top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Ambiente e Fisco Bilancio e Sostenibilità Economica MANUTENZIONI STRAORDINARIE SENZA DIA E DURC PER LE REGIONI CHE NON HANNO APPLICATO NORMATIVE EDILIZIE RESTRITTIVE
MANUTENZIONI STRAORDINARIE SENZA DIA E DURC PER LE REGIONI CHE NON HANNO APPLICATO NORMATIVE EDILIZIE RESTRITTIVE PDF Stampa E-mail
Area Sviluppo Sostenibile ed Ambiente - Bilancio e Sostenibilità Economica
Martedì 10 Agosto 2010 03:32

Tra le nuove normative previste dal  D.L 40 dello scorso 25 marzo 2010 relative alla semplificazione amministrative c'è quella relativa alla possibilità di operare manutenzioni straordinarie senza DIA e senza DURC purché l'intervento non aumenti il numero delle unità immobiliare o il superamento dei parametri urbanistici previsti. Non tutte le Regioni tuttavia sono in grado di applicare tale normativa. Per il momento le disposizioni segnalate sono applicabili solo in quelle regioni che non prevedono l'obbligo di presentazione della DIA per gli interventi di recupero edile previsti dal provvedimento stesso. 
Il nuovo decreto legge quindi introduce altre tipologie a quelle già previste nell'art. 6 del Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, di cui al D.P.R. 380 del 6 giugno 2001.
Tale articolo prima prendeva in considerazione lavori senza presentazione DIA solo nei casi di:
- interventi di manutenzione ordinaria;
- interventi volti all'eliminazione di barriere architettoniche che non comportino  l'alterazione dell'edificio;
- le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico, a esclusione di attività di ricerca di idrocarburi, e che siano eseguite in aree esterne al centro edificato.
Le modifiche introdotte invece riguardano: 
- gli interventi di manutenzione straordinaria che non modifichino la struttura dell'edificio, il numero delle unità immobiliari i e non implichino incremento dei parametri urbanistici;
- le opere precarie, ossia interventi temporanei volti ad affrontare esigenze temporanee  che andranno rimosse entro 90 giorni dalla data di realizzazione;
- l'installazione di pannelli solari, fotovoltaici e termici, senza serbatoio di accumulo esterno, a servizio degli edifici, da realizzare non nei centri storici;
- i parchi giochi condominiali realizzati senza scopo di lucro;
-  interventi volti a migliorare le aree pertinenziali degli edifici. 
E' importante sottolineare, come detto in precedenza,  che il decreto in oggetto non può essere applicato in tutte le regioni, in quanto il decreto legge non sarà applicate da quelle regioni che hanno già definito delle disposizioni in materia. Quindi fondamentalmente sarà applicato solo a quelle regioni che non hanno adottato ancora nessuna normativa in materia di restrizioni edili.

 

Commenti (2)
  • AMRINO  - problema casa
    Buon giorno, ho acquistato nel 2011 un'abitazione che poi al rogito e' risultata LEGATA ad una concessione edilizia unica ( uno stabile unico suddiviso in due appartamenti indipendenti di cui uno a me in vendita); dal punto di vista catasto, nessun problema in quanto presente la variazione mentre, per la parte urbanistica, il notaio suggeri' di effettuare una dia a carico della parte venditrice. A distanza di 4 anni, la dia e' stata presentata ma non eseguita e sembra che sia decaduta. A questo punto, posso vendere la casa senza effettuare a mia volta la dia su variazioni cmq gia' presenti ( muro )? Devo fare una sanatoria ? Come funziona ? Il comune e' Modica ( RG ) Pls HELP
  • Consulente  - Variazione Comunale
    Salve Amrino
    la variazione al comune deve essere fatta. Per avere poi la risposta ai suoi quesiti si consiglia una consulenza.
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti

Copyright © 2019 Gruppo Antonacci: il tuo commercialista telematico!. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.

bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.