito si paga l'IMU
    Salve Renato, purtroppo deve continuare a pagare l'IMU
  • Davide
    Buongiorno
    Io ho fatto un Atto a maggio 2010 con disegni del catasto conformi con planimetrie dell'alloggio.
    Da circa un mese ho messo in vendita l'appartamento con un'agenzia immobiliare, la quale fa alcuni controlli anche in comune .
    Ci siamo accorti che la parte di" sottotetto non abitabile con ripostiglio e collegata da scala interna" in comune non esiste perché nel 2000 il costruttore aveva fatto una variante di chiusura botola
    Sono disperato come mi devo comportare ???
    La ringrazio in anticipo
    Saluti Davide
  • Davide
    Buongiorno
    Io ho fatto un Atto a maggio 2010 con disegni del catasto conformi con planimetrie dell'alloggio.
    Da circa un mese ho messo in vendita l'appartamento con un'agenzia immobiliare, la quale fa alcuni controlli anche in comune .
    Ci siamo accorti che la parte di" sottotetto non abitabile con ripostiglio e collegata da scala interna" in comune non esiste perché nel 2000 il costruttore aveva fatto una variante di chiusura botola
    Sono disperato come mi devo comportare ???
    La ringrazio in anticipo
    Saluti Davide
  • Consulente
    Faccia controllare i documenti ad un geometra.
  • roberto  - mancanza cantina / difformità immobiliare
    Salve, nel 2012 ho acquistato un appartamento con cantina in condominio.
    Al momento del rogito mi viene riferito e non trascritto che la cantina sulla mappatura non era conforme alla realtà,detto ciò alla mia richiesta di annullare l'atto di vendita mi era stato garantito che in settembre 2012 (5 mesi dopo dall'acquisto) il proprietario venditore e il condominio erano in procinto di regolarizzare e che era già in preventivo
    l'inizio lavori.
    Al momento della mia prima riunione condominiale con esito negativo per tanto chiesi al venditore di far luce sulla questione e di trovare una soluzione veloce.
    Ora vengo a scoprire che la cantina di mia proprietà era stata data ad uso perpetuo ad un altro condomino che tra l'altro utilizza come box. Secondo lei è possibile richiedere l'annullamento del mutuo e risarcimento della mancata consegna o devo effettuare una denuncia per truffa?
  • Consulente
    Prima di fare la denuncia cerchi di sondare il terreno.
  • nicola  - Acquisto nuda proprietà
    Salve, nel visitare un appartamento in vendita la nuda proprietà,l'agenzia mi fece notare che una stanza era murata in quanto ceduta temporaneamente al vicino per aiutare l'usufruttuario a pagare le spese del condominio con accordo che in caso di vendita la porta venisse riaperta. La visura catastale riporta i vani e la metratura conformi alla planimetria. La mia preoccupazione è dopo aver fatto l'atto come devo garantirmi che questo appartamento rimanga conforme alla planimetria? Saluti Nicola.
  • Consulente
    Faccia una scrittura privata con chi utilizza la camera
  • Anonimo  - raggiro?
    Buongiorno, ho acquistato per la prima volta un immobile. Mi sono accorta dopo il rogito che la posizione in planimetria di una porta non è conforme. Cosa posso fare?
    Sia al compromesso che all'atto non ho visto fisicamente la planimetria ( potevo richiederla ma l'inesperienza mi ha portato a sbagliare).
    Io comunque mi sono affidata all'agente dell'agenzia immobiliare che ha sto punto non ha seguito bene la pratica. Che mosse posso fare!?

  • Consulente
    Deve fare una variazione catastale.
  • Domenico  - - Variazione Catastale -
    Buonasera,

    sto acquistando un appartamento da Privato presso un'agenzia.
    Abbiamo già stipulato il Contratto Preliminare e versato la caparra all'attuale proprietario.
    L'appartamento però presenta un bagno al posto del ripostiglio dichiarato su mappa catastale. Sul Preliminare c'è scritto ripostiglio e non bagno (ovviamente).
    Tra circa 15gg avremo l'appuntamento per il rogito.

    Solo ora mi rendo conto che sarebbe meglio fosse tutto in regola.

    Quali sono ora le conseguenze?
    ...e nel caso eventuali soluzioni/alternative.

    Grazie Mille!!!
  • Consulente
    La prima conseguenza è la presenza di un abuso non sanato.
    La seconda è che ha firmato un compromesso con un errore
    La terza è che dovrebbe richiedere di sanare la situazione.
  • Mario
    Nel 2004 ho acquistato, da un privato, un appartamento costruito nel 1979. Io sono il terzo acquirente.
    Da diversi anni non lo uso più quindi volevo venderlo, ma verso la fine del 2014 mi sono accorto che le due planimetrie allegate all’atto non erano uguali tra loro.
    In particolare la planimetria catastale non rispecchia lo stato di fatto (superficie e sagoma differenti)
    Invece la seconda planimetria, con timbro e firma del notaio che ha redatto il primo atto di vendita tra costruttore e primo acquirente nel 1979, è conforme allo stato di fatto.
    Facendo ulteriori verifiche ho scoperto che la planimetria depositata in comune è diversa dalle altre due ma, soprattutto, è diversa dallo stato di fatto sia per sagoma che per superficie (circa 55 mq. sulla planimetria del comune contro i circa 63 mq. reali).
    Ora il mio problema non è recuperare i soldi, ma liberarmi dell’appartamento con abuso edilizio.
    Cosa posso fare?
    Posso chiedere l’annullamento del rogito?
    Il notaio avrebbe dovut...
  • Consulente
    Sistemare le planimetrie
  • daniela  - Che fregaturaaaaaaaaaaa
    qualche mese fa ho acquistato un appartamento all'asta in un palazzo signorile. Oggi, vedo frequentati i due appartamenti nel mio pianerottolo, che erano chiusi da anni perchè confiscati, da famiglie poco raccomandabili. i due appartamenti accanto a me sono diventati due case popolari. Se avessi saputo cio' non avrei mai acquistato la casa. Nessuno mi aveva detto che questi due appartamenti avrebbero avuto questa destinazione. Ora io che posso fare? :evil: :evil: :evil:
  • Consulente
    Nulla
  • Mario  - Planimetrie diverse
    Posso chiedere di modificare anche la planimetria depositata in comune?
    Grazie
  • Angelo  - difformità e mutuo
    Al 15 di aprile fatto contratto preliminare x la vendita di appartamento edificato ante 1/9/67..con licenza edilizia e certificato di agibilità in ordine. Planimetrie catastali conformi allo stato di fatto. Dopo tre mesi il giorno prima del rogito il compratore mi dice che nn sono pronti i soldi del mutuo e che ha scoperto una difformità tra il progetto del '58 e catasto. In fretta mi adopero x regolarizzare il tutto e con amico geo facciamo sanatoria imparziale difformità.tutto ok regolarizzato e protocollato in comune tutto... adesso io pronto, ma notaio (amico loro mi sa) rifiuta atto e/o sconsiglia.Mentre loro non hanno ancora ricevuto i soldi.termine fissato sul preliminare fine luglio... che faccio? Grazie e mi scuso x la lunga esposizione
  • Consulente
    Se è tutto in regola e desidera acquistare l'abitazione cambi notaio.
  • Massimo  - Difformità Edilizia
    Buongiorno.
    Mia moglie 13 anni fa attraverso una donazione dei genitori è venuta in possesso dell'abitazione in cui attualmente abitiamo. Tale abitazione fa parte di un condominio di 6 unità + 6 garages. Il nostro vicino ha messo in vendita la sua abitazione e facendo gli accertamenti comunali ha constatato che il condominio è più alto e più largo di quanto dichiarato in progetto. Ora è scattata una denuncia anonima (io credo sia stato il vicino stesso) e il Comune ci intima di regolarizzare la situazione. Tale situazione sarà comunque sanabile solo a livello pecuniario, in quanto sul lotto non vi sono i Metri Cubi necessari per poter sanare il fabbricato. io non intendo pagare un abuso perpetrato dal costruttore dell'epoca. Posso fare qualcosa in merito o devo pagare per cose da me non effettuate?
    Ps. Anche i suoceri che hanno comprato direttamente dal costruttore cadono dalle nuvole.
  • Consulente
    Può sentire un avvocato se ci sono i presupposti per una prescrizione dell'abuso.
  • anna ferrari  - difformità sul rogito
    Ho recentemente acquistato una casa in via S. Carlo, 56.
    Sul rogito è indicato l'acquisto in tale via ma poi quando vengono indicato tutti i dati catastali della casa che sono esatti viene indicato che la casa è ubicata in piazza S. Carlo 56 (tra l'altro nel paese esiste anche la piazza che è ubicata in un'altra parte del paese). A chi spetta mettere a posto tale situazione al catasto a me o al notaio che ha redatto l'atto? Immagino che anche nel rogito andrà modificato tale dato perché penso che altrimenti sarà nullo.
    Grazie
  • Consulente
    Dipendenda cosa è scritto nell'atto. Via o PIAZZA?
  • TOBIA  - PLANIMETRIA CATASTALE DIFFORME
    Nel 2007 ho acquistato casa da UN costruttore, e nella planimetria mi sono accorta che la cucina era adibita a lavanderia, al preliminare avevo chiesto se fosse stata variata la planimetria e mi è stato risposto che stavano provvedendo. purtroppo ho firmato il rogito con planimetria errata.adesso sono in trattativa per vendere casa ma non so come comportarmi, anche perchè mi era stato detto che non potrebbe essere adibita a cucina perchè non abbastanza luminosa. cosa devo fare ???
  • Consulente
    o ripristina la situaizone a lavanderia o provba a vedere se può regolarizzare la situaione con il piano casa.
  • Jessica
    Salve..chiedo un informazione...io ho trasformato il garage in soggiorno...posso vendere ora l appartamento ovviamente facendo le variazioni al catasto e tutto quello che,segue??
  • Consulente
    Dweve verificare se le modifiche rientrano per piano casa o costituiscono un abuso edilizio
  • Giuseppe  - Difformità catastali e prescrizione
    Buongiorno,
    ho acquistato un immobile, tramite divisione ereditaria, dove mi sono reso, conto tramite planimetria e documentazione al catasto, che il box in realtà c'è ma non è segnato al catasto e il sottotetto in realtà è una mansarda enorme, che per difformità non può neppure essere sanata, così come il box. Chiedevo cortesemente se tale atto potesse essere annullato e se ci sono dei termini dove subentra la prescrizione, visto che tale situazione è stata compiuta a marzo 2007. Grazie per l'attenzione e cordiali saluti. Giuseppe
  • pino
    Salve, devo vendere un piccolo appartamento nel quale, anni fa, ho diviso in due un unico ambiente costruendo tre metri di muro per ricavare una camera e una cucina.In più una finestra è diventata porta finestra(della camera) che dà direttamente sulla veranda di mia proprietà. L'appartamento è in condominio.Cosa devo adempiere per regolarizzare e sanare il tutto prima di rogitare? Cordiali saluti.
  • Consulente  - Sentire un geometra per regolarizzare
    Salve Pino
    sicuramente deve sentire un geometra per verificare se sia possibile aderire al piano casa, dovrà pagare degli oneri concessori e rifare le piantine catastali
  • Fedele  - Compravendita con terrazzo di proprietà altrui
    Salve. Sono prorietario di immobile a I°piano (minicondominio di 3 appartamenti)con uso esclusivo di porzione di terrazzo come da documentazione in mio possesso.E' stato venduto l'appartamento a II°piano (2016) che condivide l'altra parte del terrazzo dichiarando in atto di compravendita la proprietà esclusiva di tutto il terrazzo (con allegata planimetria derivante da accatastamento effettuato dal proprietario nel 2015 prima della vendita)e con riferimento ad atto di provenienza (compravendita del 1999) nel quale non è presente planimetria e nell'atto non si menziona la eslusiva proprietà dell'intero terrazzo.Inoltre la planimetria(2015)non presenta canne fumarie esistenti sul terrazzo ed errore nell'indicazione della strada di confine.L'acquirente ha cominciato lavori con previsione di utilizzo di tutto il terrazzo. L'atto è nullo?Quali responsabilità del venditore e notaio? Come mi comporto?Mille grazie. saluti.Fedele
  • Consulente
    Scusi non ho capito. E' stata venduta un'abitazione con un terrazzo che è suo?
  • Luciano
    Salve vogl'io un aiuto da parte vostra. Nel 2007 ho comprato un apartamento in piano terra. Nella piantina originale e quella della catastro sono due camere cucina bagno e una picola cameretta quale in realtà non celo vechii propietario chiudendo la porta dicendo che non fa parte della apartamento.io rispetto le misure sono sotto rispetto quelli scritte alla nella visura catastale.nella dichiarazione nella atto di vendita propietario ha dichiarato le due stanze bagno e cucina questa stanzetta no.che devo fare ?grazie
  • Anonimo
    Deve far cambiare la planimetria e togliere la cameretta
  • Marco cel
    Buongiorno, 4 anni fa' ho acquistato un piccolo magazzino al piano interrato di un condominio, ora in seguito ad una diatriba con i condomini, andando a recuperare le carte in comune ho scoperto che il notaio, nell'atto di vendita ha citato la particella catastale e una variante costruttiva corrispondenti allo stato di fatto, in realta' esiste una variante successiva a quella indicata in contratto dove il mio magazzino non esiste proprio, ora in seguito al controllo da parte del funzionario del comune non si capisce piu' di chi e' la responsabilita' e chi deve sanare la cosa! Il contratto e' nullo? Puo' darmi un consiglio? La ringrazio anticipatamente!
  • Consulente  - Le consiglio di sentire un bravo geometra
    SAlve Marco purtroppo non le posso dire nulla senza poter visionare le carte. Le consiglio di rivolgersi ad un bravo geometra
  • Gigi  - Annullamento del atto notarile compravendita
    buongiorno

    Partiamo dal preso posto che l'abusività del immobile impedice l'annulamento del atto notarile. Pero cero anche prima un contratto preliminare con una caparra di 100'000. Nel caso di violazione di questo viene richiesto la doppia cappara per le parte intrambe.
    Cosa alora succede se l'atto notarile per motivi gravi viene risoluto con la la richiesta di risarcimento di tutti i danni patiti. E dovuta anche quella penale della doppia caparra o no? Grazie per la sua valutazione.
  • Consulente
    Dipende dalla motivazione
  • Gigi  - Annullamento del atto notarile compravendita
    Buonasera Consulente

    Rientro nella domanda di sopra. Noi come compratori abbiamo scoperta durante le richerche del geometra per motivi dipoter usufruire del cosiddetto “piano casa" l'irregolarità di grand parte del'immobile aquistato nel 2015 con la conferma sul ato notariele la piena regolarità.

    Adesso l'avvocato darrà corso alla procedura per la risoluzione del contratto di
    compravendita e per la richiesta di risarcimento di tutti i danni patiti. L'avvocato e dal parere che tale circostanze sono di una gravità assoluta, posto che le conseguenze in carico ai suoi assistiti(noi) sono di rilevante entità, sia in termini di danno economico, sia in termini di conseguenze dal punto di vista penale (a causa dell'abusoedilizio), vieppiù considerato che la zona in cui insiste l'immobile risulta essere sottoposta a tutela ambientale particolare.

    Su questo la situazione sembra chiara. Per quanto riguarda il contratto preliminare rimangano delle domande dove il nostro avvocato non si e...
  • Consulente
    La dinamnica non è chiara. Deve far vedere la documentazione da un avvocato specializzato in materia. A meno che non si fidi dell'avvocato che ha.
  • Gigi  - Avvocato di fiducia
    Questo e il problema....avvocati ci sono a mill....pero una veramente bravo...se mi po consigliare uno per caso nella provinca olbia-tempio...anche su email nostro privato sarrei molto lieto, che non siamo del posto. grazie.
  • Dario  - richiesta informazione
    Buongiorno desideravo un'informazione
    Circa trent'anni fa ho acquistato un appartamento. Accanto al mio appartamento c'è una terrazzina. Nell'atto non risulta di mia proprietà, ma nell'atto di provenienza la terrazzina dovrebbe appartenere sia a me che ad un altro di un appartamento accanto al mio (anche a lui non risulta nell'atto di acquisto la terrazzina). A questo punto le chiedo, visto che ci sono infiltrazioni d'acqua in un garage sotto questa terrazzina, devo intervenire io per le spese di sistemazione perché nell'atto di provenienza si fa riferimento che una parte della terrazzina appartiene al mio appartamento oppure no, visto che nell'atto mio, non risulta?
    La ringrazio per una celere risposta e complimenti per il sito
  • Consulente
    Chi utilizza la terrazzina?
  • Dario
    La terrazzina non viene usata né da me né da quello accanto al mio appartamento. Ci posso andare di tanto in tanto, pochissimo, in quanto lavoro fuori, e vado in quell'appartamento solo al massimo due mesi l'anno quindi non ho messo aggeggi, sedie tavolino o quant'altro in quanto si trova fuori dall'appartamento (c'è una scala per accedervi). Ma nel caso in cui dovessi sostenere la spesa, desideravo sapere: deve intervenire in parte anche il condominio e il proprietario del garage?
  • Dario
    Un'ultima cosa, ma tenuto conto che nell'atto di provenienza risulta che una parte della terrazzina mi appartiene, anche se non risulta nell'atto, vanto dei diritti in merito o no? Mi scusi per il disturbo e la ringrazio anticipatamente.
    Nota (Altri del condominio non utilizzano la terrazzina in quanto si trova sul mio pianerottolo)
  • Consulente
    Purtroppo dovrebbe riuscire a vedere se riesce a rettificare il suo atto e far rientrare la terrazzina come suo acquisto.
    Mi dispiace ma non conosco nessun avvocato nella sua città
  • Valerio  - conformità catastale
    Buongiorno, vorrei un parere circa l'acquisto da parte mia della prima casa e su una difformità catastale riscontrata.
    Premetto che è stata accettata la proposta d'acquisto da parte del proprietario.
    Sono in attesa di delibera del mutuo da parte della banca e in fase di compilazione dati da parte della banca stessa è stata riscontrata un'anomalia riguardo l'ubicazione dell'appartamento.
    Nello specifico la via riportata sulla visura catastale non corrisponde alla realtà.
    Come mi devo comportare arrivati a questo punto della trattativa?
    grazie infinite.
  • GERLY  - errori notai
    salve a tutti
    nel mio palazzo di circa 45-50 anni fa e stato costruito da 4 fratelli allora anche residenti si verifica che oramai alcuni condomini come i miei genitori, vogliono trasferirsi al paese o devono vendere per motivi personali, l'atto di vendita dei miei genitori del 1967 riporta piantime e descrizioni delle ubicazioni ( lato cortile privato di pertinenza o lato strada pubblica) e assagnata una cantina evidenziata in colore rosso (penna o pennarello ) sulle planimetriaca e anche a parole come cantina lato cortile adiacente corridoio e cantine Sig. ...... e cantina Sig. .....
    mentre ora e saltata fuori si gli atti dei altri condomini ( documenti del 1973 )che le cantine sono numerate sulla piantina ( foto copia recuperata del comune mentre io faccio fede a cartina di giometra e la carta e ingiallita ) e le assegnazioni non coincidono con quello che abbiamo usufruito da decenni.
    la mia paura che tuti gli atti di vendita sono sbagliati e dovremmo spendere dei bei soldi per r...
  • Consulente
    Verifichi l'esattezza della documentazione
  • MARCO
    buongiorno ho fatto un atto notarile per la comprita di un azienda agricola libera da servitù, appena che prendo possesso mi viene a trovare la confinante dove mi porta un documento dove attesta che nel terreno vi è una servitù trascritta da un notaio per il passaggio di due tubi interrati a 1 metro per portare l'acqua per irrigazione . casa devo fare?
  • giancarlo  - agibilita' bloccata per asservimento non fatto
    Buonasera, il costruttore della nostra palazzina aveva stipulato con il comune una convenzione in cui dichiarava di rogitare allo stesso una area per parcheggi pubblici(asservimento)ma questo atto non è mai stato fatto e il costruttore è fallito.
    ora il comune pur avendo rilasciato il nulla osta per la regolarita' della casa non vuole rilasciare l'agibilita' adducendo che dovremmo essere noi prprietari a pagare l'atto di asservimento.
    Grazie e complimenti per il prezioso servizio
  • Consulente
    Dovete sentire un bravo avvocato
  • Peppe  - atto nullo perchè bene pignorato-
    Buongiorno, nel 2009 ho acquistato un terreno. Ieri sono stato contattato dal Tribunale per liberare il terreno e, scopro con mia grande sorpresa e disappunto,che è stato venduto all'asta per dei debiti del vecchio proprietario. In pratica il rogito del 2009 risulta nullo perchè è stato venduto a me dopo che era stato pignorato al vecchio proprietario. Ma il notaio, nel 2009, non doveva fare una visura ipotecaria? Chi mi deve ridare i soldi? Posso rivalermi sul notaio?

  • Consulente
    Deve far controllare i documenti ad un avvocato
  • Maria  - Planimetrie appartamento
    Le planimetrie sono atti pubblici? In altre parole un professionista puo' richiedere una planimetria anche senza la delega del prorpietario?
  • luisa
    Salve,
    ho necessità di chiedervi due questioni: 1) ho comperato casa con atto di acquisto il 28 settembre ma dalla planimetria peraltro firmata anche da me in presenza del notaio ho visto che la porta del bagno è spostata oltre al fatto che la ex proprietaria aveva fatto un magazzino sul bagno non rendendolo agibile in quanto di misura inferiore al 2.40 metri.
    2) la casa è completamente piena di umidità la pietra è completamente unta di acqua e diverse imprese edili mi hanno fatto preventivi di circa 10.000€ per risistemare il tutto.
    Ora mi chiedo per entrambi i punti richiesti la ex proprietaria può essere coinvolta al fine di ripristinare l'immobile dato che questi problemi si sono verificati solo dopo l'acquisto? Esiste la possibilità di far pagare i danni alla ex proprietaria o al meno concorrere alle spese? Grazie
  • Consulente
    deve far vedere l'atto ad un avvocato
  • luciano  - vendita
    Io e mio fratello siamo proprietari al 50% ciascuno della casa dei miei avuta in eredità alla loro morte, vorremmo venderla perché i costi di manutenzione sono troppi .Il punto è che tanti anni fa, quando erano ancora in vita i nostri genitori, abbiamo diviso questo enorme appartamento in due unità abitative, dove i miei occupavano una parte ed io con la mia famiglia l'altra, il tutto e' stato fatto abusivamente e cosi e' rimasto. Abbiamo modificato alcune aperture sia esterne che interne, fatto dei muretti sul grande terrazzo, posto un lavabo all'esterno, ora vorrei chiedere se si può vendere ad un privato, che è interessato, l'immobile così com'è, dato che poi lui in seguito farà dei lavori a suo piacimento, o se non si può perché alla vendita siamo soggetti a controlli da parte di professionisti che invia il comune o l'agenzia del territorio o l'ufficio tecnico del nostro comune.
    Inoltre, se non fosse possibile venderla così com'è allo stato attuale, e rifacendola come era prim...
  • Anonimo
    Le case vanno vendute così come risultano da planimetrie che vanno presentate al Comune.
  • luigi
    :( non so se leggerai questo sono poco pratico al computer,più di 30 anni fa comprai un appartamento in un condominio di cui abbiamo fatto dei scabuzzini al ridosso del muro di cinta confinante col costruttore del nostro condominio, in pratica tutto il terreno era di nostra appartenenza condominiale e siccome i propietari che comprarono all'epoca non erano in Italia , si è recintato dividendolo,dove lui in seguito ha costruito abusivo e poi condonato negli anni con i vari condoni,invece a noi che abbiamo pagato tutto con l'ultimo condono il comune ci chiede il frazionamento del terreno oppure niente condono ,in pratica al costruttore non glielo ha chiesto mentre a noi si, è un'odissea che portiamo da quasi 15 anni il comune mi dice sempre che se non viene il costruttore a regolarizzare non si può fare niente ,siccome il costruttore è morto e gli eredi sono in disaccordo stiamo sempre così all'ora io mi chiedo ma il comune non può fare niente per risolvere questo probblema visto...
  • Consulente
    se avete problemi da 15 anni, quando pensate di rivolgervi ad un avvocato?
  • Andrea  - Tipo mappale volutamente sbagliato
    La mia committente è proprietaria di un appartamento sito al piano primo e di un giardino, pervenuto ad essa tramite testamento olografo della madre;
    Nella successione della de cuius veniva citata la p.lla ai terreni 193 (attuale 5084) foglio 500, come di esclusiva proprietà della de cuius in quanto
    ha posseduto il suddetto bene per oltre un ventennio in modo pacifico ed ininterrotto;
    Il terreno (giardino) in oggetto era intestato a due sorelle del marito della de cuius, a loro pervenuto tramite testamento olografo dal padre,
    (suocero della de cuius e nonno della mia cliente);
    Con tipo mappale del 23/06/2006, il terreno (giardino) riportato al N.C.T. Foglio 500 p.lla 5084 (ex 193) veniva accorpato all'accatastamento di un pollaio appartenente ad altra persona (la zia della mia committente) , che insiste sul suddetto terreno e trasformato in Ente Urbano;
    Tutto ciò premesso, per ovviare ad agire per le vie legali nei confronti sia del tecnico che ha eseguito il tipo mappale del 2006...
  • lorenzo  - Assegnazione delle cantine
    Buonagiorno, nello stabile dove abito sono state realizzate delle cantine, in un primo momento sono state accatastate come di proprietà condominiale, in seguito si è deciso di assegnarle invece in proprietà degli appartamenti.
    Mi è stato richiesto di fornire il nominativo e i dati a cui intestare la proprietà della cantina e allora mi sono chiesto se sarebbe stato possibile attribuire tale proprietà ad una persona diversa dal proprietario dell'appartamento, e se questa decisione potrebbe portare delle difficoltà in caso di vendita dell'appartamento ìnsieme alla cantina.

    Vi ringrazio fin da ora per l'aiuto che potrete fornirmi.

    Saluti
    Lorenzo
  • Anonimo
    Sono Katia volevo un informazione,mi dicono che non posso vendere casa perchè è inferiore a 55 mq, esiste una legge che lo vieta? Grazie mille.
  • Consulente  - Forse ci sarà qualcos'altro
    Ma è sicura? Io so di case che vendono anche di 30 mq.
  • Luciano  - Quesito
    Buona sera, sono in trattativa per l'acquisto di un box, in visura ai fabbricati risulta correttamente intestato alla persona che sta per vendermelo, mentre ai terreni risulta ancora in classe prato e intestato alla persona proprietaria del terreno. Il notaio mi ha detto che posso lo stesso rogitare se contemporaneamete si fa una istanza in cataso. Premetto che le attività di costruzione del box sono iniziate il gennaio 1967 e terminati in giugno 1968. Se rogito rischio che l'atto sia nullo se il catasto non allinea l'urbano ai terreni?
    Grazie
  • Consulente
    L'importante è che sia sicuro che il proprietario del terreno non faccia rivalsa del terreno stesso.
  • Simone Piergigli  - Info su atto di compravendita azienda
    Buona sera,
    Vorrei sapere delle informazioni su un atto di acquisto di un chiosco edicola su un terreno demaniale.
    Dopo una causa durata 4/5 anni, il tribunale ha decretato che dovevo essere risarcito dalla parte venditrice del chiosco. per il semplice fatto, che è stato accertato che il chiosco non era accatastato come immobile da decreto legge del 2006 circa.
    Quello che vi chiedo....
    Il notaio, non doveva controllare i dati catastali del chiosco così da avvisarmi se c'erano delle in regolarità?
    Il notaio in questione devi risarcirmi del danno subito?
    Cordiali saluti
    Piergigli Simone
  • Daniela  - Locali non catastati
    In procinto di ottenere il mutuo e comprare la casa dei nostri sogni il perito della banca rileva che due piccole casette, 2 m x 1m 2m x 2m, presenti nel giardino come locali per gli attrezzi non sono accatastati, non risultano nelle planimetrie. Cosa succederá? Verrá annullato l'atto? Perderemo noi la caparra o verremo risarciti??
    É possibile che la banca eroghi comunque il mutuo?É possibile che dopo la perizia si possa risolvere il problema?
    Grazie mille ....siamo cosi delusi...
  • Consulente
    Se le casette non sono accatastate devono essere accatastate e poi cedute..
    Ma il notaio che dovrebbe sovraintendere alla regolarità che fine ha fatto?
  • Anonimo  - Difformita
    Salve volevo delle informazioni riguardo ad un immobile che ho acquistato il 20 settembre 2016 , pensando che era tutto in regola , ma presentando i documenti da un ingegnere mi dice che non posso avere permessi Dia perché ci sono difformita .Nella realtà è un appartamento diviso (2 case) ,al comune risulta un solo appartamento ,sono stati levati muri portanti ( non dichiarati ) spostamento di porta di ingresso ,e in fine un piano tutto abusivo sopra . (3 piano )
    L ingegnere mi ha consigliato una sanatoria .Sostenendo che è una pratica molto difficile dalle difformità della casa , io la vorrei anche fare questa sanatoria. ,però non vorrei creare problemi al condominio , nel senso che se le difformita che ho io ce l hanno anche loro ,che così facendo denuncio anche i loro abusi ? Che consiglio potete darmi ? Grazie
  • Consulente
    Lei è una pratica.
  • Annonimo
    Non ho capito
  • Consulente
    Se lei è irregolare non significa che lo sia tutto lo stabile. Di conseguenza la sua pratica, a mio avviso è autonoma rispetto agli altri condomini
  • Anonimo
    Salve volevo delle informazioni riguardo ad un immobile che ho acquistato il 20 settembre 2016 , pensando che era tutto in regola , ma presentando i documenti da un ingegnere mi dice che non posso avere permessi Dia perché ci sono difformita .Nella realtà è un appartamento diviso (2 case) ,al comune risulta un solo appartamento ,sono stati levati muri portanti ( non dichiarati ) spostamento di porta di ingresso ,e in fine un piano tutto abusivo sopra . (3 piano )
    L ingegnere mi ha consigliato una sanatoria .Sostenendo che è una pratica molto difficile dalle difformità della casa , io la vorrei anche fare questa sanatoria. ,però non vorrei creare problemi al condominio , nel senso che se le difformita che ho io ce l hanno anche loro ,che così facendo denuncio anche i loro abusi ? Che consiglio potete darmi ? Grazie
  • Anonimo
    Si anche il condominio ha irregolarità ma a me non interessa io voglio sanare il mio , e stare tranquillo in casa ,senza la paura che un giorno viene un vigile a ricordarmi gli abbusi che ho è nn ho fatto io . Autonoma che secondo voi le difformita sono sanabili ?
  • Consulente
    La sanabilità della pratica gliela può dire solo chi ha visionato gli incartamenti e la sua abitazione
  • Lucky  - Truffati ?
    Buongiorno
    tramite agenzia di mediazione abbiamo sottoscritto con i venditori un preliminare di compravendita di un immobile situato in fregio a una linea ferroviaria. A circa dieci giorni dal rogito abbiamo scoperto che l'immobile era stato edificato in deroga alle distanze e che per il rilascio del permesso di costruire avrebbero dovuto rispettare obblighi e prescrizioni contenuti in un documento di RFI di cui nessuno ci ha messo al corrente.
    In questo documento si cita che per ottenere la distanza in deroga e il successivo permesso di costruire non avrebbero dovuto esserci tubazioni convoglianti gas a una distanza inferiore a mt 20 dalla più vicina rotaia e non si potevano ricoverare nel box auto a gpl o gas metano. Invece sono stati presentati i documenti asseverati dal geometra DL che asserivano "inizio attività" e poi "fine lavori" come da permesso di costruire approfittando del silenzio assenso del comune.
    In verità ad una distanza molto inferiore ai mt 20 er...
  • Consulente
    Come si può rispondere se non si visionano i documenti?
  • Jenny  - Misure differenti dalla cartina
    Salve nel 2011 ho acquistato un immobile, adesso che vorrei venderlo mi sono ritrovata nei problemi perché la piantina non è conforme abitazione . In comune risulta che l'altezza è 2.80 m mentre la vera altezza è di 2.53 m l'appartamento si trova all'ultimo piano di un condominio ( a tetto) per farle capire che le altezze è impossibile che siano quelle riportate. Nel contratto c'è scritto che il venditore si prende la responsabilità dei dati catastali e delle planimetrie. Quindi mi conviene mettere un avvocato dato che mi ritrovo un appartamento che non posso vendere? E che danni posso chiedere? Grazie in anticipo
  • Anonimo
    Le conviene mettere un avvocato. Poi le richieste risarcitorie eventualmente le definisce lui in base ai documenti a disposizione
  • Emanuela  - Planimetria conforme ma DIA non presentata da part
    Buonasera,
    ho bisogno di una consulenza.
    Mi trovo in difficoltà perchè sono in procinto di vendere il mio appartamento acquistato nel 2007.
    La planimetria risulta coerente con lo stato attuale dell'appartamento ma pare che il precedente proprietario ne abbia richiesto la variazione catastale (abbattimento del muro del cucinotto per avere sala con angolo cottura)poco prima di vendere a me l'appartamento e non abbia mai presentato la DIA.
    Ad oggi il notaio che dovrebbe rogitare mi dice che dovrei forse effettuare una DIA in sanatoria. Ma mi chiedo: se al catasto la planimetria è conforme e a me era stato persino concesso un mutuo ipotecario, possibile che ad oggi debba ricorrere alla DIA in sanatoria? E poi, è ancora possibile eventualmente rivalersi sul precedente proprietario per dichiarazione mendace?
    Grazie in anticipo dell'aiuto! Mi sembra un incubo senza fine...
  • Etelka
    Buonasera . Ho acquistato una casa e per compravendita siamo andati dal notaio con i proprietari la secreteria del Notaio mi ha detto di andare fare un bonifico bancario e dopo con bonifico tornare in suo studio fatto bonofico26.500 euro siamo tornati in studio e la secreteria ci ha detto di tornare un giorno dopo per firmare la compravendita anche perché il Notaio non c'era un giorno dopo i proprietari con la scusa che dovevano partire per Roma non ci sono presentati il Notaio mi ha detto che non ci sono problemi che conosce la famiglia mi ha datto una bozza scritta con miei dati e dati di proprietari senza firma senza data dopo un mese mi hanno chiamato telefonicamente i proprietari dicendomi se voglio la casa di fare il bonifico sono andata dal notaio e non ha voluto più ricevermi . In mano c'è l'ho un bonifico di 26.500 euro e una bozza . In questo caso il Notaio che responsabilità. ha ? Cosa altro posso fare ? Grazie
  • David  - procura speciale per me non valida
    Buonasera a tutti volevo un parere, se si fa una procura speciale dove i proprietari dell'immobile sono due persone e manca firma di autentica di uno dei due manca e valida?
  • Giuseppe  - Atto divisionale tra fratelli
    Buongiorno,
    chiedevo cortesemente se è possibile impugnare e annullare un atto divisionale (notarile) fatto nel 2007 a marzo. Le due unità immobiliari dell'edificio sono a posto, ma il piano mansardato (sottotetto) è in abuso, neanche più sanabile. Grazie anticipatamente per l'eventuale risposta. Giuseppe
  • Consulente
    Deve far vedere la pratica ad un avvocato che si occupa di edilizia
  • dario  - aiutoooooooooo
    Salve, di recente ho partecipato ad un'asta fallimentare aggiudicandomi l'immobile oggetto dell'asta. Trattasi di appartamento sito al 4° piano e del sottotetto al 5 ° piano accastato per 41 mentre la superficie è di 200 mq. Da premettere che i la società fallita aveva rifatto il sottotetto chiedendo tutte le autorizzazioni ed ottenendole al comune e che aveva già avviato anche la richiesta per il recupero abitativo. Il notaio nell'atto riporta questa differenza tra i valori catastali e lo stato di fatto...adesso l'occupante dell'appartamento che la moglie dell'amministratore della società fallita minaccia di impugnare l'atto per nullità per le suddette difformità. Può farlo? L'atto di compravendita può essere impugnato da chiunque o soltanto da chi vende e da chi acquista?
    grazie
  • Amminsitratore
    Dovrebbe sentire il notaio.
  • luca  - Pignoramento
    buongiorno ho comprato casa nel 2011, oggi mi accorgo facendo delle visure che sull immobile nel 2009 è stato iscritto pignoramento.

    la banca mi ha erogato un mutuo ed ho fatto il rogito con regolare presenza di un notaio....

    cosa posso fare?
    posso annullare il tutto dopo tutto questo tempo?
    Grazie.
  • Anonimo
    Si sbrighi ad andare da un avvocato
  • damian  - scala in palazzina
    buongiorno a giorni dovrei effettuare il rogito se non che dalle promesse del costruttore e dalla trascrizione del preliminare vi era da inserire una scala esterna che porta dal balcone al giardino sottostante; il problema sorge perche nella palazzina potrebbero non far passare la costruzzione di essa perche' rovina lestetica condominiale. come devo muovermi? posso avere diritto di rivalsa e recuperare anche i soldi che sto spendendo per arredarla? grazie
  • damian  - sala palazzina
    posso annullare il contratto ed essere risarcito?
  • Consulente
    Non può annullare il contratto che non ha stipulato..
    Prima di fare il rogito definitivo può far verificare cosa sia indicato nel contratto, se si faccia riferimento alla scala che ha un costo a parte e soprattutto verificare che se ci sia una clausola che preveda la restituzione dell'importo che sarebbe stato spese per la scala se questa non verrà edificata entro x... tempo
  • damian  - scala palazzina
    la scala e' inserita nel preliminare d'acquisto. quindi nel caso non fosse effettuata la caparra versata puo essere restituita ed i lavori eventualmente fatti nellimmobile risarciti nel caso venga negata dallassemblea condiominiale la costruzione di essa?
  • Anonimo
    Va previsto il rimborso nel rogito
  • damian  - scala
    e nel caso non fossi interessato piu allimmpobile siccome per me questo dettaglio della comunicazione giardino appartamento fosse indispensabile?
  • Anonimo
    problema suo!
  • Cinzia  - Pignoramento
    Un proprietario di una villa ha frazionato abusivamente in tre appartamenti di cui uno è stato acquistato da me, l'altro da un'altra persona e il terzo è rimasto al proprietario originario, tutto questo nel 2006. Ora il proprietario originario, ha avuto un pignoramento sull'unico appartamento rimasto in suo possesso, e nelle indagini del Giudice si è scoperto che c'era un'ordinanza del Comune per opere abusive e ripristino inerente al frazionamento. Mi domando, gli atti di compravendita effettuati sono nulli? rientro anche nel pignoramento? Grazie mille, non capisco più niente, ognuno dice la sua.
  • enrico  - villetta traslata
    ho acquistato nel 1993 una casetta costruita nel 1962/3.nel 1985 hanno chiesta sanatoria/condono per varie opere interne ma pur presentando in comune planimetrie anche dei confini,si sono dimenticati di inserirle nella richiesta. mi posso rivalere sugli eredi visto che il venditore e' deceduto?
  • eduardo ferrara  - modifiche rispetto alla proposta di vendita
    salve,

    ho acquistato un appartamento di nuova costruzione su carta ma all'atto della realizzazione il costruttore ha creato un terrazzino contiguo al mio balcone che da progetto iniziale non era previsto. non mi ha avvisato di nulla e solo in fase di realizzazione per creare una stanza in più per l'appartamento sottostante ha creato questo terrazzino che rende facilmente accessibile il mio balcone da eventuali malintenzionati. sono arrabbiatissimo perchè ho comprato una cosa e il mio costruttore me vuole consegnare un'altra. inoltre per realizzare questa stanza sono state murate le finestre del vano scala. secondo voi posso chiedere la risoluzione del contratto e chiedere il doppio della caparra perchè ciò che il costruttore sta realizzando non corrisponde a quanto promesso?
  • davide
    Salve

    qualche anno fa ho a acquistato casa e, pochi giorni dopo aver stipulato il rogito, si è allagato l'interrato. A seguito delle verifiche tecniche del caso, abbiamo scoperto che i documenti consegnateci dal venditore non erano conformi allo stato di fatto dell'immobile in quanto non ci era stata data la variante a sanatoria nella quale il fondo perdente previsto nel progetto originario, veniva sostituito con uno scolo in superficie della a acque piovane. Era obbligatorio menzionare nel rogito la variante descrivendo così tutta la storia dell'immobile? Il fatto che non è stata scritta nel rogito puo' essere usato come prova inconfutabile della volontà del venditore di nascondere il vizio?
  • sebastiano  - omessa dichiarazione su precedente rogito
    Salve,
    l'anno scorso con mia sorella stipulammo un'atto di divisione in permuta di beni comuni, dimenticando di evidenziare l'esistenza, su un terreno agricolo, di un piccolo deposito attrezzi non riportato in catasto. Ora l'aspirante acquirente di questo terreno ha provveduto a sue spese all'accatastamento di questo deposito. Il notaio intende procedere, prima della stipula, ad un atto correttivo al precedente diretto ad evidenziare l'esistenza di questo locale (e per mettermi in sicurezza ai fini fiscali)in quanto secondo lui questo locale non può spuntare d'un tratto dal nulla; però mia sorella non intende firmare questo correttivo. A questo punto la mia domanda è: sarei nelle condizioni di procedere all'annullamento dell'atto di permuta ripristinando la situazione precedente, visto che, come sembra, lo stesso pare essere viziato da falso ideologico (commesso peraltro solo per noncuranza e superficialità)?
  • aldina  - Prescrizione rogito
    salve, posso chiedere l'annullamento del rogito anche dopo 16 anni? Grazie
  • Claudio  - Un consiglio
    Salve, sono proprietario di una porzione di fabbricato su due piani 22(mq. piano terra e 10 mq. completamente interrato). il mio vicino, che dispone dell'altra porzione di fabbricato, oltre all'identica proprietà come la mia, ha allargato abusivamente la parte sottostante interrata, aumentandola ad ulteriori 30 mq. (quindi non più 10 ma 40, creando altresì un a terrazza sul piano terra per la parte eccedente Inoltre tutta la sua parte interrata ha un'altezza max di mt. 2.
    Vorrebbe vendermi la sua porzione di fabbricato. Ma ovviamente io vedo problemi
    Presentò per il condono del 1994 domanda di sanatoria, ma non per 30 mq., ma pagando oblazione per mq. 5. nella domanda, ad eccezione del pagamento oblazione, di un paio di foto dall'esterno (dove si vede che è praticamente uguale ad adesso) e modulo..non vi è alcuna integrazione, planimetrie, relazioni tecniche etcc... e neanche accatastamenti.
    Per me sarebbe ottimale disporre dell'interà proprietà, il fatto che abbia presentato cond...
  • Simone  - SORPRESA
    Buongiorno, sono il venditore di un immobile ed ho appena registrato alla Agenzia delle Entrate un preliminare per scrittura privata per la vendita. Ci siamo adesso accorti che sulla planimetria catastale, al piano terra dell'abitazione, è segnata una tramezza che divide lo spazio in due stanze, tramezza che nella abitazione non c'è mai stata. Siamo comunque tutelati, io e il compratore, dal fatto di aver riconosciuto nell'atto la seguente dicitura "le parti fanno espresso riferimento alla planimetria catastale che si allega al presente atto e che le parti dichiarano e riconoscono essere conforme allo stato di fatto o comunque non avere difformità di rilevanza catastale incidenti sulla consistenza dei beni iscritta negli atti catastali ovvero sulla destinazione dei singoli ambienti (circolare n. 2/2010 - Agenzia delle Entrate)"? Grazie . Vorremmo cortesemente una risposta in termini di rischio reale (immagino vengano vendute centinaia di case con questioni che non tornano b...
  • Mazzolo Valerio
    ho acquistato nel 1997 una villetta ora sto facendo delle modifiche e il geometra ha ricontrato delle difformità sule planimetrie ora stò facendo le pratiche per una sanatoria.Posso rivalermi sul venditore in quanto ha dichiarato che era tutto in regola ringrazio
  • nicolo  - terreno agricolo con barracche abbusive
    salve nel 2015 ho comprato un immobile con 70 metri di terreno dove ci sono due baracche in muratura costruiti tantissimi anni fa pensavo che erano state sanate non ho fatto attenzione al momento dell'atto e non sono state trascritte ora mi sono reso conto che sono abbusive praticamente non sono state incatastate cosa posso fare?
  • Mauro  - acquisto di casa risultante sui disegni catastali
    buongiorno nel 2009 ho acquistato una casa in montagna precedentemente oggetto di divisione ereditaria fra due sorelle. Dai disegni al catasto sembrerebbe per 40-50 cm sul fondo del vicino- si può chiedere la correzione al catasto?
  • Ioana  - Compromesso
    Salve, come posso contattarvi per avere la vostra consulenza?
    Grazie
  • LAURA  - acquisto casa con abusi
    :( ho fatto il rogito di un appartamento senza avere la piantina catastale che mi è pervenuta solo qualche giorno dopo. La piantina non mostra degli abusi che sono stati fatti precedentemente all'acquisto e che mi era stato detto erano in fase risolutiva. L'agenzia ha sempre dichiarato di essere proprietaria e di aver richiesto i condoni, all'atto dopo aver richiesto un assegno di 16.000,00 alla proposta mi ha chiesto altri 4.000,00 euro per se e altri 9.000,00 per i vecchi proprietari che ci avrebbero accollato il mutuo.Non hanno fatto fattura di nessun assegno e la procura l'agenzia l'ha avuta dai proprietari proprio il giorno del rogito.Può decidere il notaio di annullare l'atto su nostra richiesta anche se gli ex proprietari e l'agenzia non sono d'accordo? Possiamo riavere i nostri soldi ed eventualmente richiedere un risarcimento per i danni?
  • marco
    questa legge vale anche per atti fatti prima del 2010?
  • Paula Lucas  - planimetrie non aggiornate
    Salve, sto per comprare una casa con un mutuo da un privato, se come su la soffitta a costruito un tramezzo e un bagno senza dichiarargli, adesso il propietario mette tutto in regola con un ingegnere, per accelerare i tempi questo ingegnere ci a fatto firmare il compromesso di compravendita in tanto che lui fai i lavori per mettere in regola l'immobile, adesso firmato il compromesso con delle planimetrie non aggiornate mi è venuto il dubbio se si può aggiornare il tutto, perché poi io devo presentare quel compromesso in banca per chiedere il mutuo, cosa devo fare?, devo aspettare che l'ingegnere finisca con il suo lavoro?, dovrà dichiarare che sono state fatte delle modifiche nell'immobile?, come dovrei procedere?.
    Grazie
  • Giovanni  - cessione immobile
    Salve. Desidero sapere se l'atto di cessione di un immobile redatto dal notaio potrebbe essere firmato dalle parti separatamente e non nello stesso istante e nella stessa stanza del notaio. Le parti in lite tra di loro potrebbero inscenare una lite se fossero costrette a stare vicini in quel momento. Spero che qualcuno possa fornirmi una risposta legalmente ben fondata e dimostrabile al notaio che invece sostiene che le firme debbano essere apposte nella stessa convocazione. Grazie
  • Mauro  - Acquisto di un immobile
    Nell'acquisto di un immobile mi sono accorto che è presente una cisterna di gasolio all'interno dell'immobile stesso. L' immobile in questione per tale cosa é gravato di servitù di passaggio. Ma la presenza di tale cisterna dell'immobile oltre che costituire una situazione di pericolo e insicurezza è a mio avviso illegale. Cosa si può fare?
  • daniele tundo  - Casa acquistata
    Salve ,ho acquistato la casa il 19/10/2010 facendo una visura catastale risulta ancora in mano alla ditta costruttice , posso chiedere un risarcimento al notaio perché non ha fatto la trascrizione dell'atto di acquisto. Grazie
  • Alberto  - Proprietà terrazza
    Salve, vorrei un chiarimento. Nel 2011 ho acquistato un appartamento. La planimetria riporta facente parte la proprietà anche una piccola terrazza, mentre nell'atto non viene scritto. Quando ho chiesto al notaio ha detto che avrei dovuto farmi fare una perizia giurata fa un ingegnere per rivendicare la proprietà della terrazza. Nel frattempo la terrazza è ritenuta condominiale perché l'amministratore del mio condominio, a cui ho sottoposto il problema mi ha detto che se non risulta dall'atto, la terrazza è condominiale. Può aiutarmi e consigliarmi cosa fare, anche perché è trascorso un po' di tempo. La ringrazio . Distinti saluti.
  • Giulia P  - Possibile nullità del contratto?
    15 anni fa è stata comprata la casa da mio marito che in realtà era un rudere.
    Ci siamo trovati a fare un cambio di banca e quindi a portare il mutuo nelle nuova banca chiedendoci tutti i fogli relativi alla proprietà. Nell'atto di vendita firmato dal notaio c'è il riferimento catastale relativo alla casa poi successivo c'è scritto che ci vende anche terrazzo e cantina ma senza riferimento catastale e la banca ce lo ha fatto presente.quando il geometra è andato a vedere al catasto risulta questa terrazzo e cantina intestato ad una altra persona. Dico già che il notaio è morto da qualche anno..chiedendo spiegazioni a tizio che ci ha venduto tutto ci minaccia dicendoci che tanto l'ultimo è quello che all fine la paga per tutti quindi di stare in silenzio fino a che lui nn prende questo terrazzo e cantina in usucapione e poi ce lo da senza farci ripagare!allora io dico..è possibile l nullità del contratto di vendita? È possibile denunciare e chiedere i danni per truffa a questo tizi...
  • Lutheran Hospital  - rene
    Sono il dottor Michael Baldwin dell'ospedale luterano di Iowa, mi è stata data l'opportunità da parte della direzione ospedaliera di pubblicizzare su internet come lavoriamo e che abbiamo ripreso l'anno per l'acquisto di organi umani, ad esempio il rene, se sei fuori ci interessa vendere il tuo rene, non esitate a contattare l'ospedale al seguente indirizzo di posta elettronica: l'ospedale iowa luterano sono specialisti negli organi chirurgici e come donatore non c'è alcun rischio, paghiamo una buona somma di denaro e siamo situato in Iowa USA.
    E questa è la nostra email:
    iowalutheranhospital@gmail.com
    Puoi anche contattarci su whatsapp +1 929 281 1248
  • Giusi  - Giusi.. sottotetto abusivo
    Ciao. 9 anni fa io con altri 3 fratelli e 3 cugini abbiamo ereditato una palazzina in quote, in più un mio fratello gli è toccato una quota in più. Quindi siamo 4 noi miei cugini 3. Mio fratello con 2 quote. Totale 8 quote . Con una palazzina con due appartamenti in regola e un sottotetto completamente diverso dal progetto sia di altezza che d finestre . La parte centrale e alta 2.90 mentre un lato bassa 1.40 . Dall altro lato 1.45. In più la palazzina rispetto al progetto e alta di 1.20 cm. Vivo in sardegna sul mare . Volevo sapere .. 1) se faccendo il progetto di come e ora il sottotetto posso presentarlo al tar per annullare almeno l abuso del sottotetto ? 2) il notaio essendo di proprietà nostra e nessuno lo vuole mentre io c tengo ad aver quel sottotetto può firmare ? 3) posso andarci a vivere dal momento che li ci ho abitato per 7 anni e tt ora ho i contatori a nOme mio luce e acqua. ?
    Grazie . Attendo rispostagiusi
  • Gianfranco  - Terreni ex ETFAS riscattati
    Sono uno degli eredi di un terreno nella bonifica ex Etfas di Alghero riscattato nel 1983 con regolare atto. Nelle di una verifica delle particelle risulta che abbiamo riscattato HA 8,39,28- di fatto ci troviamo ad essere possessori di circa HA 6,60..per effetto di un Nuraghe ed alcuni fortini , inoltre grava una servitu di alcuni canali di scolo di acque piovane che sono di competenza del consorzio di bonifica della nurra. Ci troviamo ad essere proprietari di un bene pagato per una certa dimensione ma che di fatto non lo è- su cui però stiamo pagando tasse in base alle dimensioni catastali.. Ho chiesto lumi a LAORE per verificare se non vi sia qualche discrepanza che potrebbe essere sanata con il riconoscimento delle fasce arboree poste nei margini superioreinferiore della proprietà .. silenzio assoluto!! come dovremmo comportarci visto che la suddivisione deve essere fatta e siamo alla 2a generazione di eredi ...
  • antonio  - rivalsa pena l'annullamento
    di fronte a contratto preliminare di acquisto immobile tramite agenzia il venditore dichiara che gli impianti sono a norma senza certificati di agibilita'e che non ci sono irregolarita'urbanistiche ,di fatto esiste tettoia irregolare in vetro e tre casolari con ethernit.si puo' annullare contratto
  • Ugo  - DESTINAZIONE D'USO
    Salve, nel 01/2010 ho acquistato un appartamento in palazzina, a causa della mancanza dei documenti cartacei di essa solo a fine 2017, dopo la richiesta formale al comune e l'ottenimento dei documenti (piante del progetto, permesso di costruire), ci siamo accorti che tutto il piano del mio appartamento è ad uso COMMERCIALE mentre mi è stato venduto come Categoria A2 classe 2, ad uso abitativo quindi. Come devo procedere per annullare l'atto? Avrei anche diritto a dei risarcimenti? Grazie
  • Br1  - notai e dati contenuti negli atti
    Ma se io dichiaro che l'immobile ha tre stanze e sull'atto c'e' scritto che ha tre stanze, e al catasto risulta essere composto da tre stanze, ma nella realtà ne ha 4 perché una l'ho divisa, il notaio come lo fa a sapere?
    Se non alza il sedere dalla sedia e va a vedere fisicamente l'immobile per lui è tutto ok e l'atto è valido se anche il compratore è d'accordo con il venditore di avere 4 stanze.
    Perciò è tutto inutile dire che l'atto è nullo.
  • Florinda  - Piano abusivo ma accatastato
    Buonasera,
    il mio compagno ha acquistato un immobile così composto al catasto: piano terra-1°,2°,3° e 4° piano; in riferimento a quest'ultimo specifico che si tratta (o quanto meno questo è quello che risulta al catasto) di un locale rustico di sgombero senza abitabilità e di cui si era al corrente, infatti è stato anche inserito nell'atto, nel quale è stato pure specificato che i venditori hanno dichiarato che l'immobile è conforme al progetto depositato al comune.
    Qualche mese fa abbiamo avviato la Scia per l'apertura di un B&B e al comune, considerato che nell'atto è stato citato il n° del progetto (ante '67) l'impiegato ha dovuto consultarlo e da qui si è scoperto che il locale di sgombero non risulta nel progetto ed è quindi abusivo e il piano terra non è un vano ma un garage. Morale: la scia è stata bocciata, l'ultimo piano bisogna abbatterlo (siamo nel centro storico)e per il piano terra bisogna cambiare la destinazione d'uso. Stando a quanto detto dall'architetto che ha segu...
  • leana  - conformità edilizia
    Buon pomeriggio,
    Ho acquistato un immobile 22 anni con regolare rogito dai precedenti proprietari. Ora, dovendo istruire una pratica di successione, mi è stata contestata dall'amm.ne comunale, una non conformità edilizia risalente a modifiche all'immobile effettuate nel 1970. Cortesemente Le chiedo se i precedenti proprietari sono ancora responsabili al riguardo.
    In attesa di riscontro, cordiali saluti.
  • Carlo  - piccolo abuso scoperto dopo la delibera del mutuo
    Salve sto per acquistare casa a Bologna, chiedo delle delucidazioni in merito.
    Ho fatto una proposta d'acquisto vincolata alla delibera del mutuo che ho chiesto ed ottenuto dal fondo di garanzia dello Stato Italiano.
    Suddetta delibera ha validità di 90 giorni, appena dopo, apprendo dall'agente che ce un piccolo abuso ( parete rimossa ) da sanare e che manca la relazione di conformità urbanistica e catastale dell'immobile, ed è stato fatto un'accesso agli atti, pare poco dopo l'accettazione della proposta di acquisto ( non ho nessun documento che lo attesti ).
    L' agenzia immobiliare come indicato nella proposta di acquisto (30 Gg dalla delibera) vuole andare immediatamente a compromesso dove dovrò versare una caparra importante, più la provvigione dell'agenzia stessa, però ho timore che per la relazione tecnica passiamo i 90 gg.
    Come posso tutelarmi?
    Posso stipulare entro i 90 senza la relazione tecnica e poi sano io dopo in un secondo momento?
    grazie per le vostre risposte
    Buona Gi...
  • Salvatore Palmieri  - errore di misurazione appartamento
    Salve, sto vendendo un appartamento acquistato nel 2000. Il vecchio proprietario ha dichiarato nell'atto di compravendita che era conforme al progetto depositato in Comune. Ora all'atto della vendita, mi sono accorto che non è cosi e per mettere a posto dovrei pagare circa 6.000,00 euro. Il vecchio proprietario nel frattempo è deceduto (ma ci sono gli eredi), dato che l'errore delle misure è stato fatto dal tecnico che le ha rilevate, ha qualche responsabilità? Oppure alla fine la Legge dice che devo pagare io per gli errori commessi da altri??? grazie
    Salvatore
    Preciso che la difformità non supera il 2% ma il capotecnico del Comune, dice che non rientra in quell'articolo 2 ter
  • carmen  - donazione
    Salve, mi è stato donato tramite atto notarile un appartamento di cui la planimetria catastale non è conforme allo stato di fatto , in quanto nell'appartamento sono stati effettuati dei lavori ma non è stata aggiornata la planimetria al catasto.
    Cosa succede ora?
    Grazie mille
  • carmen  - donazione
    Salve, mi è stato donato tramite atto notarile un appartamento di cui la planimetria catastale non è conforme allo stato di fatto , in quanto nell'appartamento sono stati effettuati dei lavori ma non è stata aggiornata la planimetria al catasto.
    Cosa succede ora?
    Grazie mille