top
logo

Accesso utenti




16 DICEMBRE 2011: SCADENZA ICI 2011 PDF Stampa E-mail
Area Contenzioso-Tributario - Problematiche specifiche del contendere
Lunedì 12 Dicembre 2011 08:01

Entro venerdì prossimo, 16 dicembre 2011 dovrà essere versato il saldo ICI 2011 nel rispetto delle regole deliberate nel 2011. Il versamento dovrà avvenire sempre seguendo la vecchia normativa  D.Lgs 504/92. Quanto infatti previsto dal Decreto Salva Italia entrerà in vigore a partire dal 1 gennaio 2012 cambiando anche il nome dell'imposta che si trasformerà da ICI in IMU (Imposta MUnicipale).
Per il momento quindi l'unica variazione da fare è quella prevista dal D.m. del 14 marzo 2011 relativa all'aggiornamento dei coefficenti dei costi iscritti in bilancio inerenti i fabbricati delle imprese del gruppo D.
Per un "ultimo" riepologo delle principali regole relative al calcolo delle imposte si ricorda che:
- dovranno pagare l'ICI tutti soggetti titolari di diritti reali di godimento quali proprietà, usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi o superficie.
- i fabbricati, terreni ed aree fabbricabili assoggettate all'imposta dovranno essere situati sul territorio dello Stato Italiano salvo quelli esentati dal pagamento dell'imposta;
- non si applica l'imposta ai fabbricati adibiti ad abitazione principale e alle pertinenze ad esse collegate (D.L. 93/2008 art. 1), ad eccezione delle abitazioni principali classificate nella categoria A/1, A/8 e A/9 rispettivamente abitazioni signorili, ville, castelli e palazzi. Per tali categorie l'ICI come abitazione principale sconta la detrazione d'imposta pari ad € 103.29;
Per quanto concerne il calcolo ICI, si ricorda che l'imposta viene determinata applicando l'aliquota deliberata dalle varie Giunte Comunali alla rendita catastale rivalutata. Il risultato ottenuto poi dovra essere diviso per 12 mesi e moltiplicato per gli effettivi mesi di possesso. In caso di acquisto o vendita dell'abitazione entro i primi 15 giorni del mese, il mese considerato dovrà essere considerato intero. Mentre non dovrà essere preso in considerazione se l'abitazione sarà acquistata o venduta dopo il 15 del mese.
Per la rivalutazione della rendita catastale si ricorda che lquesta prima deve essere rivalutata del 5% e poi moltiplicata per i vari coefficenti, ovvero:
-
per 100  per i fabbricati con categoria catastale A (esclusi i fabbricati A/10) e categoria C (esclusa la categoria C/1);
- per 140 quelli appartenenti alla categoria B;
- per 50 quelli appartenendi alla categoria catastale D e A/10;
- per 34 quelli classificati nella categoria catastale C/1.
L'imposta potrà essere versata sia mediante l'impiego di bolletitni postali premarcati, distribuiti anche dal Comune, oppure tramite modello F24 da presentare agli sportelli bancari e/o postali.

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.