top
logo

Accesso utenti



Articoli correlati


Home Area Fiscale e Amministrativa Gestione dell'impianto contabile aziendale IN ARRIVO ELIMINAZIONE DEL DIVIETO DI CIRCOLAZIONE DEL CONTANTE PER IL TURISTA STRANIERO
IN ARRIVO ELIMINAZIONE DEL DIVIETO DI CIRCOLAZIONE DEL CONTANTE PER IL TURISTA STRANIERO PDF Stampa E-mail
Area Fiscale e Amministrativa - Gestione dell'impianto contabile aziendale
Martedì 21 Febbraio 2012 21:25

Al fine di rendere più semplice la vita dei commercianti e dei turisti stranieri in Italia sembra che sarà variatà o comunque resa più blanda la tracciabilità degli acquisti dei turisti esteri  in Italia.
Per evitare un calo degli acquisti del "made in Italy" dovuto alla limitazione della spesa in contanti di € 1.000,00  nel decreto semplificazione in fase di approvazione, si prevede la possibilità di aumentare o addirittura di eliminare tale limite per i turisti ponendo naturalmente per i commercianti degli obblighi da rispettare in modo piuttosto rigido.
Secondo le voci in circolazioni il commerciante dovrebbe richiedere al turista disposto a spendere più di € 1.000,00 in contanti copia del passaporto che dovrà consegnare entro due giorni dall'avvenuto acquisto allo sportello bancario unitamente al versamento sul c/c intestato alla ditta o alla società  venditrice.
Secondo tale condizione si dovrebbe evitare il cosidetto fenomeno di antiriciclaggio  che da anni o, forse da sempre affligge e continua ad affliggere il nostro amato paese. In questo caso il fenomeno dovrebbe avvenire con l'aiuto di turisti compiacenti.
Inoltre la semplificazione prevede che per evitare l'intasamento delle comunicazioni telematiche all'Agenzia delle Entrate, le  segnalazioni relative al mancato rispetto della tracciabilità del contante non vada più segnalata direttamente all'Agenzia delle Entrate, ma alla Guardia di Finanza che solo dopo aver verificato la sussistenza di veri e propri elementi fraudolenti passerà la segnalazione all'Agenzia stessa.

Commenti (2)
  • franco  - tursiti esteri con ditte
    perchè il cliente estero con ditta non può allora pagare in contanti e chiedere di intestare la fattura alla propria ditta estera ai sensi dell' art 8 con bolla doganale e relativa esportazione con mrn ? saluti
  • Consulente  - Cliente estero non turista
    SAlve Franco,
    in questo caso il soggetto individuato non è un turista o soggetto privato.
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.