top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Lavoro Conulenze diritto del lavoro LIBRO UNICO DEL LAVORO E ISPEZIONI DI VIGILANZA
Offerta Cedolini Colf 2016

Dall'1 al 10 dicembre 2016 ai primi 50 che utilizzeranno il servizio "elaborazioni Cedolini colf light", verrá applicata la tariffa agevolata.

12 Cedolini paga da gennaio a dicembre 2016

certificazione compensi

invio mav trimestrali compilati secondo le ore retribuite inclusa cassa colf

calendario da compilare

tutto inviato via mail

compenso richiesto € 90,00 + CNPA  4% + IVA 22% =  € 100,00

E'' sufficiente inviare una mail a info@gruppoantonacci.it scrivendo "ADERISCO AL SERVIZIO PAGHE COLF LIGHT"  ed indicando il vostro nome ed il vostro cognome.


 



LIBRO UNICO DEL LAVORO E ISPEZIONI DI VIGILANZA PDF Stampa E-mail
Area Lavoro - Conulenze diritto del lavoro
Lunedì 28 Febbraio 2011 00:00

 Il LUL ovvero Libro Unico del Lavoro è stato introdotto dalla Legge 133/2008 con obbligo di impiego, ovvero di elaborazione, a partire dal mese di gennaio dell'anno 2009 in caso di assunzione dipendenti, collaboratori o associati in partecipazione.
Il LUL, che ha sostituito il libro matricola ed il libro paga si compone di due sezioni:
- le presenze mensili del lavoratore;
- l'elaborazione del trattamento retributivo in base alle presenze indicate.
La sua elaborazione permette quindi di individuare gli elementi fondamentali di ogni rapporto di lavoro in essere ed in tal modo assume valenza di documento da esibire in caso di ispezione nell'azienda degli organi di vigilanza.
L'aspetto trattato in questo articolo riguarda proprio la sua presentazione in caso di ispezione degli organi di vigilanza sui luoghi di lavoro.
Copia del LUL infatti dovrebbe essere presente in ogni sede operativa stabile al fine di permettere agli ispettori di identificare tempestivamente  il personale presente sul luogo di lavoro e quindi escludere situazioni di lavoro nero. Qualora tale libro fosse detenuto presso la sede legale o presso i soggetti incaricati alla tenuta del libro, il datore di lavoro dovrà tempestivamente far pervenire una copia del LUL, via mail o fax presso la sede operativa stabile per permettere agli ispettori di eseguire le loro funzioni di controllo.
Quando si utilizza il termine tempestivamente si vuol intendere che il libro Unico deve essere necessariamente esibito agli ispettori prima della compilazione del verbale di primo accesso ispettivo.
In caso di cantieri mobili, ovvero di situazioni in cui il personale dipendente tende a spostarsi su diversi cantieri nel corso della stessa giornata, il LUL dovrà essere esibito dal datore di lavoro che lo detiene presso la sede legale, entro il termine indicato nel verbale redatto dagli organi di vigilanza. Se poi il libro unico risulta essere conservato presso consulenti o professionisti il LUL dovrà essere presentato agli organi di vigilanza entro  15 giorni dalla richiesta di documentazione o entro ila data indicata nella richiesta di documentazione redatta dagli organi di vigilanza.
In merito agli elenchi riepilogativi, l'entrata del LUL ha abolito l'obbligo di stampa degli elenchi riepilogativi. Tuttavia nel caso in cui in un'impresa operi con più di dieci dipendenti o in differenti sedi stabili di lavoro, il datore di lavoro dovrà esibire gli elenchi riepilogativi mensili suddivisi per sede di lavoro e tali riepiloghi dovranno essere conservati per almeno 5 anni. Infatti gli organi ispettivi potrano richiedere tali riepiloghi solo per i 5 anni precedenti il verbale di inizio accertamento. In caso di mancata esibizione di tali riepiloghi, il datore di lavoro non incorrerà in alcuna sanzione pecunaria ed amministrativa.
Se nel libro Unico del Lavoro alcune annotazioni vengono indicate tramite codici o sigle, il datore di lavoro, dovrà mettere a disposizione degli ispettori anche la decodificazione di tali codici per capire la loro inerenza ed utilizzazione all'interno del LUL.
Per quanto concerne le sanzioni amministrative  generiche sanzionabili previste per la tenuta del LUL, queste si riferiscono generalmente alla tenuta irregolare o alla tardiva  registrazione dei dati e sono sanzionate solo se determinano variazioni del trattamento retributivo contributivo e fiscale. 
Le sanzioni in genere riguardano:
Omessa istituzione del libro unico punibile con una sanzione di  € 150 se la violazione concerne un numero di dipendente compreso tra  1 a 10 lavoratori mentre la sanzione sarà pari ad € 500,00 se la violazione viene commessa in presenza di più di 10 lavoratori;
Tardività delle registrazioni punibile con una sanzione di  € 100 se la violazione concerne un numero di dipendente compreso tra  1 a 10 lavoratori mentre la sanzione sarà pari ad € 150,00 se la violazione viene commessa in presenza di più di 10 lavoratori;
- L'infedele registrazione dei dati, l'omessa esibizione del libro unico, l'inosservanza dell'obbligo di conservazione del libro unico per il periodo di 5 anni invece rappresentano casi di non assoggettività a sanzione in quanto legati ad una condotta commissiva e quindi insanabile. In questi casi quindi non sarà possibile emettere sanzioni amministrative, ma scatterà automaticamente  un procedimento penale.

Commenti (4)
  • Roberto  - informazioni in merito al libro unico
    Salve, cerco una risposta che mi possa confermare la giusta procedura di esibizione del libro unico agli organi ispettivi. Se incorso di causa di lavoro, il giudice richiede il libro unico dell'azienda, una s.a.s, e il datore di lavoro a questa richiesta consegna agli atti le fotocopie delle buste paga dei dipendenti, ha regolarizzato la richiesta del giudice? o c'e' un documento piu' ufficiale che ha omesso di depositare?
    Grazie!
  • Consulente  - Libro unico = cedolini dei dipendenti
    Salve Roberto
    il LUL è l'insieme dei cedolini dati ai suoi dipendenti ordinati per numero progressivo.
    Non so se le hanno chiesto l'originale.
  • melania  - elaborazione buste paga snc
    buongiorno
    chiedo un'informazione relativa all'obbligo di elaborazione mensile di busta paga per due soci di una snc per i quali il cedolino riporta come netto "zero euro". il mio consulente mi riferisce che seppur a zero euro c'è l'obbligo di elaborazione mensile, io mi chiedo se esistono delle norme che consentono l'elaborazione ogni trimestre o un' unica elaborazione annuale. spero di esser stata chiara nella mia richiesta. ringrazio
  • Consulente
    L'elaborazione del cedolino paga a zero è obbligatorio perchè comprende in ogni caso i conteggi delle trattenute Irpef ed INPS.
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.