top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Lavoro Gestione della previdenza LEGGE 122/2010 E PENSIONI DI INVALIDITA'
Offerta Cedolini Colf 2016

Dall'1 al 10 dicembre 2016 ai primi 50 che utilizzeranno il servizio "elaborazioni Cedolini colf light", verrá applicata la tariffa agevolata.

12 Cedolini paga da gennaio a dicembre 2016

certificazione compensi

invio mav trimestrali compilati secondo le ore retribuite inclusa cassa colf

calendario da compilare

tutto inviato via mail

compenso richiesto € 90,00 + CNPA  4% + IVA 22% =  € 100,00

E'' sufficiente inviare una mail a info@gruppoantonacci.it scrivendo "ADERISCO AL SERVIZIO PAGHE COLF LIGHT"  ed indicando il vostro nome ed il vostro cognome.


 



LEGGE 122/2010 E PENSIONI DI INVALIDITA' PDF Stampa E-mail
Area Lavoro - Gestione della previdenza
Mercoledì 15 Settembre 2010 06:32

La legge 122/2010 conosciuta come manovra correttiva o decreto legge 78/2010 ha legiferato anche in materia di pensione di invalidità. Il diritto alla pensione di invalidità è stato introdotto con la Legge 122 del 1984 entrata in vigore nel mese di luglio dello stesso anno. Tale forma pensionistica viene corrisposta ad invalidi, ciechi e sordomuti, siano essi lavoratori autonomi che dipendenti che abbiano versato almeno 5 anni di contributi inps di cui almeno 3 negli ultimi 5 anni precedenti la presentazione della domanda.
Affinché l'invalidità fisica e/o mentale  sia riconosciuta dal personale medico addetto, il demandante dovrà dimostrare di aver subito una perdita  pari ad almeno ad 1/3 della capacità lavorativa iniziale. Quindi dovranno verificare che la perdita delle funzioni fisiche o mentali  subite dal demandante riduca le sue funzioni almeno del  67% in modo permanente.
Il D.L. 78/2010 all'art. 10 comma 1, ispirandosi alla lotta contro i falsi invalidi aveva previsto che a partire dal 1 giugno 2010 il grado di inabilità al lavoro del soggetto demandante fosse elevata all'85%. Ma al momento della trasformazione in legge, tale articolo è stato soppresso.  La legge però non ha abrogato il contenuto dei commi 3 e 4 dell'art. 10 relativi alla lotta contro i falsi invalidi e ai partecipanti alla truffa ai danni dello Stato. Secondo il contenuto di tali commi, coloro che, a seguito di accertamento saranno considerati falsi invalidi, oltre a subire una condanna penale, dovranno restituire non solo i compensi percepiti a titolo di invalidità ma dovranno pagare anche i danni di immagine provocati all'Amministrazione Pubblica.

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.