top
logo

Accesso utenti




IL REDDITEST PDF Stampa E-mail
Area Contenzioso-Tributario - Problematiche specifiche del contendere
Lunedì 10 Dicembre 2012 07:57

Circa due mesi fa c'è stato un gran vociferare sul REDDITEST ovvero il software messo a disposizione dal'Amministrazione Finanziaria sul sito dell'Agenzia delle Entrate per verificare se il reddito dichiarato dai componenti del nucleo familiare risulti essere congruo con le spese sostenute per e dal proprio nucleo familiare.
Il Redditest in pratica dovrebbe indicativamente permettere di verificare se lo stile di vita sostenuto dal contribuente sia congruo con il reddito dichiarato in fase di elaborazione del modello Unico. In pratica questo strumento dovrebbe permettere di verificare se il reddito dichiarato dal contribuente sia sufficente a coprire le spese sostenute dal nucleo familiare del contribuente stesso nel medesimo periodo fiscale.
Non vi è obbligo di utilizzo di tale software, che può essere compilato anche in forma anonima, e che soprattutto non deve essere inviato all'agenzia delle entrate ma il suo impiego viene fortemente consigliato  dal Direttore Attilio Befera, soprattutto per  quei contribuenti che in genere tendono ad evadere il fisco.
La compilazione del modulo tramite il software non è complicata anche se richiede la disponibilità di diversi dati che si consiglia di avere a disposizione prima di iniziare, per evitare di non completare il test. Tra i dati riguardanti le spese infatti viene chiesto ad esempio il consumo annuo di energia elettrica, le spese telefoniche, le spese per l'istruzione, quelle per  il tempo libero ed il benessere, i cavalli fiscali della propria autovettura e dati simili.
La compilazione del test si divide in due parti.
Una generica nella quale vanno ad affluire tutti i dati identificati il nucleo familiare. Componenti nucleo familiare, luogo di residenza, ecc. ecc.
La seconda parte invece è costituita da 7 sezioni per ogni singolo componente del nucleo familiare. Le prime 6 sezioni da compilare riguarda spese relative a:
- abitazioni;
- mezzi di trasporto;
- assicurazioni e contributi;
- istruzione;
- tempo libero e cura della persona;
- spese varie.
La VII° sezione riguarda invece gli investimenti e disinvestimenti effettuati nello stesso periodo fiscale dal medesimo contribuente.
Una volta compilate tutte le sezioni per ogni contribuente facente parte del nucleo familiare bisognerà cliccare sul  pulsantino "STIMA DI COERENZA" ed il gioco è fatto. Se si avrà semaforo verde allora il reddito sarà congruo rispetto alle spese sostenute, viceversa in caso di semaforo rosso.
E' necessario sottolineare in ogni caso che il Redditest in realtà non ha alcuna valenza giuridica (almeno per ora). A differenza del redditometro, definito come strumento di accertamento dall'art. 38, comma 5 del D.P.R.  600/1973 il redditest, in caso di congruità non esclude l'accertamento. Dovrebbe fornire all'agenzia delle entrate maggiori informazioni sull'incidenza delle spese in base alle zone geografiche di residenza in base a decreti ministeriali (ancora non pubblicati).
Per il momento quindi il REDDITEST più che uno strumento di compliance (come definito dall'Amministrazione Finanziaria) sembra essere uno strumento ancora da raffinare con effetti più pubblicitari e ad alta valenza mediatica. In pratica il Redditest sembra essere uno strumento che dovrebbe spingere i contribuenti ad essere più precisi nell'indicare il reddito guadagnato nel corso dell'anno e soprattutto a conservare tutta la documentazione relativa alle spese  sostenute in modo tale da poter essere pronti in caso di accertamento da parte dell'amministrazione finanziaria.

Commenti (2)
  • Alessandra Bonzi  - Non notificare
    Con richiesta di sospendere l'invio delle comunicazioni via mail.
    Grazie,

    Alessandra Bonzi
  • Consulente  - Per la sospensione si prega di leggere la mail di
    Legga la mail che le arriva per richiedere di non ricevere le notifiche
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.