top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Fiscale e Amministrativa Gestione dell'impianto contabile aziendale NUOVE INDICAZIONI IN FATTURA PER I "NUOVI MINIMI"
NUOVE INDICAZIONI IN FATTURA PER I "NUOVI MINIMI" PDF Stampa E-mail
Area Fiscale e Amministrativa - Gestione dell'impianto contabile aziendale
Lunedì 16 Gennaio 2012 10:38

A partire dal 1° gennaio 2012 è entrato in vigore il nuovo regime fiscale dei contribuenti minimi previsti dal D.L. 98/2011 dai recenti provvedimenti attuativi.
Le fatture emesse da coloro che aderivano al regime dei minimi  riportavano la dicitura   “Operazione effettuata ai sensi dell’art. 1, comma 100, della Finanziaria 2008" (L. 244 del 24 dicembre 2007, pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007.
Ma quale sarà la nuova dicitura da inserire sulle fatture dei nuovi minimi, ovvero del nuovo regime fiscale a vantaggio dell'imprenditoria giovanile e per i lavoratori in mobilità?
Le nuove disposizioni di legge di cui all'art. 27 del D.L. 98/2011 e il provvedimento n° 185825 dello scorso 22 dicembre 2011, nulla menzionano  a tal proposito. Pertanto oltre alla dicitura dei regimi minimi suivi riportata si consiglia di riportare un'ulteriore dicitura  del tipo "Regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e per i lavoratori in mobilità ex art. 27, commi 1 e 2, del DL 98/2011” .
Si ricorda inoltre che nel nuovo regime dei minimi, non dovrà essere applicata la ritenuta d'acconto del 20%, di conseguenza, poichè il contribuente sarà comunque assoggettato al pagamento di un'imposta sostitutiva del 5% sulla differenza tra ricavi e costi, in fattura dovrà iscriversi una dicitura del tipo "Le somme oggetto di fatturazione afferiscono al reddito soggetto all’imposta sostitutiva propria del regime di vantaggio, gli importi dovuti, pertanto, non devono essere assoggettati alla ritenuta d’acconto di cui all’art. 25 del DPR 600/1973, come previsto dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 22 dicembre 2011, n. 185820/2011" per evitare che il cliente, che deve operare da sostituto d'imposta, trattenga il 20% dell'importo imponibile IVA a titolo di ritenuta d'acconto.
Per le fatture emesse lo scorso anno e non ancora incassate i contribuenti minimi, potranno stornare gli importi con note di credito ed emettere un documento nuovo.

Commenti (64)
  • mario  - dlucidazioni
    contribuente minimo dal 2010 per compenso sindacale in varie società. Emesso fatture per i compensi 2011 nei primi giorni di gennaio 2012 con ritenuta del 20% e regolarmente pagate. A questo punto cosa fare?
  • Consulente  - Scelta
    Salve Mario,
    dovrebbe procedere all'emissione delle note di credito.
  • Mario  - ulteriori informazioni
    Per alcune fatture ho eseguito quanto da Voi suggerito, per altre pultroppo la ritenuta è stata versata subito senza attendere il 16.02.2012.Nell'unico 2013 la ritenuta potrò defalcarla nel quadro CM come ritenute versate in acconto e l'eventuale credito verrà compensato con i contributi INPS. Graziet
  • Il Consulente  - Ritenute 20%
    Salve Mario,
    la risposta è affermativa.
  • Mario  - informazioni
    II^ anno come contribuente regimi minimi:
    1)nell'Unico 2012 quadro CM i contributi previdenziali da detrarre come costi sono quelli pagati come saldo-primo e secondo acconto nell'anno 2011 (come da F/24)?
    2) L'imposta sostitutiva si calcola sui ricavi meno i costi comprensivi anche dei contributi previdenziali?
    3) I suddetti contributi previdenziali(pagati 2011) si detraggono pure come oneri deducibili nel quadro RP (unico 2012)?
    Grazie
  • Consulente  - Contributi INPS
    Salve Mario,
    la risposta alla domanda 1 è si.
    la risposta 2 è si
    la risposta 3 è no.
  • stefano  - delucidazioni contribuenti minimi
    Pensionato dal 1999-Dal 2005 al 2009 sono componente di Collegi Sindacali in un gruppo di Società dove ho percepito compensi con regolari buste paghe assoggettate a Irpef e Inps (gestione separata) Dal 02.01.2010 ho aperto posizione per contribuenti minimi (quadro CM) emettendo ft.assoggettate alla ritenuta del 20% per il triennio 2010/2013.1)Dal 2012 rientro nei nuovi minimi? 2) sono soggetto all'imposta sostitutiva del 5%? e fino a quando mi è possibile restare in questa situazione( redditi con relative denuncie?)
    Se ciò non è possibile come dovrei comportarmi visto che dovrò emettere fatture di compensi 2011 per la riscossione?
    Potrei avere un Vs. parere in merito al mio problema? Grazie anticipatamente
  • Mario  - delucidazioni contribuenti minimi
    Pensionato dal 1999-Dal 2005 al 2009 sono componente di Collegi Sindacali in un gruppo di Società dove ho percepito compensi con regolari buste paghe assoggettate a Irpef e Inps (gestione separata) Dal 02.01.2010 ho aperto posizione per contribuenti minimi (quadro CM) emettendo ft.assoggettate alla ritenuta del 20% per il triennio 2010/2013.1)Dal 2012 rientro nei nuovi minimi? 2) sono soggetto all'imposta sostitutiva del 5%? e fino a quando mi è possibile restare in questa situazione( redditi con relative denuncie?)
    Se ciò non è possibile come dovrei comportarmi visto che dovrò emettere fatture di compensi 2011 per la riscossione?
    Potrei avere un Vs. parere in merito al mio problema? Grazie anticipatamente
  • filomena  - regime dei minimi
    Un Professionista (Avvocato) che ha optato solo per l'anno 2011 del regime dei minimi, ha emesso una fattura al Tribunale per gratuito patrocinio, hanno liquidato a giugno 2012, ma ha emessa la fattura senza IVA l'anno scorso, quest'anno è in regime semplificato è deve pagare l'IVA trimestrale. Come si deve comportare?
    Grazie
  • Consulente  - Emissione nota di credito e riemissione fattura
    Salve Filomena,
    la sua assistita dovrà emettere nota di credito a storno del vecchio importo e poi riemettere la fattura secondo le nuove regole.
    In realtà la nota di credito e la fattura le avrebbe dovute emettere all'inizio dell'anno o al momento della fuori-uscita del minimi.
  • mario  - delucidazoni contribuenti minimi
    Ho emesso un quesito sia a nome di Mario che di Stefano in data 31.07.2012. Avrei bisogno con urgenza di un parere di un Vs. esperto con urgenza. Se è possibile avere un a-mail per una risposta. Grazie
  • Consulente  - Per Mario
    Salve Mario,
    Se avesse letto l' home page avrebbe capito che lo studio è stato colpito da un lutto in quel giorno e non c'è stato modo di rispondere ai quesiti o comunque qualcuno è sfuggito.
    Inoltre non rispondiamo in base al nome, di conseguenza non era necessario postare il quesito più volte con nomi diversi.
    Poi mi risulta che Agosto sia un mese di ferie per tutti. Soprattutto per chi per 4 mesi ha dovuto concentrare gli sforzi su differenti fronti.
    Detto ciò se prima dell' apertura della partita iva non aveva mai svolto questo tipo di attività e continua a mantenere i requisiti del regime dei minimi, potrà rimanere nel nuovo regime per altri 2 anni. Nel 2012 le imposte si pagano però con imposta sostitutiva 20%.
  • Mario  - contribuente minimo
    Grazie per la risposta al mio quesito.Sono veramente dispiaciuto per la disgrazia verificatasi. Ora ho un solo dubbio:1) Prima dell'apertura della P.I. avvenuta il 02.01.2010 sono stato sempre componente di collegi sindacali con relative buste paga e con relativo assoggettamento di Irpef ed Inps (gestione separata).2) Continuo a mantere i requisiti. 3) Penso di restare nei minimi fino al 02.01.2015 e con imposta sostitutiva del 5% dall'Unico 2013 per i redditi 2012- Grazie e buon lavoro
  • Consulente  - Compenso per colleggio sindacale
    Salve Mario,
    se il contratto precedente in qualche modo, tramite comunicazione all'ufficio provinciale del lavoro, è riconducibile al codice attività della partita iva, in realtà a gennaio doveva uscire fuori dal regime dei minimi. Se invece le due attività non sono collegabili allora può restare nel regime dei minimi.
  • Stefano  - Deducibilità
    Salve sono ingegnere libero preofessionista contribuente minimo da pochi giorni. Avrei alcune domande da sottoporvi
    L'imposta sostitutiva viene calcolata RICAVI-COSTI(nei quali posso far rientrare i contributi soggettivi ed integrativi)...giusto??...
    Inoltre se emetto fattura all'interno della quale vengono compresi le spese vive sostenute ad esempio vitto e alloggio ecc queste possono essere dedotte per il calcolo imposta sostitutiva??? o mi saranno tassate?
    Grazie mille in anticipo
  • Consulente  - Informazioni sui ricavi
    Salve Stefano,
    l'imposta sostitutiva si applica sulla differenza tra ricavi e costi. Tutte le voci che costituiscono un'entrata, purchè non sia un rimborso di spese anticipate per conto del cliente, costituiscono ricavi e sono assoggettati a tassazione.
  • Mario  - informazioni su fatture
    Ho emesso fatture nel primo semestre 2012 per compensi sindacali 2011, delle quali alcune saranno riscosse entro il 2012 mentre le altre saranno incassate credo se tutto va bene per i primi mesi del 2013. Nel quadro CM dell'Unico 2013 cosa andrò a scrivere solo i compensi incassati nel 2012 mentre i rimanenti nell'anno successivo? Però mi resta un dubbio per l'anno seguente: la restante parte da incassare si andrà a sommare ai compensi incassati successivamente e ciò potrebbe comportarmi il superamento dei 30.000 euro, a questo punto come comportarmi?
    Saluti e grazie ancora
  • Consulente  - Compensi 2012 e compensi 2013
    Salve Mario
    sicuramente quest'anno dovrà consideraresolo quelli incassati nel 2012. Quelli che andrà ad incassare nel 2013 andranno invece considerati nel conteggio del limite dei ricavi 2013 che dovrà far in modo di non superare magari incassando le fatture nel 2014, oppure se il margine è eccessivo pensare di passare ad un altro regime.
  • stefano  - minimi-errore fattura
    buongiorno. inizio attività nel 2011 come regime minimi. nel 2012 transito nel nuovo regime. a maggio 2012 emetto (per errore)fattura con ritenuta d'acconto e il mio cliente mi paga la fattura e versa la ritenuta. come mi devo comportare? faccio nota accredito e nuova fattura con diciture/no ritenuta? nel caso come mi comporto con la ritenuta già versata? oppure lascio la fattura così come è stata fatta? grazie per le risposte
  • Mario  - ulteriori spiegazioni
    Ringrazio della tempestiva risposta al mio quesito. Vorrei sapere ancora una cosa:i compensi delle fatture emesse nel 2012 che spero di incassare nel 2013 verranno denunciati nel quadro CM nell'anno di effettivo incasso e di cosa dovrò premunirmi per un eventuale controllo da parte dell'Agenzia delle Entrate per dimostrare che le fatture sono state messe nell'anno di competenza ma incassate nell'anno seguente.
    Grazie e cordialità
  • Consulente  - Incasso fatture nel 2013
    Salve Mario,
    non so di che importo siano le fatture, ma per giustificare gli incassi sarà sufficente l'estratto conto bancario, la copia dell'assegno, oppure la copia del versamento bancario corrispondente alla fattura incassata.
  • roberta  - dubbio
    Salve a tutti, qualcuno può aiutarmi a risolvere un dubbio, nelle fatture emesse all'indirizzo devo inserire necessariamente quello di residenza o posso usare anche l indirizzo dove sono domiciliata nella cittàin cui lavoro?grazieee
  • Consulente  - Fatture con esposizione del domicilio fiscale
    Salve Roberta
    dovrebbe indicare nelle fatture il domicilio fiscale.
  • Giorgia  -  ritenuta d'acconto emessa per errore
    Buongiorno
    Rientro nel regime agevolato per i minimi con tassazione al 5% nel 2012, ma non essendone a conoscenza per tutto l'anno ho emesso ritenute d'acconto ....come faccio a recuperare i miei soldi sempre se sia possibile???
  • Consulente  - Bel problema
    Salve Giorgia
    ha un bel problema, non tanto per il recupero della ritenuta perchè basta richiedere la certificazione a cliente a cui ha emesso la fattura e che doveva versarla. Il problema lo ha con l'agenzia delle entrate che potrebbe non riconoscerle il nuovo regime.
    Come prima cosa chiederei le certificazioni ai suoi clienti.
    Poi mi recherei all'Agenzia delle entrate per risolvere il problema con loro e avere tutto nero su bianco.
    Si ricordi che i funzionari dell'Agenzia delle Entrate non mangiano :D
  • mario  - RITENUTA D'ACCONTO
    Nel compilare l'unico 2013 mi accorgo che hanno sostituito il quadro CM con quadro LM. Nel 2012 ho emesso delle ft. per compenso sindacale con ritenuta del 20%, per alcune sono riuscito ad emettere N.C. per storno, per altre no in quanto era stata già versata la relativa ritenuta.Chiedo:1)I compensi percepiti vanno tutti assoggettati al 5% e le ritenute già versate erroneamente su alcune ft. dove dovrò annotarle visto che sono delle imposte già pagate ? 2) Potrò usufruire del regime dei minimi fino ALLA SCADENZA DEI 5 ANNI(31.12.2014) anche se sono in pensione e percepisco compensi sindacali o è cambiato qualcosa come la modulistica da CM a LM. Grazie anticipatamente.
  • Marco  - delucidazioni
    Buongiorno,avrei bisogno di una delucidazione.Nell'unico 2012 riporto un credito Irpef e credito scaturito dal quadro CM che sono stati compensati con il saldo ed acconti contributi INPS. Nell'unico 2013 nel quadro RN vado ad annotare il credito Irpef compensato nei righi crediti denuncia precedente e compensazione, mentre per quanto riguarda il credito scaturito dal quadro CM e compensato con la differenza del contributi INPS dove viene annotato per dimostrare che ho compensato anche tale credito visto che nel nuovo quadro LM non riporta alcuna dicitura. Grazie
  • Consulente  - Non si capisce bene
    Se parla di mancata assenza dell'esposizione del tributo nel quadro LM della compensazione del credito INPS, probabilmente ci deve essere un errore nel programma.
  • Luca  - Fatture 2011 incassate 2012
    Salve,
    sono nel regime dei minimi (ora facilitato ecc ecc..).
    Nel 2011 ho emesso delle fatture che sono state pagate nei primi mesi del 2012 (prima dei chiarimenti dell'ade del 30/05).
    Al momento della compilazione della dichiarazione di quest'anno mi è stato detto che quella ritenuta d'acconto non conta.
    Cioè non posso considerarla come imposta versata ma devo richiederne il rimborso a parte e ripagare il 5% sull'imponibile delle fatture stesse.
    A parte che mi pare davvero scorretto e poco logico ma è davvero cosi?
    Che tipo di richiesta c'è da fare per ottenere il rimborso delle ritenute?
    Grazie
  • Consulente  - Emissione note di credito nel 2012
    Salve Luca,
    chi ti ha fatto la dichiarazione doveva dirti che avresti dovuto emettere nota di credito per tutte le fatture non incassate nel 2011.
    Ora bisogna vedere se nel 2012 la ritenuta ti è stata versata o meno. Se chi ha pagato ti ha pagato senza ritenuta e ti ha versato la ritenuta stessa devi stornare la fattura, riemetterla senza ritenuta e restituire la differenza.
    Se invece era al corrente delle regole e non ti ha versato la ritenuta devi correggere la fattura capendo quale importo ti ha versato.
  • luca
    Le ritenute sono state versate (ho le certificazioni).
    Sul fatto che mi avrebbero dovuto avvertire potrei essere d'accordo ma poichè la circolare esplicativa è di maggio 2013 ed i pagamenti delle fatture sono stati effettuati a febbraio non mi sento di buttare la croce addosso a nessuno...
    Ora la strada sembra quella di dover chiedere il rimborso di queste ritenute (mi è stato confermato oggi da ADE che sono anche loro in attesa di indicazioni).
    Tra l'altro credo siano nelle mie condizioni pure professionisti che hanno fatto fatture nel 2012(nei nuovi minimi) per risparmi energetico, dove mettere in dichiarazione il 4% che la banca si trattiene?????

  • luca  - correzione
    La circolare è ovviamnte di maggio 2012 e non 2013 come erroneamente scritto
    ciao
  • Marco  - spiegazioni relativo al quesito del 06.06.2013
    Salve,forse non mi sono spiegato bene. Il credito del quadro CM unico 2012 è stato usato come compensazione per pagamento dei contributi INPS (saldo 2012 ed acconti 2013). Ora nell'unico 2013 dove viene annotato quel credito del quadro CM usato come compensazione per i pagamenti INPS. Nel nuovo quadro LM non trovo righe che mi permettono dette annotazioni o meglio se potete dire dove annotare il credito compensato. Spero di essere stato chiaro. Grazie
  • Consulente  - Certificazioni 2013
    Salve Luca si è spiegato benissimo, ma il problema è che anche qui si lavora... ogni tanto :D
    L'unica strada da percorrere purtroppo è quella di richiedere il rimborso all'agenzia delle entrate. NOn c'è altra soluzione.
    In ogni caso già a gennaio 2012 si parlava di emettere note di credito per stornare le fatture effettuate con ritenute d'acconto 20%.
    Ma le assicuro che c'è chi fino a dicembre 2012 ha emesso fatture con ritenute!!!
  • Mario  - ritenute acconto
    Tempo fa il sole 24 ore riportava un annuncio che l'agenzia delle entrate doveva emettere un chiarimento per quanto riguarda le ritenute di acconto erroneamente versate su fatture dei contribuenti minimi e dove inserirle su unico 2013
    o se era obbligatoriamente chiedere il rimborso.A tutt'oggi tutto tace, come devo comportarmi,aspettare o proseguire per il rimborso? Attendo Vs. gentile parere,grazie
  • Consulente  - Rimborso delle ritenute
    Per ottenere il rimborso delle ritenute subite dal contribuente minimo si può richiedere il rimborso all'agenzia delle Entrate "a titolo di errore materiale" entro 48 mesi dal versamento ai sensi dell'articolo 37 del Dpr 602/1973.
  • Annamaria  - fuoriuscita
    Un medico fuoriesce dal regime di vantaggio perchè ha incassato compensi per oltre 45.000 euro passando così da subito nel regime semplificato. Ora il punto è questo, le fatture che emetterà riporterano anche l'indicazione della ritenuta d'acconto che subirà, ma quelle vecchie? Restano così come sono,cioè senza l'indicazione della ritenuta, non è vero? :roll:
    Attendo Vostra risposta e ringrazio
    Annamaria M.
  • Consulente  - Uscita dal regime
    Salve Annamaria
    uscendo fuori dal regime dei minimi o nuove iniziative.... dovrà iniziare a fatturare con iva 22% da oggi (1 ottobre 2013). Quelle già emesse non potrà correggerle.
  • cristina  - fatture
    salve, a fine dicembre dovrei emmettere l'ultima fattura per quest'anno. L'incasso avverrà sicuramente a gennaio. Secondo il regime dei minimi, la fattura in questione farà parte del 2013 o del 2014? grazie in anticipo
  • Consulente  - Regime dei minimi - incasso per cassa
    Salve Cristina se la fattura emessa nel 2013 viene incassata nel 2014 farà parte dei ricavi del 2014 o dell'anno in cui verrà incassata (anche 2015 - o successivi)
  • Consulente  - Detraibile stabilendo il luogo di lavoro
    Salve Cristina
    in realtà se sul contratto d'affitto viene indicato l'uso dell'abitazione ai fini lavorativi, lei potrà detrarre tale spesa come costo.
    Oppure potrà spostarci il domicilio fiscale.
  • Silvia  - fattura intracomunitaria nel nuovo regime dei mini
    Buongiorno
    ma se sono iscritta nel nuovo regime dei minimi o regime di vantaggio posso emettere fattura ad un operatore intracomunitario? precisamente ad una società in Germania?
    Se si considerando che devo avere 1300 € puliti per questa transaione come dovrò fatturare?
    Che diciture devo riportare in fattura?
    Dovrò fare la comunicazione intrastat?
  • davide  - cosa devo compilare
    Buongiorno,
    sono architetto, ho aperto la partita iva nel 2013 nel regime dei minimi, adesso mi accingo a preparare il modello unico e vorrei farlo da solo (facendolo poi eventualmente controllare all'agenzia delle entrate prima di consegnarlo).
    Non ho beni immobili nè nessun altro tipo di ingresso o attività...ho solo emesso 3 fatture l'anno scorso...pertanto a titolo semplificativo volevo sapere se devo riempire altre cose oltre il quadro LM del fascicolo 3, in particolare:

    - quadro RN del fascicolo 1?
    -quadro RR (sezione II)del fascicolo 1?
    - quadro RX del fascicolo 1?

    grazie mille.
    davide
  • Consulente  - Quadro LM e forse il quadro RR o RP
    Salve Davide
    deve riempire l quadro LM e poi il quadro RR (se versa i contributi INPS) o RP (se versa i contributi alla cassa degli architetti)
  • Stefano  - fatture o note
    Avrei bisogno di un aiuto. Pensionato INPS e Revisore contabile. Nominato componente per quattro collegi Sindacali. Dovrò emettere fatture per i compensi 2014 per un valore cad. di €. 2.000 (duemila), come dovrò fare le fatture o le note- sono soggetto a ritenute e in quale percentuale e ai contributi INPS per gestione separata- Potete darmi una mano come compilare fatture e quale quadro dovrò usare nell'unico 2015 per redditi 2014. Grazie di tutto e saluto
    Stefano
  • Consulente  - Fatture o parcelle o note assoggettate ad inps 4%
    Salve Stefano
    dovrà assoggettare l'imponibile al 4% INPS.
    Poi al momento della dichiarazione pagherà l'aliquota ridotta in qualità di pensionato.
  • Stefano  - ulteriori chiarimenti
    Grazie di tutto, ma vorrei qualche chiarimento in merito. Da quando ho capito dovrei assoggettare la fattura o nota al 4% INPS, poi in sede di dichiarazione cosa dovrò pagare e a che cosa si riferisce l'aliquota ridotta ? Dovrò versare i contributi INPS nella gestione separata? Quale quadro dovrò utilizzare per denunciare i redditi percepiti?(penso Redditi diversi-occasionali) e naturalmente unire i redditi di pensione con i redditi diversi per una tassazione unica. Grazie di tutto e chiedo tanto perché ogni consulente dice una sua e non mi fido più di tanto- Cordialità Stefano
  • Consulente  - Versamento Contributi INPS in fase di dichiarazion
    Salve Stefano,
    praticamente al momento della dichiarazione, sulla differenza tra ricavi e costi, dovrà calcolare i contributi INPS che verserà alla gestione separata, la percentuale dell'aliquota da applicare (prevista per il 2014 è del 20%)
  • marco  - informazione
    Buongiorno,e grazie anticipatamente.Pensionato-e partita IVA minimi per compensi. Al 31.12 c.a.chiuderò IVA per scadenza.Emesso ft.nel 2013 e 2014 ma da incassare non certamente entro l'anno per società in concordato preventivo. Al momento dell'incasso quale quadro dovrò usare nell'unico e con quale tassazione?Penso che sarò penalizzato in quanto non usufruirò dell'imposta sostitutiva del 5 % e perderei parte delle detrazioni più INPS da versare come gestione separata.Vi è qualche novità in merito per usufruire delle agevolazioni di tassazione essendo ricavi regressi e non incassati.Come dovrei comportarmi in merito? Grazie e auguro buon lavoro
  • Consulente  - Domanda interessante
    Salve Stefano,
    in realtà dovrebbe fare delle note di credito di quanto non incassato e riemettere le fatture con il regime ordinario che andrebbe ad assumere automaticamente a gennaio perché non potrebbe chiudere la partita iva.
  • stefano  - delucidazione da consulente 18.10.2014
    Il Commissario giudiziario mi ha detto di lasciare le fatture emesse ed inserite nel concordato, poi al momento dell'incasso mi sarà dato l'importo meno la ritenuta e che dovrò denunciare il netto come redditi diversi in quanto mi troverò con partita IVA chiusa per termine periodo di utilizzazione contribuenti minimi 31.12.2014. A questo punto cosa mi consigliate, ci sarà qualche novità per il 2015 con agevolazione di tassazione . Al momento degli incassi sarò soggetto pure al versamento INPS gestione separata per qualsiasi importo totale che verrà incassato o sarò fuori dall'INPS. Ringrazio anticipatamente
  • mara  - chiarimento inps e non solo
    Buongiorno, avrei bisogno di un chiarimento perchè vengo rimpallata tra consulente fiscale e consulente del lavoro:
    mio figlio ha aperto una p.iva con il regime dei minimi (imprenditoria giovanile etc...) acquisterà abbigliamento e articoli sportivi da golf per rivenderlo all'interno del proshop di un circolo del golf. Alla camera di commercio risulta intestatario il circolo che gli mette a disposizione a titolo gratuito il luogo, gli arredi e l'autorizzazione alla vendita.
    Le domande: deve versare contributi INPS?
    Alla Cassa Artigiani e Commercianti? (ma lui non risulta alla Camera di Commercio)
    Quando venderà una maglietta dovrà emettere scontrino fiscale che faccia riferimento alla sua ditta individuale? Ne ha titolo?
    Grazie!
  • Consulente  - Apertura partita iva
    Salve Mara,
    tutto dipende da come ha aperto la partita iva suo figlio.
    Sicuramente l'avrà aperta come commerciante e di conseguenza dovrà pagare i contributi alla ccia
  • Consulente  - Nessuna agevolazione per il momento
    Salve Stefano,
    per il momento nessuna agevolazione. Consideri che comunque il concordato ha tempi piuttosto lunghi.
  • stefano  - chiarimento a quesito del 20.11.2014
    So che di solito i tempi sono lunghi, però il Commissario giudiziario mi ha riferito che entro il primo trimestre del 2015 si incominceranno ad incassare i compensi sindacali previsti nel piano e relativi agli anni post concordato (2013 e 2014). In tal caso chiedo ciò che ho scritto nella mia del 20.11.2014 per quanto riguarda il quadro da usare in dichiarazione e se sono soggetto ancora all'INPS per qualsiasi importo da incassare.Per un'eventuale agevolazione ben venga al momento. Grazie della disponibilità e buon lavoro
  • Stefano  - registrazioni contabili
    In una causa di lavoro,il giudice ha emesso un dispositivo dove la società deve dare ad un ex dipendente un importo a chiusura della lite intercorsa: €. 40.000 al netto di oneri e varie, da pagare €.6.000 subito e 17 rate mensili da €.2.000=
    Chiedo come dovrò fare le relative registrazioni contabili mensili.Ho pensato di addebitare al conto " "Altri oneri del personale a conto" Banche" saldo della rata pagata oppure imputare subito tutto l'importo transato al conto Altri oneri del personale e come contropartita a credito " Tale " e man mano che vengono pagate le rate diminuisce il credito "Tale " con uscita di ass/bonifico,però cosi facendo tutto il costo andrebbe in un solo anno e non so se è giusto.Bisogna emettere busta paga o sbaglio e come. Grazie del consiglio e aiuto
  • Consulente  - Incassi 2015 da dichiarare nel 2016
    Salve Stefano, se incassa nel 2015, tali redditi andranno dichiarati il prossimo anno. Quindi dovrà aspettare il prossimo anno per eventuali agevolazioni
  • Massimo  - Quesito
    Buongiorno, io ho aderito al regime dei minimi e dal 2013 emetto Parcelle con numerazione progressiva.
    Posso passare alla dicitura FATTURA mantenendo il numero progressivo dell'ultima parcella
  • Consulente  - parcella o fattura? Dipende da cosa offri
    Salve Davide l'uso della "parola" Fattura o Parcella dipende dal fatto se vendi merci o fai prestazione di servizi.
    Questo lo sai solo tu
  • Davide
    Salve ho un quesito.
    Devo emettere fattura in data gennaio 2015 la quale fa riferimento a dei lavori eseguiti a dicembre 2014, quale percentuale di contributo integrativo devo mettere? 4 o 5%???
    Sono possessore di P.I. con regime dei minimi dal 2011

    Grazie
  • Consulente  - Contributo al 4%
    Salve Davide,
    da quanto ne sappia, l'aliquota è rimasta al 4%
  • sara  - unico cosa compilare per saldo
    Buongiorno,
    ho la partita iva dal 2013 nel regime dei minimi, sto cercando di compilare l'unico, gli F24 li ho appena pagati con saldo 2014 (cod. tributo 1795) e acconto 2015 (cod tributo 1793).
    Non mi è chiaro se nel quadro RX devo inserire l'acconto 2014 versato lo scorso anno, in modo da detrarlo dal saldo 2014. Per l'F24 la differenza l'ho calcolata a mano.

    grazie mille.
    sara
  • Consulente  - Unico 2015
    Salve Sara non so se avrà risolto il probrema.
    Lei avrà compilato il quadro LM giusto?
    Quando va nel quadro RX c'è lo spazio per gli accontio versati nel 2014. Li deve inserire lì dentro, perchè andranno a ridurre le tasse che doveva pagare per quell'anno. Se andrà a credito, questo credito ridurrà il debito del 2015.
  • Greta  - Info progetto di notula
    Buongiorno,
    questo anno ho emesso fatture con IVA avendo l'anno scorso sforato i 30.000,00 euro del regime dei minini.

    Questi ultimi mesi dell'anno emetterò progetti di notula, che andrò ad incassare nell'anno 2016.
    Il prossimo anno però lavorerò nel regime forfettario. Se emetto progetto di notula con IVA e ritenuta d'acconto adesso nel 2015, come dovrò emettere fattura nel 2016? Perchè il regime forfattario non prevede IVA.

    Grazie resto in attesa di un Vostra risposta.
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.