top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Lavoro Elaborazione paghe TABELLE ACI: PUBBLICATE LE TARIFFE PER IL 2011
TABELLE ACI: PUBBLICATE LE TARIFFE PER IL 2011 PDF Stampa E-mail
Area Lavoro - Elaborazione paghe
Lunedì 27 Dicembre 2010 05:42

Il Supplemento Ordinario alla G.U. n° 299 dello scorso 23 dicembre 2010 ha reso noto le Tabelle ACI da applicare per il 2011.
Le tabelle ACI riportano i costi chilometrici di esercizio suddivisi per autovetture e motocicli da prendere in considerazione per il calcolo del compenso in natura da tener conto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti ai sensi dell’art. 51 comma 4 lett. a) del TUIR.
Tali tabelle sono molto importanti in quanto permettono di identificare in parole semplici quella parte della retribuzione che viene corrisposta in natura dall'azienda al dipendente per effetto dell'uso dell'autovettura anche per fini e scopi personali. Ovvero il cosiddetto  "fringe benefit".
L’art. 51 comma 4 del TUIR stabilisce che per gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori concessi in uso promiscuo al dipendente viene considerato fringe benefit, e quindi elemento della retribuzione il 30% dell’importo corrispondente a una percorrenza convenzionale di 15.000 chilometri calcolato sulla base dei costi chilometrici riportati nelle tabelle nazionali elaborate ogni anno dall'ACI e pubblicate in Gazzetta entro il 31 dicembre dell'anno precedente alla validità delle tabelle. 
La lettura delle tabelle è abbastanza semplice in quanto le autovetture vengono suddivise in "autoveicoli in produzione a benzina o diesel" "autoveicoli fuori produzioni a benzina o diesel"  "autoveicoli a GPL o metano" "tabelle per SUV alimentate a benzina o diesel" "microcar" "motocicli" e "ciclomotori". Inoltre se il modello dell'autoveicolo non è riportato nelle tabelle ci si può riferire a quei veicoli che possiedono caratteristiche similari.
Per comprendere l'importanza di tali tabelle si riporta un esempio.
La società X concede in uso promiscuo ad un suo dipendente una BMW 520i touring 2.0 - 170 cavalli serie s.w.
Per vedere quale sia il fringe benefit corrispondente bisognerà:
- ricercare tale autoveicolo nelle tabelle ACI (in questo caso pagina 4 - riga 1 del supplemento ordinario 284);
- individuare il costo chilometrico individuato dall ACI che nell'esempio in oggetto è  di € 0,7913 per Km percorso;
- moltiplicare tale costo per i famosi 15.000 km convenzionali ( € 0,7913 x 15.000) = € 11.869,50;
- individuare il fringe benefit per il 2011 pari al 30% del valore sopra riportato [€ 11.869,50 x 30%] = € 3.560,85.

Il fringe benefit costituisce un elemento "strategico"  per molte imprese poichè se da un lato queste possono acquistare autovetture, molto spesso scelte dagli stessi dipendenti,  da concedere  in uso promiscuo ai propri dipendenti, dall'altro in base ai dettami dell'art. 164 del TUIR alla lettera b-bis le stesse imprese hanno la possibilità di portarsi in deduzione il 90% del costo dell'autovettura a prescindere dal valore d'acquisto del veicolo stesso. Infatti l'art. 164 del TUIR alla lettera b-bis dispone "..........che l'impresa può dedurre il 90% del costo dell'autovettura a prescindere dal suo valore d'acquisto (anche se quindi eccede il valore di € 18.075,99 previsto per l'acquisto di autovetture) se il veicolo viene concesso in uso promiscuo al dipendente per un periodo pari alla metà del periodo di imposta più un giorno....."   

Per il momento si può richiedere copia gratuita del supplemento all'indirizzo mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Commenti (14)
  • maurizio  - ho una Citroen DS4 benefit promiscuo dubbio
    quanto dovrei pagare come quota? 144,00€ è giusto? e il carburante è a mio carico?
    scusi ma vorrei delle delucidazioni in merito.
    mi viene poi data fattura sul benefit a fine anno...è giusto anche se la voce è in busta?
    Buon Natale
    Grazie :confused: :shock:
  • Consulente  - Domanda poco chiara
    Salve Maurizio,
    può riformulare la domanda? E' poco chiara e non vorrei darle una risposta per un'altra.
  • Maurizio  - Benefit poco Benefit
    Salve, e scusi la domanda fatta sintericamente.
    Dunque, io ho una citroen ds4 1600 hdi in benefit promiscuo, in busta paga mi fanno pagare 144 euro in trattenute, e nella voce competenze viene rportata ancora 144 euro.. il particolare è che mi viene detto che faranno delle fatture a mio carico del benefit, è un controsenso?? inoltre mi viene detto che il gasolio a volte devo farlo io, nonostante la scheda carburante, ma in questo caso non sarebbe regolare, sballerebbe la media della scheda carburante, dovrei teoricamente fare sempre gasolio con la loro scheda carburante ...detraggono tale costo per i km, che senso ha? inoltre il 30% dei km che farei io per uso privato , sarebbero già nella quota benefit, che benefit sarebbe se devo pagare io anche il gasolio? già pago la quota.

    spero di aver elencato tuto il dettaglio.
    grazie e Buon Natale.
    Maurizio
  • Il Consulente  - Benefit
    Salve Sig. Maurizio,
    mi scusi per prima, ma non avevo compreso la sua domanda.
    Il fatto che il benefit venga inserito nel cedolino paga tra le competenze e le trattenute costituisce un "marchingegno" per giustificare la detrazione dei costi dell'auto al 90%. Emettendo solo fattura, senza riporto nel cedolino potrebbero infatti detrarsi il costo dell'auto solo per il 40% del costo sostenuto.
    Per il discorso carburante onestamente non capisco la richiesta di fare carburante in modo autonomo, dal momento che il fringe benefit trattenuto di € 144,00 mensile, se ho capito bene, riguarda anche il rimborso del carburante utilizzato per uso promiscuo.
  • Maurizio  - Benefit
    buonasera a lei, gentilissimo.
    si, è così la stranezza è che nella busta paga è riportato auto uso promiscuo , e i 144 euro esistono nelle 2 voci, trattenute e competenze. ora mi è sorto un dubbio, amplificato anche dal fatto che nell'uso promiscuo dell'auto ovvero pagando già la quota mensile, sarebbe compreso anche il carburante da giustificare ogni volta sulla scheda apposita, loro dicono che teoricamente dovrei farlo io a volte...ma i km? che faccipo? come vengono giustificati? andrei di mezzo fiscalmente anch'io in caso di controllo? che mi consiglia? e poi...che benefit beneficio avrei a questo punto?
    graziegrazie ancora della risposta. ufficiale.
  • Il Consulente  - Spese carburanti
    Salve Maurizio,
    il discorso del carburante mi è poco chiaro. Ovvero non mi è chiarol'accordo che è intercorso tra lei e la sua azienda. Sembrerebbe come se la quota del fringe benefit prevista escludesse una parte dei chilometri giustificato dall'uso privato del veicolo.
    Comunque fiscalmente lei non ha nessuna aggravio poichè il "suo timbro" verrebbe giustificato da una loro uscita di contante. Ovvero contabilmente il rifornimento da lei pagato verrebbe giustificato da un'uscita di contante.
  • maurizio  - Spese Carburanti e Benefit
    :D :D :!:
    Grazie per la velocità e professionalità nella risposta!
    Buon Natale

    Maurizio
  • Il Consulente  - Ringraziamenti
    Salve Maurizio,
    in realtà è stato solo fortunato. Era dallo scorso 17 dicembre che non rispondevo ai quesiti.
    Spero comunque di aver risolto i suoi dubbi.
    Buon Natale

    Dr.ssa Simona Antonacci
  • GIANNI MISTRELLO  - Rimborso spese carburante
    Dispongo di un'auto aziendale ad uso promiscuo per cui ho una trattenuta mensile di poco più di 200 euro. Un mio collega sostiene che dovremmo disporre di una scheda carburante il cui costo dovrebbe essere sostenuto dall'azienda anche quando l'uso dell'auto è per motivi personali. E' vero?
  • Il Consulente  - Spese carburante
    salve sig. Gianni,
    l'elaborazione e consegna della scheda carburante all'azienda dipende dale modalità cn cui le viene effettuata la trattenuta in busta paga. Se si tratta di una voce a forfait la scheda carburante non serve.
  • Gianni Mistrello  - Rimborso spese carburante
    Buongiorno e grazie per la risposta. Temo però di non essermi spiegato bene. La trattenuta mensile riguarda solo il fringe benefit. Quando usiamo il carburante per fini personali non c'è alcun rimborso da parte dell'Azienda.Il mio collega sostiene invece che anche nel suddetto caso, l'Azienda dovrebbe rimborsare le spese di carburante. Un chiarimento ulteriore. Ho capito bene che, in caso di uso promiscuo dell'autovettura, l'Azienda ha la possibilità di portarsi in deduzione il 90% del costo dell'autovettura a prescindere dal valore d'acquisto del veicolo stesso? Saluti
  • Consulente  - Costi autovettura
    Salve Sig. Mistrello,
    il fringe benefit che si ritrova in busta è legato alle trattenute effettuate dall'azienda per la parte legata all'uso personale dell'autovettura. Quindi come fa il suo collega a sostenere il rimborso del carburante per uso personale? Per quanto riguarda la detrazione in base al tipo di veicolo, al tipo di attività e ad altre caratteristiche, l'impresa ha la possibilità di dedursi fino al 90% del costo sostenuto per l'autoveicolo.

  • spese carburante
    salve, sono una guardia giurata e per recarmi a lavoro uso la mia auto. volevo avere se possibile delle spiegazioni. faccio circa 180 km al giorno x andare a lavoro ho diritto al rimborso carburante? grazie
  • Consulente  - Rimborso chilometrico stabilito dalle parti al mom
    Salve Anonimo,
    il rimborso chilometrico in genere viene definito nel momento in cui si stipula il contratto di lavoro tra datore di lavoro e lavoratore.
    Se non è stato fatto in quel momento la risposta è no. Il CCNL collettivo non lo prevede.
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.