top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Fiscale e Amministrativa Gestione dell'impianto contabile aziendale CONTROLLO DEL SUPERAMENTO PREVISTO PER IL MANTENIMENTO DEI REGIMI FISCALI IN VIGORE PER IL NUOVO ANNO
CONTROLLO DEL SUPERAMENTO PREVISTO PER IL MANTENIMENTO DEI REGIMI FISCALI IN VIGORE PER IL NUOVO ANNO PDF Stampa E-mail
Area Fiscale e Amministrativa - Gestione dell'impianto contabile aziendale
Venerdì 31 Dicembre 2010 05:02

Si è arrivati ala chiusura dell'anno solare che, per la maggior parte delle aziende corrisponde con la scadenza dell'anno fiscale.  A questo punto, anche se  solo teoricamente vi è la fine di un esercizio (31/12)  e l'inizio di un altro (01/01) è opportuno verificare se potranno essere mantenuti i regimi contabili e fiscali applicati o sarà necessario variare gli obblighi fiscali nel nuovo esercizio.
La procedura da fare è piuttosto semplice, soprattutto per i piccoli regimi, quali regime dei minimi o nuove iniziative produttive.
Per il regime dei Minimi (art. 1 c. 96-117 L. 244/2007, DM 2 gennaio 2008 e Circ. Min. 21 dicembre 2007 n. 73/E) sarà necessario verificare:
- che l'ammontare dei ricavi (ragguagliati al periodo di attività) al 31 dicembre 2010  (imponibile delle fatture comprensive di eventale rivalsa inps) risultino inferiori  ad € 30.000;
- che il totale dei beni strumentali acquistati nel triennio precedente (incluso quindi l'anno 2010) non sia superiore ad € 15.000,00;
- che siano stati rispettati tutti gli altri elementi che determinano generalmente l'esclusione dal regime quali mancata assunzione di dipendenti, mancate esportazioni ecc. ecc.

Per il regime delle nuove iniziative produttive (art. 13 L. 388/2000, Provv. Agenzia Entrate 14 marzo 2001) sarà opportuno verificare:
- che non siano scaduti i 3 anni di applicazione previsti;
- che l'ammontare dei ricavi (ragguagliati al periodo di attività) conseguiti al 31 dicembre 2010 non abbia superato gli € 30.987,41 per i soggetti che eseguono prestazioni di servizi e gli € 61.974,83 per tutte le altre attività.

Per le imprese che adottano il regime semplificato, al fine di verificare se potranno mantenere il sistema contabile in vigore o passare a quello ordinario, si dovrà invece controllare che:
- i ricavi di competenza dell'anno appena finito per le imprese che eseguono attività inerenti prestazioni di servizi non superi il limite di €. 309.874,14, mentre  le imprese che cedono beni e servizi dovranno verificare che i loro ricavi di competenza non vadano oltre ai  €. 516.456,90.
Tra l'altro in questi casi sarà anche necessario verificare anche il limite del volume d'affari al fine di determinare la periodicità delle liquidazioni IVA. Se infatti il volume d'affari sarà superiore ad €. 309.874,14 oltre a passare dal regime semplificato al regime contabile ordinario, bisognerà porcedere alla liquidazione dell'IVA mensile.
E' importante sottolineare che non sempre il superamento della soglia di € 309.874,14 comporta il passaggio obbligatorio sia al regime contabile ordinario che al calcolo delle liquidazioni IVA con periodicià mensile.
Ad esempio se un imprenditore edile avrà conseguito un volume d'affari di € 350.000,00  questo comporterà obbligatoriamente il passaggio del calcolo delle liquidazioni iva da trimestrali a mensili, mentre per verificare se dovrà cambiare il regime contabile sarà necessario controllare che neigli € 350.000,00 non vi siano fatture legate ad acconti per lavoro da eseguire nell'anno prossimo.
In questo caso infatti, in presenza di ricavi per fatture d'acconto di importo pari ad € 50.000,00, l'impresa avrebbe realmente conseguito nel 2010  ricavi di competenza pari ad € 300.000,00 e l'imprenditore non avrà necessità di passare al  regime contabile ordinario non avendo superato il limite degli € 309.874,14.

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.