top
logo

Accesso utenti




Home Area Contenzioso-Tributario Problematiche specifiche del contendere L'IPOTECA SUGLI IMMOBILI DEVE ESSERE COMUNICATA PREVENTIVAMENTE AL CONTRIBUENTE
L'IPOTECA SUGLI IMMOBILI DEVE ESSERE COMUNICATA PREVENTIVAMENTE AL CONTRIBUENTE PDF Stampa E-mail
Area Contenzioso-Tributario - Problematiche specifiche del contendere
Giovedì 21 Luglio 2011 10:57

Con la conversione in Legge (106/2011) del Dreceto Sviluppo 98/2011 sono state introdotte importanti novità relative all'iscrizione delle ipoteche da parte dell'Equitalia.
Prima tra tutte è l'obbligo di comunicazione preventiva dell'iscrizione dell'ipoteca sull'immobile. Fino ad oggi infatti il contribuente poteva venire a conoscenza dell'iscrizione dell'ipoteca addirittura al momento della vendita dell'immobile o per caso richiedendo magari  un finanziamento bancario!
Non sempre l'iscrizione dell'ipoteca veniva preceduta dall'invio di una comunicazione da parte dell'ente. Ora invece in caso di mancato pagamento della cartella, trascorsi 60 giorni dalla data di notifica (salvo tempistiche  differenti individuabili nella cartella stessa), Equitalia dovrà procedere prima ad avvertire il contribuente con l'invio della comunicazione preventiva di iscrizione dell'ipoteca (atto impugnabile davanti alla Commissione Tributaria) e solamente dopo, potrà procedere con  l'iscrizione della stessa sull'immobile del contribuente avvertito.
Inoltre il Decreto Sviluppo si è occupato anche dei casi in cui sia possibile iscrivere l'ipoteca  (procedere con l'espropriazione, o pignoramento) sugli immobili.
Già in precedenza era stata infatti inibita ad Equitalia, la possibilità di iscrivere ipoteca su immobili per importi a suo favore inferiori ad € 8.000,00 (art 76 D.P.R. 602/1973) ma nella nuova Legge 106/2011 si è fatto qualcosa in più. E' stato inserito un comma a favore del contribuente che inibisce l'iscrizione dell'ipoteca ad Equitalia per un credito complessivo (per credito complessivo si intende la sommatoria dei vari crediti arrivati ad Equitalia dall'Inps, Inail, Agenzia delle Entrate ecc.)  non superiore ad € 20.000,00 vantato da Equitalia stessa nei confronti del contribuente nel caso si verificassero contemporaneamente le seguenti situazioni:
- l'immobile da ipotecare costituisce l'abitazione principale del contribuente; 
- il credito che Equitalia vanta nei confronti del contribuente è ancora contestabile o in fase di contestazione tramite opposizione davanti all'autorità giudiziaria.
A tal proposito se alla fine di un procedimento di contenzioso,il giudice tributario decidesse a favore del contribuente ed  il credito complessivo di Equitalia dovesse scendere al di sotto degli € 20.000,00 l'Ente dovrà revocare immediatamente l'ipoteca, o bloccare le procedeure di espropriazione o pignoramento.

 

Commenti (4)
  • Leo  - Ipoteca
    Salve , come funziona un ipoteca preventiva dell'immobile che risulta come seconda casa e che è divisa in parti?
  • Consulente  - Ipoteca preventiva
    Salve Leo,
    l'ipoteca preventiva comunicata a più persone si verifica quando vi è un debito ad esempio legata ad una successione che non risulta estinto. In questi casi equitalia a seguito della cartella non pagata e notificata precedentemente a tutti gli eredi, notifica preventivamente a tutti gli eredi l'ipoteca preventiva sull'immobile a tutti gli eredi. Se uno degli eredi paga la cartella l'ipoteca viene cancellata. Oppue se in caso di ricorso questo viene l'ipoteca ugualmente viene cancellata e via dicendo.
  • paolo  - iscrizione ippotecaria
    salve sono Paolo da Padova ieri 25-10-12 ho'
    ricevuto da equitalia nord com. pr. isc. ippotecaria il debito si aggira sui 27.000 euro
    dai vari inps. e ag. entrate alcune cartelle
    tempo addietro avevo rateizzato poi non sono piu
    stato in grado di pagarle per cui si sono accumulate con altre cartelle posso dirvi che la comunicazioe mi e arrivata per posta come posso
    fare per non perdere la casa con cui ho un mutuo che finisce nel nov.2013 grazie di cuore
  • Consulente  - Ipoteca sulla casa
    Salve Paolo,
    come prima cosa dovrebbe cercare di far scendere il debito sotto gli € 20.000,00
    Ha provato a richiedere la rateizzazione all'INPS, oppure all'Agenzia delle Entrate oppure a qualche altro ente?
    Se riesce a scendere sotto questa cifra Equitalia è obbligata a togliere l'ipoteca sulla prima casa.
    Inoltre quanto tempo fa aveva chiesto la rateizzazione?
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.