top
logo

Accesso utenti




Home Area Lavoro Conulenze diritto del lavoro TRASFORMAZIONE DI CONTRATTI A PROGETTO O PARTITA IVA IN LAVORO SUBORDINATO A PARTIRE DAL 1° GENNAIO 2016
TRASFORMAZIONE DI CONTRATTI A PROGETTO O PARTITA IVA IN LAVORO SUBORDINATO A PARTIRE DAL 1° GENNAIO 2016 PDF Stampa E-mail
Area Lavoro - Conulenze diritto del lavoro
Lunedì 30 Novembre 2015 11:55

A partire dal 1° gennaio 2016 non potranno più essere stipulati i contratti di collaborazione a progetto, per effetto dell'entrata in vigore del Dlgs 81/2015, ovvero per entrata in vigore del cosiddeto Job Acts. Potranno restare in vigore fino alla scadenza soltanto i contratti stipulati prima del 31 dicembre 2015.
Con l'articolo 2 c. 1 del decreto in esame è stato infatti specificato che i contratti a progetto, a partire dal 1° gennaio 2016 non potranno essere più stipulati e che ogni tipo di rapporto di collaborazione , ad eccezione di alcune situazioni debitamente specificate in tale articolo, dovrà essere ricondotto all'interno del lavoro subordinato. Ciò non toglie che sarà possibile stipulare ancora contratti di collaborazione cordinate e continuative, ma questi non dovranno essere ricondotti ad un progetto, e soprattutto non dovranno nulla a che vedere con la consueta organizzazione aziendale. Ovvero in questo nuovo tipo di collaborazione sarà il collaboiratore che deciderà come dove e quando lavorare. Da tale situazione vengono fatte salve alcune situazioni: sarà possibile usufruire del contratto di collaborazione nei seguenti casi:
- collaborazioni previste  dagli accordi collettivi nazionali;
- collaborazioni prestate da professionisti iscritti agli albi;
- collaborazioni prestate ad associazioni ed enti sportivi e  alle pubbliche amministrazioni (fino al 1° gennaio 2017);
- colaborazioni prestate da amministratori di società e sindaci. Con riguardo a quest’ultima ipotesi, occorre precisare che il decreto la considera un’eccezione solo per le collaborazioni volte a regolare l’esercizio delle corrispondenti funzioni.
Anche per i detentori di partita iva è stato posto un limite. A partire dal 1 gennaio 2016 ogni contratto a partita iva riconducibile nella sfera del lavoro subordinato non dovrà più esistere. In modo particolare, sempre il Dlgs 81/2015 ha previsto la cancellazione degli illeciti penali, amministrativi e previdenziali in tutte quelle situazioni in cui avverrà la trasformazione di contratti a partita iva in contratti di lavoro subordinato purchè gli illeciti non siano stati contestati prima dell'entrata in vigore della nuova normativa.

Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
:D:):(:0:shock::confused:8):lol::x:P:oops::cry:
:evil::twisted::roll::wink::!::?::idea::arrow:
Security
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.
Lascia un commento o fai una domanda.
 

In Evidenza

Tributario: risposte a quesiti, ricerche e pareristica, contenzioso.

 
Tributi locali: pratiche, calcoli e consulenza in materia di Ici, ed altre imposte locali.

 
Societario: costituzione di società (anche tramite un proprio notaio), consulenza legale (tramite proprio Avvocato) e fiscale.

 
Amministrativo: disbrigo di pratiche amministrative presso Ufficio delle Entrate, Camera di Commercio, Uffici Comunali, uffici vari.

 
Tutela dei marchi: Registrazione di marchi, consulenza legale (tramite proprio Avvocato) sulla protezione della proprietà intellettuale).

 
Consulenza del lavoro: Elaborazione buste paga, consulenza specifica su questioni del diritto del lavoro.

Contattaci


bottom
top

News

I più visti


bottom

Copyright 2013© Simona Antonacci.
Via della Vignaccia, 27 – 00163 Roma, Partita IVA 09406571001
Vaild XHTML and CSS.